Autore Topic: [MotW] Old Town, Maine  (Letto 7330 volte)

[MotW] Old Town, Maine
« il: 2012-11-28 03:20:04 »
Ebbene sì, tra i mille impicci e i vari hangout, abbiamo iniziato una campagna di MOWT da "divano".
(che si sta più comodi che seduti attorno ad un tavolo, insomma.)


Il gruppo di cacciatori di mostri ha base e opera nei confini di Old Town, Maine.
Una cittadina di circa 8000 anime, con solo tre edifici storici, di cui due sono chiese e l'ultimo è la casa di entomologa.
meh.

Ma c'è tutto, eh. non si fan mancare nulla.
Parco naturale/riserva indiana/fiumi che circondano la città.. una pacchia, insomma.
Con una densità di popolazione pari a 100/kmq.. o giù di là.

Ma veniamo a noi.

La Keeper è Michela, alla sua prima avventura alla gestione del gioco.
Fatele tutti un grosso applauso!

I cacciatrudi sono, in rigoroso ordine alfabetico:

Blake, il chosen (Pg di Francesca). Vicesceriffo della città, conosce Rebecca da sempre, che frequentava la scuola con suo fratello, e l'ha salvata dall'attacco di un mostro (di cui lei nemmeno si è resa conto!), ha attualmente un flirt con Helena ed è l'allievo di Karim.

Helena, la Spooky (Pg di Gunny). dopo un incidente praticamente mortale, si risveglia con strani poteri. ha un flirt con Blake, spera che karim possa aiutarla a capire come si usano le nuove doti ed è amica di vecchia data con quella svanita di Rebecca.

Karim, l'Initiate (Pg di Elisa). Appartenente ad una setta segreta, che ha una delle sue sedi locate proprio in città, è arrivato da poco più di un anno, ha preso sotto la sua ala Blake e combatte con i mostri con Helena. è amico di Rebecca, ma non le ha detto la sua vera identità.

Rebecca, la Mundane (Pg mio - qualcuno aveva paura del mio Mundane, ma giuro, che è una personcina a modo. y.y). Figlia più piccola di una delle famiglie più in vista della città, rientrata per un anno sabbatico dall'università, ha riallacciato i rapporti con Helena, l'amica d'infanzia; si è presa una sbandata per Blake, il vicesceriffo belloccio; ed ha fatto nuove amicizie sfruttando il suo ruolo di cameriera/tuttofare nell'unico locale del paese degno di nota, avvicinandosi a Karim.

Sì, praticamente siam tutte donnine, attorno al tavolo. e l'unico ragazzo interpreta un pg femmina. v.v/

La prima sessione, che è stata un pò una novità per tutti - visto che alle spalle sono tre di noi hanno fatto una demo e gli altri due non conoscevano nemmeno il gioco se non per sentito dire, si è allungata per la serata del sabato - creazione dei pg compresa e per tutto il pomeriggio della domenica. in un totale di 6/7 ore totali, tra una cosa e l'altra.

E' stato risolto il primo mistero, che ha permesso alla Keeper di prendere confidenza con il suo ruolo e il modo di gestire png e avversità varie, e noi giocatori di prendere le misure sia coi pg che con il regolamento stesso.
E quel dannato wendigo puzzava di opossum. schif.

Siam già tutti d'accordo di continuare a risolvere misteri con una certa regolarità (far coincidere gli impegni di tutti è sempre un pò traumatico, quando ci sono anche oltre 100 KM di distanza tra giocatori), ma senza metterci troppa fretta tra di noi per fare tutto in una sessione.
Siamo un gruppo a cui piace esplorare anche l'emotività dei personaggi, piuttosto che andare dritti al punto senza guardarci attorno. quindi andremo con calma. se poi vediamo che langue, siam sempre in tempo ad accelerare le cose.


Ammetto che scegliere il libretto non è stato semplicissimo.
Ero indecisa tra vari tipi di personaggio.
E quando alla fine ho dovuto scegliere tra wronged o mundane.. ho avuto il flash della novellina che ne sa poco e niente e che deve combattere contro la paura di quello che fino ad un attimo prima le era e le creature che vivono sotto il velo.
Per un pò ho temuto di fare un personaggio troppo "emotivo". Il primo punto della hunter agenda è "Act like you're the hero in this story (because you are)" e nel leggerlo avevo davanti l'immagine dell'eroe indomito, senza paura, con forti principi.
E ovviamente Becky non è così.. quello, forse, potrebbe essere un Chosen, mentre lei si trova ad incespicare sulle zeppe dei sandali quando deve darsela a gambe levate e a cercare di non farsela addosso per stare al passo con Helena e non venir lasciata indietro, per attirare l'attenzione di Blake dando il meglio di sè. Per quello vede in Karim, il "nuovo" in città, qualcuno con cui sentirsi alla pari. Lui è nuovo nella sua "società", lei è nuova nel suo "mondo".


Poi mi sono ricordata che un eroe non è solo quello che si butta a capofitto nei problemi, è quello che li affronta, conscio dei suoi limiti, e che cerca di superarli mettendoci tutto sè stesso per fare il bene di tutti.
E' così che vorrei fosse Rebecca. se poi scoppia in lacrime per la tensione, poco male.  devo solo vedere cosa ne sarà di lei nelle prossime sessioni.

that's all.
per il momento. v.v/

mi auguro che i miei compagni di sventure lascino un commento qui sotto.
specialmente Michela!
« Ultima modifica: 2012-11-28 03:22:50 da Sonia Grossi »
dicono che sono un'adorabile stronzetta. adorabile non so, stronzetta di certo. ma è colpa dello schizzo di DNA felino, non mia!    dicono anche che sono "hipster".. solo che non so nemmeno cosa voglia dire.

Re:[MotW] Old Town, Maine
« Risposta #1 il: 2012-11-28 10:50:26 »

L'ambientazione è Old Town, Maine, a poca distanza da tipo tutto. Ha un'enorme foresta poco a nord e un enorme lago a ovest, e già questo mi dà un mucchio di idee.

Concept per il primo mistero


Nel vicino parco nazionale, nota meta turistica, alcuni ragazzi usciti in tenda  vengono attaccati e completamente divorati da un Windigo, che si muove comodamente lungo dei condotti sotterranei di un'ex miniera per arrivare in diversi punti della montagna velocemente.




Hook
Oltre alle sparizioni dei turisti, agli Hunter viene segnalata la morte di una guardia forestale, attaccata e trascinata in un buco nel terreno. Di lui viene recuperato solo metà corpo.

Si pensa subito a un grosso animale e,tempo un paio di giorni, la zona comincia a riempirsi di cacciatori bontemponi.


Threats


Monster Windigo
è uno spirito maligno che si annida nel cuore degli uomini troppo invidiosi e li spinge a possedere e consumare divorando.
Il suo obiettivo è quello di entrare in un'altra persona, visto che il suo "ospite" ormai è malmesso.


Distruttore (consuma gente)
Potere: è estremamente forte
Harm: zampata 3 (artigli) close
         morso 3 (intimate)
Armatura 1 (pellaccia dura)
Per ucciderlo 12 harm.
(no, non è stata troppo dura)
Weakness: per sconfiggerlo definitivamente bisogna bruciargli il cuore.


(Ero indecisa riguardo la quantità di danno inflitto dal mostro, ma vedendo la qualità del gruppo ho deciso di provare. La mia decisione è anche stata facilitata dal fatto che già conoscevo i giocatori ed avevo idea di come si sarebbero mossi. Forse avrei tenuto un harm più basso con sconosciuti).




Niente Minions, per la prima sessione ho deciso di tenere tutto molto semplice.


Locations:
il locale di zona, Bar, Bed and Breakfast, Info Point, il Crossroads Cafè (Crossroads),
La foresta (Wilds),
La tana del Mostro (Wilds).


Bystanders:
Sophie Delgado,30 anni, assistente dell'antropologo "infestato" dal windigo (Helper),
Sal Theroux, guardia forestale, novellino, ha visto morire il suo collega (Witness),
Ash Theroux, sceriffo, 40 anni, sicuro e razionale, fratello di Sal (Detective),
Laurie, proprietaria del Crossroads, ragazza sgangherata, madre di un bambino di 9 anni. (Gossip)
Richard Wang, collega di Karim l'Initiate, avrebbe dovuto essere il mentore del Chosen, ma è stato battuto da Karim. E non è contento.


(ho deciso di mettere bystanders che abbiano un senso anche nei misteri seguenti, vediamo come va, sono stanca di Png usa e getta. ^^)


I Cacciatori sono molto carini e Molto interessanti, 3 su 4 si conoscono da sempre, essendo nati e cresciuti a Old Town (tutti, in diversi anni, hanno cercato di strappare il parrucchino al rivenditore di auto, ma nessuno di loro ce l'ha fatta).


Le Relazioni tra loro si sono create in modo naturale e sono state utilissime per partire già affiatati (è una delle cose più interressanti di MotW, a mio parere).
La sessione mi ha lasciata molto carica e piena di idee, che comincerò a mettere in pratica questo week end. ;)
« Ultima modifica: 2012-11-30 11:11:50 da MichelaDaSacco »

Re:[MotW] Old Town, Maine
« Risposta #2 il: 2012-11-28 10:53:46 »
Bravissima Sonia!

Ecco la nuova "bocca dell'inferno": http://www.old-town.org/
Abbiamo deciso che c'è pure un albergo in cui (SI DICE) Stephen King sia stato ospite mentre scriveva Room 1408. E vabbeh, fa color!

Era da un po' che volevo giocare a MofW e il fatto di non essere mai riuscita a fare un Chosen su Cuori di Mostro, mi ha portata a scegliere questo libretto senza considerarne nessun altro.
Ah la fissazione!

Blake è un Chosen trentenne, mica un ragazzino, ha avuto una vita incasinata (dai mostri), ha avuto un vecchio mentore che lo ha addestrato fin da piccino e che ora è morto, e un nuovo mentore, Karim, un giovane Iniziato, che sta cercando di addestrare il suo lato mistico e interiore, insegnandogli ad usare il suo (basso) potenziale magico.

In questo primo mistero ho avuto modo di capire un po' come si muove Blake e a cosa tiene. Il fatto che sia uno che incassa danni a più non posso mi piace tantissimo e mi piace che possa proteggere compagni e png. Ma il bello è stato che, nonostante Blake sia il più forte, fisicamente parlando, tutti i suoi compagni nel corso dello scontro principale, lo hanno aiutato (eccome!), come se si sentissero in dovere di proteggere (loro) questo Chosen che si butta troppo a capofitto sui mostri. Che carini!!

Quello che dice Sonia, sul fatto che ci piace esplorare le emozioni dei nostri PG, è vero, infatti credo che tutti e 4 i PG stiano venendo fuori bene, tridimensionali, veri, non seriosi, nonostante siano prescelti, iniziati e quant'altro, perché ci mettiamo troppo fan service per rischiare di prenderci troppo sul serio. PG e png che entrano in scena al rallenty sono nella norma.

Michela è riuscita a fare un ottimo lavoro, un mistero semplice con molteplici strade per risolverlo, che ci ha dato tempo e opportunità per approfondire i nostri PG.
Belli e interessanti anche i png principali (non conto la manciata di "passanti"):
Uno sceriffo (il capo di Blake), suo fratello guardia forestale, nonché novellino pronto a mettersi davanti ad un Windigo per sparargli... , la proprietaria del bar/pro loco, nonché boss di Rebecca, hunter col lavoro più ingrato di tutti, un po' cameriera, un po' centro informazioni per turisti di passaggio, un po' caccia mostri, poi c'è l'aiutante dello scienziato antropologo (rivelatosi, il prof, all'origine del primo mistero), e Richard, un iniziato anziano che pensava di arrivare a Old Town per diventare il mentore del Chosen, ma a cui Karim ha "fregato" il posto.
Farsi guidare da visioni e profezie ti obbliga a lasciar perdere la logica e a volte ti lascia amaro in bocca ;)

Sono curiosa e ansiosa di iniziare il nuovo mistero, sperando che i dadi assistano Blake un po' meglio ^^'

Re:[MotW] Old Town, Maine
« Risposta #3 il: 2012-11-28 17:03:32 »
Visto che gli AP "tecnici" sono già stati affrontati con estrema precisione e bravura dalle pulzelle qui sopra, io mi dedicherò ad un AP  un po' più... un po' meno... insomma un AP diverso ^^

Il mio personaggio è Nabil Karim Ross (http://assets.poponthepop.com/photos/full/sebastian-stan-picture.jpg) arabo di nascita, ma con origini scozzesi, ha 25 anni e si è laureato nella sua terra natia. Da poco più di un anno, vive a Old Town insieme a suo "fratello" Richard Wang (http://www.dacascosfan.com/mdpic/ad02.jpg) e gestiscono insieme l'agenzia immobiliare che copre la sede della Setta che si occupa di quella zona. Nonostante sia in città da poco, ha già conosciuto
Helena che l'ha aiutato nel suo primo caso in cui si è trovato ad affrontare uno sciame di cervi volanti indemoniati, che si mangiavano le persone dall'interno (grazie Michela per quest'immagine) e per cui non era pronto.
Blake di cui aveva già letto nelle profezie e che era stato affidato a Richard, ma a quanto per il destino gli ha riservato una piccola sorpresa. I sogni di Blake erano chiari, Karim è destinato ad essere il suo mentore.
Becca (non me ne voglia, ma Karim... ha ancora qualche difficoltà con la lingua, nonostante la padroneggi abbastanza bene!) è la sua barista di fiducia, quella che sa già che cosa dare o non dare al nostro Arabo, che segue con accuratezza alcuni dettami della propria religione.

Karim è uno che sa quello che fa. Conosce i propri limiti. E’ stato allevato fin in tenera età a sfruttare le proprie capacità. Destinato fin da piccolo ad entrare nella setta.
Da quando è stato trasferito ad Old Town, ha affrontato i mostri che la invadono senza battere ciglio. Ha avuto il giusto aiuto dalla setta, attraverso Richard, sebbene fra di loro non scorra buon sangue, ma si sopportano a vicenda.

Il Windigo però… gli ha decisamente dato filo da torcere! Ha fatto di tutto per mettere a frutto le sue conoscenze, ma sarà l’umidità, il clima a cui non è ancora abituato… o chissà che cosa (dadi *coff coff*), i suoi poteri lo hanno un po’ frenato. Mentre veniva indirizzato verso la setta, da subito è stato chiaro che si trattasse che la sua vocazione è la magia, per questo si è applicato molto e per questo il destino l’ha designato come mentore di Blake. Ha l’innato dono, poi, di mettere sempre gli innocenti al primo posto.

Contro il Windigo, il suo unico pensiero era quello di ucciderlo, con ogni mezzo possibile e salvare gli innocenti che erano in pericolo. Per questo, ha usato il suo potere per creare una gabbia per proteggere Sophie quando il professore/windigo avrebbe potuto ucciderla. Per questo ha preferito attirare l’attenzione del mostro quando è arrivato Sal, piuttosto di rischiare un attacco e ferire anche il povero Sal che aveva già i suoi shock.

Nonostante tutto, ha usato ogni mezzo: la magia e anche le armi convenzionali, che ha scoperto cozzare terribilmente con il proprio io magico. Gran parte della sua magia viene sprigionata da un tatuaggio che ha sulla schiena e che corre lungo la spalla destra per terminare davanti al collo. Si tratta di un Leopardo stilizzato e disegnato usando le parole della XXII sura del Corano, che a quanto pare non ama particolarmente che io usi la mia 9 mm creando una sorta di reazione allergica, che l’ultima volta me lo ha quasi dissanguato!

At the end of the day… però, nonostante abbia avuto un po’ di problemi a gestire la magia, ho avuto il mio ruolo da eroe e mi è piaciuto un sacco! Mi è piaciuto parecchio anche come Michela sia riuscita a trovare una risposta sempre perfettamente adeguata ai miei fallimenti, rendendoli alla fine dei fallimenti veramente scenici!
Mi piace perché siamo un gruppo di players/cacciatori pieni di fantastiche idee e di fantasia, siamo tutti sullo stesso piano. Tutti vogliamo e cerchiamo le stesse cose, approfondire il personaggio e non solo la storia e siamo supportati da un keeper che ci segue e approfondisce con noi!

Non vedo l’ora che arrivi la prossima sessione, per affrontare di nuovo gli altri pg, scoprire con i miei compagni d’avventura i loro segreti e salvare di nuovo questo buco di paese in cui abbiamo fatto finire i nostri poveri pg!

*entusiasmo a mille*

Daniele Di Rubbo

  • Membro
  • Daniele Di Rubbo
    • Mostra profilo
    • Geecko on the Wall
Re:[MotW] Old Town, Maine
« Risposta #4 il: 2012-11-30 10:23:02 »
Che vi posso dire? Molto bene! Ho apprezzato anche il “lato tecnico” della preparazione di Michela, che mostra perfettamente come deve essere fatto un mistero da prima sessione (un solo mostro, una caccia semplice, che dia ai personaggi dei giocatori l’occasione per conoscersi e, ai giocatori e al Keeper, l’occasione di prendere familiarità col gioco).

Re:[MotW] Old Town, Maine
« Risposta #5 il: 2012-12-02 22:04:55 »
Dal diario di Karim, scritto in Arabo.


Oggi è stata una delle giornate più difficili che io abbia mai dovuto affrontare. Non ero pronto a tutto ciò. Nonostante io sia stato allevato per affrontare questo mondo… non ero pronto affatto a quello che è successo oggi.
Quella donna... in fondo al lago… quella donna che soffriva per ciò che non ha mai potuto avere: un figlio… quella donna che rapiva ed uccideva i bambini, per colmare un vuoto secolare. Il bisogno di avere un figlio, qualcuno che ti ami incondizionatamente… eppure. Eppure era un mostro come tutti gli altri, un mostro che avrei dovuto sconfiggere. Avevo gli strumenti adatti, ho avuto l’opportunità… ma mi sono bloccato. Ho lasciato che lei mi afferrasse, ho lasciato che mi trascinasse in quel posto oscuro e ho lasciato che lei… *la scrittura non è più elegante e precisa, è tremula e sembra che la stilografica sia andata più a fondo* e ora… lei aspetta un figlio da me.
Non posso dirlo a nessuno, non posso dirlo a Blake, tanto meno a Richard. Non credevo che una cosa del genere fosse possibile… io, non credevo nemmeno che…eppure in quel momento lei sembrava così vera, il suo tocco era gentile e caldo quasi. Sapevo che era un fantasma, ma… era come se in un certo senso mi sentissi come lei… o forse mi stava solo piacendo?
Eppure non ho mai desiderato una donna prima d’ora, non ero mai stato sfiorato da una di loro…se è per questo nemmeno da un uomo,  a Dubai, non era permesso. La mia religione, non lo permette, è un peccato, se solo… finirei a bruciare fra le fiamme dell’inferno, ma ora… che una donna, un mostro, mi ha sottomesso? Finirò lo stesso fra le fiamme dell’inferno?




Nella giocata di oggi, Karim ha di sicuro avuto una delle giornate più terribili che potesse anche solo immaginare. Era tutto cominciato male, con un litigio con il suo fratello, Richard, a causa della caccia del Windigo. Richard ha saputo che Karim ha messo in piazza i suoi poteri, davanti a gente estranea, davanti ad innocenti che non ne avrebbero dovuto sapere nulla… e invece? Beh, ammettiamolo, Karim ha fatto del suo meglio per tenerli al sicuro. Inoltre, come ha sostenuto con Richard, aiutare i suoi compagni ad uccidere quel dannato Windigo era la prima sua preoccupazione. Se il mattino ha l’oro in bocca… beh, quello di Karim aveva probabilmente acido solforico. Il caso poi, gli aveva subito messo i brividi. Quando ha toccato l’acqua del lago e ha usato la propria magia per vedere che cosa fosse accaduto, la scena era terrificante. I bambini che stavano cercando erano andati incontro al mostro, richiamati dallo stesso e il fantasma li aveva catturati. Non che smaniasse dalla voglia di navigare sul lago, ma visto che c’era Blake e visto che si trattava di ragazzini in pericolo, ha seguito il suo allievo e mentre Blake si immergeva a cercare i bambini… lui ha deciso di cercare di parlare con il fantasma, ma le cose gli sono sfuggite di mano e all’innocente richiesta di lei di avere un figlio da lui… lui ha detto che se le avesse detto dove incontrarsi… ed è stato in quel momento che le cose sono precipitate, il fantasma lo ha portato in un posto appartato, dopo averlo tirato giù dalla canoa e poi ha fatto di lui quello che voleva. Lei lo ha praticamente violentato e lui… non ha reagito, insicuro e incerto su quello che stava accadendo. Non ha mai dichiarato ad alta voce di essere gay, ma… lo ha sempre saputo, così quando ha scoperto che in realtà il suo corpo reagiva al tocco della donna, ci è rimasto di sasso lasciando che lei… godesse di lui. Il resto è stato tutto un precipitare del suo umore. E’ diventato freddo, con l’empatia di un sasso e alla fine, disperato per quello che gli era accaduto ha evocato il fantasma sulla riva del lago prima che i suoi compagni lo raggiungessero. Ha provato a uccidere da solo il fantasma, sparandogli, ma… lei ha di nuovo avuto la meglio su di lui. Il resto, è stato un sogno, come se lui stesse guardando da qualche posto lontano. Lei lo ha reso inerme lasciando i suoi compagni a lottare da soli. L’ultimo ricordo che ha… è il viso di Blake che lo tira fuori dall’acqua.

E' stata una giocata che mi è piaciuta, davvero tanto. Mi ha fatto pensare molto a Karim e al rapporto che ha con il suo io più nascosto, senza parlare del rapporto che ha con gli altri PG. Il mistero era molto semplice e ci ha dato modo di approfondirci un pochino di più.

Mille grazie ai miei compagni di avventura per questa bellissima campagna :D

Re:[MotW] Old Town, Maine
« Risposta #6 il: 2012-12-09 21:59:43 »
Caso nr. 3 - Parte 1

*sottotitolo: quando hai un bravo keeper e al successo parziale della mossa di inizio sessione good standing with the Sect ti mette in una posizione che definire spinosa... è un eufemismo *

Dal diaro di Karim scritto in arabo

Avevo studiato quell'incantesimo solo a livello teorico. Il mio maestro, ci aveva detto di usarlo solo se costretti, solo se non c'era nessun altra soluzione che non preveda un'eliminazione fisica. Giocare con la memoria delle persone, è sempre pericoloso. Non si sa mai che l'incantesimo si espanda troppo o non abbastanza, finora solo pochi di noi hanno mai provato ad eseguirlo al mio livello, ma è questo che mi è stato chiesto e io cercherò di portarlo a termine, senza fare qualche stronzata. Ho dovuto evocare l'entità che protegge la Setta, ho dovuto chiedere a lui perchè mi aiuti a portare a termine questo compito, certo... ha voluto qualcosa in cambio, ma non sono nuovo a non mangiare o bere di giorno, in fondo il Ramadan lo faccio già un mese l'anno... posso resistere per qualche giorno, fino a quando non avrò portato a termine il mio compito e chissà che Richard non mi rompa per un po'... devo ammettere che avere missioni parallele e doverle tenere nascoste agli altri, soprattutto a Blake, mi infastidisce. Inoltre mi tiene lontano dai mostri che affollano questo paesino... che tra l'altro, diventa ogni giorno più strano! E' quasi Natale, mi risulta che dovrebbe essere una ricorrenza importante per gli infedeli, e se non mi ricordo male c'è pure quel detto "A Natale siamo tutti più buoni", lo dice sempre Becca. Eppure sta mattina se le sono suonate mica da poco al Crossroads, mi devo ricordare di informarmi meglio sulla questione "Tutti più buoni". Becca sicuramente ne saprà più degli altri, mi sembra quella più normale in tutto il gruppo. Durante la rissa, Blake ha cercato di fare l'eroe, eppure lo sa che il suo destino è importante e dovrebbe concentrarsi su quello, è per quello che mi sono buttato anch'io, quando ho visto che Vic ci stava andando troppo pesante e che stava attaccando Blake da troppi angoli, certo non ho avuto la meglio, il naso mi fa un male cane.... però almeno ho evitato che spaccasse la testa al mio prescelto! Anche se alla fine ci si è dovuti preoccupare solo della testa di Vic che è esplosa come un palloncino troppo gonfio... quello che è uscito da quella testa, era qualcosa di sovrannaturale senza ombra di dubbio, insomma... è già strano che scoppi la testa alla gente, ma che ci siano anche delle specie di tentacoli viscidi che poi diventano fumo denso, dentro le loro ossa... ammettiamolo, ora capisco perchè c'è una nostra sede qui. E' uno dei posti più strani al mondo.

Dopo aver vissuto di piccole magie per gli altri due misteri, questa volta ho deciso che era ora di provare qualcosa di più importante. Ammetto che il mio successo parziale con la mossa di inizio sessione good standing with the Sect mi ha aiutato ad arrivarci. Finalmente sono riuscita anche ad usare la mossa del Sacred oath. Sul primo momento, per come è costruito quel piccolo maniaco del controllo di Karim, scegliere un voto da fare, che fosse credibile e fosse sufficientemente evidente in gioco, non è stato facile. Potevo dire le cose più banali dal: non porterà la cravatta fino a quando non porterà a termine il suo obbiettivo, ho indosserà i jeans invece di un completo giacca e cravatta... insomma, per ora i vizi e le fisse di Karim, sono davvero troppo banali per un patto che ha un obbiettivo così importante: cancella dalla memoria di due PNG degli eventi ricollegati al sovrannaturale e alle capacità del nostro bizzarro gruppo di cacciatori. Così ho deviato su qualcosa che avrebbe avuto delle conseguenze su Karim durante la caccia: un Ramadan fuori periodo. Niente cibo o acqua dall'alba al tramonto che mi ha avvantaggiato con un +1 su tutti i tiri che userò per portare a termine il mio obbiettivo, ma un -1 perchè sarò indibolito dalla fame e dalla sete, durante il giorno, fino al compimento del mio obbiettivo. Il nostro Keeper mi ha dato una missione secondaria, che ora mi permette di approfondire un po' di più Karim e le sue abitudini, i suoi scrupoli e i suoi principi. Ora che, frugando nei libri di studio di Karim, ho trovato l'incantesimo che mi serve, dovrò scoprire anche che cosa necissiterò per fare la mia big magic sicura che il nostro fantasmagorico Keeper mi darà un sacco di spunti per il gioco! Non lascio comunque da parte la missione principale, lavorare con gli altri cacciatori e distruggere la minaccia della settimana... abbiamo una vaga idea e per verificarla, Karim ha dovuto abbandonare per un attimo le sue ricerche teletrasportandosi dove si era dato apputamento con il resto dei suoi compagni. All'esterno del negozio "Sogni in soffitta". Scioccamente vi è entrato senza assicurarsi che gli altri non fossero effettivamente entrati e... lì dentro si nasconde di sicuro "qualcosa" perchè fra tutti gli oggetti vari che ci sono in vendita, c'è un suo vecchio Diaro che aveva lasciato a Dubai, con una foto di suo padre e un suo anello... da quando è entrato in quel posto Karim non ha più pensato alla missione, ma solo a trovare quell'anello fra le centinaia buttate in un'enorme cesta.

Putroppo per questione di tempistiche dei vari giocatori, non siamo riusciti a chiudere il mistero, ma non vedo l'ora di passare alla prossima sessione, perchè... accidenti se mi piace questo gioco e il nostro amabile gruppetto di player e PG! :D

Re:[MotW] Old Town, Maine
« Risposta #7 il: 2012-12-11 13:05:14 »
questo è più un reminder per me, che con la sessione interrotta a metà temo di dimenticarmi cos'è accaduto, piuttosto che un vero e proprio AP.


(non amo scriverli y.y")






nonostante lo scambio iniziale di relazioni tra Rebecca e Helena che le indicava come amiche di vecchia data, il modo in cui Rebecca sta "crescendo" la sta portando via via ad allontanarsi dalla vecchia compagna di scuola.
Vuoi che si sia imborghesita* andando a vivere fuori dal paese per qualche anno, frequentando università e persone diverse, e che quindi abbia fatto suo un modo di porsi differente, o che semplicemente ne sia gelosa per il feeling che vede scorrere tra l'amica e Blake (per cui ha una cotta) e si senta messa un pò da parte, in quanto ultima arrivata, e che le sembri abbia la scusa un pò troppo facile -eh, ho fatto un incidente e ne porto gli strascichi.. circa :P- quando fa qualcosa di strambo (agli occhi di una Mundane, che ha giurato guerra aperta alla magia dopo un brutto fallimento ai dadi >.<").. cerco di attenermi il più possibile alla hunter agenda, che vuole i pg UMANI e REALI.. non vorrei sforare però dal punto principale, quello che chiede ad un cacciatrudo di essere un eroe, prima di tutto. c'ho sto terrore assurdo. XD




Inoltre Becca s'è beccata (ah-ah!) un'infezione da minions, mi sa, fallendo un tiro su Cool quando ha preso in mano un carillon nel negozio vintage (che poi ha comprato, in preda ad un attacco da Sindrome di Acquisto Compulsivo), a cui però pare riuscire a resistere, al momento, facendo grandi sforzi di volontà per non andare a riempire di botte Blake ed Helena che fanno i piccioncini sotto il porticato, giusto trenta secondi dopo che Helena ha quasi aggredito Rebecca. l'ha detto chiaramente a Blake, che si sente di troppo e tagliata fuori per la sua inesperienza, 




nonostante le apparenze, la bamboccia, ha trovato informazioni utili sul mostrillo in questione, sfruttando la sua dipendenza dallo smartphone e da google (oltre che dai siti/blog sulle creature bizzarre) e le notizie e le info apprese dallo sceriffoh ( ♥ ).
questo tiro su sharp per indagare il mistero, poi, mi ha permesso di fare un avanzamento e di prendere i net friends, che mi pare le calzino a pennello. :P


e la sessione si è chiusa per me, sulla risoluzione di un Ooops! che le ha fatto trovare un diario di un cacciatore, in mezzo ad un mucchio di oggetti random nel negozio vintage in cui il gruppo intero ha deciso di andare ad indagare.
l'intenzione iniziale era di infilarselo in borsa direttamente, ma ero anche indecisa se fare la persona per bene e fare le cose da più furba e con la scusa di andare a provare qualche capo di abbigliamento datato, scattare foto al diario dentro al camerino.
vedrò la prossima volta. v.v"






*non è il termine giusto, ma è quello che mi è venuto in mente ora. XD


PS: ho ucciso l'italiano XD
dicono che sono un'adorabile stronzetta. adorabile non so, stronzetta di certo. ma è colpa dello schizzo di DNA felino, non mia!    dicono anche che sono "hipster".. solo che non so nemmeno cosa voglia dire.

Re:[MotW] Old Town, Maine
« Risposta #8 il: 2012-12-25 21:47:27 »
Caso nr. 4 - La bestia che è in parte Coyote, in parte Cinghiale e in parte Zanzara (cit.) ovvero il chupacabra!

Questo caso è stato improntato su due piedi. Purtroppo uno dei giocatori ha avuto problemi di connessione e non c'era verso, ci abbiamo provato strenuamente, di riuscire a giocare, così per non buttare via a. il pomeriggio e b. la nostra voglia di prendere in mano i nostri amati cacciatori: è stato giocato il caso nr. 4 come un'estemporanea. Una cittadina diversa e png sconosciuti e che non rivedremo mai (per fortuna!).

Tralasciando che Monster of the Week è un gioco che amo alla follia, questa sessione mi è particolarmente piaciuta. Al caso hanno partecipato:
Karim, il mio Initiate, Becca, il Mundane e Blake il Chosen.

E' stato strano giocare in un'altra città, senza i nostri soliti PNG e i nostri Luoghi ormai supertestati, la nostra quarta cacciatrice Helena. Abbiamo completamente stravolto le abitudini a cui avevamo, in un certo senso, costretto i nostri Hunters. Il solito Bar, la solita stanza sul retro dell'agenzia immobiliare della Setta, il solito ufficio dello sceriffo e il super fidato "Info [...]oint" (sono 3 sessioni che nessuno cambia la lampadina alla "P" del Point!). E' stato un po' come "tornare alla prima sessione" dove devi far capire a chi ti sta intorno (PNG) che non sei proprio l'ultimo scemo sulla faccia della terra, che se sei lì è perchè sai quello che fai.

Karim, ad esempio, è abituato ormai a sfoggiare il suo accento medio orientale e a muoversi con sicurezza fra la "folla" di Old Town. E' abituato che gli altri lo vedano vestito di tutto punto, camminare vicino al lago dove si sa siano scomparsi dei ragazzini. Insomma, è abituato a sapere che gli altri sanno che lui è lì per aiutare e sa farlo, anche se non sanno in che modo. Come ad esempio ho dovuto convincere il locale sceriffo che, nonostante fossi un agente immobiliare e fossi vestito come uno pronto ad andare ad una cena di Galà, io sappia anche cacciare un animale e seguirne le tracce nella foresta. Ok, forse ho barato un pochino usando la magia per sfruttare la visione notturna di un Gufo o l'olfatto di un segugio per seguirne la pista, ma questo lui non lo sa e poi era buio!

Questa particolare sessione poi, mi ha insegnato che per quanto io mi impegni: Karim e le armi da fuoco non sono fatti per stare assieme! Ho sparato a Blake, per errore! Fortuna che l'armatura mi ha impedito di ucciderlo, perchè quel fallimento di Dado è stato proprio un fallimento da manuale! Ho capito che devo concentrare tutto sulla magia: sforzarmi di usarla in maniera intelligente e affinare le mie tecniche di evocazione. Devo imparare soprattutto ad aggiungere dettagli che possano soddisfare il keeper per non impegolarmi in situazioni assurde.
Ho notato che quando sono sotto pressione, tendo a usare la magia correttamente per il risultato che voglio ottenere, ma non con il colore e i dettagli che gli spettano. Come ad esempio nella scena in cui, di fronte ad una vittima di un'aggressione di un "vampiro" non ho posto abbastanza dettagli nell'invocazione e sono stata "beccata" dalla smorfiosetta di turno e dal mio Chosen.
Ho cercato quindi, durante il resto della giocata di migliorare, con risultati che mi hanno sorpresa parecchio e che hanno portato, per me, Karim ad un altro livello.

Dopo la caccia di indizi sul mostro, di notizie su come si uccide, su dove si trova e quant'altro... con scene molto avvincenti e anche profonde. Devo ammettere che la scena della cattura e distruzione del mostro è stata la mia preferita per questa giocata.
Il chupacabra aveva aggredito Becca ferendola e succhiando un po' del suo sangue, Blake ha giustamente pensato di usarla come esca. E' stata l'idea che poi ha fatto scendere a cascata tutto il resto della fiction. Abbiamo deciso, all'unanimità, di evocare la bestia usando il sangue di Becca e di imprigionarla fino all'alba. La luce del sole l'avrebbe eliminata per sempre.
La piccola magia di evocazione, complice anche un lancio di dadi da 12 + 3 di Weird e +1 di aiuto di Becca, me la sono vista davanti agli occhi mentre la mettevamo in scena. E' stato come vivere la scena a tutti gli effetti.
Karim semi nudo, con il tatuaggio scoperto (il leopardo stilizzato) che invocava il mostro parlando in Arabo mentre Becca, dopo essersi ferita il palmo con il suo fido multi tool, posava la mano sul muso del felino. La cantilena andava crescendo, mentre il leopardo si nutriva del sangue di Becca e all'improvviso ecco il Chupacabra lì, di fronte ai nostri eroi. Stava per scagliarsi su Becca quando Blake gli è saltato addosso e lo ha fermato. Gli istanti successivi sono stati rapidi. Karim, nonostante sapesse che stava facendo del male a Becca e stava usando troppo del suo sangue, l'ha trattenuta e ha usato ancora la magia per creare una gabbia in cui hanno imprigionato il mostro per attendere il sorgere del sole.
Siamo stati, nonostante l'assenza di un PG del gruppo, piuttosto equilibrati e affiatati. Abbiamo affrontato il mostro e gestito il caso sopperendo ogni uno alle mancanze dell'altro.

Nonostante il Mistero sia stato creato in pochi minuti, grande Miche, è stata un'avventura veramente bella e mi ha fatto comprendere ancora meglio le meccaniche del gioco e il mio adorato Karim.

Questo gioco è davvero meraviglioso, ma senza i miei compagni di tavolo questa campagna non sarebbe così entusiasmante!

E poi parliamo anche di tutto il fanservice che riusciamo a metterci dentro o i momenti pucci fra PG! :D
« Ultima modifica: 2012-12-25 21:51:57 da Elisa Greco Gambino »

Re:[MotW] Old Town, Maine
« Risposta #9 il: 2012-12-29 18:15:06 »
Il Mistero del Chupacabra lo ho "rubato" a Paolo Cecchetto, è una storia che ha creato lui, io ho dovuto  semplificare alcune cose per renderlo giocabile in una sessione pomeridiana corta, ma il merito è tutto suo. ^__^
(sono molto grata ai keeper esperti di aver messo online i misteri giocati.^__^)
« Ultima modifica: 2013-01-06 15:38:49 da MichelaDaSacco »

Re:[MotW] Old Town, Maine
« Risposta #10 il: 2013-01-05 17:35:05 »
MotW mi sta prendendo moltissimo, sarà che siamo partiti subito in gran forma, probabilmente perché come giocatori ci conosciamo bene ed era davvero un pezzo che non giocavamo assieme!
Più che fare un vero e proprio AP qui vorrei parlare del mio PG e di come sta evolvendo grazie ai rapporti con gli altri personaggi e agli eventi.
E' diventato lunghissimo, ma chi legge è avvertito ;)

History: Blake, Chosen, ha perso la famiglia da piccolissimo a causa di mostri (non ancora identificati) ed è stato cresciuto da un vecchio mentore, Caleb, che aveva seppellito già 3 Chosen (ma Blake era troppo piccolo per preoccuparsene).
Le sue Heroic tags sono: Sacrifice, You can save the world (chi mi conosce non si dovrebbe stupire). Doom tags: Death e You can't save everyone (e non si dica che non penso agli amici ;P).

Il vecchio mentore aveva fatto voto di non morire fino a che non fosse arrivato un successore da affiancare a Blake. E per fortuna Elisa ha deciso di fare un Iniziato, a cui ho affibbiato "They are destined to be your mentor" ed è stato così che Karim, giovanissimo Iniziato modaiolo, si è trovato a fare da Mentore ad un Chosen più vecchio di lui ^^

Ad Helena, la Spooky di Ronny, ho dato come History "Romantic entanglement" e di comune accordo abbiamo deciso che la cosa è proprio appena abbozzata, in pratica si stanno accorgendo di una certa attrazione tra loro, romantica, non puramente fisica.
Di solito non mi piace partire con relazioni sentimentali già avviate, mi piace costruirle, ma qui ho voluto sperimentare e vedere come sarebbe andata.
Helena è un personaggio abbastanza incasinato, reduce da un brutto incidente, è rimasta in coma per un pezzo ed ora è dipendente da antidolorifici. Blake all'inizio non lo sa, anche se ha notato che spesso e volentieri si impasticca. Tuttavia non sa ancora quanto sia pesante la cosa, sa solo che Helena è fragile e tormentata dalle sue visioni.

A Rebecca, la Mundane di Sonia, ho dato "You saved their life, back then when they didn't know monsters were real".
In pratica è stato Blake ad introdurla nel mondo dei Mostri (e lei non è riconoscente!).
Non ricordo bene come, è venuto poi fuori che i due si conoscevano da una vita, tramite il fratello di Rebecca, Bill, compagno di scorribande giovanili di Blake. Sonia ha scelto di dare a Rebecca una cotta per Blake, che però cerca di ignorare, visto che lui l'ha "friendzonata" quasi all'istante ^^'

E fin qui ok. Il PG che si delinea è un uomo di 30 anni, vicesceriffo in un paesino che somiglia dannatamente a Sunnydale di Buffy. Chosen da sempre, è fisicamente un toro (Tough +2) e magicamente un pasticcione (Weird -1). Le missioni sono all'ordine del giorno, il suo corpo è pieno di cicatrici che raccontano una lunga storia di scontri, si aspetta moltissimo da se stesso, perché è lui ad avere le maggiori responsabilità. La cosa che sente pesare parecchio nella sua vita è il fatto di essere legato a Old Town con conseguenti niente college, niente "servizio militare". E impossibilitato a spiegare il motivo di quelle scelte per la segretezza del suo compito di invisibile paladino. Insomma, da fuori sembra uno che nella vita ha combinato davvero poco! (ha pure una casa fatiscente che non finisce mai di aggiustare).

Nel corso dei vari misteri le sue relazioni si sono evolute a volte e involute altre volte.
Con Helena c'è stato un primo diverbio quando Blake si è accorto che lei si impasticcava troppo. Helena ha mentito dicendo che era solo un momento. Ma brava. Nella seconda avventura, la colpa è stata di Blake che, avendo sconfitto sì il mostro del lago, ma non essendo riuscito a evitare la morte di 2 bambini (è stata una avventura davvero fallimentare per il gruppo ^^' arrivavano sempre tardi -grazie, dadi!-) alla fine del mistero ha mollato tutti ed è andato a commiserarsi da solo, da bravo maledetto Chosen quale è ^^'
In pratica se ne è fregato dei compagni e di Helena che avrebbero gradito un po' di supporto. Vabbè.
Nella terza avventura, Blake è tornato all'attacco per la questione antidolorifici, ma neppure un Manipulate di successo è riuscito ad ottenere nulla. Ronny non ha accettato esperienza perché (probabilmente) non riteneva Helena pronta ad una tale confessione.
Allo stato delle cose la loro relazione romantica nata fuori scena non si sta evolvendo per il meglio,  Blake si rende conto di non essere proprio un bravo partner, capisce che dovrebbe fare di più ma non sente neppure la risposta che vorrebbe da Helena, che forse è troppo passiva. E tutto si complica visto che Blake sta trovando in Rebecca una distrazione.
La Mundane di Sonia è una kickAssGirl con momenti di incredibile fragilità, è capace di attaccare un mostro armata di mazza ferrata più grande di lei, dopo aver scalciato via le scarpe col tacco per muoversi meglio, ma poi è anche una che si fa prendere dal panico e crisi di pianto perché non capisce il mondo in cui è stata catapultata.
Forse è anche colpa del background che viene fuori qua e là nel corso delle sessioni, che ci ha fatto scoprire che Rebecca era vittima e fan di Bill e Blake nelle loro scorribande di ragazzini; ha aiutato ad avvicinarli e, in più di un'occasione, hanno avvertito un certo brivido erotico nella reciproca vicinanza, il che mi fa pensare che ne potrebbe nascere a breve un'attrazione decisamente fisica.
Sì, a Blake piace vederla buttarsi a capofitto contro i mostri come fa lui e gli piace anche sentirsi quello che la rimette in piedi dopo le crisi "machecifaccioqui".

Con Karim le cose si incasinano non poco.
Elisa ha deciso di farlo gay ma terribilmente religioso (musulmano). Mentre le ragazze avevano già individuato la sua omosessualità, Blake è caduto dalle nuvole quando, nel corso dell'ultimo mistero, un Karim impossessato da un parassita si è bellamente eccitato quando il Chosen lo ha legato.
Beh, ammettiamolo, è stata una scena ai limiti del porno, involontario però.
Blake: "Karim fermo con le mani" -si stava ferendo, che credete? Prende la propria cintura e lo lega. Karim si eccita in modo nettamente evidente. Blake, pur tardo, capisce ^^'
Karim: "Non ti fermare!" Di fare l'incantesimo per liberarlo dal parassita, eh.

In realtà la scena è stata davvero bella, Karim è riuscito a mantenere comunque il controllo, tirando Act under Pressure per non lasciarsi andare ad una furia esplosiva. Ha dato prova di un sangue freddo davvero impressionante, che ha colpito Blake (che come autocontrollo non vale molto).
Karim ha un fortissimo istinto di protezione nei confronti del "suo" Chosen, lo tratta come se Blake fosse fragile e questo, per uno che è stato cresciuto combattendo e che incassa come un pounching bag, è un po' ridicolo, un po' strano e un po' dolce. Come conseguenza, Blake vuole bene a Karim perché si sente protetto (ed è una sensazione strana e inusuale). Non so ancora che conseguenze ci saranno (se ci saranno) ora che sa che è gay. Lo capirò alla prossima sessione.
Però mi domando se Karim ricorda che nella profezia che riguarda Blake c'è la parola "Morte". Arriverà un momento in cui non potrà o dovrà più proteggerlo.

Infine, i PNG: Ci sono in particolare 3 PnG che si son trovati coinvolti fin dall'inizio negli scontri con i mostri: lo sceriffo Theroux (per cui Blake prova un po' di sentimenti contrastanti, visto che sono abbastanza amici, ma lui non sa nulla della doppia vita del Chosen), suo fratello Sal, guardia forestale (il fratello minore di tutti, vista la sua giovane età) e Sophie Delgado, antropologa.
Blake è sempre stato abituato al segreto, ma ultimamente il suo gruppo si sta facendo notare e lui ora pensa che non ci sia nulla di male a mettere al corrente alcune persone. Lo ha già fatto con Sal e poi con Sophie (che comunque era già l'informatrice di Rebecca).
Temo la reazione della Setta di Karim, ma Blake non deve mica rendere conto a loro! Diciamo che considera ci siano cose più importanti e visto che il paese viene colpito spesso dai mostri, tanto vale che la gente cominci a conviverci, no?

In definitiva, dopo 4 misteri, Blake mi sembra diventato più forte, soprattutto dal lato emotivo. Ormai convive abbastanza serenamente con il destino di essere Prescelto (con tutto ciò che comporta). Ha avuto il suo momento di sfiducia all'altezza della puntata del lago e morte dei bambini, ma l'ha superata ubriacandosi e prendendo a calci la tomba del mentore (per fortuna non lo ha visto nessuno ^^'). Pensavo che sarebbe venuto fuori un Chosen con il bisogno di restare solo (senza legami non si soffre), ma in realtà non è così. Non ha mai avuto relazioni fisse (e questo è un fatto), non considera di avere famiglia e figli (e non è un problema, anzi), sa che la morte fa parte del suo destino e lo accetta con naturalezza (i cacciatori e in particolare i Chosen muoiono).
La solitudine però no. Il suo precedente Mentore lo ha tenuto in disparte dal mondo, relegando la sua vita sociale a scuola e lavoro, ma adesso c'è il gruppo (in crescita, visto che c'è l'idea di coinvolgere gente "esterna"), ci sono gli amici, c'è la condivisione dei momenti difficili e dei trionfi. Questo lo fa sentire più forte perché ha qualcosa di tangibile per cui lottare.
In fondo è stupido pensare di voler salvare il mondo se non lo si ama, no?
« Ultima modifica: 2013-01-05 17:52:55 da Francesca Da Sacco »

Re:[MotW] Old Town, Maine
« Risposta #11 il: 2013-01-05 20:46:58 »
Fan mail di solidarietà a Francesca. MotW è davvero un gioco che riesce a creare personaggi che ti coinvolgono in maniera sorprendente :D


E W i Chosen pucci! (credo di potere parlare come rappresentante del fan club dei Chosen, visto che sono due campagne che gioco e due Chosen con cui mi fidanzo >.>'' )
I nitpicker danneggiano anche te. Digli di smettere.

Re:[MotW] Old Town, Maine
« Risposta #12 il: 2013-01-07 13:57:40 »
Caso 3 -  parte 2 (dopo innumerevoli peripezie... ce l'abbiamo fatta!)

Dal diario di Karim, scritto in Arabo.
Più rimango a Old Town... più le cose si complicano. Crededo di riuscire a tenere tutto sotto controllo: mi sbagliavo. Quando il mostro mi è entrato dentro... è stato come se avesse deciso di dare sfogo a tutto ciò che avevo sopito dentro di me. In parte mi è piaciuto, non avere freni, dire quello che mi passava per la testa, apertamente, senza pensare alle conseguenze. L'altra parte di me, mi stava uccidendo, la sentivo mentre mi stringeva la gola per evitarmi di dire altro... eppure quando è stato il momento... Lui era lì, a due passi da me e io non ho saputo contermi. Mi sono mosso troppo lentamente, perchè forse la cosa mi piaceva, perchè volevo urlare a Blake da mesi che cosa mi fa. Non posso, Allah mi ha chiesto di non farlo eppure, è stata una liberazione, anche se ora. Anche se ora non so come andranno avanti le cose, vorrei che Blake non perdesse la fiducia che ha in me... vorrei che lui dimenticasse o capisse.



E' valsa comunque la pena aspettare così tanto per portare a termine quest'avventura. Nonostante la settimana scorsa avessimo sopperito ai problemi tecnici di un giocatore imbastendo un episodio randomico estemporaneo (ancora brava Michela!), finire quest'episodio ci era  mancato un sacco! Era evidente che avessimo tanto da fare e dire, ancora, che abbiamo cominciato alle 21 e abbiamo finito alle 2 del mattino... è stata una giocata, lunga, impegnativa, ma piena di soddisfazioni.

La giocata si era interrotta con i nostri eroi persi a cercare regali/oggetti personali vari dentro ad un negozio che (nessuno di noi si è chiesto come facessero ad avere certe cose, me lo devo appuntare) aveva negli scaffali, un sacco di oggetti personali di chiunque in città e che sembrava attirare tutti i cittadini (compresa la nostra eroica squadra) come un magnete. L'unica ad averci capito qualcosa, fin da subito (beato tiro di dado per "Agire sotto pressione") era Helena, che è riuscita a parare con la ragazza dietro al bancone senza farsi distrarre dagli infiniti scaffali e cianfrusaglie e tutto il resto. Da allora il mistero ha cominciato a trovare la propria via verso la risoluzione e i nostri PG hanno cominciato ad emergere, di nuovo. Becca, con la complicità di Karim è riuscita a rubare il diario di un tale Bobby, un vecchio cacciatore (Sono state unite le forze per un insuccesso di Becca con Act under pressure e un Help out di Karim).

Gli eventi poi sono precipitati in pochi minuti! Nonostante fare magie in pubblico, non sia la cosa più intelligente da fare... a volte è l'unico mezzo per andare avanti nella trama, senza forzare troppo la spremitura di info dalla nostra fidatissima Keeper. Questo però non
ci ha minimamente salvato dalle conseguenze e dai danni successivi. Nonostante i vari e molteplici successi con i dadi, soprattutto su Use Magic e Investigate a mistery, due dei nostri cacciatori sono stati "impossessati" dal mostro di turno: una strana ragazza medusa che con i suoi tentacoli si infilava nella colonna vertebrale delle persone e ne prendeva pieno possesso, innalzando esponenzialmente ogni sentimento e sensazione. Becca e Karim sono stati vittime del mostro e sono stati posseduti.

Prima che tutto degenerasse, Becca, con l'aiuto di Karim, è riuscita a trovare qualche altra piccola informazione coi suoi Snoopers (i NetFriends) riguardo al mostro, ma le cose sono peggiorate in pochi attimi. Karim ha accusato una rabbia crescente (Act under Pressure,
che mi va storto 9 volte su 10...) e si è rifugiato in cucina per trovare un attimo di calma e capire che cosa stesse succedendo... ma non ha avuto il tempo di farlo perchè gli è arrivata una padellata in testa da parte di Helena che ha "visto" al posto della testa del bellissimo Karim (sono di parte, lo so) uno dei tentacoli. Per fortuna che Blake ancora si preoccupa del suo mentore ed è venuto a fermare il possibile bagno di Sangue che si stava per svolgere in cucina... ovviamente Karim, in presa a quel mostro, non era pienamente cosciente e stava per attaccare Helena. Una volta divisi i due. Blake è rimasto con Karim e Helena è tornata in salotto con Becca.

Il Dramma!

Becca rimasta con Helena l'ha asfaltata (fisicamente con una statuetta in argento e psicologicamente con una risma di verità non volute!), mentre Blake si è occupato di Karim. Mentre nel salotto di casa Ross c'era una cat fight...in cucina c'è stata la scena più hot in cui è stato coinvolto Karim finora. Nel tentativo di gestire la rabbia crescente, Karim si è conficcato le unghie nelle cosce (aggiungendo l'ennesimo danno ai già ventordici già accumulati) e Blake ha ben pensato di legargli le mani con la propria cintura...finendo così per mettere in mostra tutto il suo apprezzamento con un "mhmm! Mi piace, dovremmo farlo più spesso!" e mettere finalmente in funzione il suo gay-dar! Fortuna che Karim ha avuto un forte autocontrollo (Act under pressure come se piovessero e che ogni tanto riescono!) o probabilmente si sarebbe ritrasferito a Dubai! Purtroppo in quel momento, si è saputo che chi era stato "infestato" dal tentacolo e a cui era stato estratto (Karim lo aveva estratto da un'adorabile vecchina usando una magia) era morto e noi eravamo ancora in alto mare con le info sul mostro (Tanto fanservice... e qualche carenza di informazioni, ma il gioco ci stava davvero prendendo!). Karim voleva estrarre il verme, sicuro che non sarebbe morto e dare la possibilità ai suoi compagni di studiarlo meglio, Blake non ne voleva sapere: così lui gli ha dato un ultimatum e se entro 2 ore non avesse sistemato la faccenda, se lo sarebbe estratto da solo. C'è voluto l'intervento di Richard (il superiore di Karim) e una botta di c... ehm, fortuna per trovare la soluzione di gran parte dei nostri problemi. Blake ha preso fiducia ed ha usato la magia (seppur con un -1) e ha estratto la bestia da Karim, mentre Helena si occupava di Becca. Da lì... tutto è andato in discesa. Il gruppo si è diviso, avevamo trovato i punti deboli del mostro e Helena, Karim e Richard sono rimasti a casa per dare un ultimo sguardo al vermone estratto da Karim e mettere in piedi un piano d'azione, mentre Blake e Becca si sono occupati di alcuni altri "infestati". Più tempo passavamo a cercare info, più la nostra Keeper ha messo in gioco PNG a noi cari, infestati e terribilmente in pericolo ed è stato in quel momento che Karim, Helena e Richard hanno deciso di mettere fine a quel massacro (dopo vivisezione di un verme da parte di Richard e Karim e una lettura approfondita con botta di fortuna del diario di Botty da parte di Helena). Ci siamo recati in un posto adatto, fuori mano e in mezzo ai boschi, abbiamo avvertito gli altri cacciatori ed evocato il mostro (usando nuovamente una piccola magia) la scena è stata forte e sentita da tutti i giocatori. L'evocazione fatta da Helena, era un successo parziale, per cui Karim ci ha messo del suo sangue per aiutare con un +2 ed evocare così la bestia di turno. Mentre la evocavamo, sono arrivati anche Blake e Becca, mentre Richard si occupava di tutti i dettagli attorno (luci, armi e quant'altro). Nonostante i miei ventordici punti ferita (ho chiuso la sessione con un bel 6!) Karim ha usato le sue ultime forze e tutta la sua concentrazione per usare il proprio sangue e creare una trappola che tenesse ferma la ragazza/medusa mentre gli altri giocatori (Becca è stata fenomenale con una mazza più grande di lei e a piedini scalzi!) le suonavano di brutto al mostro... fino ad ucciderlo.

Ci abbiamo messo davvero tanto, ma abbiamo approfondito ancora di più i nostri personaggi e i legami fra di loro. Ci sono state rivelazioni inaspettate e colpi di scena con un tempismo perfetto. Questo gruppo di cacciatori, è ben equilibrato e pronto ad affrontare più o meno tutti i pericoli che gli si mette davanti, si sono legati l'un l'altro con forza e dolcezza e nonostante parecchie diversità... ci sono sempre tutti gli uni per gli altri quando si tratta di salvare il mondo.

In questa sessione ho scavato un altro po' dentro Karim. Più andiamo avanti e più scopro che cosa lo smuove veramente ad essere un cacciatore, che cosa lo smuove a proteggere gli altri piuttosto che se stesso. Sto costruendo questo puzzle che è Karim, aiutata da tutti gli altri PG e Michela. Ogni domanda, ogni reazione, ogni pensiero aggiunge un pezzetto.
Karim è di fondo una persona semplice. Segue i dettami della sua religione, veste elegante, non ha grandi pretese per la sua vita e prende solo quello che gli danno gli altri. In cambio lui da tutto se stesso e fa il cacciatore, senza tanti problemi a mettersi in gioco e se può usare i suoi poteri per fare la cosa giusta: beh la fa! Ho capito però, grazie alla possessione, che è anche un personaggio che si sta tenendo dentro molto. Non si è ancora visto tanto del suo passato, non si è mai indagato sulle sue origini e di lui si sa che è di Dubai e che è stato cresciuto dalla Setta. Non ho mai pensato ad un particolare Background, niente di troppo specifico almeno, ma durante queste sessioni sto piano a piano scoprendo questo misterioso Emigrato Arabo (cit.) assieme a tutti gli altri PG. Tutto mi stupisce, ogni volta che giochiamo e non chiudo mai una sessione insoddisfatta!





Edit per correzione errori e sistemazione dei paragrafi.
« Ultima modifica: 2013-01-08 10:01:16 da Elisa Greco Gambino »

Re:[MotW] Old Town, Maine
« Risposta #13 il: 2013-01-14 16:41:33 »
Quest'ultima sessione (giocata ieri pomeriggio e sera) è stata notevole, soprattutto per il coinvolgimento emotivo che ha comportato.

E' tutto cominciato con un flashback di 5 anni prima. Blake e Bill, suo migliore amico da sempre, nonché fratello di Rebecca. Nel flashback i due sono sul tetto di quello che diventerà il locale Crossroads ma che in quel momento è un casolare abbandonato, e Bill spiega a Blake che A) sta per sposarsi per figlio in arrivo, B) vuole farsi un paio di mesi in giro per gli States con il suo migliore amico prima di cambiare drasticamente vita.
Blake ovviamente non se ne può andare (vedi anche quello che ho scritto in precedenza). Tira fuori la scusa del vecchio Caleb, risultando poco convincente. In pratica probabilmente sembra che non gli importi/non abbia voglia... Bill parte da solo, mentre Blake lo osserva da lontano. Da quel momento, tra loro tutto cambia, Bill offeso, Blake in colpa, l'amicizia diventa ricordo del passato.

Tornati al presente, sono trascorse una manciata di ore dalla terribile notte della sessione precedente, gli eroi sono stanchi e provati, Blake si è addormentato vestito sul suo divano (nella sua casa in perenne ristrutturazione) e quando si sveglia corre in ospedale per sapere di Sal, che aveva lasciato DAVVERO malmesso per andare a picchiare il mostro.
In ospedale incontra Rebecca, lì per lo stesso motivo (la sera prima lei e Blake erano insieme a cercare di fermare Sal, impossessato dal minion del mostro, inoltre sono quelli che conoscono meglio il ragazzo) e con lei apprende che Sal è morto nella notte. Lo sceriffo, fratello maggiore di Sal, è sconvolto, sa che i cacciatori hanno fatto qualcosa, che sanno perché il ragazzo è morto.
Qui Blake decide che aprirà le porte del team anche allo sceriffo e a Sophie. Rebecca non è d'accordo, secondo lei significa mettere in pericolo altra gente che magari non è pronta, ma Blake non la ascolta e indice una riunione di hunter, chiamando anche Sophie (antropologa che aiuta Rebecca nelle indagini e ricerche) e lo sceriffo Theroux.

La riunione è a casa di Blake, un tugurio a cui il Chosen non riesce a star dietro per mancanza di tempo. Siccome è la prima volta che si vede, presento il posto: era la casa dei suoi genitori, morti 25 anni prima, e Blake c'è cresciuto con il vecchissimo mentore Caleb, che aveva già abbastanza da fare tra reumatismi, mostri e un giovanissimo chosen da crescere e istruire e quindi ha lasciato la casa a se stessa.
L'arredamento, racconto, è tipicamente anni 80, divano in pelle, tende pesanti, uniche cose nuove sono un televisore al plasma (per le partite!!) e un piccolo frigo accanto al divano (per le birre da bere guardando le partite).
La cucina ha pure la porta a soffietto rotta ^^'
Un cesso, insomma.
Comunque la descrizione serve solo ad abbassare momentaneamente la tensione. Nel salotto marrone c'è il team di hunters, Richard, il superiore di Karim e membro della setta e le due nuove reclute. Blake presenta il loro ingresso nel gruppo come dato di fatto. Rebecca continua ad essere contraria (pensando anche alla sua situazione di Mundane) ma è Richard quello che solleva maggiori questioni e mette pure in dubbio la capacità di Karim a farsi rispettare da Blake.
Blake ribatte che la città è sua, lui è il prescelto, lui ha il diritto di scegliere nuovi aiuti per il team e riesce (con un manipulate ben assestato) a costringere Richard a condividere ciò che sa anche con i nuovo arrivati (insomma, non esporli al pericolo per ignoranza dei fatti).
Credo che, alla fine, quello che paga a più caro prezzo la decisione arbitraria di Blake sia Karim.

Mentre Blake e Richard dibattono, Rebecca riceve una chiamata dal babbo che le annuncia pranzo di famiglia perché Bill è tornato a casa.
Gli hunter, benché con poca voglia visti gli eventi della nottata, decidono di andare. Becca perché è suo fratello, Blake perché spera in una occasione per dimenticare i trascorsi, Helena, Karim e Sophie giusto per lasciarsi alle spalle il dramma della notte.

La magione dei Bell è immensa e piena di gente, profumo di costolette annaffiate da birra.
Fratello e sorella hanno un affiatamento che neppure la distanza degli ultimi anni (che Bill ha trascorso in un paese vicino, con la moglie) ha affievolito e con Blake... dopo un momento di imbarazzo, Bill sorride e Blake si sente perdonato (mi è sembrato un cane in punizione, che aspettava il perdono per tornare a scodinzolare... non scherzo) e sono tornati a fare gli scemi come un tempo.
Sollievo per tutti, finché Helena, dopo aver parlato con la moglie di Bill, Carrie, confida a Blake di avere avuto visioni terribili su di lei. Il figlio gettato tra le fiamme, visioni demoniache... Il bravo Chosen decide di indagare e trovatosi solo con lei, Indaga il mistero (fallendo miseramente, come per gran parte dei tiri di questa sessione).
Lei gli si avvicina e lo bacia e poi gli dice che Bill non lo deve sapere, sennò addio amicizia. Di nuovo! Ma maledetta!

Gli Hunter si riuniscono in camera di Rebecca, Blake racconta le visioni di Helena e il bacio, Rebecca reagisce infastidita e incredula... poi si rendono conto che Helena non c'è.
Trovano uno specchio rotto nel bagno e del sangue e con Use Magic capiscono cosa è accaduto (altro che CSI); Karim crea un portale attraverso lo specchio del bagno e vedono che in garage Helena è stata legata ad un tavolo e ci sono Kerry e Bill... che però non somiglia più a Bill, così munito di corna, di punte d'osso che gli escono da collo e spalle e cresciuto di minimo mezzo metro...
Rebecca e Sophie decidono di andare per fuori e intanto interpellare i net friends e google per scoprire chi è il mostro (ricordiamo che senza conoscere la debolezza del mostro, non lo si sconfigge completamente).
Karim e Blake entrano nel portale e si trovano davanti al demone, di cui non sanno nulla... insomma, Chosen e Iniziate suo mentore che si tuffano davanti ad un mostro che sembra davvero tosto, disarmati e del tutto ignoranti. Ma che bravi. Aspetta che lo venga a sapere Richard ;)
Blake si scaglia sul demone Bill, tiro un bel 10 con Kick Some Ass, mani nude ma scelgo danno extra. Lui non ne risente affatto, ride, afferra Blake e gli morde una spalla con una bocca da pianta carnivora e nonostante Blake sia d'acciaio (2 armatura anche in mutande), riesce a ferirlo. Ok, c'è bisogno di un'arma magica, il gladio non c'è, bisogna usare la magia (nonostante scorra scarsa in quest'uomo). Blake afferra una chiave inglese e la rende magica. Il mio tiro di Use Magic è mediocre (ma dai....) e Michela decide che la magia riesce sì, ma con un effetto indesiderato. Io ho l'idea, così mi lascia descrivere come le vene della mano di Blake si ingrossano, mentre stringe la chiave e richiama l'energia magica. Una luce bluastra comincia a scorrere dal suo braccio, avvolge mano e attrezzo, fondendoli l'uno con l'altra. "Vedi se adesso lo senti!" Questa volta il demone la smazzata la sente.
(Ad avanzamento fatto, ho preso Claws of the Beast dal libretto del Mostrous, ci sta tantissimo!!!)

Rebecca e Sophie, nel frattempo, hanno capito qualcosa: bisogna fare un esorcismo. Becca usa la magia per imprigionare il demone, ma solo grazie all'aiuto di Karim riesce a creare una gabbia abbastanza stabile per bloccarlo. Helena ha intanto intrappolato Carrie, Karim chiama in aiuto Richard (che compare sul posto con la nuova arrivata della Setta, Alice) e cominciano a creare il pentacolo.

Mando Blake a fare due parole con Helena.
La situazione tra i due non è semplice, son partiti con un flirt ed ora quasi non si parlano. Helena è distante, lui glielo dice senza mezzi termini, ma lei non si lascia andare a confidenze. Avrà anche i suoi problemi, ma non sembra aver bisogno di Blake.
Credo si sia definitivamente rotto qualcosa tra loro, è come se fossero due mondi che si sfiorano ma non si toccano, Blake cercherà altrove qualcuno per il suo bisogno di amore >_<

L'esorcismo è una big magic e la keeper Michela ci dice il prezzo: per gli ingredienti Karim ha chiesto aiuto alla Setta, ma avrà bisogno di tutti i presenti e Blake e Rebecca devono fare un Act under pressure perché tormentati da Bill, che li invoca, li supplica, ricorda loro i tempi passati... i due son proprio provati, poveri.
Rebecca ha successo, Blake... no! Decido così di spendere un punto luck, visto che gente in meno metterebbe a rischio l'intero rito. Dopo ore e ore, Elisa descrive come le fattezze di demone lasciano finalmente Bill, riportando lui e Carrie alla normalità. Debolissimi ma vivi (anche se non si sa in che stato mentale).

La sessione finisce con la scoperta che il padre di Rebecca e Bill sapeva del demone nel figlio, così come sa che tutti i suoi amici son stati uccisi da mostri, a cominciare dal padre di Blake. Come e perché lo scopriremo alla prossima, ma mi sa che comincia a delinearsi il Destino degli hunters e adesso tutto diventerà più difficile e complicato.

Aggiungo che Blake e Karim non hanno avuto modo di parlare tra loro del forzato coming out dell'Iniziato, ma i casini che sta attraversando Blake lo hanno reso un po' distante, cosa che Karim ha interpretato come un allontanamento nei suoi confronti. E' stato proprio bella la scena in auto, con Karim che si faceva piccolo e silenzioso per non incontrare neppure lo sguardo di Blake.
Insomma, ogni PG sta venendo fuori davvero bene, le interazioni sono incasinate ma molto belle e credo che sia anche merito delle regole sulla creazione dei PG, che mettono ben in chiaro relazioni e doveri di libretti e hunters.
Un plauso a Michela che come Keeper sa gestire benissimo tensione, mongolate e azione, comprese le descrizioni horror che Elisa a volte sembra trovare eccessive (io no... lovvo l'horror).
« Ultima modifica: 2013-01-14 17:10:53 da Francesca Da Sacco »

Re:[MotW] Old Town, Maine
« Risposta #14 il: 2013-01-14 16:51:58 »
(scrittura leggermente tremula. Parole in Arabo.)

Non c'è un attimo di riposo a Old Town. Solo ieri abbiamo affrontato un mostro che ci ha massacrati. Non solo si è impossessato di me, ma mi ha anche spinto, secondo le sue regole, a dimostrare chi sono davvero...e Blake, credo mi odi per questo. E' diventato freddo e distaccato nei miei confronti. Forse ha ragione Richard, non mi considera come dovrebbe. Come mi dovrebbe considerare poi? In cosa starei mancando? Blake ha molta più esperienza di me, quello che posso fare è insegnargli a usare la sua magia e mi sembra che stia facendo anche dei grossi progressi! Guidarlo in questa caccia e aiutarlo ad affrontare il suo destino... se proprio non lo si può impedire.
Anche la piccola Becca, sta migliorando tantissimo. Ha affrontato uno dei mostri peggiori che potesse affrontare.
Non mi è mai capitato che un membro della mia famiglia, potesse essere posseduto da un demone... posso solo immaginare che cosa Becca abbia passato in quei momenti. E' stata forte, se lei fosse crollata, non so se saremo riusciti a scamparla, questa volta.
siamo stati costretti ad un esorcismo, non è mai ne semplice, ne sicuro. Sono stato onorato che lei abbia tutta questa fiducia in me, che abbia scelto lo sconosciuto per una cosa così importante. Ho avuto paura di non farcela... molto dipendeva da me. Quando ho sentito Helena vacillare al mio fianco, durante il rituale, quando ho sentito che lasciava andare la mia mano... ho avuto bisogno di tutta la forza e la concentrazione di Becca. L'ho stretta a me. L'ho stretta forte perchè si sentisse al sicuro, perchè non avesse dubbi sul fatto che io stessi facendo tutto il possibile per salvare suo fratello. Il profumo dei suoi capelli, il suo corpo caldo fra le mie braccia... era quello di cui avevo bisogno per non vacillare a mia volta. E' stata il mio sostegno, nonostante le ore che ci sono volute per l'esorcismo. Non ha mollato un attimo, l'ho sentita, la sua energia che prendeva forza dalla sua fiducia. Così come ho sentito chiara, la vibrazione di Blake a pochi passi di noi e la famigliare stretta di Richard e Alice mentre mi sostenevano in questo difficile e delicato compito. Helena l'ho percepita...ma non allo stesso modo, dopo il suo primo tentennamento, c'era qualcosa che non era forte come prima. Dovrò parlarle... devo capire che cosa non va fra di noi e se è possibile, porvi rimedio. Siamo cacciatori, è una vocazione, ma se non possiamo tutti fidarci gli uni degli altri... che senso ha essere una squadra?


La giocata di ieri, è stata pesante per i nostri poveri PG. Sono stati toccati nel profondo.
Karim è stato abbatuto da Richard che ha messo in dubbio la sua capacità di fare da mentore e Blake e già che c'era gli ha pure affibbiato Alice, una baby sitter (che non ci credo che è un'idea della setta... nonono). Lo sceriffo ci ha reso noto della dipartita del fratellino Sal, che noi avevamo salvato nella nostra prima caccia e che ci ha seguito ed aiutato poi... è stato uno shock per tutti. Non uno shock grande quanto scoprire che il fratello di Rebecca, Billy, era posseduto da un demone e il papà di lei lo sapeva da parecchi anni.

Ammetto che ci sono stati momenti piacevoli, in cui, Miche per prima, abbiamo mandato un po' le cose in vacca. La gara di addominali, per esempio, svoltasi fra Billy (http://cdn04.cdn.justjared.com/wp-content/uploads/2010/02/kellan-meter/kellan-lutz-gas-station-meter-05.jpg), Blake (http://static.screenweek.it/2010/7/24/Tamara-Drewe-Foto-Dal-Film-4.jpg) e il signor Bell (http://jackborings.directv.com/cms2/what_is_directv/exclusive/friday_night_lights/lg__BRAD_LELAND_Buddy_Garrity.jpg) in cui hanno cercato di trascinare anche l'acciuga di Karim, che ha battuto in ritirata pressochè subito, considerando che tutte quelle giovani tartarughe spiaggiate cominciavano a dargli qualche problema con la sua componente Gay (zittita all'istante dall'arrivo di papà Bell!).
Ci sono stati però anche momenti davvero duri. Bisticci con Richard, viaggi in macchina in cui Karim ha fatto di tutto per nascondersi da Blake... ma veniva visto dallo specchietto laterale. Il più forte di tutti però, e l'insieme di scene che più mi è piaciuto è stato nella rimessa. Quando io e Blake siamo apparsi, aprendo un portale, e abbiamo trovato Helena stesa e legata (Karim ha commentato con un : che schifo!) tutta nuda e nelle grinfie di Carrie, la minion del mostro. Era il momento di salvare la pulzella in pericolo e distruggere il mostro.
E' stato un gran lavoro di squadra. Ogni uno di noi, ci ha messe del proprio.
Karim ha cercato di levarsi di torno Carrie e liberare Helena, ma non ha lasciato Becca nel momento del bisogno. Quando l'ha sentita attingere alla magia e ha sentito che non era forte abbastanza ha concentrato parte delle sue energie per aiutarla (successo parziale di Becca nello Use Magic per creare una trappola per il fratello/demone + Helping Hand per aggiungere il +2 a Becca. Avevamo bisogno che la trappola reggesse e un 8/9 non era sufficiente.). Blake ha tentato di usare una piccola magia per tramutare una chiave inglese in un'arma magica... ma è stato un successo parziale ed è diventato praticamente un tutt'uno con quella cosa. Helena ha catturato Carrie e l'ha immobilizzata, permettendoci così di procedere con l'esorcismo di Billy.

Abbiamo potuto attingere ad una Big Magic coi controfiocchi per esorcizzarlo. Sfruttando Richard ed Alice ho avuto in breve tempo tutto ciò che serviva a Karim per procedere col rituale, grazie al tiro di inizio sessione dell'Initiate.

Mi è piaciuto davvero tanto come Richard, Alice e Karim, nonostante la loro divergenza di opinioni su come agire, sappiano essere una grande squadra quando serve. Richard non ha fatto storie ed è venuto con tutto il necessario. Alice ha aiutato Karim a curare alcune delle sue ferite (ero arrivata a 7 e non avrei potuto sopportare un altro punto ferita!) nonostante Blake se ne fosse preso cura per stabilizzarsi. Anche davanti agli altri cacciatori, abbiamo dimostrato questa grande professionalità e non ci siamo presi per i capelli, anzi.

Il rituale poi, è stato davvero emozionante. Abbiamo tutti partecipato a modo nostro e apportato il nostro contributo, sebbene ci siano stati dei problemi nel "decidere chi avrebbe portato avanti l'esorcismo". Helena aveva chiesto a Karim se poteva farlo lei, perchè aveva un conto in sospeso con il demone, Karim ha lasciato che a scegliere fosse Becca, era la sua famiglia. Sapere che Becca si fida di quello nuovo, mi fa capire che con Karim (ci è voluta anche un po' di fortuna con i dadi e le magie) sto facendo un buon lavoro. Che non me ne voglia Ronny che muove Helena :)

Questa campagna sta prendendo una piega davvero spettacolare. Vorrei che non finissero mai le sessioni! :D