Autore Topic: In viaggio  (Letto 13788 volte)

Fealoro

  • Facilitatore
  • Membro
  • *
  • Andrea Mognon
    • Mostra profilo
In viaggio
« il: 2011-08-09 05:52:49 »
Damisc è una guida taciturna e scontrosa. Il fatto di avere altri due accompagnatori non previsti non migliora il suo umore, e la dice lunga sul tipo di rapporto che lo lega ad Harvetz.


Passate a sinistra del luccicante palazzo dei ricordi viventi, che vedete stagliarsi sul mare, e iniziate a percorrere sentieri poco battuti, come se Damisc non volesse farsi notare.


Dopo qualche giorno di cammino la vostra guida inizia a dirigersi a sud.

Suna

  • Visitatore
Re:In viaggio
« Risposta #1 il: 2011-08-09 06:24:37 »
Una sera accanto al piccolo falò del bivacco, Ninsunu si rivolge alla guida. "Direi che qui siamo sufficientemente lontani da orecchie indiscrete. Che ne pensi di dirci qualcosa di più?"

Fealoro

  • Facilitatore
  • Membro
  • *
  • Andrea Mognon
    • Mostra profilo
Re:In viaggio
« Risposta #2 il: 2011-08-09 12:54:39 »
Damisc si guarda attorno, è evidentemente a disagio, ma si decide a parlare.
-Harvetz è un vecchio amico, diciamo, a cui devo un favore. Mi ha chiesto di condurvi da lui e poi presso la sua dimora, le montagne della luna.- Il colosso nero fa una pausa, ritira le labbra sui denti bianchissimi, come se avesse paura di parlare.
-Il nano è molto spaventato da qualsiasi cosa quei medaglioni rappresentino, ma quando ho accettato la sua offerta ho riso delle sue fantasie. Dopo quello che mi è successo non rido più, e maledico la volta che ho accettato questo incarico.
Due giorni prima di incontrarvi, proprio alle porte di Guanda, stavo bivaccando poco lontano dalla strada. Nel pieno della notte mi ha svegliato uno strano rumore, come un respiro affannoso, che fiutasse delle tracce. Era buoi pesto e non ho visto cosa fosse, so solo che una figura informe, che si stagliava contro l'ombra incerta degli alberi, si muoveva lungo il sentiero. Il medaglione che mi ha dato Harvetz ha iniziato a pulsare, sbattendo contro il mio costato. Come se quell'essere l'avesse sentito si bloccò un attimo, e iniziò ad avanzare nella mi direzione. Io ero impietrito, bloccato dall'odore nauseabondo che lo circondava. Più si avvicinava più sembrava enorme. Ma ciò che più mi terrorizzò furono i contorni della sua ombra, che non assomigliavano a nessuna delle bestie che ho mai visto. Pareva avere più di quattro zampe, e protuberanze sulla schiena e si muoveva contorcendosi, come se ogni passo fosse un dolore enorme, e nonostante questo continuava ad avanzare. Solo l'improvviso nitrito del mio cavallo mi risvegliò da questo incubo. La povera bestia aveva richiamato l'attenzione dell'essere, io raccolsi in fretta le mie cose e corsi via, senza mai voltarmi. Il cavallo continuò a nitrire di dolore, mentre ancora sentivo il rumore di ossa che venivano frantumate.
Non so se poi fu la suggestione o la mia mente ormai vacilla, ma almeno altre due volte, nella piazza di Guanda, in mezzo alla gente, ho percepito distintamente il puzzo di quell'essere, che si nascondeva chissà dove nella città.
Penso che tu ora capisca perchè avessi tanta fretta di andarmene.-


Con un brivido Damisc mette ancora della legna sul fuoco, guardandosi con circospezione attorno.

Mr. Mario

  • Archivista
  • Membro
  • *
  • Mario Bolzoni
    • Mostra profilo
Re:In viaggio
« Risposta #3 il: 2011-08-10 02:14:39 »
Khron rimane un attimo in silenzio. La paura è una cosa buona. E' una cosa che ti mantiene vivo. Mai sottovalutarla. La paura è un ottima compagna per un guerriero, lo trattiene dal diventare stupido, e lui capisce la paura molto bene. C'è solo un tipo di paura che non aiuta, e che anzi è tremendamente dannosa. La paura dell'ignoto. Nessun guerriero può sconfiggere un nemico che vive solo nella sua testa e che si nutre della sua stessa forza. Quella vuole strappata via, e bruciata sul nascere.

"Descrivi meglio quell'odore." dice solamente.
Sognatore incorreggibile. Segretario dell'Agenzia degli Incantesimi. Seguace di Taku. L'uomo che sussurrava ai mirtilli.

Ander

  • Membro
  • Andrea Ungaro
    • Mostra profilo
    • Anderopoli
Re:In viaggio
« Risposta #4 il: 2011-08-10 02:38:18 »
Tu hai molta fantasia, uomo... Dice Urgayle rivolgendosi a Danisc. Sei una donnicciola spaventata!
Contro balrog, draghi, miniufo, orchi e paccottiglia varia dal 1987 o giù di lì

Suna

  • Visitatore
Re:In viaggio
« Risposta #5 il: 2011-08-10 03:20:34 »
"Silenzio," dice Ninsunu con voce gelida come il vuoto siderale. Nemmeno si volge verso Urgayle.
"Damisc, sei stato fortunato a sfuggire a quel segugio, ma ora non ti devi preoccupare." Impugna la lancia "questo oggetto è stato forgiato dall'acciaio contenuto nel cuore di una stella cadente. Secondo la Tradizione Orale, le stelle cadenti sono messaggi di speranza lasciati dagli antichi dèi. La loro luce fende le tenebre. E questa luce non è da meno, come i miei compagni di viaggio hanno avuto modo di constatare."

Ander

  • Membro
  • Andrea Ungaro
    • Mostra profilo
    • Anderopoli
Re:In viaggio
« Risposta #6 il: 2011-08-10 10:43:45 »
Luce, stelle... Pah! La sola parte valida è quella dell'acciaio! Nondimeno, la donna dice il vero, Danisc... Non hai niente da temere in nostra compagnia... A meno che tu non ce ne dia donde!
Contro balrog, draghi, miniufo, orchi e paccottiglia varia dal 1987 o giù di lì

Fealoro

  • Facilitatore
  • Membro
  • *
  • Andrea Mognon
    • Mostra profilo
Re:In viaggio
« Risposta #7 il: 2011-08-16 02:52:00 »
Damisc è solo in parte rassicurato dalle parole di Ninsunu.


-Se sei mai stato in un campo di battaglia qualche giorno dopo puoi averne l'idea.- Risponde Akhron -Era l'odore di putrefazione che accompagna i cadaveri in putrefazione, ma mille volte più forte, continuo e asfissiante-

Mr. Mario

  • Archivista
  • Membro
  • *
  • Mario Bolzoni
    • Mostra profilo
Re:In viaggio
« Risposta #8 il: 2011-08-16 04:42:50 »
Khron stringe le labbra. Conosce molto bene quell'odore. Suo malgrado. Istintivamente porta le mani all'impugnatura di spada e ascia.

"Riposate ora, è il mio turno di guardia. Se non ci ha ancora raggiunto ci stiamo muovendo abbastanza veloci. Meglio essere freschi domani e continuare così."
Sognatore incorreggibile. Segretario dell'Agenzia degli Incantesimi. Seguace di Taku. L'uomo che sussurrava ai mirtilli.

Suna

  • Visitatore
Re:In viaggio
« Risposta #9 il: 2011-08-16 05:06:33 »
(se per tutti va bene, mi piacerebbe un breve stacco tra Ninsunu e Khron... mentre gli altri dormono, la sacerdotessa potrebbe volere due parole con il nostro barbaro. E' ok?)

Ander

  • Membro
  • Andrea Ungaro
    • Mostra profilo
    • Anderopoli
Re:In viaggio
« Risposta #10 il: 2011-08-16 05:06:43 »
<ronf>
Contro balrog, draghi, miniufo, orchi e paccottiglia varia dal 1987 o giù di lì

Fealoro

  • Facilitatore
  • Membro
  • *
  • Andrea Mognon
    • Mostra profilo
Re:In viaggio
« Risposta #11 il: 2011-08-16 05:08:02 »
mi pare ok
siete solo voi due

Mr. Mario

  • Archivista
  • Membro
  • *
  • Mario Bolzoni
    • Mostra profilo
Re:In viaggio
« Risposta #12 il: 2011-08-16 05:08:21 »
Nessun problema.
Sognatore incorreggibile. Segretario dell'Agenzia degli Incantesimi. Seguace di Taku. L'uomo che sussurrava ai mirtilli.

Suna

  • Visitatore
Re:In viaggio
« Risposta #13 il: 2011-08-16 05:26:11 »
Nel cuore della notte Khron può sentire il suono di nudi passi felpati alle sue spalle. Un suono familiare, tranne per il fatto che per la prima volta la sacerdotessa non indossa i gioielli del suo rango e non impugna la lancia, come testimonia l'assenza del solito lieve tintinnio che ne accompagna i movimenti.
E quando si siede accanto al barbaro, questi può constatare come anche i capelli di Ninsunu, solitamente intrecciati e inanellati, ora sono sciolti e disadorni. Nonostante i tatuaggi sul viso, senza gioielli sembra avere un'aria meno austera e statuaria, e più umana.
"E' bello trascorrere la notte lontano dalle luci della città. Distolgono lo sguardo dalle stelle." La sua voce è poco più di un sussurro.

Mr. Mario

  • Archivista
  • Membro
  • *
  • Mario Bolzoni
    • Mostra profilo
Re:In viaggio
« Risposta #14 il: 2011-08-16 06:49:22 »
Khron alza gli occhi scuri verso il cielo. Nell'ombra, le sue cicatrici si notano meno, e potrebbe sembrare più giovane. La durezza che normalmente gli segnerebbe il volto, quella tensione delle mascelle sembra assente, e rimane solo... tristezza? Possibile?

Anche la sua voce profonda risponde a Ninsunu in tono leggero, per non disturbare i compagni.

"Quando le guardi, ti parlano, sacerdotessa?"
Sognatore incorreggibile. Segretario dell'Agenzia degli Incantesimi. Seguace di Taku. L'uomo che sussurrava ai mirtilli.

Tags: