Autore Topic: Commenti riguardo Memories of War  (Letto 2409 volte)

Commenti riguardo Memories of War
« il: 2009-04-30 02:32:09 »
Su consiglio di khana, riporto i miei commenti circa l'esperienza che ho avuto con Memories of War, sabato mattina.

Il gioco mi è piaciuto parecchio, e alcune meccaniche (quella legata agli assi e al potere di fare scene framing in particolare) mi hanno decisamente colpito. I temi del ritorno della memoria e del giudizio finale della morte, inoltre, sono molto azzeccati e fighi :)
Un paio di punti, però, mi hanno lasciato un pò perplesso.

In particolare, non ho ben chiaro quale fosse l'obbiettivo del gioco (il "what is this game about" di Paoletta, per intenderci). Durante la partita non ho ben capito se il gioco ruotasse intorno al battere gli altri personaggi accumulando tratti (per evitare che il proprio pg finisca nell'abisso) o all'esplorare i drammi che il proprio personaggio ha vissuto durante la guerra, magari ricostruendo, nel frattempo, i propri ricordi (sto pensando alle domande fatte dalla morte, alle risposte e al tirare in ballo situazioni legate ai sentimenti dei personaggi). L'impressione che ho avuto è che la cosa più importante fosse proprio l'accumulare tratti e "vincere"... quindi le seguenti considerazioni si basano su questa visione dell'obbiettivo del gioco.

L'accumulo dei tratti mi è sembrato un pò "lento" e spesso passivo. Durante la fase nel Limbo solo un personaggio può guadagnare un Tratto, mentre durante la fase Fotogramma l'acquisizione di nuovi Tratti sta sostanzialmente in mano al giocatore che interpreta la morte (se lui non chiama conflitti, l'unica cosa che si può guadagnare in quella fase sono i token da puntare successivamente nella fase Limbo). Tuttavia, non so quanto questa considerazione possa valere: mi sono trovato a giocare in una situazione un pò particolare, con Mauro che doveva spesso assentarsi per fare da segretario, e noi che non ce la sentivamo di prendere anche il ruolo della morte e chiamare dei conflitti con noi stessi...

La seconda cosa che mi ha colpito (ma penso di avertelo accennato anche a Internoscon) è il fatto che si possano creare, spesso, dei momenti in cui un giocatore non sa come mandare avanti la narrazione: non avendo spunti, né particolari obbiettivi da raggiungere (quello che conta per un giocatore, in fondo, è l'avere più conflitti possibile con la morte, in modo da guadagnare nuovi tratti) c'è il rischio che la narrazione si "blocchi" perché il giocatore non sa come andare avanti e spera che qualcuno altro lo interrompa chiamando un conflitto (durante la partita, questo è successo un sacco di volte... e con giocatori più "passivi" immagino che sia un rischio da non sottovalutare). Mauro ci ha detto che un buon modo per inserire dei conflitti fosse il fatto di narrare che gli altri personaggi fossero dei traditori, in maniera da metterli in cattiva luce con la morte (mi sembra di ricordare una frase simile, ma in quello stesso giorno ho assunto quantità abnormi di alcool e non voglio mettere parole sbagliate nella bocca di altri). Mi è sembrato un buon consiglio... ma, in termini di meccaniche, che un personaggio sia o meno un traditore, un vigliacco o un bastardo, è ininfluente.

In definitiva, mi sembra che ci sia del buon potenziale, sia a livello gamistico che, sotto sotto, a livello narrativistico (rileggendola, 'sta frase suona di stronzata... probabilmente perché non capisco un cazzo di teoria. MA sto studiando ^^ )

Ovviamente, questi sono solo i miei 2 cent :)

Commenti riguardo Memories of War
« Risposta #1 il: 2009-04-30 02:36:00 »
Grazie del post :)
Credo tu abbia centrato quelli che al momento sono i 2 grossi dubbi sul sistema e grazie all'aiuto e all'entusiasmo di Mauro, ci sto lavorando e probabilmente riuscirò a sistemarli entro la prossima uscita.

Non avevo mai pensato che Memories of War potesse diventare un "gioco completo", quindi alcune cose erano state lasciate indietro, ma grazie a questo tipo di post e di commenti stanno venendo fuori molti spunti e strade per chiudere il cerchio :)

Saprò stupirvi ^^
il dado si lancia da solo, e da qualche parte nel mondo un orco muore - vincitore di un Ezio D'Oro per la Boiata della Settimana! ("This Is Something Only I Do!"™)

Mauro

  • Membro
    • Mostra profilo
Commenti riguardo Memories of War
« Risposta #2 il: 2009-04-30 10:56:50 »
Citazione
[cite]Autore: Nathaniel[/cite]L'accumulo dei tratti mi è sembrato un pò "lento" e spesso passivo. Durante la fase nel Limbo solo un personaggio può guadagnare un Tratto, mentre durante la fase Fotogramma l'acquisizione di nuovi Tratti sta sostanzialmente in mano al giocatore che interpreta la morte (se lui non chiama conflitti, l'unica cosa che si può guadagnare in quella fase sono i token da puntare successivamente nella fase Limbo). Tuttavia, non so quanto questa considerazione possa valere: mi sono trovato a giocare in una situazione un pò particolare, con Mauro che doveva spesso assentarsi per fare da segretario, e noi che non ce la sentivamo di prendere anche il ruolo della morte e chiamare dei conflitti con noi stessi

Considerazione giustissima: premesso che sono considerazioni mie e non cose da manuale, la Morte deve essere attiva finché ci sono Schegge da vincere (ed essere attiva con ogni soldato, per non dare solo ad alcuni la possibilità di vincere Tratti), e diventare piú passiva quando non ci sono piú, in modo da centrare la storia sui conflitti dei e tra i soldati.
Però era bella la Morte che arrivava, cercava di uccidere qualcuno, e si assentava nuovamente :P

Citazione
Mauro ci ha detto che un buon modo per inserire dei conflitti fosse il fatto di narrare che gli altri personaggi fossero dei traditori, in maniera da metterli in cattiva luce con la morte (mi sembra di ricordare una frase simile, ma in quello stesso giorno ho assunto quantità abnormi di alcool e non voglio mettere parole sbagliate nella bocca di altri). Mi è sembrato un buon consiglio... ma, in termini di meccaniche, che un personaggio sia o meno un traditore, un vigliacco o un bastardo, è ininfluente

Per tradimento e simili (con l'uccisione ovviamente il discorso è diverso), dipende se il soldato è pronto o no ad accettare di essere messo in luce come traditore; meccanicamente è vero, non cambia nulla. Del resto alla Morte "non interessa", anche se uno è un traditore ha tutto il diritto di provare a ricordare cos'è accaduto.
« Ultima modifica: 2009-04-30 10:57:47 da Mauro »

Antonio Caciolli

  • Membro
  • Antonio Caciolli
    • Mostra profilo
Commenti riguardo Memories of War
« Risposta #3 il: 2009-04-30 14:22:47 »
benché fosse stato messo in piedi all'improvviso penso che sia stato un evento molto bello e il gioco è stato subito appassionante

quoto i dubbi/critiche di Dino e aggiungo che non ho amato che la storia dei contrasti non fosse molto regolata premiando diciamo quello che contrastava prima. per certi versi funziona ma alle volte è stato un po' un "premi il pulzante per primo e dai la risposta" contando che molte cose, soprattutto quando eravamo in gruppo come pg, venivano ovviamente contrastate da tutti e quidni c'era un po' la caccia a chi contrasta per primo (anche perché è l'unico modo di accumulare potere)

inoltre ancora non ho capito come finisce il gioco o_O?

Commenti riguardo Memories of War
« Risposta #4 il: 2009-04-30 14:27:09 »
Citazione
[cite]Autore: Antonio[/cite]inoltre ancora non ho capito come finisce il gioco o_O?

Chi acquisisce la memoria completa è in grado di raccontare alla Morte "come sono andate le cose".
Questo è l'epilogo del gioco :)
il dado si lancia da solo, e da qualche parte nel mondo un orco muore - vincitore di un Ezio D'Oro per la Boiata della Settimana! ("This Is Something Only I Do!"™)

Tags: