Autore Topic: Dagli all'Airone - il mio punto di vista  (Letto 4722 volte)

Michael Tangherlini

  • Membro
  • Michael Tangherlini
    • Mostra profilo
    • Phage without a host
Dagli all'Airone - il mio punto di vista
« Risposta #15 il: 2010-04-30 21:16:59 »
Citazione
[cite]Autore: Talos 2.0[/cite]2 Casette del Monopoli

Visto che serve anche a me del tempo libero, Vedo e Rilancio con 2 Hotel.

Per apportare il mio contributo, è vero che il tradizionale può funzionare, ma è verissimo che non è mai metodo del gioco. Esperienza personale: conta molto di più l'affiatamento del gruppo e la coordinazione degli intenti che un qualsiasi sistema tradizionale.

-MikeT
My body is a cage / My mind holds the key (Peter Gabriel - My body is a cage)

Emanuele Borio

  • Membro
  • Chiamatemi Meme
    • Mostra profilo
Dagli all'Airone - il mio punto di vista
« Risposta #16 il: 2010-04-30 21:20:43 »
Funziona meglio il Freeform di parpuzio per quello che concerne la riuscita di una Bella Storia(TM) XDDDDDDDD

Almeno se il sistema non c'è, non ti ostacola XD
Ciao, sono Meme! - Fanmail 64 - DN=2 - Ingegnere delle Scienze Agrarie, Contadino, Nerd di Professione.

Mattia Bulgarelli

  • Facilitatore Globale
  • Membro
  • *****
  • Mattia Bulgarelli
    • Mostra profilo
Dagli all'Airone - il mio punto di vista
« Risposta #17 il: 2010-04-30 22:02:44 »
Ok, signori... Di discussioni sul tradizionale ne abbiamo già a dozzine in archivio e non credo se ne senta il bisogno se non nella misura che interessa ad Airone (che ha aperto il thread).

Invito Airone a riassumere qual è l'argomento di questo thread (e ad aprirne altri se gli argomenti sono tanti, per motivi di ordine e di comodità di tutti, Airone per primo) e tutti gli altri (incluso me stesso) a restare IT, sennò non gli siamo d'aiuto.
Co-creatore di Dilemma! - Ninja tra i pirati a INC 2010 - Padre del motto "Basta Chiedere™!"

Mr. Mario

  • Archivista
  • Membro
  • *
  • Mario Bolzoni
    • Mostra profilo
Dagli all'Airone - il mio punto di vista
« Risposta #18 il: 2010-04-30 22:26:16 »
Volevo specificare una cosa: ho voluto scrivere per spiegare meglio ad Airone qual'era il punto delle sue riflessioni che secondo me aveva fatto scattare Ezio, e magari un po' entrare nel merito della questione "il tradizionale può essere comodo per i giocatori timidi".
E anche per far vedere che, a differenza di un esercito di crociati, le opinioni delle persone su questo forum sono un po' più sfumate ed eterogenee. Non bisogna considerare solo quelli che si sbracciano più degli altri. :)
Sognatore incorreggibile. Segretario dell'Agenzia degli Incantesimi. Seguace di Taku. L'uomo che sussurrava ai mirtilli.

Dagli all'Airone - il mio punto di vista
« Risposta #19 il: 2010-05-01 10:08:46 »
Devo dire che personalmente mi trovo decisamente daccordo con alcuni punti toccati da Airone.
Tanto per cominciare, premetto che non ho seguito la discussione originale, ma il suo post di apertura-thread è abbastanza generico da permettermi di parlare direttamente di alcune cose.

Credo sia innegabile che questo forum sia un forum di giochi NW (ok, ora non cominciamo a farci pugnette sulla terminologia: uso NW perché tanto nel bene o nel male così capiamo tutti di cosa sto parlando).
L'atteggiamento standard quando si parla di giochi tradizionali è riassumibile in "che merda", o "guardate 'sto topic americano in cui parlano delle peggiori esperienze possibili capitate". Quando l'argomento viene portato da un nuovo iscritto, generalmente la risposta è "si, ma non funzionano. Prova questo o quest'altro". Che sono tentativi di mostrarsi disponibili, certo, ma confermano la spocchia nei confronti degli altri giochi (o dell'altro gioco) (questa la dedico a Domon, che spesso in maniera divertente e sagace dice che alla fin fine son sempre lo stesso gioco). E possiamo girarci intorno quanto vogliamo, alla cosa, ma il fatto rimane: è vero che di giochi "tradizionali" qui non si parla. E non prendiamoci in giro citando D&D4 o WFRPG3, che sono tradizionali ma "evoluti"... parlo di White Wolf, Cyberpunk e roba del genere.
Non possiamo quindi negare quello che dice Airone quando parla di "vostra identità di forum votato ai GdR NW. Peggio, di forum votato contro  i il GdR tradizionale".
Forse non erano quelle le intenzioni, forse non era lo scopo di messaggi e interi thread, ma oggettivamente questo è il risultato. Non ho visto nessuna discussione di gioco tradizionale. E se me ne trovate una, faticherete a trovarne un'altra, o altre 2, o altre 5. Su centinaia di thread. E' un fatto, che il forum sia diventato un punto di riferimento per il gioco NW. Cosa positiva perché serviva uno spazio negato in altri ambienti virtuali, ma cosa molto negativa se si pensa a quali erano le intenzioni iniziali del forum: creare uno spazio per discussioni sul gioco, su tutto il gioco, e così non è. Mi metto nei panni di chi volesse venire qui a scrivere un thread di consigli su una campagna di Cthulhu, per esempio, o di Vampiri. Non so se si andrebbe oltre al "Ma perché non cambi gioco?", e dubito che avrebbe poi un seguito, come thread. Cosa perfettamente legittima (uno parla solo delle cose di cui ha voglia) ma che dimostra il mio punto di partenza: questa community (perché ormai siamo più di un forum, tra Convention, Fiere, etc) è una community SOLO per NW.

Non capisco perché si stia cercando di dimostrare il contrario. Non vorrei che ormai la forma-mentis fosse "arriva uno che vuole parlare in difesa dei tradizionali" ---> "affossiamo i tradizionali" ---> "per buona misura neghiamo qualunque cosa lui dica". Perché mi sembra stia accadendo un po' questo, ora, e veramente non riesco a capire il perché.

Airone (che non conosco, e con cui ero (anche se silenziosamente) in disaccordo su altri argomenti in altri thread, è venuto e ha espresso, in maniera civile, una sua opinione. Tutt'altro che stupida, sicuramente non campata per aria. L'atteggiamento medio di risposta è stato "non è vero" prima ancora di capire veramente cosa intendesse dire (forse). Se queste non erano le intenzioni di chi ha scritto, allora (con molta umilté, alla Arrigo Sacchi) suggerisco di rileggere i vostri interventi spassionatamente, e provare a vedere se non ci vedete quello che ci ho visto io (scusate il calembour).


In effetti questo discorso mi riprometto di farlo da tempo, ma non avevo mai occasione-tempo-voglia di affrontarlo. Non sto scoprendo ora quello che considero l'atteggiamento-standard del forum, e non è un atteggiamento che a me personalmente piace molto. Mi sembra che si stiano ripetendo gli stessi errori (speculari) di cui la community NW in generale era stata vittima in altri forum. E infatti non partecipo molto al forum, limitandomi a lurkare (tantissimo) e intervenire quasi solo sulle cazzate, se non per thread "Janusici" in cui sono, per ovvi motivi, coinvolto in prima persona.

Spero che questo mio intervento verrà letto nel migliore dei modi: intanto con qualche quintale di charitable reading (non sto accusando nessuno in particolare, solo cercando di "mettere in evidenza" un atteggiamento generale che, almeno a me, non sta piacendo).  Se poi ci sarà la voglia di fare ammettere questi atteggiamenti da parte di qualcun altro oltre a me, sarò felice: vorrà dire che non mi sono bevuto il cervello (o che l'altro se l'è bevuto al mio stesso modo, ma spero di no).

Vorrei comunque ringraziare Airone, nello specifico di questo thread, perché sta difendendo un suo parere in maniera molto garbata e civile, come non sempre è stato fatto quando si difendevano giochi tradizionali. Trovo anche mi ha offerto l'occasione di parlare di una cosa che mi sta a cuore e di cui volevo parlare da tempo.
Una delle teste di Janus

Mattia Bulgarelli

  • Facilitatore Globale
  • Membro
  • *****
  • Mattia Bulgarelli
    • Mostra profilo
Dagli all'Airone - il mio punto di vista
« Risposta #20 il: 2010-05-01 10:32:26 »
@Ariele: ora non ho tempo, ma ho un po' di cose da dire... Non scappare, ti rispondo domani. ^_-
Co-creatore di Dilemma! - Ninja tra i pirati a INC 2010 - Padre del motto "Basta Chiedere™!"

TartaRosso

  • Membro
  • Simone Lombardo
    • Mostra profilo
    • DragonIsland
Dagli all'Airone - il mio punto di vista
« Risposta #21 il: 2010-05-01 10:38:01 »
Concordo con Ariele.

Segnalo anche che ci sono molte persone che non intervengono tantissimo ma che hanno un atteggiamento diverso verso i tradizionali rispetto a  chi interviene di più.

Io ad esempio sono una persona che difficilmente rigiocherà ad un tradizionale ma comunque credo di avere posizioni molto più morbide di altri verso il tradizionale.

Altri invece continuano a giocare tranquillamente sia i giochi indie/forgiti che il tradizionale.

Magari dovremmo intervenire di più. Però, banaòlmente, non si può far intervenire a forza una persona che non ne ha voglia.

Edit:

Aggiungo una cosa.
Mi piacerebbe vedere un atteggiamento meno aggressivo della community verso il gioco tradizionale.

Non sto dicendo che cambiate idea rispetto al gioco tradizionale. Non mi verrebbe in mente. Ognuno ha le su legittime idee. Però potreste provare a esporre il tutto in maniera menop aggressiva.

Poi capisco che ognuno è fatto come è fatto ed è difficile cambiare. Il mio è semplicemente un "desiderata".
« Ultima modifica: 2010-05-01 10:51:48 da TartaRosso »
Simone Lombardo

Matteo Suppo

  • Amministratore
  • Membro
  • *****
  • Matteo Suppo (oppure no?)/ Fanmail permanente
    • Mostra profilo
Dagli all'Airone - il mio punto di vista
« Risposta #22 il: 2010-05-01 10:57:38 »
D&D4 evoluto? Non fatemi ridere, dai xD

Comunque, che dovremmo fare? Parlare anche di Vampiri per Par Condicio? Evitare di esprimere opinioni e argomentazioni perché a qualcuno potrebbero non piacere?

Va bene. Sul serio, che problema c'è? Se qualcuno vuole venire qua a parlare della sua campagna di Chthulu che lo faccia. Semplicemente non leggerò quel thread. D'altronde non leggo neanche adesso tutti i thread che ci sono.
Volevo scrivere qualcosa di acido ma sono felice :(

Emanuele Borio

  • Membro
  • Chiamatemi Meme
    • Mostra profilo
Dagli all'Airone - il mio punto di vista
« Risposta #23 il: 2010-05-01 11:07:55 »
Concordo con Ariele, almeno per quello che riguarda me.
Ora credo che la mia posizione sia nota ai più, per non dire tutti, ma io, sempre civilmente cerco di farla notare.

Poi dell'essere garbati è una cosa di carattere, genetica. Se posso sembrare aggressivo non è perchè sia il mio intento, ma è semplicemente un mio modo di pormi. In questo caso si applichi charitable reading anche a me ^^

Per quanto riguarda me personalmente, sì, sono contro il gioco tradizionale, per me sono giochi che non funzionano, portano a creare disfunzioni di natura sociale e sono anche dannosi per l'immagine dell'hobby, che appare come una cosa in cui bisogna spendere immenso tempo e denaro, e leggersi chilometrici tomi, per non parlare di come vengono raffigurati i giocatori nell'immaginazione popolare, lasciamo perdere.
Perciò il mio parere è che questi giochi(non li chiamo NW perchè non vuol dire niente), giochi che funzionano, che richiedono meno tempo e molto meno denaro, che riescono a dare molto di più di quello che qualunque tradizionale può dare, e senza sforzi immensi per far quadrare le cose, IMHO sono OGGETTTVAMENTE migliori.

Ci si può divertire anche con i tradizionali? Sti cavoli sì! Io stesso mi ci sono divertito per anni ma, come detto non so quante volte, non mi sono divertito GRAZIE al gioco, ma NONOSTANTE al gioco, e da quando ho scoperto i nuovi giochi, mi diverto centinaia di volte di più, quasi in maniera esponenziale, ho fatto tanti nuovi amici, ho organizzato e partecipato a tante belle iniziative, e il tutto con molto meno sforzo.
Se sembro sgarbato o aggressivo è solo perchè vorrei con tutto il cuore che qualunque giocatore di tradizionali provasse senza preconcetti i nuovi giochi, imparasse a giocarli, e riuscisse a capire quello che ho capito io. Lo vorrei davvero. Per questo a volte sembro aggressivo.
Magari sono troppo altruista, o non riesco a farmi i fatti miei, ma per il momento mi vedo come uno che ha imparato a pescare i pesci con la rete a tonnellate, e vede una marea di gente inginocchiata nel fango a raccogliere pesci con le mani. È naturale che ogni mio sforzo sarà posto a "Ma che diavolo fate? Usate le reti santo cielo!".

Se poi urto qualcuno mi scuso, ma le mie convinzioni in merito sono troppo forti per essere coperte con l'ipocrisia e neanche ci tengo a nascondere come la penso.
Che poi su questo Forum io mi scagli contro i tradizionali? Sì, lo faccio, i motivi sono sopra.

Ma è comunque innegabile che non diciamo "I tradizionali fanno cagare. Punto." ma argomentiamo e dimostriamo con criteri OGGETTIVI le nostre convinzioni, non un generico "Sono giochi da checche", "non sono veri GdR" da chi non li ha neanche provati, e questa è una fottuta verità, che sicuramente rende una "Crociata", se così la vogliamo chiamare, assennata e per quanto sia possibile, civile.
Questo fatto innegabile direi che è tutto a nostro favore, come community, visto che nessuno può andare a dire "Quelli lì sputano sentenze a caso senza fondamento", cosa che potremmo dire di molti(la quasi totalità, a dire il vero) giocatori di puro tradizionale, che davvero sputano sentenze, la maggior parte delle volte senza nemmeno aver provato il gioco.


EDIT: la evidenzio perchè è la parte saliente del post e non vorrei che fosse saltata :P
« Ultima modifica: 2010-05-01 11:22:35 da Meme ò_ò »
Ciao, sono Meme! - Fanmail 64 - DN=2 - Ingegnere delle Scienze Agrarie, Contadino, Nerd di Professione.

Dagli all'Airone - il mio punto di vista
« Risposta #24 il: 2010-05-01 11:23:05 »
Ciao Fabio,
Ci tengo a precisare un paio di cose, la prima è che il topic degli orrori non nasce come autoconsolazione, ma correggetemi se sbaglio, nasce come testimonianza che i problemi che porta il gioco tradizionale sono reali e verificati, quindi quando qualcuno dice che la struttura di parpuzio può portare a degli squilibri, a creare un gioco non divertente ecc ecc, non si sta inventando nulla.

Nessuno qua dentro ignora che con il gdr tradizionale ci si possa divertire, nessuno.
Perché ci si è divertiti pure noi. Il punto è stabilire in che maniera, in che modalità e per quanto tempo.
Mi spiego meglio, io di mio, non prorrei una partita ad un gdr tradizionale nemmeno se messo alla gogna e con le brache calate, ma non ne sono diventato intollerante, ne vedo i limiti e ho in ballo ancora una campagna di D&D3.5, una volta al mese, con degli amici che non vedrei altrimenti. Con loro mi diverto? Si, dipende dal gioco? In parte anche, ma quando gioco sono perfettamente conscio dei limiti del sistema di gioco.

Riprendendo il discorso del primo paragravo del topic e la tua osservazione sui muri di gomma posso dire che la differenza sta proprio in questa presa di coscienza e del realizzare da dove proviene il divertimento e da dove proveniva quando si è giocato a GDR Classici :).
Aloa!
« Ultima modifica: 2010-05-01 11:26:56 da fenna »
Daniele "fenna" Fenaroli

Emanuele Borio

  • Membro
  • Chiamatemi Meme
    • Mostra profilo
Dagli all'Airone - il mio punto di vista
« Risposta #25 il: 2010-05-01 11:26:34 »
Citazione
[cite]Autore: fenna[/cite]Ci tengo a precisare un paio di cose, la prima è che il topic degli orrori non nasce come autoconsolazione, ma correggetemi se sbaglio, nasce come testimonianza che i problemi che porta il gioco tradizionale sono reali e verificati, quindi quando qualcuno dice che la struttura di parpuzio può portare a degli squilibri, a creare un gioco non divertente ecc ecc, non si sta inventando nulla.


Io l'ho visto anche come un "Ma scusate, fino a ieri tutti si lamentavano che le loro campagne andavano a ******* e adesso dicono che non esiste gioco migliore? O sono pazzo io, o me lo sono sognato, o le cose sono un pò diverse" :PPPPPPPPPPPP

Citazione
[cite]Autore: fenna[/cite]Riprendendo il discorso del primo paragravo del topic e la tua osservazione sui muri di gomma posso dire che la differenza sta proprio in questa presa di coscienza e del realizzare da dove proviene il divertimento e da dove proveniva quando si è giocato a GDR Classici :).

TeleMpatia For The Win
Ciao, sono Meme! - Fanmail 64 - DN=2 - Ingegnere delle Scienze Agrarie, Contadino, Nerd di Professione.

Ezio

  • Membro
  • Ezio Melega
    • Mostra profilo
Dagli all'Airone - il mio punto di vista
« Risposta #26 il: 2010-05-01 13:09:56 »
Ok, questo post mi costa caro.

Ariele, inizio rispondendo in prima persona a te (poi mi perdo), chiedendoti: ma sei sicuro?
Io non sono certo il più diplomatico, gentile e accomodante degli uomini, me ne rendo conto, e potrei andare sopra le righe molto, molto spesso.
Però non credo di essermi mai, mai tirato indietro da un discorso realmente costruttivo e ho più volte ammesso di essermi sbagliato. La singola cosa che mi manda veramente in bestia è il credere di "essere arrivati", di aver capito tutto quello che c'è da capire. Dopo due anni di gioco esclusivamente indie ancora mi sorprendo a fare ragionamenti tipici del mio vecchio modo di giocare. Dopo due anni e decine di giochi provati sono ancora a questo punto.
Ogni nuovo gioco è una sorpresa e conoscere bene AiPS non mi ha messo nella posizione di capire 1001 Notte (o il Solar System, se è per questo). Siamo tutti nella medesima situazione, no?

Eppure a volte vedo, sul forum, thread di persone che hanno provato un paio di giochi, magari velocemente, magari hanno solo letto il manuale e da questo credo di aver capito tutto "l'universo NW" e poter far paragoni con "l'universo Tradizionale".
Quando si corregge, si dice "no, guarda, la tua visione è parziale, quello che hai detto è sbagliato (non opinabile. Errato.)" ci si sente dare dei Crociati, dei fanatici, dei massoni. Perché si è cercato di raddrizzare le intuizioni e le prime impressioni di qualcuno O.o
È esattamente quello che è successo nel thread che ha generato questo.
Airone ha detto che i giochi indie sono adatti a giocatori attivi e che la task resolution offre ai timidi maggiori possibilità di influire sul gioco della conflict, avendo provato una manciata di giochi. Ragazzi, voi sapete perfettamente che queste non sono opinioni opinabili: sono errate. L'abbiamo provato sulla nostra pelle, l'abbiamo giocato e lo sappiamo bene.
Airone ha detto una cazzata. Pace, glie lo si dice e, si spera, capirà che aver giocato un po' a Non Cedere al Sonno non è sufficiente a dare giudizi sull'Universo NW (vedete perché è dannoso usare quella sigla?).

Però quando l'ho detto mi sono sentito dare del Crociato.

Perché succede questo? Non lo so. Forse perché il "Fantasma del Gioco Passato" è sacro, forse perché non si accetta di poter migliorare il proprio divertimento, forse perché, arroganti come siamo noi player, ciascuno di noi si sente un po' artista e toccare l'opera di un'artista è sempre delicato. Fatto sta che spesso ogni attacco ad un gioco o ad una serie di preconcetti viene interpretato come un attacco personale o come un atto di fanatismo. In pratica bisogna accettare che il gioco Tradizionale abbia i suoi valori, e non si può dire che i valori che vengono identificati sono dovuti (il più delle volte) ad un errore di percezione, che ad approfondire l'esperienza si chiarisce.
Non ci sto, semplicemente non ci sto. Se qualcuno sbaglia lo correggo, così come spero che quando sbaglio io mi si corregga.
Non ci sto neppure a passare per un crociato, un fanatico o un massone. Ho solo detto le cose come stavano, ho corretto un errore. Non qualcosa di opinabile, nel qual caso sì sarei stato un crociato, come "Col gioco tradizionale ci si può divertire" ma qualcosa di oggettivo come il vecchio paradosso "Esiste il gioco passivo".

Volete parlare di giochi tradizionali? FATELO! Ma non offendetevi quando qualcuno verrà a dirvi che Sine Requie (esempio a caso) è il solito Sistema 0 nato vecchio di 15 anni, perché È così. Se dite che il sistema dei tarocchi è innovativo non date del fanatico a chi vi dice che è solo l'equivalente di "tira un dado, il master interpreta per te la tabella" con un altro colore, perché È così.
Come facciamo a sapere che È così? Perché il regolamento (rispettato in tutti gli interventi seri e presi in considerazione) ci obbliga a portare l'Actual Play. La nostra esperienza personale e diretta. Non a parlare per sommi capi e per sentito dire, ma perché Sine Requie lo si è provato e a fondo ed è possibile criticarlo e, all'interno di questa critica può esserci la frase "È una vaccata più antiquata di D&D 3.0. Ora ti spiego cosa intendo [segue AP]. Capisci il mio punto di vista?"
Perché questo è un forum di giocatori Indie e non si vedono troppi "tradizionalisti"? Perché ad oggi la stragrande maggioranza degli appassionati di tradizionale che è comparsa e ha postato l'ha fatto non per parlare di giochi, ma per un distorto senso di sfida e opposizione. Non parlavano di un gioco, cercavano di difendere e salvare uno STILE di gioco. Non cercavano il confronto, cercavano di far ammettere a chi ha già compiuto un certo percorso ludico che "si può salvare questo è quello", senza capire che decidere cosa "salvare" è una questione di scelta personale. Sei tu a dover analizzare la tua esperienza personale e decidere cosa salvare. Io l'ho fatto e ho cestinato praticamente tutto nel giro di due mesi. La mia morosa no, ma, guarda un po', ogni tanto frequento il suo gruppo di tradizionale e ho giocato indie con alcuni di loro. Abbiamo discusso di giochi e di gioco, e attualmente loro sono l'esempio dorato di come far funzionare Parpuzio: un Contratto Sociale solidissimo e un drift del sistema verso la coerenza (hanno una CA emersa, sicuro, ma non chiedetemi di classificarla).
L'alternativa al thread generico in difesa del Sistema 0 è un thread in cui l'autore vorrebbe parlare di un gioco indie che ha appena letto e si offende quando gli si corregge la sua errata comprensione del gioco o un thread in cui l'autore voglia parlare di un gioco tradizionale e si offende quando gli si dice che il gioco è stato provato e giudicato insufficente.

Io non apro un thread sul CoC o Sine Requie o Pathfinder perché sono giochi che non mi interessano. Se a voi interessano aprite pure un confronto o una discussione su di essi, ma siate pronti a discuterne davvero, e non a usarli come ariete per scardinare le idee di "quei fanatici forgiti". Le risposte che vi verranno date il frutto dell'analisi personale del gioco e potrebbero essere decisamente negative, forse brucianti. Si potrebbe persino dire che la vostra analisi e le vostre conclusioni sono del tutto sbagliate. Siate pronti ad accettarlo. Quella è l'opinione della persona che ha scritto. Se siete intellettualmente onesti la valuterete, altrimenti no. Pace.

In definitiva sul forum si può fare solo un confronto. Se dopo continuate a credere che con un gioco tradizionale ci si diverta lo stesso e che la vostra passata esperienza non sia tutta da buttare... sono cavoli vostri. Siete voi a dover decidere quanto del passato valga la pena di essere salvato. Se però si rifiuta il confronto perché chiunque pensi (e lo dica. Al di là della diplomazia e dell'educazione io non mento, neppure per omissione: se ho un'opinione la esprimo) che il tradizionale è da buttare o che corregga un errore è un crociato non si arriva da nessuna parte.

Ciao.
« Ultima modifica: 2010-05-01 13:13:49 da Aetius »
Just because I give you advice it doesn't mean I know more than you, it just means I've done more stupid shit.

Mauro

  • Membro
    • Mostra profilo
Dagli all'Airone - il mio punto di vista
« Risposta #27 il: 2010-05-01 13:17:47 »
Citazione
[cite]Autore: aragos[/cite]L'atteggiamento standard quando si parla di giochi tradizionali è riassumibile in "che merda", o "guardate 'sto topic americano in cui parlano delle peggiori esperienze possibili capitate"

Un riassunto eccessivamente stringato: l'atteggiamento medio che noto io è che sí, col tradizionale ci si può divertire, ma grazie al gruppo, non al sistema. Come posizione potrà non piacere ugualmente, ma è enormemente diversa da un semplice "che merda".

Citazione
[cite]Autore: aragos[/cite]i metto nei panni di chi volesse venire qui a scrivere un thread di consigli su una campagna di Cthulhu, per esempio, o di Vampiri. Non so se si andrebbe oltre al "Ma perché non cambi gioco?", e dubito che avrebbe poi un seguito, come thread. Cosa perfettamente legittima (uno parla solo delle cose di cui ha voglia) ma che dimostra il mio punto di partenza: questa community (perché ormai siamo più di un forum, tra Convention, Fiere, etc) è una community SOLO per NW

Concordo con la parte sul "Ma perché non cambi gioco?", e in effetti quando vedo una discussione il cui autore esplicita che non vuole cambiare gioco fa un po' specie vedere commenti su commenti che vanno esattamente nella direzione opposta; però... se non ci sono discussioni sui tradizionali (e qualcuna c'è), è perché non ci sono, o ce ne sono pochi, iscritti interessati a discutere i tradizionali. Se si iscrivesserò piú persone con tale interesse, le discussioni ci sarebbero e non verrebbero cassate.
Vero è che nel forum trovano poco spazio le discussioni sul "Non li ho provati ma fanno scbhifo/non sono veri GdR/posso fare anche con [inserire GdR a caso] le stesse cose/ecc.", ma quando si arriva a parlare di cose che nemmeno si sono provate e/o a criticare senza basi/argomentazioni e/o ignorando le argomentazioni degli altri, allora non è piú un problema di struttura e natura del forum.

Iacopo Frigerio

  • Membro
  • Il Signor Coyote
    • Mostra profilo
Dagli all'Airone - il mio punto di vista
« Risposta #28 il: 2010-05-01 13:18:26 »
RIngrazio fondamentalmente Ariele, che decidendosi ad affrontare l'argomento, l'ha affrontato anche per me, esplicitando grossomodo anche quello che è un mio pensiero. In questo senso mi trovo a ribadire ogni singola parola scritta da ariele nel suo post.

Ci sono poi discorsi complessi in ballo, e tutto è molto meno oggettivo di quanto sembra, e come dicevo molto tempo fa, anche solo passando a un presupposto cognitivista, credo che molti si divertano ai tradizionali (a giudicare dai numeri credo siano la stragrande e silente maggioranza mondiale, è un dato che ritengo abbastanza intersoggettivo) esattamente perchè soddisfa già ampiamente tutte le loro necessità, e non sono interessati a qualcosa di più o a costruire qualcosa di più. Poi all'interno della curva di Gauss ci stanno da una parte ci stanno persone con problemi, che creano gli orrori del thread dedicato (e anche qui, a volte credo siano sistemi assurdi e farraginosi come quelli White wolf a creare i problemi, non supportando le persone, altre volte credo che neanche un Cani potrebbe porre rimedio, perchè quelle persone sembrano avere problemi di natura sociale, e io credo siano più i secondi) dall'altra parte della campana ci stanno quelli come noi che ci raduniamo qui, che non ci basta affatto quello che il mondo tradizionale offriva... Di noi tutti abbiamo cercato altro e qualcuno addirittura inventato. Proprio perchè da questa parte a noi non basta noi siamo una avanguardia e noi abbiamo effettivamente portato avanti delle innovazioni notevoli, innovazioni che si riflettono nelle produzioni di impianto più tradizionale.
Io gioco un po' a tutto, sia di nuovi che di vecchi, come Lavinia e altri... D&D 4th (per qualcuno un gioco vecchio, per me comunque un gioco nuovo) è uno di quelli che mi appassiona di più e mi fa divertire molto. Siamo in tanti ad essere tolleranti, non solo tolleranti, ma elastici. Poi onestamente ci sono volte in cui decisamente mi trovo a pensare che i NW siano davvero tecnologicamente molto più avanzati, e davvero ti mettono più comodo, molto più raramente mi capita di preferire i grigi toni di qualche tradizionale per dare sfogo alla mia ispirazione creativa. Fondamentalmente ritengo solo che giocare i NW migliori aprioristicamente il modo di giocare di una persona, e che grazie a una esperienza così, troverà molto molto più gradevoli e qualitative anche tutte le giocate che fa con giochi tradizionali.

Un ultimo appunto, lo so che non sono un utente particolarmente seguito... Però... Non è vero che NW non vuol dire nulla, la mia interpretazione non è mai stata sconfessata e la ritengo tuttora valida, al massimo si può dire che ai più non era risultata degna di essere considerata o usata, ma di per sé mi pare abbia senso ed esista :-)
L'amore è quel particolare rapporto nel quale una persona può mostrarsi perdente

Dagli all'Airone - il mio punto di vista
« Risposta #29 il: 2010-05-01 13:43:24 »
Fan Mail Ezio.

Citazione
[cite]Autore: Aetius[/cite]Perché succede questo? Non lo so. Forse perché il "Fantasma del Gioco Passato" è sacro

Io sono una della new entry qui e posso capire come ci si sente a vedere insultato il gioco che fino a ieri era in un qualche modo perverso "sacro e perfetto".

Inziamente rifiuti l'evidenza e rinneghi tutti i problemi di cui ti lamentavi fino a ieri, poi t'incazzi perché senti che ti stanno toccando qualcosa d'importante, poi c'è una fase d'accettazione e prendi in considerazione l'idea di provare questi nuovi giochi e ti diverti!... ma, ma credi che i giochi tradizionali siano meglio, sopratutto dopo che gli avrai insierito le tue nuove Home Rules...
Ma se continui a giocare roba davvero divertente non ce la fai più a giocare tradizionale, crolli per terra per la noia(prima non capivi che quella era noia, la sopportavi perché credevi non ci fosse altro modo di giocare) e capisci che non puoi più negare a te stesso l'evidenza.
Finita questa fase, arrivi alla fase dove sono io, sei incazzato con il gioco classico, ti senti preso per il culo, dopo che per anni ti hanno detto che eri tu quello che non funzionava, che il gioco era perfetto...

Detto questo, io credo che gente che gioca sia la migliore community dove ho avuto il piacere di trovarmi.
Molta gente qui è incazzata con il gioco di ruolo tradizionale e hanno certe idee, se non ti piacciono, nessun medico perverso ti obbliga a stare qui.
Se vuoi rimare, ne saremo tutti felici, MA aspettati un confronto serrato e se vuoi far cambiare idee alla gente qua dentro presenta delle prove, dei ragionamenti razionali e sopratutto dei ACTUAL PLAY!

P.s. Sono ansioso di leggere AP del Richiamo di Cthulhu.
« Ultima modifica: 2010-05-01 19:28:20 da 3evil »
Trevor Devalle - Programmer and unanonymous alcoholic

Tags: