Autore Topic: Chiacchierata sui personaggi  (Letto 5207 volte)

Simone Micucci

  • Facilitatore Globale
  • Membro
  • *
  • Simone -Spiegel- Micucci
    • Mostra profilo
Chiacchierata sui personaggi
« il: 2014-04-15 21:51:25 »
Ciao,
http://www.gentechegioca.it/smf/index.php/topic,9862.0.html
qui iniziamo a discutere dei personaggi e delle vostre idee sul tema.

Vi piace il tema?
Avete idee?
Avete chiarimenti?

Ora è una fase di brainstorming, quindi siamo in chiacchiere libere su come vorreste esplorare il tema.
Simone Micucci - GcG Global Fac - Fan Mail: 70 - Pacche sulla Spalla: 1. "Difficile avere nemici con Caldo+3"

sebastian

  • Membro
  • Stefano Burchi
    • Mostra profilo
    • Il Drago Oscuro - Scherma Storica
Re:Chiacchierata sui personaggi
« Risposta #1 il: 2014-04-18 09:13:40 »
Per affrontare il tema della perdita dell'innocenza credo che opterò per l'interpretare un giovane e promettente membro del Clan Toreador.

Mathias Gauthier in vita era un pittore eclettico che amava sperimentare con tecniche atipiche ed uso della luce e dei colori in maniera inusuale. Si è creato velocemente una certa fama frequentando le persone giuste, trovando in quello che sarebbe diventato il suo sire, un mecenate. Amava dipingere quello che vedeva nelle persone, più che le persone stesse e questa sua ricerca dell'intima essenza dell'animo umano in termini di immagine è la caratteristica che l'ha fatto risaltare.
La maledizione di Caino l'ha profondamente scosso e scioccato inizialmente. Il suo rispetto per l'altro è sempre stato elevato, perché ha sempre ritenuto prezioso l'essere umano quale fonte di ispirazione in generale ed ogni singola persona come opera vivente unica ed irripetibile dalla quale attingere per strappare un istante di verità da immortalare sulla tela.
Doversi nutrire degli altri lo ha messo in crisi e ci sta ancora scendendo a patti.
Con la maledizione sente anche di aver perso qualcosa: non ha più quella sorta di intuito che gli permetteva di ritrarre l'essenza delle persone nei suoi dipinti, quindi cerca istintivamente di compensare con l'uso del potere vampirico (auspex?), ma non trova più soddisfazione in quello che dipinge.

E' rimasto molto legato alle persone che aveva intorno quando era un mortale, in particolare alle persone con cui condivideva una relazione romantica e/o sessuale (non è mai stato uomo da "una storia fissa per sempre", ma piuttosto da "amicizie con benefit") e agli amici. Teme nel frequentarli che la sua maledizione possa recare loro danno, ma al tempo stesso sono tutto quello che gli rimane di quello che era, unitamente ai dipinti che non riesce più ad eguagliare.

La perdita dell'innocenza, in questo caso, è rappresentata per Mathias dal dover rivedere il suo attaccamento al mondo mortale per scendere a compromessi con la sua nuova natura; dal dover prendere atto che non è più la persona di prima e che non dipingerà mai più come prima. Quel che farà sarà diverso. Non necessariamente peggiore, ma diverso. Sarà carente di quell'ispirazione che poteva avere soltanto come mortale.
Altro elemento fondamentale è il doversi nutrire di sangue umano. Ha il timore di fare del male a qualcuno e se farà del male in particolare a qualcuno che ama sarà una situazione dura da affrontare.

Quel che ho scritto lascia ampio modo di mettere in gioco gli stati d'animo che Simone ha proposto. Tanto per fare qualche esempio indicativo, ma non esaustivo:

*apprensione: da mettere in gioco quando il personaggio cerca di nutrirsi o quando sente i morsi della sete ed è vicino ad una delle persone che ama;

*premura: da mettere in gioco se uno dei suoi amici o delle persone cui è legato è in difficoltà o in pericolo;

*gelosia: nei confronti di artisti che sono più o meno talentuosi ma avendo ancora una vita mortale da vivere non hanno perso l'ispirazione a causa della maledizione di Caino;

*perdita: la sperimenterà ogni volta che guarderà una delle sue produzioni pre-abbraccio o se qualcuna delle persone cui è legato soffrirà a causa sua o di un altro essere sovrannaturale o se dovessero venire a mancare per qualche ragione.

In tutto questo azzarderei che nonostante i problemi, l'abbattimento e la frustrazione che Mathias prova, non riesce a porre fine alla propria esistenza. Non ce la fa perché è sostenuto da due motivazioni sostanziali: (1) la paura della morte. La teme e anche se a volte la invoca, il disagio che prova nel profondo all'idea che finita la sua esistenza possa non esserci più nulla lo abbatte completamente. Lui ama e venera la vita, così come l'amava e la venerava da mortale. Questa non-vita in un limbo di eterna stasi lo mette in crisi, ma una parte di lui continua a suggerigli che sia meglio di non vivere affatto. (2) Il suo legame con le persone, la sua necessità di conoscere e scrutare l'animo umano. Ne è affascinato e l'idea che in un eventuale "post-vita" potrebbe non essere più in contatto con "l'altro" lo atterrisce. Anche in questo caso interiormente probabilmente pensa che è meglio assistere alla vita da questa condizione miserevole, seppure potente che non poter assistervi affatto.

Relativamente l'incipit: la persona resa ghoul potrebbe essere una tra quelle che sono nel suo circolo stretto di amicizie, amori derivanti dalla precedente vita mortale o una persona strettamente collegata ad una persona che è cara a Mathias.


Come va così? Ho scritto troppo? Ho messo le mani troppo avanti?

Prima di discutere del tipo di coterie direi che aspetterò anche l'altro personaggio ;D
« Ultima modifica: 2014-04-18 10:49:50 da sebastian »
"I lost some time once. It’s always in the last place you look for it." ~ Delirium of the Endless

Simone Micucci

  • Facilitatore Globale
  • Membro
  • *
  • Simone -Spiegel- Micucci
    • Mostra profilo
Re:Chiacchierata sui personaggi
« Risposta #2 il: 2014-04-18 12:34:57 »
Si, direi che ci siamo.

È figo.

vorrei specificare che avresti potuto scrivere molto meno. Nel senso

"ho in mente di fare un ex-artista che sente di essere stato privato dell'estro e del talento in seguito all'abbraccio. Probabilmente il ghoul dell'incipit fa parte del suo giro di amici e amanti, al quale è tutt'ora molto legato e dei quali si preoccupa" andava altrettanto bene. ^_^

Domanda: più o meno da quanti anni pensi di essere stato abbracciato? E più o meno quanti anni pensi di dimostrare? Ricorda che i PG possono avere al massimo 25 anni di vita da vampiro (mentre da mortali possono appartenere a qualsiasi fascia d'età)
Simone Micucci - GcG Global Fac - Fan Mail: 70 - Pacche sulla Spalla: 1. "Difficile avere nemici con Caldo+3"

sebastian

  • Membro
  • Stefano Burchi
    • Mostra profilo
    • Il Drago Oscuro - Scherma Storica
Re:Chiacchierata sui personaggi
« Risposta #3 il: 2014-04-18 13:31:31 »
Ti ho chiesto apposta conferma perché quando parto, di solito il problema è fermarmi.

Mi è venuta un'idea ed ho iniziato a costruirci un personaggio attorno, correndo un po'  ::)

La tua descrizione sintetica è più efficace per questa fase, probabilmente.
"I lost some time once. It’s always in the last place you look for it." ~ Delirium of the Endless

Simone Micucci

  • Facilitatore Globale
  • Membro
  • *
  • Simone -Spiegel- Micucci
    • Mostra profilo
Re:Chiacchierata sui personaggi
« Risposta #4 il: 2014-04-18 13:36:04 »
no, vanno bene entrambe, l'importante è che ti ricordi che non è nulla confermato finquando non si comincia a partire.

E non mi hai ancora detto quanti anni pensi di avere? Un paio da vampiro? Meno? Più?
Simone Micucci - GcG Global Fac - Fan Mail: 70 - Pacche sulla Spalla: 1. "Difficile avere nemici con Caldo+3"

sebastian

  • Membro
  • Stefano Burchi
    • Mostra profilo
    • Il Drago Oscuro - Scherma Storica
Re:Chiacchierata sui personaggi
« Risposta #5 il: 2014-04-18 13:38:06 »
Domanda: più o meno da quanti anni pensi di essere stato abbracciato? E più o meno quanti anni pensi di dimostrare? Ricorda che i PG possono avere al massimo 25 anni di vita da vampiro (mentre da mortali possono appartenere a qualsiasi fascia d'età)

Direi che il personaggio dimostra qualcosa sui 25 anni, l'età in cui è stato abbracciato.

Come Fratello direi che ha vissuto almeno una decina d'anni: sufficiente per aver già passato la presentazione al Principe ed in società ed aver vissuto qualche breve anno non troppo all'ombra costante del suo Sire.
« Ultima modifica: 2014-04-18 13:40:33 da sebastian »
"I lost some time once. It’s always in the last place you look for it." ~ Delirium of the Endless

sebastian

  • Membro
  • Stefano Burchi
    • Mostra profilo
    • Il Drago Oscuro - Scherma Storica
Re:Chiacchierata sui personaggi
« Risposta #6 il: 2014-04-18 13:39:38 »
no, vanno bene entrambe, l'importante è che ti ricordi che non è nulla confermato finquando non si comincia a partire.

Sì, questo è chiarissimo. Mentre sono in fase di brainstorming butto avanti dettagli che mi paiono interessanti nell'ottica di rivederli, cambiarli o cassarli quando si iniziano a delineare tutti i personaggi e le loro relazioni dirette o indirette.

E non mi hai ancora detto quanti anni pensi di avere? Un paio da vampiro? Meno? Più?

Cross post, stavo rispondendo mentre hai scritto ^__^
"I lost some time once. It’s always in the last place you look for it." ~ Delirium of the Endless

Simone Micucci

  • Facilitatore Globale
  • Membro
  • *
  • Simone -Spiegel- Micucci
    • Mostra profilo
Re:Chiacchierata sui personaggi
« Risposta #7 il: 2014-04-18 14:02:26 »
Figo.

Ma quindi i tuoi amici e amanti sono già invecchiati di una decina di anni, mentre tu sei rimasto un giovane Dorian Grey ^_^

Hai continuato a frequentarli? Continui tutt'ora? Qualcuno di loro sa?


PS: non aver paura a infrangere cose che dai per scontate di vampiri. Nella precedente cronaca un giocatore ha creato un personaggio che ha diablerizzato il sire.
Per intenderci: è possibile che il tuo personaggio sia già abbastanza indipendente dal sire e che abbia un paio d'anni. Non preoccuparti di quello, fai le scelte che ti piacciono per il momento.
Simone Micucci - GcG Global Fac - Fan Mail: 70 - Pacche sulla Spalla: 1. "Difficile avere nemici con Caldo+3"

sebastian

  • Membro
  • Stefano Burchi
    • Mostra profilo
    • Il Drago Oscuro - Scherma Storica
Re:Chiacchierata sui personaggi
« Risposta #8 il: 2014-04-18 14:08:11 »
Figo.

Ma quindi i tuoi amici e amanti sono già invecchiati di una decina di anni, mentre tu sei rimasto un giovane Dorian Grey ^_^

Hai continuato a frequentarli? Continui tutt'ora? Qualcuno di loro sa?

Scherzano molto sul suo aspetto così giovanile e sul suo apparente non risentire troppo del tempo. Probabilmente qualcuno sospetta che ci sia qualcosa che non va o forse semplicemente hanno scherzato sull'importanza di avere un buon chirurgo estetico. Forse Dorian è diventato proprio il soprannome che qualcuno gli ha affibiato (e ci sta, visto che immagino il personaggio come pittore  ;))

Mi piace l'idea dei 10 anni di congelamento dell'aspetto perché sono interessato a giocare la perdita dell'innocenza anche attraverso il passaggio dei rapporti umani che si rompono o si incrinano col passare del tempo.
Ho suggerito che una parte importante per l'equilibrio del personaggio passasse attraverso il suo relazionarsi con gli amici e che al contempo fosse molto preoccupato degli effetti che la sua maledizione avrebbe potuto avere su di loro. Probabilmente a quelli più intimi qualcosa ha detto o forse è sul punto di farlo ora che la sua stasi diventa percettibilmente evidente rispetto ai cambiamenti degli altri.
« Ultima modifica: 2014-04-18 14:10:27 da sebastian »
"I lost some time once. It’s always in the last place you look for it." ~ Delirium of the Endless

Ferruccio A.C.

  • Membro
  • gaming gone BOOM!
    • Mostra profilo
Re:Chiacchierata sui personaggi
« Risposta #9 il: 2014-04-18 15:27:22 »
Sto facendo un po' di fatica a partorire il PG: voglio fare un giovane Malkavian, mi sarebbe piaciuto provare a dare un punto di vista piuttosto "alternativo" sul concetto stesso di innocenza, ma sono ancora in fase di elaborazione... Spesso mi capita di elaborare solo una bozza di personaggio e poi definirlo pian piano, giocando. Sto guardando anche che cosa offre il manuale(nella fattispecie una alienazione mentale che si addica al tema visto che è il punto caratterizzante del clan, anche perchè intorno a quella ruota tutto il carattere del personaggio)

Simone Micucci

  • Facilitatore Globale
  • Membro
  • *
  • Simone -Spiegel- Micucci
    • Mostra profilo
Re:Chiacchierata sui personaggi
« Risposta #10 il: 2014-04-18 15:39:44 »
ragiona sui paletti che hai, anche.

Conosci e tieni a quel tizio che diventerà un Ghoul (e non è bello).
E sei in coterie con un Toreador artista.

Magari frequentavi anche tu quei giri? Magari da prima del PG di Stefano? O magari ti sei unito da poco a quel giro e il PG di Stefano lo hai conosciuto così? la coterie artistica non l'ho mai vista in gioco, ma sarebbe figo XD Oltretutto un Toreador e un Malkavian ci cantano!! ^_^

PS: sapevate che esistono diversi tipi di coterie? Sono nel manuale. Sapevatelo. ^_^

All'alienazione arrivaci dopo, è più semplice, nella mia esperienza ^_^ (e getta un occhio su "Animismo sanguinario"). Se fai parte di una cerchia di artistoidi anche tu ci sta. Anche se ce ne sono possibili molte altre. ^^

PS: stiamo parlando della terza edizione, quella che è uscita in italiano con la rosa in copertina
Simone Micucci - GcG Global Fac - Fan Mail: 70 - Pacche sulla Spalla: 1. "Difficile avere nemici con Caldo+3"

sebastian

  • Membro
  • Stefano Burchi
    • Mostra profilo
    • Il Drago Oscuro - Scherma Storica
Re:Chiacchierata sui personaggi
« Risposta #11 il: 2014-04-22 14:40:19 »
Sto facendo un po' di fatica a partorire il PG: voglio fare un giovane Malkavian, mi sarebbe piaciuto provare a dare un punto di vista piuttosto "alternativo" sul concetto stesso di innocenza, ma sono ancora in fase di elaborazione...

Se sei a corto di idee e voi stare sull'alternativo, ti lancio come spunto l'idea che "la sua pazzia sia tutto quello che lo mantiene sano", per così dire. Prendi ad esempio Delirio degli Eterni (conosci Sandman, vero?): è la sorella minore che vive in una realtà folle e sconnessa. Eppure è capace di avere momenti di chiarezza, ma non li vuole perché per lei sono dolorosi. Preferisce la pazzia ad un modo fatto di consapevolezza dove l'innocenza è irrimediabilmente soffocata, distrutta, annientata.

Questo potrebbe fare il paio con la Coterie Artistica che Simone ha citato. L'innocenza che è già persa, irrimediabilmente, e la pazzia come lo strumento che rende l'esistenza come vampiro tollerabile. Darebbe molti spunti di riflessione.

Spesso mi capita di elaborare solo una bozza di personaggio e poi definirlo pian piano, giocando. Sto guardando anche che cosa offre il manuale(nella fattispecie una alienazione mentale che si addica al tema visto che è il punto caratterizzante del clan, anche perchè intorno a quella ruota tutto il carattere del personaggio)

Animismo Sanguinario, Schizofrenia e Personalità Multiple si prestano bene a raccontare, in maniera radicalmente diversa l'una rispetto all'altra, il tema dell'innocenza perduta :-)
"I lost some time once. It’s always in the last place you look for it." ~ Delirium of the Endless

Giulia Cursi

  • Facilitatore Globale
  • Membro
  • *****
  • Nenhiril
    • Mostra profilo
Re:Chiacchierata sui personaggi
« Risposta #12 il: 2014-04-22 14:51:12 »
Simone mi ha parlato dell'esperimento e pensando al tema ho partorito questo:

Una giovane Nosferatu, abbracciata da un paio d'anni, che è innamorata dell'umano futuro ghoul fin da quando era umana.
Ovviamente lui non sa che lei è un vampiro e non gli ha mai mostrato il suo aspetto, ma non ha rinunciato a vederlo.
Che sia ricambiata o no non lo so.
Account G+ - Account Facebook - Fanmail: 16 - Brava Utente™ - "Te lo fascilito io." cit.

Simone Micucci

  • Facilitatore Globale
  • Membro
  • *
  • Simone -Spiegel- Micucci
    • Mostra profilo
Re:Chiacchierata sui personaggi
« Risposta #13 il: 2014-04-22 15:24:54 »
A pagina 47 sono elencati i vari tipi di Coterie.

"sebbene siano insolite, fastidiose, spesso inefficienti e sempre sotto tensione, queste sono l'unico appoggio per i vampiri che vogliono dalle loro non vite qualcosa di più che il semplice nutrimento."

"I vampiri formano le coterie non solo per il bisogno di sicurezza, ma anche epr un interesse comune: legami di sangue, ideologici e simili, appartenenze a bande, inclinazione politiche o persino semplice convenienza. Le coterie sono numerose e varie come i Fratelli che le compongono."

Coterie di Clan (direi che non è il nostro caso)

Coterie di Bande: sono composte da gruppi di Fratelli, dai loro Ghoul e dai seguaci che in qualche modo riescono a convicere i Fratelli a non cibarsi di loro, queste coterie sono di solito dei terrori urbani. Tendono a essere violente e spietate, possono essere sia nomadi che sedentarie.
Non mi sembrate i tipi XD

Coterie di Anarchici: a volte vengono scambiati per Coterie di Bande, ma hanno ideologie diverse. Si oppongono agli schemi degli Anziani e al loro potere, sostenendo che ogni vampiro dovrebbe avere ciò che gli spetta, sia a livello di dominio che di caccia. Di solito sono giovani e di solito hanno vita breve date le opposizioni che possono incontrare da parte del Principe e degli Anziani.
Pensateci. Ci starebbe. ^_^

Coterie di Guerra. Nate per contasti ideologici e territoriali. In genere in lotta con Sabbat e Anarchici. Non mi sembra il caso. ^_^

Coterie Diplomatiche: nascono come gruppi di vampiri assemblati allo scopo di risolvere un problema urgente. No, non mi sembrate voi.

Coterie Criminali: gruppi di vampiri che vogliono fare soldi "fuori dal sistema", con racket, estorsioni, prostituzione, spaccio ecc ecc. I vostri concetti non hanno parlato di roba del genere fin'ora.
Coterie Imprenditoriali: come sopra, ma con affari legali. Mah

Coterie informative: nascono con lo scopo di portare informazioni (in genere da un'altro territorio) al loro Principe o Anziani equivalenti. Anche qui, non sembrate voi.

Coterie di Intrattenimento. Coterie che nascono mettendo insieme interessi artistici. Girano per i vari domini come band di musicisti, intrattenendo principi e mecenati. Su commissione o a livello personale.

Coterie Sociali: composte di Fratelli che condividono convenzioni sociali (come frequentare un luogo) o passioni (come un hobby, un'arte, uno sport).
Per intenderci: Le Arpie ricadono in Coterie Sociale. ^^
Qui vi ci vedo.


Coterie d'Esplorazione / di Diablersti / Culti del Sangue / Branchi Sabbatici: di queste non entro neanche nel merito

Simone Micucci - GcG Global Fac - Fan Mail: 70 - Pacche sulla Spalla: 1. "Difficile avere nemici con Caldo+3"

Giulia Cursi

  • Facilitatore Globale
  • Membro
  • *****
  • Nenhiril
    • Mostra profilo
Re:Chiacchierata sui personaggi
« Risposta #14 il: 2014-04-22 15:44:53 »
Anarchici e sociali mi sembrano le due migliori, in base alla scelta deciderò se il mio pg ha un qualche talento.
Account G+ - Account Facebook - Fanmail: 16 - Brava Utente™ - "Te lo fascilito io." cit.

Tags: