Autore Topic: Il gioco di ruolo è isolato?  (Letto 2717 volte)

judge

  • Membro
  • Marco I.
    • Mostra profilo
    • elementifiniti.blogspot.com
Il gioco di ruolo è isolato?
« il: 2013-05-29 20:11:39 »
Il gioco di ruolo è isolato? è il risultato di un piccolo sondaggio che avevo fatto qualche tempo fa (si veda qui).

Come ho scritto anche nell'articolo per chi volesse c'è ancora la possibilità di rispondere alle domande, se raccolgo un altro po' di risposte aggiornerò i risultati.

Re:Il gioco di ruolo è isolato?
« Risposta #1 il: 2013-05-30 08:40:25 »
Ho la sensazione che aver preso essenzialmente GcG come campione abbi dato un taglio preciso al sondaggio. Voglio dire, se ad esempio l'avessi fatto fra giocatori di ruolo di TdG, sarebbe stato diverso. E ancora diverso se l'avessi fatto (ai tempi) sul Nucleo...
Alberto M.   - Ventura"il problema è che io ci tengo a che il mio personaggio resti vivo, ma lui non ci tiene tanto" (by Jasca)

judge

  • Membro
  • Marco I.
    • Mostra profilo
    • elementifiniti.blogspot.com
Re:Il gioco di ruolo è isolato?
« Risposta #2 il: 2013-05-30 09:16:55 »
Esatto, infatti la precisazione sul campione lo mette in chiaro.
Se ne parlava ieri su G+ su come e a chi poter estendere queste domande.

La mia personalissima opinione è che si faccia fatica a trovare un campione realmente rappresentativo in questo caso.
Il mio ragionamento parte dal fatto che se anche tutti i frequentatori di Play 2013 avessero risposto alle domande avrei avuto un campione di più di 25000 risposte, ma sarebbe stato legato solo a chi va a una fiera e non sarebbe rappresentativo di tutti quei gruppi che giocano settimanalmente nelle proprie case. Inoltre ci sarebbe il discorso geografico che incide.

Leggete i risultati alla luce del campione, non estrapolate risposte generali.

Come detto, se qualcuno vuole aggiungere la propria risposta ben venga per allargare il campione, ma non pretendo comunque di arrivare a dare percentuali rappresentative per l'hobby in Italia.

Mattia Bulgarelli

  • Facilitatore Globale
  • Membro
  • *****
  • Mattia Bulgarelli
    • Mostra profilo
Re:Il gioco di ruolo è isolato?
« Risposta #3 il: 2013-05-30 16:15:10 »
Letto.

Ovviamente hai fatto benissimo a specificare il campione "atipico". ^_^

Secondo e più importante... potrebbe essere interessante ripetere il sondaggio ma "a risposta aperta" sugli hobby che uno ha: potrebbero esserci delle correlazioni inaspettate tra il GdR e, che so, l'uncinetto?

Oppure provare a sondare le competenze scolastiche/lavorative.
Il "giro" di GcG, INC, G+ mi ha stupito molto a livello di diversità di competenze che può "mettere in campo": se cerco una dritta di Storia, di lingue morte, di ingegneria, di informatica, di cinema, di arte, di checavoloneso, ho un'OTTIMA probabilità di trovare qualcuno che "ne sa" e che ha voglia di risolvermi un dubbio.
Co-creatore di Dilemma! - Ninja tra i pirati a INC 2010 - Padre del motto "Basta Chiedere™!"

Zachiel

  • Membro
  • Marco Brotto
    • Mostra profilo
Re:Il gioco di ruolo è isolato?
« Risposta #4 il: 2013-05-30 16:55:24 »
Letto e... boh, io sono abbastanza atipico per questo campione... mi piacerebbe sapere chi non gioca ai GDT perché

Io per dire non compro GDT da un pezzo (se mi trovo con gli amici per giocare allora sono gli amici con cui gioco ai GDR, e raramente ne proviamo di nuovi quindi gli acquisiti pure di quelli sono prossimissimi allo zero, se non mi trovo con gli amici preferisco i videogiochi... capita qualche volta che giochiamo a poker o a briscola ma non sono giochi da tavolo, oppure dovevo votare sì?) e giocando ad un GDR di quelli dove un'avventura si snoda su moltissime sessioni (D&D) quando il mio gruppo si trova di solito c'è il desiderio di giocare a quello per portare avanti la storia.

judge

  • Membro
  • Marco I.
    • Mostra profilo
    • elementifiniti.blogspot.com
Re:Il gioco di ruolo è isolato?
« Risposta #5 il: 2013-05-30 18:53:56 »
Mattia: ottima proposta, ma nei sondaggi la risposta aperta a volte è un po' difficile da rendere; chiedere della propria istruzione è una risposta secca (se si guardano solo diplomi e lauree lasciando fuori dal giro tutti i mille possibili corsi diversi fatti), chiedere quali hobby hai è più complesso perchè si può essere appassionati di uno stesso argomento in modo molto diverso.

Zachiel: capisco perfettamente la tua posizione perché anche per me è stato così per molto tempo; so anche di altri che utilizzano i giochi di società solo e unicamente come "riempitivi" in caso di sessioni che non possono partire.

Zachiel

  • Membro
  • Marco Brotto
    • Mostra profilo
Re:Il gioco di ruolo è isolato?
« Risposta #6 il: 2013-05-30 18:57:29 »
Zachiel: capisco perfettamente la tua posizione perché anche per me è stato così per molto tempo; so anche di altri che utilizzano i giochi di società solo e unicamente come "riempitivi" in caso di sessioni che non possono partire.

Direi peggio. Se non ci sono abbastanza persone per far partire una sessione il mio gruppo preferisce giocare lo stesso (se non c'è stato preavviso) oppure saltare direttamente.
Sarà che i GdT sono così competitivi e non mi prendono così tanto...

Mattia Bulgarelli

  • Facilitatore Globale
  • Membro
  • *****
  • Mattia Bulgarelli
    • Mostra profilo
Re:Il gioco di ruolo è isolato?
« Risposta #7 il: 2013-05-31 09:20:58 »
Mattia: ottima proposta, ma nei sondaggi la risposta aperta a volte è un po' difficile da rendere; chiedere della propria istruzione è una risposta secca (se si guardano solo diplomi e lauree lasciando fuori dal giro tutti i mille possibili corsi diversi fatti), chiedere quali hobby hai è più complesso perchè si può essere appassionati di uno stesso argomento in modo molto diverso.

Verissimo. Ovviamente vedi vedere tu se vale lo sforzo di tentare. ^_^
Co-creatore di Dilemma! - Ninja tra i pirati a INC 2010 - Padre del motto "Basta Chiedere™!"

judge

  • Membro
  • Marco I.
    • Mostra profilo
    • elementifiniti.blogspot.com
Re:Il gioco di ruolo è isolato?
« Risposta #8 il: 2013-05-31 11:43:11 »
Direi peggio. Se non ci sono abbastanza persone per far partire una sessione il mio gruppo preferisce giocare lo stesso (se non c'è stato preavviso) oppure saltare direttamente.
Sarà che i GdT sono così competitivi e non mi prendono così tanto...

Non tutti sono competitivi. O meglio, non tutti implicano competizione contro altri giocatori (non entriamo maggiormente in argomento, qui è OT).

Mattia: l'idea di qualche domanda per farsi un'idea di quanto è variegata nell'istruzione l'utenza di GcG è interessante. Adesso ci faccio un pensierino, la mia paura è quella di violare un po' la privacy delle persone (anche perchè a tu per tu non ne conosco molte).

Mattia Bulgarelli

  • Facilitatore Globale
  • Membro
  • *****
  • Mattia Bulgarelli
    • Mostra profilo
Re:Il gioco di ruolo è isolato?
« Risposta #9 il: 2013-05-31 13:14:25 »
Ti dirò: alla fine della fiera risponde in pubblico chi vuole rispondere in pubblico, e in privato chi vuole rispondere in privato.

È vero che se salta fuori (esempio per assurdo) che, che so, di "laurati in economia" ce n'è uno solo e di "illustratori, professionisti a tempo pieno" un altro, c'è già mezzo forum che sa per esclusione che il primo sono io e la seconda è Manuela, ma non credo sia un grosso problema.

Un thread simile era saltato fuori, in privato, su G+, in una cerchia di una ventina o poco più di persone: ci siamo scambiati un "curriculum competenze" giusto per conoscerci meglio e per dire "oh, ma se ho bisogno di una dritta sull'argomento XYZ, a chi chiedo?"

"Fare comunità" significa anche, credo, ancorare alla concretezza delle nostre vite quello che facciamo e non lasciare il gioco dietro una barriera di vergogna ed anonimato, come se fosse "una cosa strana che giochiamo nelle fogne" (cit. - se non la cogliete siete giovani :P ).
Co-creatore di Dilemma! - Ninja tra i pirati a INC 2010 - Padre del motto "Basta Chiedere™!"

Re:Il gioco di ruolo è isolato?
« Risposta #10 il: 2013-05-31 15:57:21 »


È vero che se salta fuori (esempio per assurdo) che, che so, di "laurati in economia" ce n'è uno

non salta fuori :p
Alberto M.   - Ventura"il problema è che io ci tengo a che il mio personaggio resti vivo, ma lui non ci tiene tanto" (by Jasca)

Tags: