Autore Topic: Breakdown lessicale sui Board Games  (Letto 2483 volte)

Luca Veluttini

  • Archivista
  • Membro
  • *
    • Mostra profilo
Breakdown lessicale sui Board Games
« il: 2009-05-19 10:04:45 »
Come richiesto dal buon Renato QUI.

Premetto che non sono un teorico del gioco da tavolo e quelle che vado ad elencare sono mie personali elucubrazioni. Se poi insieme ad altri si vorranno approfondire, ben contento. Ditemi anche se per voi manca qualcosa e chiedetemi qualche spiegazione se è poco chiaro qualcosa.

[size=20]TIPOLOGIE[/size]

American Game: gioco con alto fattore fortuna, anche se generalmente controllabile dal giocatore (esempio: Axis & Allies).

Cooperazione: gioco in cui tutti i giocatori collaborano o contro il gioco (esempio: Arkham Horror) o contro un avversario fisico (esempio: La Furia di Dracula, Shadows Over Camelot, Battlestar Galactica).

Diplomatico: gioco in cui conta principalmente l'interazione verbale tra i giocatori e la capacità di fregare gli altri senza che se ne accorgano (esempio: Diplomacy).

Filler: gioco, solitamente di carte, che dura non più di mezz'ora, giocato come intermezzo tra due giochi più "pesanti" (esempio: Bang!, Thurn und Taxis).

German Game: gioco in cui c'è totale o quasi totale assenza di fattore fortuna (esempio: Caylus).

Wargame: gioco dove l'obiettivo principale è smazzuolare gli altri. Generalmente ciò porta a guadagnare punti vittoria (esempio: Axis & Allies).

[size=20]MECCANISMI[/size]

Aste: meccaniche che fanno attribuire un oggetto a chi offre di più (esempio: Principi di Firenze).

Card-Driven: gioco le cui meccaniche sono fortemente incentrate sulle carte (esempio: Twilight Struggle).

Commerciale/Finanziario: gioco in cui la principale "causa" di vittoria avviene in seguito allo scambio e alla gestione degli scambi tra giocatori e col sistema (esempio: Traders of Genoa).

Controllo del territorio: gioco dove i punti vittoria vengono generalmente attribuiti in base al controllo su zone di gioco (esempio: El Grande, che è poi il capostipite del genere ^_^).

Gestionale/Gestione risorse: gioco in cui la meccanica principale è accumulare risorse e spenderle per ottenere punti vittoria (esempio: Caylus).

Mappa modulare: gioco in cui la mappa di gioco viene assemblata prima della partita da tutti i giocatori. Generalmente la strategia DEVE iniziare da qui(esempio: Twilight Imperium).

Monster Game: gioco dalla durata geologica (letteralmente) in genere considerato di nicchia proprio a causa dell'impegno costante che ci deve essere (esempio: Federation & Empire, World in Flames).

Piazzamento: meccaniche che consentano di posizionare tessere o simili che fanno guadagnare nel breve e/o nel lungo periodo punti vittoria (esempio: Carcassonne).

Scelta: gioco dove la meccanica del turno comincia con la scelta di "qualcosa" (tattica, ruolo) che però è riferita al singolo giocatore, mentre sta giocando il suo turno (esempio: Puetro Rico). Differisce da questo la "Scelta simultanea" dove tutti scelgono all'inizio del turno (esempio: Il Trono di Spade, Diplomacy) e la "Scelta multipla" dove c'è molto più di una cosa da scegliere a inizio turno (esempio: Principi di Firenze).
« Ultima modifica: 2009-05-19 11:12:55 da Luca Veluttini »

LucaRicci

  • Membro
    • Mostra profilo
Breakdown lessicale sui Board Games
« Risposta #1 il: 2009-05-19 10:17:37 »
Hai messo delle meccaniche, con delle tipologie di boardgame...sarebbero da dividere. La meccanica è un sottoinsieme della macro-tipologia... per intenderci:

American Game:
German Game:
Cooperazione:
Wargame:

Sono delle macro-tipologie per identificare il gioco (e ci manca comunque il diplomatico, magari), tutto il resto sono meccanismi che si applicano alle macrotipologie di cui sopra.

Per esempio, Upfront è un wargame totalmente Card Driven, mentre Command & Colors è sia Card Driven che Dadi
I've got crunch for breakfast! - Screaming Cats, Games That Make You Scream

Luca Veluttini

  • Archivista
  • Membro
  • *
    • Mostra profilo
Breakdown lessicale sui Board Games
« Risposta #2 il: 2009-05-19 10:46:22 »
Diviso come indicato da LucaRicci (tuttoattaccato ^_^). Secondo te manca qualcosa o c'è da correggere altro?

LucaRicci

  • Membro
    • Mostra profilo
Breakdown lessicale sui Board Games
« Risposta #3 il: 2009-05-19 10:53:41 »
Mancherebbe giusto il Filler, dicesi di un gioco, solitamente di carte, che dura non più di mezz'ora, giocato come intermezzo tra due giochi più "pesanti".
Esempi sono Family Business (prima avevo sbagliato titolo -.-), Bang, Lost Cities, Battle Line, Guillotine, Saboteur, Jungle Speed, etc etc
I've got crunch for breakfast! - Screaming Cats, Games That Make You Scream

Luca Veluttini

  • Archivista
  • Membro
  • *
    • Mostra profilo
Breakdown lessicale sui Board Games
« Risposta #4 il: 2009-05-19 11:13:19 »
Fatto. 8->

Re:Breakdown lessicale sui Board Games
« Risposta #5 il: 2011-05-17 18:55:46 »
Beh, una ulteriore differenziazione tra American e German è che i primi spono fortemente legati all'amnbientazione, mentre i secondi sono concentrati sulle meccaniche...
Alberto M.   - Ventura"il problema è che io ci tengo a che il mio personaggio resti vivo, ma lui non ci tiene tanto" (by Jasca)

il mietitore

  • Membro
  • Alex I.
    • Mostra profilo
Re:Breakdown lessicale sui Board Games
« Risposta #6 il: 2011-05-20 06:26:13 »
Cosa non rende un card driven game un gioco di carte, esattamente? O è la stessa cosa?
"E non guardare troppo a lungo dentro alla lavatrice, o anche la lavatrice guarderà dentro di te"
Revan Adler, Match d'Improvvisazione Teatrale, Giugno 2009
Trash Meets Steel
RPGshark

Luca Veluttini

  • Archivista
  • Membro
  • *
    • Mostra profilo
Re:Breakdown lessicale sui Board Games
« Risposta #7 il: 2011-05-21 18:44:28 »
No sono due cose diverse. In un gioco di carte hai le carte. E basta.

In un card driven le carte sono una meccanica per giocare su altri componenti di gioco...

Tags: