Autore Topic: Protagonisti  (Letto 2591 volte)

Lepre

  • Membro
  • Paolo Prandi
    • Mostra profilo
Protagonisti
« il: 2012-06-17 10:26:40 »
Questo è il manualetto http://qilong.altervista.org/wp-content/uploads/2010/06/Ritorno-a-Silent-Hill1.pdf
Le idee sono nella vostra scatola cranica.

Via!

In Divenire (Aggiornerò saltuariamente questo post, annotando sigilli a nostra disposizione e bla bla)

-Coppa Cremisi: 0
-Coppa Perlacea: 1
« Ultima modifica: 2012-07-22 19:32:01 da Lepre »
Stellazio

Arioch

  • Facilitatore
  • Membro
  • *
  • Max Caracristi
    • Mostra profilo
    • Qi-long, risorse aggratis per gdr di ogni tipo
Re:Protagonisti
« Risposta #1 il: 2012-06-25 16:51:11 »
Mi chiamo... Alan Sheffield
Cosa mi tormenta? 10 anni fa mio fratello maggiore, Robert, divenne uno dei principali indagati per un caso riguardante la sparizione di alcuni bambini. Le accuse contro di lui erano pesanti, ed ogni giorno peggioravano: pedofilia, molestie, rapimento, omicidio... Io non potevo e non volevo credere che mio fratello, il mio idolo, la migliore persona che conoscessi, fosse coinvolto in qualcosa del genere, ma il resto del mondo sembrava essere contro di noi.
Dopo un processo sospettosamente breve, Rob venne dichiarato colpevole.
I miei genitori mi fecero capire chiaramente che per loro era come se mio fratello fosse morto e si affrettarono a traslocare in una nuova città, negandomi anche un solo ultimo saluto.
Da allora non ho più visto Robert, né sono riuscito a contattarlo in alcun modo, ma in cuor mio non ho mai smesso di pensare a lui e a questa vicenda. So che mio fratello è innocente e voglio provare al mondo (o perlomeno a me stesso) che le accuse nei suoi confronti erano false, e che Robert è una brava persona.

Cosa si vede in superficie? Un giovane giornalista freelance, mosso da un profondo senso di giustizia.


Cosa giace in profondità? Ho paura di sbagliarmi, paura che mio fratello sia il mostro che tutti dicono. Perché siamo sempre stati molto simili e nelle mie vene scorre il suo stesso sangue...

Dove sto tornando? Rovistando in soffitta ho trovato una vecchia lettera di mio fratello, indirizzata a me. La data risale a pochi giorni dopo la sua condanna ma io non l'avevo mai vista prima. Nella lettera, Rob mi ringrazia per la fiducia che ripongo in lui e per i bei momenti passati insieme, nel nostro nascondiglio segreto alla vecchia cascina sul lago Toluca.
E' lì che sto tornando, sono convinto che mio fratello mi abbia lasciato un indizio nella lettera, e che lì troverò le prove che cerco.

Cosa mi è appena successo? Mi sono appena fermato per far rifornimento alla stazione di servizio di Silent Hill, ma il posto sembra essere deserto. Eppure le luci e la radio del bar sono accese, c'è persino una tazza di caffè fumante posata sul bancone.
Improvvisamente, le lampadine saltano tutte insieme e la radio comincia a trasmettere solo rumore statico. Che diavolo?
Aspetta, mi sembra di vedere qualcuno, vicino alla pompa di benzina, ma con questa nebbia non riesco a capire chi sia o cosa sita facendo.

Equipaggiamento: la mia fedele macchina fotografica
Metà Oscura: Ogni tanto sento delle voci. No, non sono pazzo. Lo so che è strano ma è davvero così. Sono voci di bambini, spesso deboli, come se fossero molto lontane. Spesso mi danno dei consigli, mi aiutano a prendere decisioni importanti, a volte sembrano addirittura conoscere il futuro o quello che pensa la gente...


Anima: X X XCorruzione Permanente: O O ODisperazione: O O O O O ORiquadri incubo: O O O
« Ultima modifica: 2012-07-14 15:21:36 da Arioch »
Blood & Souls for Arioch

Re:Protagonisti
« Risposta #2 il: 2012-06-25 17:27:36 »

Ecco il mio vecchio Nick :P
Con qualche piccolo aggiustamento, va bin?



Nome del Personaggio : Nick Fisher, 34 anni
Professione : Psicologo, altrimenti detto "Strizzacervelli"

Cosa ti tormenta? : Un mio paziente, un giovane di 22 anni si è fatto saltare il cervello con una pistola nel mio ufficio nel mio vecchio lavoro al reparto di Psicologia e Malattie Mentali dell'Ospedale di Silent Hill, dicendo che era colpa mia, che non ero riuscito a salvarlo.

Cosa c'è in superficie? : Un perfetto e preparato professionista. Sono noto nell'ambiente di lavoro, i colleghi mi stimano e gli amici del bar si stupiscono per la mia capacità di non lasciarmi assorbire in nessuna maniera dai problemi dei miei pazienti, perfetto insomma

Cosa giace in profondità? : Non è per caso o per il traffico che sono arrivato tardi e non ho potuto salvare il ragazzo.
Ero occupato con una collega, intimamente occupato. La più classica delle scappatelle, quella sul posto di lavoro. Annegavo nelle distrazioni fisiche le preoccupazioni per un matrimonio complicato, non che non amassi mia moglie, ma nostra figlia, Sophie  ha una patologia cardiaca congenita grave e molto rara le cui cure sono molto costose. Troppo grande la preoccupazione per lei nel nostro rapporto per pensare a qualcos'altro che non siano le visite, le medicine, gli specialisti, le crisi, poi di nuovo le visite, etc..
Ora siamo separati ma perlomeno vedo due volte a settimana Sophie, sfrutto ogni centesimo per curarla ma temo possa non bastare

Dove stai andando? :  Sono tornato a Silent Hill, la mia città di infanzia e dove ho lavorato come psicologo e dove purtroppo è successo il fatto che mi ha sconvolto la vita e per il quale mi sono separato e trasferito. Ho ricevuto la chiamata inaspettata della vecchia amante, Liz, aveva grandi notizie per me e per Sophie, forse c'era una nuova cura, o forse era una scusa per vedermi, non ha mai digerito il fatto che avessi abbandonato anche lei, non potevo rischiare comunque, dovevo raggiungere l'Ospedale. Sono partito subito ma sono arrivato di sera e mi sono fermato in un motel

Cosa ti è appena successo? Sono uscito dalla camera del motel per andare a prendere un pò di ghiaccio al distributore, la notte è estremamente silenziosa, interrotta bruscamente da un terribile grido di paura e orrore proveniente da una delle camere di fronte alla mia dall'altra parte del cortile

Equipaggiamento ->  : Una fotografia della mia amata bambina Sophie

Metà Oscura -> Alterego : Da piccolo avevo un compagno di giochi, ma nessuno lo sapeva, anzi nessuno sembrava accorgersi che ci fosse. Era simpatico e divertente, tranne quando si arrabbiava, a volte si arrabbiava perchè non giocavo con lui, ma io non volevo fare tutti i giochi che proponeva, alcuni mi sembravano folli, altri semplicemente disgustosi, specie quelli che riguardavano gli animali domestici o randagi del vicinato.
Il peggio è che spesso gli adulti se la prendevano poi con me, anche mamma e papà, io provavo a dirgli che non ero io, io non volevo, poi mi trovavo in camera solo a piangere. Sogno di un uomo che mi assomiglia terribilmente adesso, anche nei vestiti, come me solo con i capelli rossi, un pò sudaticci e le iridi completamente bianche, lo vedo con la sua espressione folle e diabolica, sembra voglia darmi una mano, ma nel farlo fà del male agli altri, potrebbe usare le stesse mie tecniche psicoterapeutiche ma alla rovescia, stimolando le persone ad uccidersi...se si stufa, potrebbe farlo lui stesso in modi brutali...lo temo terribilmente..soprattutto perchè sento..che ha qualcosa di me

Disperazione: 1

Riquadri incubo : 1
« Ultima modifica: 2012-08-18 17:02:41 da Ivan Repetto »

Jah Messenger

  • Membro
  • Selassie blessed me...
    • Mostra profilo
Re:Protagonisti
« Risposta #3 il: 2012-07-02 19:20:10 »
Eccomi qua, scusate il ritardo ma week-end + europei mi hanno un pò distratto ;D



Nome del Protagonista: Abe Harden, detective della polizia di Brahms

Cosa ti tormenta?: Quando prestavo servizio a Silent Hill ho ucciso un giovane spacciatore, poiché ho avuto l'impressione che mi puntasse addosso una pistola, ma ero io ad essere ubriaco.

Cosa c'è in superficie?: Abe è un poliziotto sulla 50ina, dall'aspetto trasandato...barba incolta, capelli fuori posto e con indosso gli abiti del giorno prima.  Ha cacciato via tutti coloro che gli volevano bene e sperperato tutti i suoi soldi e affonda i propri dispiaceri nella fidata fiaschetta di whiskey.

Cosa giace in profondità?: Abe ha fatto carriera velocemente, fino a quando non è diventato preda dell'alcolismo, che l'ha portato ad uccidere un ragazzo poco più che 16enne. Il senso di colpa lo divora e da allora spera in un'occasione per redimersi e riscattare il proprio nome.

Dove stai andando?:  Abe è tornato a Silent Hill in preda all'alcool, per recarsi nella sua vecchia casa...sa che è stato lì che la sua dipendenza dall'alcool è nata e deve recarvisi per affrontare ciò che la sua memoria nasconde.

Cosa ti è appena successo?: Dopo l'ennesimo turno di 15 ore Abe si è scolato l'ennesima bottiglia del caro vecchio Jack...adesso si trova al centro della cittadina di Silent Hill con la bottiglia in mano, quando vedo una luce all'interno della vecchia stazione di polizia.

Equipaggiamento: La mia Smith & Wesson calibro 45.

Metà Oscura: Fantasma del ragazzo - Quando mi rifugio nell'alcool il fantasma dello spacciatore che ho ucciso ritorna di fronte ai miei occhi...mi chiedo sempre se sia un'allucinazione o una proiezione delle mie angosce. Alle volte agisce in modo di aiutarmi nei miei casi, altre volte invece fa sì che io diventi sempre più triste e solitario.



Anima: XXX
Corruzione Permanente: OOO
Disperazione: OOOOOO
Riquadri incubo:OOO






Se avete qualche idea per migliorarlo, la accetto volentieri ;)
« Ultima modifica: 2012-07-15 15:16:07 da Filippo Porcelli »
Se un uomo cade una stella esprime un desiderio...

Mr. Mario

  • Archivista
  • Membro
  • *
  • Mario Bolzoni
    • Mostra profilo
Re:Protagonisti
« Risposta #4 il: 2012-07-04 16:12:56 »
Mi chiamo Billy North, 18 anni appena compiuti.

e sono un giovane disadattato, con mille famiglie affidatarie alle spalle, entrato e uscito dal riformatorio e scappato dall'ultima casa famiglia.

Cosa mi tormenta? Lo vuoi proprio sapere? Non sapere quasi nulla sulla mia famiglia, sull'incidente stradale che ha ucciso mia madre e anche me, per un paio di minuti, per esempio. Non riuscire a ricordare quasi nulla prima dell'incidente. Non sapere chi sia mio padre, cosa gli sia successo, e perché cazzo non sia mai venuto a cercarmi. Non sapere se il fratello gemello che vedo nei miei sogni è reale oppure no. Non sapere chi sia il donatore del cuore che mi è stato trapiantato dopo l'incidente. Non sapere quanto mi resta da vivere. Devo andare avanti?

Cosa mi è appena successo? Beh, me ne sono andato dal Saint Theresa. No, del perché, non ne voglio parlare. Uno dei muratori che lavorano in fondo alla strada ha lasciato le chiavi nel cruscotto del suo pickup. Fesso. Così ho deciso di festeggiare il mio fottuto compleanno cambiando aria per un po', e me ne sono andato fuori città quando ho visto un cartello che mi sembrava di avere già visto. Silent Hill. Aspetta, non è dove mi hanno operato? Decido che andare a dare un'occhiata non mi costa nulla, e svolto. Toh, è una di quelle cittadine con il cartello Benvenuti. Heh. si vede che da queste parti nessuno vende bombolette spray. Beh, io me ne sto guidando il pickup del muratore, bello tranquillo in mezzo alla nebbia, e all'improvviso la strada cede sotto di me. Cazzo. Le ruote davanti del pickup sono sospese su un abisso di fuoco e io non so cosa fare.

Cosa c'è in superficie? Un giovanotto dall'aria ribelle e strafottente, piercing, occhiali da sole e magliette provocatorie, che cerca di darsi arie da duro.

Cosa giace in profondità? Un ragazzo sensibile, con un senso di colpa e una rabbia che da anni non mi so spiegare. Sembra che odi tutto, ma in realtà ce l'ho con me stesso, e sto bene solo quando sono di notte, da solo, con lo zaino pieno di spray. Allora lì dò il meglio di me. O almeno quando posso disegnare.

Dove sto tornando? Sto tornando a casa, la casa della mia famiglia. Dove tutto è cominciato. Al momento non ne ho la minima idea però. Di questo posto assurdo, mi ricordo solo dell'ospedale e dell'orfanotrofio.

Equipaggiamento: Un taccuino di disegni a matita e carboncino. I muri non me li posso portare via, e quelle suore di merda del Santa Theresa mi hanno sequestrato le bombolette.
- Un piede di porco

Metà Oscura: Disegni col gesso. Lo dicevo io che in questo posto del cazzo non vendono bombolette, così c'è qualche povero cristo che invece disegna col gesso. Cavolo, se ce ne avessi uno io di gessi farei la prova, perché la sua scrittura è dannatamente simile alla mia. Mi ricorda un gioco che facevo da piccolo...

Anima: X X X
Corruzione Permanente: O O O
Disperazione: X O O O O O
Riquadri incubo: O O O
« Ultima modifica: 2012-07-18 19:14:37 da Mr. Mario »
Sognatore incorreggibile. Segretario dell'Agenzia degli Incantesimi. Seguace di Taku. L'uomo che sussurrava ai mirtilli.

Tags: