Autore Topic: RavenDeath: il "ciclo" dei dadi (e varie ed eventuali)  (Letto 1496 volte)

Dairon

  • Membro
  • Al secolo Luca Correnti
    • Mostra profilo
    • Ass. Cavalcalupi
Mi vergogno abbastanza a fare una domanda su di un gioco cui ho avuto la fortuna di giocare con l'autore (ciao Iacopo!), tuttavia la lettura e recente rilettura del manuale mi ha lasciato con un dubbio. Credo di aver capito, ma non trovo una conferma, e visto che spero di giocarci presto...

I dadi: abbiamo quattro pool separate, due per colore, suddivise tra Protagonista ed Antagonisti.
I dadi neri in realtà non sono importanti, nel senso che non sono numerati e si tira ogni volta al massimo il valore del Personaggio sulla sua scheda.
I dadi bianchi invece sono numerati (3x numero giocatori) e iniziano tutti nella pool degli Antagonisti. Quando questi li utilizzano, finiscono nella pool del Protagonista. Da lì una volta usati escono dal gioco, non tornano alla pool degli Antagonisti (in effetti questo è il dubbio).

Giusto/Sbagliato/Pareggio?

(mi premunisco di lasciare il thread "aperto" ad altre domande che potrebbero sorgermi)

Iacopo Frigerio

  • Membro
  • Il Signor Coyote
    • Mostra profilo
Re:RavenDeath: il "ciclo" dei dadi (e varie ed eventuali)
« Risposta #1 il: 2011-11-14 22:53:00 »
Le Riserve sono due
La Riserva di bene potenziale del protagonista
e
La Riserva di bene potenziale degli antagonisti

non cambia niente all'atto pratico con quanto tu hai detto, ma secondo me è più semplice pensare che i dadi neri non costituiscono nessuna Riserva in gioco.
Quindi non considerarla nemmeno a livello teorico, ti semplifichi la vita (tanto è vero che nel manuale non c'è alcun riferimento a riserve di dadi neri).

Quanto al ciclo dei dadi, la prima parte è giusta:
i dadi che vengono usati dagli antagonisti (con la minuscola, che quindi si riferisce ai giocatori) finiscono nella Riserva del protagonista.

la seconda parte invece è sbagliata, infatti:
i dadi che vengono usati dal protagonista finiscono nella Riserva degli antagonisti

di fatto c'è un circuito chiuso e le partite finiranno sempre con lo stesso numero di dadi bianchi con cui hanno iniziato.
L'amore è quel particolare rapporto nel quale una persona può mostrarsi perdente

Dairon

  • Membro
  • Al secolo Luca Correnti
    • Mostra profilo
    • Ass. Cavalcalupi
Re:RavenDeath: il "ciclo" dei dadi (e varie ed eventuali)
« Risposta #2 il: 2011-11-15 04:17:16 »
Ottimo. Grazie!