Autore Topic: Creare da 0 un'ambientazione  (Letto 1955 volte)

Creare da 0 un'ambientazione
« il: 2011-08-29 08:33:30 »
Buonsalve.
Dall'Ap di un mio amico (del gruppo di F) in The Pool è venuto fuori una difficoltà.
Insomma i giocatori che vengono dal tradizionale, abituati alla pappa pronta, hanno problemi nel realizzare un'ambientazione che sia interessante e che sia "utile", nel senso di "da cui prendere spunto per questioni interessanti".

Alcuni giochi, come geiger counter, hanno delle linee guida su cui concentrarsi (nel foglio di stile), altri come Shock una vera e propria scheda dell'ambientazione con termini più specifici (shock, minuzie, leve).

Esistono degli elementi, punti chiave, che contribuiscono, se schematizzati, a facilitare il processo di creazione di un'ambientazione per un gioco oppure ritenete debba essere un lavoro da eseguire senza "strumenti"?

Se si, quali mettereste in questa scheda?
« Ultima modifica: 2011-08-29 08:37:21 da Manfredi Arca »
Manfredi. Fan Mail: 6 - Fridge-humor Fan-Mail: 1 - Fanmail dell'Illuminata Eccellenza: 1 - Amen: 2 - Punti Sangue: 2 - Morenate : 835

Re:Creare da 0 un'ambientazione
« Risposta #1 il: 2011-08-29 08:51:18 »
Dalla poca esperienza che ho,posso dirti che un buon inizio sia davvero tirare fuori quello che uno vuole e quello che uno non vuole.A turno,ogni giocatore dice una o due cose che vorrebbe nell'ambientazione e una o due che proprio non ci vorrebbe.E quelle non ci sono.Immagino che le cose che uno ci vuole diventino anche importanti e siano ottimi agganci per il gioco.
Danilo Sesti

Re:Creare da 0 un'ambientazione
« Risposta #2 il: 2011-08-29 11:13:41 »
Io quando gioco a The Pool mi ispiro a come si crea un pich in AiPs facendo domande tematizzate alle storie che si vorrà creare.

Per esempio, abbiamo fatto una ambientazione di Sci-Fi dove abbiamo posto in essere lo "stile" delle storie che volevamo creare: guerra spaziale; poi abbiamo deciso  i vari elementi ma tenendo conto che facevamo storie di guerra su una nave da battaglia.

Spesso ci si può ispirare alla fiction: mi piacerebbe come in galactica essere una nave sola contro tutti, oppure mi piacerebbe un "escono dalle fottute pareti" come in Alien.

La cosa migliore è parlare e proporre un vero Brainstorming iniziale.

Poi le cose vengono da se.



Re:Creare da 0 un'ambientazione
« Risposta #3 il: 2011-08-29 11:26:43 »
Creare un'ambientazione è quasi esattamente lo scopo del gioco Microscope, e non è obbligatorio che il processo debba essere "fine a se stesso". Anzi, può essere sfruttato proprio per dare una backstory ad altri giochi.

Riporto dal manuale:

"You can also use Microscope to build settings for other game systems. Play one session, and you have a world that everyone at the table knows and likes. Make up some characters and go exploring."

Tradotto:

"Potete anche utilizzare Microscope per costruire ambientazioni per altri sistemi di gioco. Giocate una sessione, ed avrete un mondo che tutti al tavolo conoscono e "vivono". Create alcuni personaggi e andate ad esplorarlo".
Luca

Moreno Roncucci

  • Big Model Watch
  • Membro
  • *****
    • Mostra profilo
Re:Creare da 0 un'ambientazione
« Risposta #4 il: 2011-08-29 14:48:19 »
Attento a non cadere in uno degli equivoci tipici di The Pool, il confondere il monologo di vittoria con "adesso faccio il GM e quindi faccio quello che mi pare".

In The Pool, è il GM che domina il mondo, gioca tutti i png, narra tutti gli esiti in cui non viene ottenuto un MOV, tronca tutti i MOV che escono dall'ambito del conflitto, decide tutto quello per ci non si tira, decide tutta la backstory

Il Monologo di Vittoria è solo la risposta alla domanda "come hai fatto a vincere?" Puoi narrare anche dei dettagli, ma se ti metti a raccontare una storia farlocca di un png per cui il GM ha creato un diverso backgroundi, da regolamento ti può (e ti deve) stroncare subito, può interrompere il tuo MOV in ogni momento.

Con gli altri giocatori decidi "giochiamo nel mondo di Star Wars o nel mondo dell'Odissea o nel mondo dei fumetti Marvel?", ma poi il resto lo prepari tu (o meglio, prepari quello che ti serve e improvvisi il resto)
"Big Model Watch" del Forum (Leggi il  Regolamento) - Vendo un sacco di gdr, fumetti, libri, e altro. L'elenco lo trovi qui

Re:Creare da 0 un'ambientazione
« Risposta #5 il: 2011-08-29 15:15:09 »
Moreno nessuno ti vieta di creare in THe Pool una ambientazione per sommi capi insieme, si decide il background delle storie come funziona la magia a grandi linee ecc. ecc. Si tratta di un lavoro discrorsivo che non ha a che fare con il gioco vero e proprio ma serve a far contribuire tutti al mondo di gioco.
Poi da regole è ovvio che il timone l'ha saldamente in mano il Master.

Simone Micucci

  • Facilitatore Globale
  • Membro
  • *****
  • Simone -Spiegel- Micucci
    • Mostra profilo
Re:Creare da 0 un'ambientazione
« Risposta #6 il: 2011-08-29 22:26:15 »
Per mia esperienza ludica sono dell'idea che parlare di un'ambientazione generica, sganciandola da un sistema di gioco (o da tutti gli altri componenti dell'exploration in genere) è abbastanza superfluo.

Faccio un esempio pratico:

Stavamo facendo un Pitch di AiPS e alcuni giocatori (uno in particolare) praticamente non volevano saperne di seguire lo schema base (proporre una serie che ti è piaciuta dicendo perché).
Si stava discutendo di fare un fantasy (doveva essere la serie di d&d. Ovviamente il risultato fu molto distante da qualsiasi partita di d&d, non ne seguiva lo schema manco da lontano. Infatti AiPS è un gioco diverso), e mentre con un paio di giocatori si discuteva sul cuore della serie ("e se facessimo una serie che parla delle guardie di una prigione?" "e se facessimo una serie che parla dell'assedio di orchi in una città?") un altro giocatore insisteva solo a proporre dettagli che a mio avviso erano abbastanza superficiali ("e se facciamo che ci sono i fucili? Dai che a me arco e frecce hanno stufato!" "e se invece dei cavalli ci fossero le moto? Dai, fighi gli elfi in moto!!") la cosa dopo un pò mi divenne irritante.
Ma dico io che diavolo cambia? Stiamo discutendo del cuore centrale della cosa, che diamine centrano sti dettagli? Poi le guardie potranno avere fucile o arco e frecce, ma intanto vogliamo metterci d'accordo su come fare la serie?


Perché in AiPS c'è una procedura guidata.

Ma in altri giochi non c'è.
Nella mia esperienza l'opzione che "ogni giocatore propone dei dettagli di ambientazione che dovrebbero essere presenti" è abbastanza inutile. Viene spesso una paccottiglia caotica che lascia tutti un pò contenti (perché c'è il loro dettaglio. Wow!! E ora che si trovano nelle Paludi Emofaghe finalmente si che il giocatore n°3 si divertirà! -_- ), ma più in genere insoddisfatti. Genera opere di compromesso che non fanno litigare nessuno, ma che hanno ben poco di affascinante.
Smentitemi pure, ma le volte che l'ho visto fare ha sempre ottenuto questi risultati.

Con triex abbiamo creato ambientazioni nostre in due modi:
A - prendendone una già esistente e smembrandola per trovarne quello che secondo noi era il Cuore, dopodiché lavoravamo su quello per esaltarlo secondo i nostri gusti. Lo abbiamo fatto con "Solar Werewolf" e con "What Measure a Non-Human?"
B - partendo da una situazione che giudicavamo interessante e poi creandoci un'ambientazione intorno che desse un contesto a mio giudizio affascinante a quella situazione. È quello che facevamo io e un mio amico con alcuni nostri lavori personali.

oppure se ti interessa io rimasi folgorato dal sistema dei creazione dei sistemi solari su un gioco chiamato Diaspora. Il gioco in se non mi disse molto, ma il metodo di creazione dell'ambientazione mi lasciò basito e mi spinse a crearne una variante fantasy, dove vengono create varie terre fantasy legate tra loro in qualche modo. Questo sistema l'ho provato un paio di volte con risultati abbastanza gradevoli. Se ti interessa lo posto.
Simone Micucci - GcG Global Fac - Fan Mail: 70 - Pacche sulla Spalla: 1. "Difficile avere nemici con Caldo+3"

Tags: