Autore Topic: [Ravendeath] Misteri non sovrannaturali  (Letto 1649 volte)

Ezio

  • Membro
  • Ezio Melega
    • Mostra profilo
[Ravendeath] Misteri non sovrannaturali
« il: 2011-04-09 21:36:20 »
Mistero è uno dei temi di Ravendeanth, quello opposto a Segreto.


Consente, in pratica, di caratterizzare la scena con qualcosa di noto ai personaggi, ma che non trova spiegazioni razionali.


Quando si gioca in scenari più o meno sovrannaturali Mistero è facile... ad ArCONate, giocando con Angeli, Arcangeli e Demoni era facile: Michele è una cacca tamarra, ma, morendo, ascende al Cielo e ritorna alla Grazia Divina e ha sempre rappresentato il Bene. Perché? E' il Piano Ineffabile. Mistero. Sapete quel che è successo, ma non potete spiegarlo (Segreto, di contro, è qualcosa che sarebbe comprensibilissimo... se lo si sapesse).


Stasera abbiamo giocato con una ragazza reduce dalla guerra del vietnam che, nella New York degli anni '80 ritrova i marines che hanno distrutto il suo villaggio e il traditore vietnamita che li aveva venduti. E' uno scenario molto realistico e dalle tinte drammatiche, niente possibilità di inserire alcunché di sovrannaturale.
Questo ha, inizialmente, bloccato un po' il flusso creativo. Si è risolto tutto in fretta; è bastato seguire la fiction e le idee sono arrivate, ma mi piacerebbe vedere qualche esempio un po' circostanziato di come inserire il Mistero in un contesto puramente realistico... così, giusto per aiutare a mettere in moto le rotelle di chi legge ^^


Chau, la protagonista, si confronta con "Charlie", l'uomo che ha venduto il suo villaggio, nell'ufficio di Charlie, in una situazione controllata dall'Antagonista. Entrambi sono armati di pistole. Solo alla fine del Confronto si scoprirà che quella di Charlie era senza proiettili. L'Antagonista aveva scelto di affrontare la sua persecutrice con una pistola scarica, facendo quindi credere di essere molto più pericoloso di quanto fosse realmente.
Perché? Che cosa ha indotto questa scelta apparentemente illogica?


La scena è la stessa di prima (in realtà l'esempio della pistola era un suggerimento poi non utilizzato effettivamente, spodestato da questo), Chau perdona Charlie. Gli dice che non ha più niente contro di lui perché il suo stesso senso di colpa l'ha già distrutto, nel momento stesso in cui lei è rientrata nella sua vita. Non avrebbe senso infierire: Charlie sta già abbastanza male, il debito è saldato.
Nel realizzare tutto questo Charlie si sente improvvisamente sollevato. Sa che dovrà strisciare, sa che dovrà soffrire, ma nonostante ciò è sereno e fiducioso come non lo è stato da quando ha visto Chau.
Perché? Come mai Charlie è contento invece di disperarsi per lo stato in cui ora versa la sua vita?

Vedendo questi due esempi mi è venuto in mente un modo per spiegare il Mistero: Mistero è qualcosa che, apparentemente, non ha alcun senso logico, fa alzare il sopracciglio ai giocatori ma che al tempo stesso viene percepito come stranamente appropriato alla scena.


Che ne dite?


Avete altri esempi di Misteri a sovrannaturale 0?
Non importa che siano realmente avvenuti al tavolo, stanno bene anche idee partorite solo per questo thread, l'importante è che siano esempi circostanziati e possibili giocando uno scenario di Ravendeath senza sovrannaturale.
Just because I give you advice it doesn't mean I know more than you, it just means I've done more stupid shit.

Iacopo Frigerio

  • Membro
  • Il Signor Coyote
    • Mostra profilo
Re:[Ravendeath] Misteri non sovrannaturali
« Risposta #1 il: 2011-04-13 07:58:16 »
Bella idea
Hai colto un problema che esiste (è sempre difficile far capire mistero quando c'è sovrannaturale 0)
e hai trovato una bella soluzione al problema.
 
Al momento non mi vengono in mente esempi tratti direttamente da giocate.
Però dei cliché (dipende dal vostro gusto estetico e dal genere/stile della giocata la credibilità o meno di queste cose, ma mistero in genere è fatto apposta per generare un vero effetto di "incredibilità") possono essere:
 
-Un attore recita la scena di un personaggio semi immortale in un set, che sale su un tavolo circondato da brutti ceffi armati fino ai denti. Nella scena in teoria lui non dovrebbe subire nulla di letale, ovviamente nella realtà tutte le pistole sono caricate a salve. Interviene mistero, una delle pistole (che è evidentemente caricata a salve, evidente anche al controllo successivo al fatto) "spara" davvero e l'attore crolla a terra ferito mortalmente.
 
-Un famoso ladro ha lanciato la sfida di rubare il famoso diamante blu nell'ora e giorno stabilito malgrado la sorveglianza. Imponente è lo stato della sicurezza, tra allarmi, trappole, barriere, guardie privare, la polizia e un ispettore dell'Interpol. Il ladro tenta di entrare e ne esce un rocambolesco inseguimento, dove alla fine pare che il ladro si sia a malapena avvicinato alla bacheca e ancora il diamante risulta al suo posto, passato l'orario. Interviene mistero e il ladro su un promontorio non molto lontano dalla villa, al chiaro di luna, mostra alla sua amata il diamante estraendolo dalla tasca.
L'amore è quel particolare rapporto nel quale una persona può mostrarsi perdente

Ezio

  • Membro
  • Ezio Melega
    • Mostra profilo
Re:[Ravendeath] Misteri non sovrannaturali
« Risposta #2 il: 2011-04-13 08:23:24 »
Altro esempio tratto dalla stessa giocata, che mi ero scordato. Anche questa era un'idea poi non "passata in giudicato".


Charlie il vietcong traditore ha una moglie, Ann. Ann è tendenzialmente sottomessa e rispettosa del marito, ma man mano che emergono le azioni passate di lui si allontana dal marito, si ribella. Arriva a ferirlo con un wok rovente. Scopre l'orrore (e la necessità) delle azioni di Charlie e ne ha palesemente orrore. Detesta le azioni dell'uomo che ha di fianco, la disgustano, sono repellenti!
Eppure, nonostante ciò, Ann è ancora innamorata di Charlie.
Perché? Come può l'amore sopravvivere a tutto questo?
Just because I give you advice it doesn't mean I know more than you, it just means I've done more stupid shit.

Tags: RavenDeath Temi