Autore Topic: [Gdr Free] IL BIVIO  (Letto 3030 volte)

Dario Delfino

  • Membro
  • Top 5: Shock, TBabe, M Bubblegum, Arena, Monhearts
    • Mostra profilo
    • Blog senza censura
[Gdr Free] IL BIVIO
« il: 2008-11-16 18:57:15 »
IL BIVIO
Gioco di ruolo, anzi, passatempo di ruolo.

Il bivio è un gioco di ruolo diceless che può essere improvvisato ovunque, può essere giocato anche da chi non sa NULLA di gdr e non richiede alcuna preparazione.

Il gioco dà il meglio con poche persone... anche con due giocatori funziona benissimo. Il bivio può essere giocato nei momenti vuoti, svuotando la noia regalando piacevoli momenti di svago. Sì, perchè un'avventura può durare otto ore così come può durare otto minuti.

La durata dell'avventura è scelta all'inizio dai giocatori, che si accorderanno sul tempo che vogliono dedicare a questo gioco L'avventura dovrà finire allo scadere del tempo prefissato.

Puoi giocare ad il bivio con un tuo amico anche in situazioni impreviste mentre siete in treno, mentre aspettate un amico in ritardo, quando siete in fila alla posta... Ogni momento è buono! Quello che serve, infatti, è la voglia di giocare, tenendo presente che il bivio è un gioco di ruolo leggero, veloce e divertente.

Come dicevo prima, un "passatempo di ruolo".


LA CREAZIONE

La prima cosa da fare è impostare l'ambientazione. Di comune accordo tutti i giocatori rispondono alle seguenti domande:
- DOVE si svolge la storia? (nello spazio, nel deserto, nel mondo delle fate, nella città senza nome...)
- QUANDO si svolge la storia? (nel presente, all'età degli antichi egizi, nel 2044, nel 40.000...)
- QUAL è l'atmosfera di gioco? (Avventurosa, drammatica, comica, cupa...)
- CHI è il protagonista? (Un mago, un'avventuriero solitario, un'amazzone, un mafioso...)
- COSA vuole il rotagonista? (sconfiggere un mostro, ritrovare la figlia rapita, capire dove si trova, scoprire il mistero della casa stregata...)

Una volta risposto BREVEMENTE a queste domande, quando cioè sapete grossomodo a cosa andrete incontro (se ci saranno elementi paranormali se il mondo è simile a quello in cui viviamo oppure se è una realtà alternativa distante da noi, ecc...) caratterizzate un po' meglio il protagonista. Usate circa quattro aggettivi per descriverlo.


SI PARTE!

A questo punto un giocatore comincia la narrazione. Dovrà semplicemente descrivere una scena, precisando dov'è il protagonista, chi e cosa c'è attorno a lui, e cosa sta facendo o cercando di fare in quel momento.

IL BIVIO
Ad un certo punto un giocatore vorrà impostare un bivio. Quando si presenta un bivio la storia si trova davanti ad una biforcazione, verranno cioè proposte DUE alternative, delle quali una sola si realizzerà.

Un'alternativa è proposta da un giocatore, l'altra da un altro. Quindi, ogni volta che si chiama un bivio saranno DUE i giocatori coinvolti.

Il bivio può essere imposto tanto da chi narra, quanto da uno dei giocatori che in quel momento sta ascoltando.

Se il bivio lo imposta un giocatore che sta ascoltando, questi alzerà leggermente il pugno e dirà: "secondo me..." completando la frase con meglio crede, descrivendo un possibile sviluppo immediato della storia. Il giocatore che narra, sollevato il pugno dirà "secondo me invece..." completando la frase con la descrizione di UN ALTRO possibile sviluppo, che potrà essere simile a quello detto dall'altro giocatore oppure completamente diverso.

Se il bivio lo imposta un giocatore che sta narrando, invece, ha due scelte:
1. può agire come nel caso precedente, descrivendo cioè un possibile sviluppo e lasciando che un altro giocatore (il primo che parla) presenti un'alternativa;
2. può limitarsi a sollevare il pugno sollecitando un giocatore a proporre un possibile sviluppo. Dopodichè sarà lui a descrivere una soluzione diversa.

In sostanza quando il bivio lo imposta chi narra, decide se sarà lui o un altro giocatore il primo a presentare una delle strade del bivio; quando il bivio lo imposta chi ascolta, è sempre lui il primo a descrivere uno sviluppo possibile.


QUALE STRADA?

Una volta che due giocatori hanno descritto le due biforcazioni del bivio bisogna stabilire QUALE delle due strade prenderà la storia. Per far questo si fa... pari o dispari. Bim, bum, bam!

Se è dispari la storia si sviluppa nel modo (apparentemente) migliore per il personaggio, se è pari, viceversa, la storia prenderà la piega (apparentemente) peggiore.

Il giudizio su quale sia lo sviluppo migliore o peggiore dal punto dista  del personaggio è fatto prima che si faccia pari o dispari, ed è un giudizio IN ASTRATTO.

Infatti quella che in astratto sembrerebbe essere la cosa peggiore, col senno di poi potrebbe rivelarsi la cosa migliore... non tutto il male viene per nuocere!


CHI NARRA?

Ogni volta che si fa pari o dispari per vedere quale strada del bivio viene scelta il narratore potrebbe cambiare. Infatti, A PRESCINDERE dal pari o dispari, il giocatore che dovrà continuare la narrazione è quello che ha tirato il numero più alto. Se entrambi i giocatori hanno tirato lo stesso numero narra il giocatore che in quel momento stava ascoltando.


COSA NARRA?

Il giocatore che deve continuare a narrare, deve tener conto del risultato del pari o dispari. Se è pari narrerà l'esito che (apparentemente) era il peggiore per il personaggio; se è dispari narrerà l'esito che (apparentemente) era il migliore per il personaggio.


L'ECCEZIONE

Se entrambi i giocatori hanno tirato lo stesso numero, la storia prenderà una piega imprevista, ci sarà cioè un esito DIVERSO dai due sviluppi descritti dai giocatori in precedenza. Il giocatore che deve narrare questo imprevisto è SEMPRE quello che per primo ha proposto il bivio.

NB: Tutta la narrazione va effettuata al passato
« Ultima modifica: 2008-11-21 12:20:01 da seneca29 »
Dario Delfino

Dario Delfino

  • Membro
  • Top 5: Shock, TBabe, M Bubblegum, Arena, Monhearts
    • Mostra profilo
    • Blog senza censura
[Gdr Free] IL BIVIO
« Risposta #1 il: 2008-11-16 19:09:11 »
Signori, ecco la mia ultima modesta creazione. Se avete dubbi, volete dare suggerimenti, volete giocarlo... fatemi sentire cosa ne pensate!  :wink:
« Ultima modifica: 1970-01-01 01:00:00 da seneca29 »
Dario Delfino

Tags: