Autore Topic: [NCaS] Ritorno a Silent Hill - Protagonisti  (Letto 2156 volte)

Arioch

  • Facilitatore
  • Membro
  • *
  • Max Caracristi
    • Mostra profilo
    • Qi-long, risorse aggratis per gdr di ogni tipo
[NCaS] Ritorno a Silent Hill - Protagonisti
« il: 2010-03-24 11:23:37 »
Thread per la creazione e raccolta dei Protagonisti del pbf di RaSH
Blood & Souls for Arioch

Michael Tangherlini

  • Membro
  • Michael Tangherlini
    • Mostra profilo
    • Phage without a host
[NCaS] Ritorno a Silent Hill - Protagonisti
« Risposta #1 il: 2010-03-24 13:38:43 »
Intanto metto giù le idee raccolte per il mio PG.

Si tratta di una ragazza insicura, da sempre in sovrappeso e quindi oggetto dei maltrattamenti dei bulletti fino circa all'adolescenza. Silent Hill per lei è un ricordo felice: sulle rive del lago sorgeva infatti la casa in cui trascorreva le vacanze estive con la famiglia, unico luogo che abbia mai sentito realmente sicuro.
Suo padre è appena morto, investito proprio dalla macchina di uno dei bulletti, che guidava ubriaco fradicio. Distrutta, la ragazza ha sospeso studi e tutto quanto ed è partita per Silent Hill, alla ricerca della casa e di un po' di serenità. Ovviamente non sa in che stato versi la città, ed è convinta di essersi persa nella nebbia...

-MikeT
My body is a cage / My mind holds the key (Peter Gabriel - My body is a cage)

[NCaS] Ritorno a Silent Hill - Protagonisti
« Risposta #2 il: 2010-03-24 15:19:23 »
Il mio PG sarà quello del PBF 2 di NCaS ormai fermo, riadattato alla situazione

[NCaS] Ritorno a Silent Hill - Protagonisti
« Risposta #3 il: 2010-03-24 20:02:05 »
Mi chiamo? Charles Gork
E sono? Un architetto
Cosa ti tormenta?tempo fa ero bambino e stavo visitando silent hill insieme ad erika,una bambina di 8 anni come me, poi ricordo che iniziammo a giocare a palla, la palla scavalcò il recinto di un orfanotrofio io avevo paura una strana aria tirava su quella cittadina,volevo sacppare ma erika voleva recuperare la palla,scavalcò il recinto e quando si avvicinò alla palla,caduta vicino alla porta…..scomparve…..
Cosa ti è appena successo?sono stato assunto…devo restaurare parte dell’ospedale di silent hill ma quella città evoca in me strani ricordi,la mente è piena di pensieri,paure mentre sono in macchina e in viaggio per un sopraluogo verso silent hill per vedere l'ospedale in che condizioni versa…..quando all'improvviso una palla rotola sulla strada,per schivarla sterzo,ma esco fuori strada e finisco in un canale,la macchina è andata io sono arrivato l'insegna cita:BENVENUTI A SILENT HILL da dove è sbucata la pallina?

Cosa si vede in superfice?un uomo di 35 anni immaturo che nn prende mai nulla sul serio,che ha la passione del tiro a bersaglio

Cosa giace in profondità?un uomo fragile e sensibile che scherza e ride per nascondere le proprie emozioni

Dove stai andando? a piedi cerco di capire dove sia l'ospedale o almeno qlc che mi dia indicazioni

Equipaggiamento: pistola beretta che uso al poligono
Meta oscura: un fantasma con i contorni sfumati di una bambina di 8 anni mi segue\\perseguita da molto tempo…..

ho apportato qualke modifica....

marco

Michael Tangherlini

  • Membro
  • Michael Tangherlini
    • Mostra profilo
    • Phage without a host
[NCaS] Ritorno a Silent Hill - Protagonisti
« Risposta #4 il: 2010-03-24 20:38:20 »
Mi chiamo... Helen Bertholds.
Cosa mi tormenta? I bulletti. Tutti i bulletti che mi hanno tormentato fino a quando non sono cresciuta un po' e non ho imparato a crearmi uno "scudo." Non sono mai stata una persona sicura di sé, e i loro comportamenti mi hanno lasciato tante piccole cicatrici che a volte fanno ancora male: dai nomignoli alle tirate di capelli, dai pizzichi alle merende rubate. Quasi quindici anni passati a sentirmi derisa per il mio peso, senza che qualcuno mi difendesse mai e senza che io stessa riuscissi a risollevarmi da sola. Bulletti che mi hanno attaccato nuovamente, ferendomi ancora più in profondità, uccidendo mio padre...
Cosa mi è appena successo? Mi sono persa... credo. La direzione è quella, ho anche appena oltrepassato il cartello "Benvenuti a Silent Hill," ma con tutta questa nebbia potrei anche essere finita a Los Angeles e non rendermene conto...
Cosa si vede in superficie? Una ragazza grassoccia dal volto paffuto, bionda, che sembra più giovane di quanto non sia in realtà. Occhi castani venati di verde, abiti larghi e lunghi per nascondere quel rotoletto di troppo ma pieni di colori, e una farfallina tatuata all'insaputa dei miei sulla scapola sinistra.
Cosa giace in profondità? Una ragazza piccola, insicura, che vorrebbe ruggire come un leone ma si ritrova a belare come un agnellino. La speranza di un futuro, uno qualsiasi: dopo la morte di mio padre, non vedo più nulla oltre a me, solo nebbia come quella che mi circonda.
Dove sto tornando? Alla casa sul lago dove ho trascorso le vacanze dell'infanzia con i miei. Quello era un posto sicuro, un posto adorabile: c'era il lago, calmo, tranquillo, placido; i cigni, a cui davo da mangiare; la pace e i giochi con i miei genitori; l'assenza totale dei bulletti; il mio diarietto, su cui annotavo tutto ciò che passava per la testa di una bambina. Voglio di nuovo un posto tranquillo, in cui gli incubi non mi perseguitino più.

Equipaggiamento: il diario di quando ero bambina. E' un ricordo caro, contiene un pezzo del mio passato e tante informazioni che ormai ho dimenticato sulla città, ma con troppe pagine chissà come strappate.
Metà Oscura: misteriose pagine del diario, reperite in giro per la città: ogni pagina contiene informazioni vitali e precise su ciò che è accaduto e che accade a Silent Hill.

-MikeT
My body is a cage / My mind holds the key (Peter Gabriel - My body is a cage)

[NCaS] Ritorno a Silent Hill - Protagonisti
« Risposta #5 il: 2010-03-25 01:14:04 »
Nome del Personaggio : Nick Fisher, 34 anni
Professione : Psicologo, altrimenti detto "Strizzacervelli"

Cosa ti tormenta? : Un mio paziente, un giovane di 22 anni si è fatto saltare il cervello con una pistola nel mio ufficio nel mio vecchio lavoro al reparto di Psicologia e Malattie Mentali dell'Ospedale di Silent Hill, dicendo che era colpa mia, che non ero riuscito a salvarlo.

Cosa c'è in superficie? : Un perfetto e preparato professionista. Sono noto nell'ambiente di lavoro, i colleghi mi stimano e gli amici del bar si stupiscono per la mia capacità di non lasciarmi assorbire in nessuna maniera dai problemi dei miei pazienti, perfetto insomma

Cosa giace in profondità? : Non è per caso o per il traffico che sono arrivato tardi e non ho potuto salvare il ragazzo.
Ero occupato con un cliente che pagava molto bene, e non ho voluto certo lasciarlo di fretta per quel ragazzo che mi dava una miseria.
E di soldi ne ho disperatamente bisogno, mia figlia Sophie  ha una patologia cardiaca congenita grave e molto rara e le cure sono molto costose.
Temo di non riuscire a salvarla

Dove stai andando? :  Sono tornato a Silent Hill, la mia città di infanzia e dove ho lavorato come psicologo e dove purtroppo è successo il fatto che mi ha sconvolto la vita e per il quale ci siamo trasferiti. Ho ricevuto la chiamata inaspettata di un vecchio collega, aveva grandi notizie per me e per Sophie, forse c'era una nuova cura, dovevo solo raggiungerlo all'Ospedale. Sono partito subito ma sono arrivato di sera e mi sono fermato in un motel

Cosa ti è appena successo? Sono uscito dalla camera del motel per andare a prendere un pò di ghiaccio al distributore, la notte è estremamente silenziosa, interrotta bruscamente da un terribile grido di paura e orrore proveniente da una delle camere di fronte alla mia dall'altra parte del cortile

Equipaggiamento ->  : Una fotografia della mia amata bambina Sophie

Metà Oscura -> Alterego : Da piccolo avevo un compagno di giochi, ma nessuno lo sapeva, anzi nessuno sembrava accorgersi che ci fosse. Era simpatico e divertente, tranne quando si arrabbiava, a volte si arrabbiava perchè non giocavo con lui, ma io non volevo fare tutti i giochi che proponeva, alcuni mi sembravano folli, altri semplicemente disgustosi, specie quelli che riguardavano gli animali domestici o randagi del vicinato.
Il peggio è che spesso gli adulti se la prendevano poi con me, anche mamma e papà, io provavo a dirgli che non ero io, io non volevo, poi mi trovavo in camera solo a piangere. Sogno di un uomo che mi assomiglia terribilmente adesso, anche nei vestiti, come me solo con i capelli rossi, un pò sudaticci e le iridi completamente bianche, lo vedo con la sua espressione folle e diabolica, sembra voglia darmi una mano, ma nel farlo fà del male agli altri, potrebbe usare le stesse mie tecniche psicoterapeutiche ma alla rovescia, stimolando le persone ad uccidersi...se si stufa, potrebbe farlo lui stesso in modi brutali...lo temo terribilmente..soprattutto perchè sento..che ha qualcosa di me

RiquadrI incubo : 0
« Ultima modifica: 2010-03-25 09:48:30 da Talos 2.0 »

Arioch

  • Facilitatore
  • Membro
  • *
  • Max Caracristi
    • Mostra profilo
    • Qi-long, risorse aggratis per gdr di ogni tipo
[NCaS] Ritorno a Silent Hill - Protagonisti
« Risposta #6 il: 2010-03-25 09:32:16 »
Citazione
[cite]Autore: Talos 2.0[/cite][p]Reazioni :[/p][p]Per via del background direi
Lotta :2
Fuggi :1[/p]


Le Reazioni sono sostituite dai Riquadri Incubo in RaSH :-)
Blood & Souls for Arioch

[NCaS] Ritorno a Silent Hill - Protagonisti
« Risposta #7 il: 2010-03-25 09:46:44 »
Si scusa, facendo un pò di copia incolla me li sono dimenticati, per il resto ti va bene?

Arioch

  • Facilitatore
  • Membro
  • *
  • Max Caracristi
    • Mostra profilo
    • Qi-long, risorse aggratis per gdr di ogni tipo
[NCaS] Ritorno a Silent Hill - Protagonisti
« Risposta #8 il: 2010-03-25 10:45:24 »
Sì, perfetto direi!
Blood & Souls for Arioch

Mr. Mario

  • Archivista
  • Membro
  • *
  • Mario Bolzoni
    • Mostra profilo
[NCaS] Ritorno a Silent Hill - Protagonisti
« Risposta #9 il: 2010-03-25 16:47:54 »
Mi chiamo Billy North, 18 anni appena compiuti.

e sono un giovane disadattato, con mille famiglie affidatarie alle spalle, entrato e uscito dal riformatorio e scappato dall'ultima casa famiglia.

Cosa mi tormenta? Lo vuoi proprio sapere? Non sapere quasi nulla sulla mia famiglia, sull'incidente stradale che ha ucciso mia madre e anche me, per un paio di minuti, per esempio. Non riuscire a ricordare quasi nulla prima dell'incidente. Non sapere chi sia mio padre, cosa gli sia successo, e perché cazzo non sia mai venuto a cercarmi. Non sapere se il fratello gemello che vedo nei miei sogni è reale oppure no. Non sapere chi sia il donatore del cuore che mi è stato trapiantato dopo l'incidente. Non sapere quanto mi resta da vivere. Devo andare avanti?

Cosa mi è appena successo? Beh, me ne sono andato dal Saint Theresa. No, del perché, non ne voglio parlare. Uno dei muratori che lavorano in fondo alla strada ha lasciato le chiavi nel cruscotto del suo pickup. Fesso. Così ho deciso di festeggiare il mio fottuto compleanno cambiando aria per un po', e me ne sono andato fuori città quando ho visto un cartello che mi sembrava di avere già visto. Silent Hill. Aspetta, non è dove mi hanno operato? Decido che andare a dare un'occhiata non mi costa nulla, e svolto. Toh, è una di quelle cittadine con il cartello Benvenuti. Heh. si vede che da queste parti nessuno vende bombolette spray. Beh, io me ne sto guidando il pickup del muratore, bello tranquillo in mezzo alla nebbia, e all'improvviso la strada cede sotto di me. Cazzo. Le ruote davanti del pickup sono sospese su un abisso di fuoco e io non so cosa fare.

Cosa c'è in superficie? Un giovanotto dall'aria ribelle e strafottente, piercing, occhiali da sole e magliette provocatorie, che cerca di darsi arie da duro.

Cosa giace in profondità? Un ragazzo sensibile, con un senso di colpa e una rabbia che da anni non mi so spiegare. Sembra che odi tutto, ma in realtà ce l'ho con me stesso, e sto bene solo quando sono di notte, da solo, con lo zaino pieno di spray. Allora lì dò il meglio di me. O almeno quando posso disegnare.

Dove sto tornando? Sto tornando a casa, la casa della mia famiglia. Dove tutto è cominciato. Al momento non ne ho la minima idea però. Di questo posto assurdo, mi ricordo solo dell'ospedale e dell'orfanotrofio.

Equipaggiamento: Un album di disegni. I muri non me li posso portare via, e quelle suore di merda del Santa Theresa mi hanno sequestrato le bombolette.
Un barattolo di chiodi arrugginiti.
Un biglietto di auguri musicale, scrittomi dalla mia infermiera preferita.
Uno zippo rubato ad uno dei miei padri affidatari.

Metà Oscura: Disegni col gesso. Lo dicevo io che in questo posto del cazzo non vendono bombolette, così c'è qualche povero cristo che invece disegna col gesso. Cavolo, se ce ne avessi uno io di gessi farei la prova, perché la sua scrittura è dannatamente simile alla mia. Mi ricorda un gioco che facevo da piccolo...

Anima: X X X
Corruzione Permanente: O O O
Disperazione: X X O O O O
Riquadri incubo: X O O
« Ultima modifica: 2010-06-17 18:19:21 da Mr. Mario »
Sognatore incorreggibile. Segretario dell'Agenzia degli Incantesimi. Seguace di Taku. L'uomo che sussurrava ai mirtilli.

Tags: