Autore Topic: [GnoccoCON] [Actual Play] Polaris - Esperienze di un novellino  (Letto 2367 volte)

Fabio Succi Cimentini

  • Membro
  • l'ovino che non ti aspetti.
    • Mostra profilo
    • Orgoglio Nerd
Probabilmente verrà fuori poco sistematico, perchè è la prima volta che provo a tirare fuori qualcosa di lontanamente simile ad un AP. Volevo comunque provare a trarre qualcosa dalla mia esperienza reggiana di Polaris, un po' per l'averlo provato due volte e un po' perchè è stato una sorta di 'gioco simbolo' anche per le vicissitudini di trovare gente al pomeriggio e poi arrivare direttamente a fare due tavoli.

Prima osservazione: è un gioco che credo svisceri interamente il suo potenziale su più sessioni di gioco, in modo da arrivare al Logoramento - cosa che a livello di one-shot credo sia poco raggiungibile se non ad una combinazione di tanti tiri esperienza e risultati favorevoli. Però, almeno a naso, serve un minimo di one-shot per rodarlo e adattarsi allo stile di gioco.

La mia esperienza: la prima partita, vissuta con molta partecipazione e fascino durante il suo svolgimento, col senno di poi è stata per me più un rodaggio e una verifica di come affrontare meglio il gioco.
Per esempio mi rendo conto ora che la composizione di quella partita (Mario davanti a Mattia, io davanti a Simone) portava a disequilibrare le coppie Cuore-Errore, mettendo da una parte i giocatori con esperienza - anche minima - e dall'altra due giocatori alla prima esperienza di Polaris: vero che c'è il ruolo di suggerimento delle Lune, ma avere due coppie con rispettivamente un 'rodato' e un inesperto avrebbe potuto dare più scorrevolezza al gioco.
Credo che questa disuniformità si sia un po' vista, con le scene di Mattia o Mario che andavano autonome con buoni rilanci e loro due stessi che partecipavano parecchio come suggeritori quando viceversa io e Simone eravamo ai ruoli primari. E con le escalation che andavano a velocità diverse, proprio per questo.

L'errore principale che credo di avere fatto in questa giocata è stato di farmi da Errore (l'advocacy sarebbe stato il principale tema su cui chiedere consigli e ascoltare con attenzione durante la giornata), anche in risposta ad un'iniziale 'leggerezza' di Simone come errore (di cui avremmo poi parlato, riconduncedola al nostro essere abituati più a ritmi di progressione, di crescendo graduale, e quindi meno a quell'aggressività che mi pare invece fondamentale specie a livello di one-shot). Come esempio:

Cuore(me) - E fu così che [...] Mulu-lizi si nascose dietro le rocce per tendere l'imboscata al gruppetto di demoni a cui aveva dato la caccia, preparando l'arma.
Errore(Simone) - Ma solo se un demone ti sorprende da dietro.
(Cercando di ricostruire a memoria qui c'è un momento di suggerimento da parte delle Lune sul fatto che è blando come rilancio, ma se non sbaglio rispondo io lo stesso)
C - Ma solo se lo trafiggo con la mia verga-lancia di fuoco gelido.
E - Ma solo se ti strappa un braccio.
Cuore - E inoltre (Capacità Creatore di bellezza) il braccio, mischiandosi al sangue di demone e alla fiamma di ghiaccio. Diventa un bellissimo braccio come di metallo blu venato da bagliori neri, che chiama il vuoto nella spalla del Cavaliere.
E la scena si chiude con lui sul punto di chinarsi.

Qui sì, lo ammetto, avevo messo apposta per creare una situazione di tentazione per il mio  Cavaliere. Sovrapponendomi agli altri giocatori, immagino; e dopo, alla visione che l'irraggiungibile amata era morta per colpa di suo fratello, avrei rilanciato in Conflitto "Ma solo se la voce dentro il braccio gli dice che potrà ": altro errore, e qui mi è stato fatto notare e - ulteriormente rimarcato da un mio lapsus durante la presentazione al pomeriggio - mi è servito per entrare nell'ordine di idee dell'advocacy e del fatto che devo curarmi di far combattere il mio Cavaliere per quello a cui tiene. Nulla di oltre.

Quello che ho visto come più difficile sono un elemento uscito in gioco e uno di previsione per la forma di gioco a tot. sessioni.
Il primo è il ruolo delle Lune nell'interpretare un PNG: in entrambe le giocate questa funzione è stata usata poco, lasciando fondamentalmente le azioni dei personaggi secondari (specie perchè spesso parte di un conflitto) all'Errore. Nella seconda giocata avremmo avuto un momento di dubbio durante in conflitto, in cui Angelo (Luna), mentre come Errore di Lapo avanzavo un "Ma solo se la moglie di sir Scutus per la nostalgia del marito è caduta in una malattia che la consuma finchè lui le starà lontano per combattere", ha cominciato a parlare interpretando la moglie: e non eravamo sicuri se si potesse fare in conflitto. In generale, appunto, credo ci sia stata molta incertezza per le Lune a giocare i PNG oltre che arbitrare e suggerire - lasciandoli quindi in generale alla gestione degli altri. O almeno è la mia impressione.

La seconda è l'idea di adattarsi ad un formato più lungo della one-shot, e qui credo che sia necessario non partire subito in quarta: i ritmi serrati e le atrocità immediate di giocare alla Con mi danno l'idea di dovere essere stemperate in un gioco che parta di più dal progredire delle situazioni, anche rispettando di più il fatto di giocare dei Novizi. Cosa che, in giocate in cui subito morivano mogli e amanti e partivano avvicinamenti più o meno forzati ai demoni, forse un po' è scivolata via.
Va certo evitato di essere blandi, però: ed è questo equilibrio che per ora trovo abbastanza delicato trovare. Un consiglio che ho ricevuto è quello di prendersi molto tempo per costruire assieme al Cosmo, e sicuramente legare di più i Cavalieri l'uno all'altro attraverso questi faciliterebbe un gioco di 'crescendo'. E poi magari è un'altra cosa più difficile ora immaginare che non attraverso il gioco con naturalezza di persone che vogliono ottenere quello. Qualche altro cent a riguardo ?

(Seguirà anche la parte sulla seconda giocata, anzi se qualcuno dei miei compari vuole aggiungersi non si faccia problemi. E nonostante qui io sembri più critico che altro ciò non toglie che Polaris mi sia davvero piaciuto tanto, magari i pregi vedrò di tirarli fuori nei prossimi post XD)
nel dungeon nessuno può sentirti belare  |  emo gamer, sense of wonder gamer, pucci-un-cazzo gamer, vive la varieté.

Ezio

  • Membro
  • Ezio Melega
    • Mostra profilo
[GnoccoCON] [Actual Play] Polaris - Esperienze di un novellino
« Risposta #1 il: 2009-09-07 23:38:49 »
Ciao Tozzie ^^

Citazione
[cite]Autore: Tozzie[/cite]Prima osservazione: è un gioco che credo svisceri interamente il suo potenziale su più sessioni di gioco, in modo da arrivare al Logoramento - cosa che a livello di one-shot credo sia poco raggiungibile se non ad una combinazione di tanti tiri esperienza e risultati favorevoli. Però, almeno a naso, serve un minimo di one-shot per rodarlo e adattarsi allo stile di gioco.


Questo è verissimo, ed è sempre stato detto da tutti, Lehman compreso, quindi, si, hai visto giusto. Sulle one-shot di rodaggio... non saprei, probabilmente dipende da chi hai intorno.
Personalmente credo che d'ora proporrò un po' Thou Art But a Warrior, lasciando il Polaris classico un attimo nel cassetto. TABAW aggiunge delle regole che rendono più ritmato il gioco, lo accorciano pur senza diminuirne l'intensità e, a occhio, mi sembra migliore come one-shot.

Citazione
[cite]Autore: Tozzie[/cite]La mia esperienza: la prima partita, vissuta con molta partecipazione e fascino durante il suo svolgimento, col senno di poi è stataper mepiù un rodaggio e una verifica di come affrontare meglio il gioco.


Yep. Sono convinto, e a Gnocco l'ho detto più volte, che Polaris non sia un gioco semplicissimo e non credo sia l'ideale come "prima volta" con lo story now. Devi aver capito bene l'advocacy, devi essere in grado di giocare aggressivo (specialmente in one shot) e devi essere in grado di sparare bang a una buona velocità (cosa sono i rilanci di Polaris se non una serie di bangs?)
Però è, insieme a Spione, la migliore palestra per capire l'advocay (o almeno, io l'ho capita davvero solo giocando a questi due giochi) e che non bisogna cercare "la storia figa", ma giocare il proprio personaggio secondo le regole. Il gioco, se fatto bene, farà il resto.
Forse si, avreste fatto meglio a "mescolarvi" ;-)

Citazione
[cite]Autore: Tozzie[/cite]Nella seconda giocata avremmo avuto un momento di dubbio durante in conflitto, in cui Angelo (Luna), mentre come Errore di Lapo avanzavo un "Ma solo sela moglie di sir Scutus per la nostalgia del marito è caduta in una malattia che la consuma finchè lui le starà lontano per combattere", ha cominciato a parlare interpretando la moglie


Ehi, stop. Il conflitto è una questione tra Cuore ed Errore. Le Lune non possono entrare in conflitto (vedi l'uso di "vediamo cosa ne verrà"), mai. Durante il conflitto le Lune non hanno da "recitare i PNG", perché la contrattazione avviene sempre e solo tra Cuore ed Errore. Il loro ruolo è quello di arbitri e quello di suggeritori (ed è un ruolo fondamentale, le idee più belle vengono spesso dalle Lune, dato che Cuore ed Errore è meglio non si diano suggerimenti), ma non hanno più potere decisionale.

Citazione
[cite]Autore: Tozzie[/cite]In generale, appunto, credo ci sia stata molta incertezza per le Lune a giocare i PNG oltre che arbitrare e suggerire - lasciandoli quindi in generale alla gestione degli altri. O almeno è la mia impressione.

Guarda, non è difficile, in realtà. In gioco libero le Lune hanno autorità sui PNG di competenza della loro "fase". Li usano come meglio credono (cfr pag. 62 A few words about guidance), guidano le loro azioni e le loro parole, ma i Giocatori Attivi hanno sempre e comunque la possibilità di intervenire con un "Ma non era importante", e negare la loro ultima affermazione, a meno che l'avversario non la adotti con un "Vediamo cosa ne accadrà". Anche in questo caso, però, il giocatore attivo non ha diritto di dire alla Luna cosa fa il PNG in sostituzione all'azione annullata, non al di fuori di un conflitto.

Il Conflitto può essere iniziato solo da un giocatore attivo, anche se le Lune hanno il dovere di fare notare se si è ovviamente in Conflitto e questo non sta partendo (pag 62 Everyone ought to watch for conflicts and experience).
Una volta che il conflitto è iniziato le Lune si fanno da parte, e lasciano che siano Cuore ed Errore a negoziare le affermazioni, anche se hanno il diritto di chiedere a uno di questi due di rappresentarli: metti che la Luna Nuova si sia affezionata a Tubeh, la madre del Cavaliere Ara e che l'Errore dica "Ma solo se... Tubeh muore", la Luna ha il diritto di chiedere al Cuore di bloccare quest'affermazione con un "Chiedi decisamente troppo" o altro. Il Cuore non ha però, strettamente parlando, il dovere di assecondarla (cfr pag. 68 First you must know when use it).
Ripeto: i conflitti sono tra Cuore ed Errore, con le Lune che fanno un passo indietro e diventano arbitri e suggeritori.

Esempio:
ERRORE: Ma solo se Tubeh muore
CUORE: Ed inoltre, morendo, rivela al figlio dove è stata nascosta la spada di suo padre
ERRORE: Ma solo se Fomalhaut, il vecchio istruttore di Ara, è in realtà un Demone.
Cuore: E così fu.

Vedi? Non c'è stata una Luna che ha "recitato" la parte di Tubeh, ma è stato il Cuore a dettarne le azioni. L'Errore poi ha inserito dettagli nella storia di un altro PNG (Luna Piena?), senza chiedere permesso alla Luna. Possono farlo. Altrimenti si rischierebbe seriamente di deprotagonistizzare il Cavaliere.

Ancora sul conflitto: "[...] The Moons may not initiate a conflict, nor can they use any of the key phrases" (pag 68). E durante il conflitto ogni volta che apri bocca devi usare le key phrases.
La definizione di Conflitto in Polaris: "Conflict in Polaris is an extended negotiation between Heart and Mistaken over the events of the scene" (pag. 69)

Sono riuscito ad essere sufficientemente chiaro, nella logorrea?

Citazione
[cite]Autore: Tozzie[/cite]La seconda è l'idea di adattarsi ad un formato più lungo della one-shot, e qui credo che sia necessario non partire subito in quarta: i ritmi serrati e le atrocità immediate di giocare alla Con mi danno l'idea di dovere essere stemperate in un gioco che parta di più dal progredire delle situazioni, anche rispettando di più il fatto di giocare dei Novizi. Cosa che, in giocate in cui subito morivano mogli e amanti e partivano avvicinamenti più o meno forzati ai demoni, forse un po' è scivolata via.
Va certo evitato di essere blandi, però: ed è questo equilibrio che per ora trovo abbastanza delicato trovare.


È proprio questo che Thou Art But a Warrior va a cambiare.
Inserisce delle meccaniche che inducono ad iniziare giocando con le relazioni sociali e sentimentali del Cavaliere, poi si passa al livello degli intrighi e poi alle battaglie con gli Infedeli. Se ti interessa posso scendere un po' nei dettagli in un altro post ;-)

Citazione
[cite]Autore: Tozzie[/cite]Un consiglio che ho ricevuto è quello di prendersi molto tempo per costruire assieme al Cosmo, e sicuramente legare di più i Cavalieri l'uno all'altro attraverso questi faciliterebbe un gioco di 'crescendo'. E poi magari è un'altra cosa più difficile ora immaginare che non attraverso il gioco con naturalezza di persone che vogliono ottenere quello.

Ottimi consigli.
Non capisco cosa vuoi dire con la seconda frase, ma probabilmente sono in palla io.
« Ultima modifica: 2009-09-07 23:43:54 da Aetius »
Just because I give you advice it doesn't mean I know more than you, it just means I've done more stupid shit.

Fabio Succi Cimentini

  • Membro
  • l'ovino che non ti aspetti.
    • Mostra profilo
    • Orgoglio Nerd
[GnoccoCON] [Actual Play] Polaris - Esperienze di un novellino
« Risposta #2 il: 2009-09-07 23:57:42 »
Oh, grazie già per avere chiarito un po' di cosette :D

Citazione
Sono riuscito ad essere sufficientemente chiaro, nella logorrea?


Perfetto. L'inserimento della Luna nel conflitto infatti l'avevamo fermato sul nascere proprio per il sospetto che non fosse fattibile, consultandoci (chiedendo anche a Mauro dall'altro tavolo, se non erro), invalidandolo e poi andando avanti.
La mia incertezza è più sul free-play e sul fatto che spesso un PNG veniva mosso dall'Errore a inizio scena con un comportamento già 'forte' (per dire: da Errore ho aperto una scena con l'aperta ribellione, e l'accusa di tradimento, da parte  dell'ex-scudiero del Cavaliere, ritiratosi dall'impegno di difesa fino a che non era morta la moglie). E' lì che mi chiedo se ho sbagliato, se doveva venire mosso dall'inizio dalla Luna (con magari un'istanza dell'Errore stesso che gli propone 'Se gli facessi fare questo..'?) o altro.

Citazione
È proprio questo che Thou Art But a Warrior va a cambiare.
Inserisce delle meccaniche che inducono ad iniziare giocando con le relazioni sociali e sentimentali del Cavaliere, poi si passa al livello degli intrighi e poi alle battaglie con gli Infedeli. Se ti interessa posso scendere un po' nei dettagli in un altro post ;-)


Questo mi interessa davvero, grazie!  

Citazione
Non capisco cosa vuoi dire con la seconda frase, ma probabilmente sono in palla io.


Nah. Sarai logorroico, ma io sono incomprensibile :°D
Riformulo in linguaggio da cristiano: "Magari è più difficile a dirsi che a farsi, e se nel gruppo si costruisce la sintonia anche una progressione meno violenta si potrà raggiungere con una certa naturalezza." Possibile?
nel dungeon nessuno può sentirti belare  |  emo gamer, sense of wonder gamer, pucci-un-cazzo gamer, vive la varieté.

Renato Ramonda

  • Membro
  • Renato Ramonda, faccia di Janus
    • Mostra profilo
[GnoccoCON] [Actual Play] Polaris - Esperienze di un novellino
« Risposta #3 il: 2009-09-08 00:00:17 »
TABAW ti da' un ritmo certo, un ciclo piu' esplicito nella fiction di fondo. Piu' breve? Ho i miei dubbi: la Discord track e' bella lunga :)
Questi sono giochi che possono incantare in una demo, per la loro diversita' ed il loro indubbio fascino. Ma la loro condizione perfetta e' la breve serie di sessioni, senza fretta. Poco piu' corto o poco piu' lungo di un ciclo completo di Cani sospetto, in realta'.

Ezio

  • Membro
  • Ezio Melega
    • Mostra profilo
[GnoccoCON] [Actual Play] Polaris - Esperienze di un novellino
« Risposta #4 il: 2009-09-08 00:31:53 »
Citazione
[cite]Autore: Tozzie[/cite]La mia incertezza è più sul free-play e sul fatto che spesso un PNG veniva mosso dall'Errore a inizio scena con un comportamento già 'forte'

Come direbbe Shaka di Virgo:  "La risposta è nel Cosmo!" XD

Guardate la scheda: in quale sezione del Cosmo è scritto il nome di quel PNG? Bene, avete scoperto di chi è la guidance e l'autorità di descrivere in free play le azioni di quel PNG.
Se "Pisces, mia sorella" è nella sezione della Luna Nuova l'Errore non può descrivere come questa sfodera un pugnale e ferisce il Cavaliere, perché non ha guidance su quel PNG (se Pisces fosse stata posseduta da un demone o preda di una rabbia omicida nei confronti del fratello si sarebbe spostata nel Cosmo dell'Errore, con il cambio, appunto, di guidance). L'Errore ha autorità sugli antagonisti, sui demoni portatori dell'Errore, sull'ambiente e sulla backstory, non sulle azioni dei PNG che non gli competono.
L'Errrore avrebbe potuto, per esempio, descrivere come Pisces si trovava avviluppata fra i viticci simili a tentacoli del terribile Tlaloc dei Germogli (definendo elementi di backstory e giocando un Demone), ma le reazioni di Pisces sarebbero state responsabilità della Luna Nuova.
NOTA BENE: Quanto detto qui sopra è valido solo per il free play. Per i conflitti vedi il post prima.

Citazione
[cite]Autore: Tozzie[/cite]Questo mi interessa davvero, grazie!

Immagino saprai che TABAW è Polaris ambientato nella reconquista.
Il cambiamento di meccaniche principale è il meccanismo degli "Eventi Storici".
Si inizia a giocare che i barbari infedeli non sono ancora una minaccia per la taifa (sultanato) e l'Infedele (errore) non può in alcun modo negoziare affermazioni che portino i cristiani ad avere un reale impatto militare su mussulmani. Sono in stallo.
Questo cosa comporta (a occhio, non sono ancora riuscito a provarlo)? L'Infedele dovrà giocoforza concentrarsi sulle relazioni del Cavaliere e sui dissidi interni alla Taifa, se vuole davvero avere effetto.

Poi, però, ci sarà un episodio di Esperienza. Ogni volta che un cavaliere ottiene Esperienza la Taifa nel suo insieme ottiene un punto Discordia (che è quindi un punteggio unico per tutti i giocatori, che tutti contribuiscono ad aumentare).
Ogni 5 punti di Discordia scatta un Evento Storico, segnando l'avanzamento alla fase successiva del gioco.
Il gruppo decide assieme cos'è questo "Evento Storico" che cambia le carte in tavola a favore dell'Infedele e ciascun Cuore riceve una breve scena (framing a carico dell'Infedele) per dettagliare il coinvolgimento del proprio Cavaliere nella faccenda.
Durante la fase 2 si rivela apertamente la corruzione della Taifa, l'infiltrazione politica e sociale degli Infedeli. Adesso l'Infedele può ottenere per gli eserciti Cristiani delle vittorie, anche se non permanenti.
Discordia 10 e scatta un nuovo Evento Storico (una grande catastrofe), nuova scena di intermezzo decisa assieme, e si entra nella fase 3, che non ha restrizioni. Ora Mussulmani e Cristiani, Cuore ed Errore, combattono ad armi pari.
Discordia 15, Evento Storico che fa capire come i Cristiani siano innegabilmente più forti. Adesso è il CUORE che non può più ottenere vittorie permanenti o significative per i Mussulmani.
Discordia 20 e la Taifa cade, il gioco finisce. Se ci sono ancora Cavalieri vivi e non convertiti (corrotti) questi diventano reietti, dandosi alla macchia e continuando a combattere da soli una battaglia di uno contro mille.

Come vedi è stato inserito un meccanismo che ritma molto il gioco, prendendoti per mano e aiutandoti nell'escalation dei temi, cosa che Polaris affida all'esperienza dei giocatori.
Inoltre diventa più breve (calcolarice alla mano, Renato :-P). In Polaris servono 32 avanzamenti di esperienza per concludere, in TABAW 20 (in 4. Quando si gioca in 3 Polaris richiede 24 avanzamenti, TABAW 16, in 5 Polaris 40, TABAW 26)

Citazione
[cite]Autore: Tozzie[/cite]Riformulo in linguaggio da cristiano: "Magari è più difficile a dirsi che a farsi, e se nel gruppo si costruisce la sintonia anche una progressione meno violenta si potrà raggiungere con una certa naturalezza." Possibile?

Assolutamente si. Non ci sono meccaniche specifiche come quella sopra, ma i giocatori possono sopperire per conto loro.
« Ultima modifica: 2009-09-08 00:32:41 da Aetius »
Just because I give you advice it doesn't mean I know more than you, it just means I've done more stupid shit.

Niccolò

  • Membro
    • Mostra profilo
[GnoccoCON] [Actual Play] Polaris - Esperienze di un novellino
« Risposta #5 il: 2009-09-08 01:16:23 »
in realtà in polaris basta sempre la decadenza di due cavalieri, quindi potenzialmente solo 16 avanzamenti (in 3, in 4 o in 5 è uguale) per permettere dichiarazioni come la fine del mondo.

Moreno Roncucci

  • Big Model Watch
  • Membro
  • *****
    • Mostra profilo
[GnoccoCON] [Actual Play] Polaris - Esperienze di un novellino
« Risposta #6 il: 2009-09-08 03:52:43 »
Riguardo alla durata di Polaris, Lehman (recentemente tornato a Seattle dopo il periodo a Taiwan e quindi adesso molto più attivo) dice QUI:

Polaris is playable in "campaign" mode, but you cycle through characters about once every 6 sessions or so.

The "short" game of Polaris is 4-8 sessions. The one shot version is ... not as much fun.
"Big Model Watch" del Forum (Leggi il  Regolamento) - Vendo un sacco di gdr, fumetti, libri, e altro. L'elenco lo trovi qui

Fabio Succi Cimentini

  • Membro
  • l'ovino che non ti aspetti.
    • Mostra profilo
    • Orgoglio Nerd
[GnoccoCON] [Actual Play] Polaris - Esperienze di un novellino
« Risposta #7 il: 2009-09-08 09:50:45 »
Ottimo, ho la conferma che ho cannato parecchio con i PNG e che posso impararvi per migliorare ulteriormente il gioco.
TABAW presentato così è assai sfizioso, ma per ora come priorità ho provare una 'cronachetta intera' di eroismo, discesa negli abissi morali e distruzione in Artide :D
nel dungeon nessuno può sentirti belare  |  emo gamer, sense of wonder gamer, pucci-un-cazzo gamer, vive la varieté.

Ezio

  • Membro
  • Ezio Melega
    • Mostra profilo
[GnoccoCON] [Actual Play] Polaris - Esperienze di un novellino
« Risposta #8 il: 2009-09-08 10:20:16 »
Citazione
[cite]Autore: Tozzie[/cite]ma per ora come priorità ho provare una 'cronachetta intera' di eroismo, discesa negli abissi morali e distruzione in Artide


Ecco, cambia giusto la latitudine ;-)

EDIT( Ma perché ho inviato?)

@Domon: Perché due? "The following things can only be asked for when a king is a Veteran: [...] the destruction or transformation of the whole or the most of the world" Pag. 76
Credo che in realtà ne basti uno.

Come gioco, io, questa regola? (confermatemi se sbaglio o meno). Nelle partite che ho fatto fin'ora la consecutio degli eventi tra le storie di un Cavaliere all'altro non era chiarissima. In almeno un paio di volte è saltato fuori dal gioco che un Cavaliere stava vivendo le sue avventure prima o dopo quelle di un altro. In questo modo anche se un Errore ottiene la distruzione del mondo, le storie degli altri non ne sono automaticamente distrutte. Otterranno, magari, un punto di arrivo comune, ma possiamo sempre giocarle come se fossero avvenute prima, e non in contemporanea.

@Moreno:
Citazione
[cite]Autore: Moreno Roncucci[/cite] but you cycle through characters about once every 6 sessions or so.

Chiedo scusa, ma non capisco cosa significa la frase :-/
« Ultima modifica: 2009-09-08 10:28:23 da Aetius »
Just because I give you advice it doesn't mean I know more than you, it just means I've done more stupid shit.

Moreno Roncucci

  • Big Model Watch
  • Membro
  • *****
    • Mostra profilo
[GnoccoCON] [Actual Play] Polaris - Esperienze di un novellino
« Risposta #9 il: 2009-09-08 11:17:40 »
Citazione
[cite]Autore: Aetius[/cite]Chiedo scusa, ma non capisco cosa significa la frase


Che un PG di Polaris "dura" in media sulle sei sessioni circa.
"Big Model Watch" del Forum (Leggi il  Regolamento) - Vendo un sacco di gdr, fumetti, libri, e altro. L'elenco lo trovi qui

Tags: