Autore Topic: SandTown - città per cani nella vigna.  (Letto 448 volte)

Pippo_Jedi

  • Membro
    • Mostra profilo
SandTown - città per cani nella vigna.
« il: 2018-10-20 12:26:42 »
Ciao, stasera incomincio "campagna breve" a cani con alcuni amici. Breve perchè si prova una forse due città e poi si vede se il gioco prende oppure no, anche in base ad altri impegni.

Siccome ho sempre un po' di dubbi quando creo le città ecco la prima città che ho fatto. penso di introdurre alcune relazioni con i pg o ad aggiungere qualche png a fine creazione dei personaggi (siamo a metà).

Spero di aver seguito bene la procedura: il mio scopo è avere una città in cui le cose non sono convolute e che serva ad introdurre il gioco a tutti (tranne me che ho un po' di esperienza di diverse giocate singole negli anni, gli altri conoscono appena il gioco e sarebbe la prima partita effettiva).
NB mi aspetto che si sceglierà un livello di sovrannaturale medio/alto, ma per adesso l'ho tenuto "basso" nella mia preparazione le cose perchè tanto non mi cambia nulla...
-

Orgoglio - Soprintendenza: Fratello Bartolomeo è sposato con Sorella Phidelia, lui lavora i campi e lei si occupa della casa, dei quattro figli maschi e due femmine. Fratello Bartolomeo pensa che il suo lavoro sia molto più faticoso e degno di quello della moglie, che tutti gli debbano MOLTO rispetto e riverenza e che lui non si debba occupare delle più minime cose a casa pur volendo che sia tutto “perfetto”.

Ingiustizia: Phidelia è oberata di lavoro, il che sarebbe quasi normale. Ma ogni volta che un bambino piange un po’ o c’è qualcosa che non va il Bartolomeo la riprende molto durante davanti ai figli umiliandola.

Peccato: Bartolomeo ovviamente picchia la moglie quando se lo merita come fanno tutti. Una sera però la picchia in modo selvaggio riducendola quasi in fin di vita, per futili motivi.

Attacchi Demoniaci: i lavori nei campi e nella foresta (taglialegna) diventano più faticosi e pericolosi, allo stesso tempo anche i lavori di casa sono molto più faticosi perché c’è una malattia che colpisce i bambini… non è nulla di che ma richiede molte attenzioni da parte delle donne della famiglia.

Peccato ripetuto: molte relazioni familiari si complicano, in particolare Patience, la figlia più grande di Batolomeo è ora “la donna di casa” dato che la madre è a letto per parecchio per riprendersi. Bartolomeo comincia a picchiare anche lei, visto che non sa badare alle cose di casa da sola e deve “imparare”. Per farsi dare un mano incomincia a portare nei campi anche Obediah, il figlio maggiore, anche se è un po’ piccolo e lo ammazza di lavoro.
Bartolomeo sbrocca definitivamente quando la figlia Clementina non riesce a far star zitto il figlio più piccolo, ancora poppante. La ammazza di botte.

FALSA Dottrina
: I capofamiglia hanno potere di vita e di morte sui loro familiari, dato che ne sono i responsabili. Sono i Signori della Famiglia.

Culto Corrotto: Che forma assume? Nelle preghiere serali della famiglia di fronte al tavolo si prega sia il signore della vita che il signore della famiglia. In questo modo gli si mostra il giusto rispetto ed è il modo giusto di chiedergli le cose di cui la famiglia ha bisogno, anche se poi sta a lui decidere se la richiesta è giusta o no… se non è giusta ci sono punizioni corporali davanti a tutta la famiglia.
Chi ne fa parte? Alcuni uomini, Bartolomeo, Zackary e Thaddeus parlano fra loro e si lamentano in continuazione delle mogli che non fanno nulla mentre loro si spaccano la schiena tutto il giorno. Sentendo che Bartolomeo fa così, anche altri uomini cominciano a seguire il suo modo di vedere le cose.

Falso Sacerdozio:
Bartolomeo è il capo del culto corrotto e con gli altri due uomini formano già un falso sacerdozio che incomincia così… ovviamente anche i familiari che si sottomettono di fatto ne fanno parte.

Stregoneria: le preghiere al capo famiglia, se apprezzate, fanno risolvere i problemi. I demoni si manifestano, da una parte, come migliori “confort” per il marito nel momento in cui la famiglia fa quel che dice… dall’altra come metodi per tenere sottomessi i membri della famiglia su cui l’uomo ha il controllo assoluto. Dato che i membri della famiglia, pur essendo “vittime”, fanno parte di fatto del culto, allora possono essere posseduti a piacere da Bartolomeo per punirli o farli ammalare etc come forma di dimostrazione che loro hanno torto e sia il Signore della vita che della Casa hanno ragione.

Odio ed omicidio: la situazione va avanti per un po’. Bartolomeo non ne può più della moglie incompetente dopo che questa rovescia un bicchiere di vino mentre lo sta servendo a pranzo. Chiama gli altri, la trascina nel mezzo del paese la moglie per impiccarla davanti a tutti, il Sopraintendente Hamilton si oppone ma viene picchiato a morte di fronte a tutti dal Obediah, il figlio di bartolomeo, che viene posseduto dai demoni su ordine di Bartolomeo.
A quel punto Phidelia viene impiccata dopo che tutti hanno pregato che il Signore della Vita ed il Signore della Casa la possano perdonare. Il suo corpo viene lasciato lì, il corpo di Hamilton viene appeso lì accanto con il cartello “eretico” appeso al collo.


Cosa vogliono dai cani i PNG?
Bartolomeo vuol che appoggino il suo essere il nuovo sovrintendente
Gli altri del culto corrotto vogliono la stessa cosa, vogliono che la falsa dottrina sia confermata dai cani.

Cosa vogliono i demoni?
che il culto venga accettato da tutta la città, che i mariti ed i figli uccidano madri e sorelle.
Vogliono che i cani uccidano gente innocente.

Se i cani non fossero mai arrivati?
la violenza si sarebbe propagata fino a che alcuni “uomini giusti” guidati da Jackson, il figlio di Hamilton, avrebbero tentato di uccidere Bartolomeo con relativo massacro.

---
Geograficamente mi immagino un paesino in riva ad un fiumicciattolo ai piedi di alcune montagne / alte colline piene di foreste ricche di legname, il terreno però è piuttosto difficile da coltivare e la vita è piuttosto dura, la gente tira aventi facendo da taglialegna per paesi più grandi più giù lungo il fiume, con la caccia e con il cibo di alcuni orti e piccoli campi…

Nome città SandTown… dal nome del fiumiciattolo, il Sand.

Pippo_Jedi aka Filippo Zolesi

Simone Micucci

  • Facilitatore Globale
  • Membro
  • *****
  • Simone -Spiegel- Micucci
    • Mostra profilo
Re:SandTown - città per cani nella vigna.
« Risposta #1 il: 2018-10-20 13:12:26 »
Citazione
Peccato ripetuto: molte relazioni familiari si complicano, in particolare Patience, la figlia più grande di Batolomeo è ora “la donna di casa” dato che la madre è a letto per parecchio per riprendersi. Bartolomeo comincia a picchiare anche lei, visto che non sa badare alle cose di casa da sola e deve “imparare”. Per farsi dare un mano incomincia a portare nei campi anche Obediah, il figlio maggiore, anche se è un po’ piccolo e lo ammazza di lavoro.
Bartolomeo sbrocca definitivamente quando la figlia Clementina non riesce a far star zitto il figlio più piccolo, ancora poppante. La ammazza di botte.


Per me questo va in culto corrotto. È praticamente l'applicazione della falsa dottrina.
Ma anche punizioni corporali e umiliazioni pubbliche potrebbero esserlo, in aggiunta alle preghiere al Re della Famiglia (che in questa eresia rende il capofamiglia praticamente il dio della famiglia, facendogli pretendere la riverenza riservata al re della vita in altri ambiti).

Secondo me non è male.
Simone Micucci - GcG Global Fac - Fan Mail: 70 - Pacche sulla Spalla: 1. "Difficile avere nemici con Caldo+3"

Moreno Roncucci

  • Big Model Watch
  • Membro
  • *****
    • Mostra profilo
Re:SandTown - città per cani nella vigna.
« Risposta #2 il: 2018-10-20 20:58:20 »
La prima cosa che mi salta in mente leggendo questa città... è che i millennials hanno ben strane idee sul funzionamento di una società patriarcale...   (troppi manga probabilmente ...   ;D  )

Peccato: Bartolomeo ovviamente picchia la moglie quando se lo merita come fanno tutti.

Questo non sarebbe considerato normale o tollerato, sarebbe il segno di una società già corrotta e divisa. Ovvio che ci saranno persone che picchiano la moglie ma non sarebbe certo segno di una famiglia felice o "normale", sarebbe una vergogna da tenere nascosta (spesso anche dalla moglie) , sarebbe dovere del sovrintendente intervenire per risolvere i problemi, etc.

Il punto chiave è che se partite a giocare Cani nella Vigna da un ottica ultra SJW che vede solo con orrore e disprezzo una società di questo tipo senza capire come funziona, non giocherete ragazzi che onestamente cercano di aiutare le altre persone, giocherete degli inquisitori fascisti di Warhammer 40.000, e il gioco si affloscia...

Anche il manuale non dice questo. Da pagina 93 della seconda edizione:
Ci si aspetta che gli uomini sposati:
• provvedano alle loro famiglie.
• educhino le loro mogli e i loro figli.
• difendano le loro case.


Comunque è un problema di PRESENTAZIONE della società, non occorre cambiare orgoglio, ingiustizia o peccato:

Citazione
Una sera però la picchia in modo selvaggio riducendola quasi in fin di vita, per futili motivi.

Da qui il problema successivo è la reazione del paese, che pare già demoniaca e totalmente inverosimile (e la cosa pare data per scontata, perchè ovviamente all'epoca tutti i mariti ammazzavano di botte tutte le mogli tutti i mercoledì, l'ho letto su Vanity Fair...).  Anche qui comunque non vuol dire che la città sia da buttare o cambiare sostanzialmente, basta che fai reagire i cittadini come esseri umani e non come i cattivi di Ken il guerriero.

Citazione
Bartolomeo sbrocca definitivamente quando la figlia Clementina non riesce a far star zitto il figlio più piccolo, ancora poppante. La ammazza di botte.

Questo per esempio non sarebbe socialmente accettato (a meno che, appunto, il paese non sia già in mano ai demoni e al culto corrotto, ma non sei ancora a questo punto nella scala del peccato). È un segreto della famiglia? Qualcuno in paese sospetta? Che effetto ha sulle relazioni con i vicini?

Perchè lo chiedo? Per questo:

Citazione
Chi ne fa parte? Alcuni uomini, Bartolomeo, Zackary e Thaddeus parlano fra loro e si lamentano in continuazione delle mogli che non fanno nulla mentre loro si spaccano la schiena tutto il giorno. Sentendo che Bartolomeo fa così, anche altri uomini cominciano a seguire il suo modo di vedere le cose.

Cioè, Bartolomeo se ne VANTA ("ho ammazzato di botte mio figlio" e gli altri uomini in paese fanno "bravo! Buona idea"???:o

O stai parlando solo del fatto che si fa servire e riverire dalla moglie, e il resto è segreto? (non l'hai specificato ed è abbastanza importante...)

La parte successiva mi fa pensare alla prima ipotesi, purtroppo...

Citazione
Odio ed omicidio: la situazione va avanti per un po’. Bartolomeo non ne può più della moglie incompetente dopo che questa rovescia un bicchiere di vino mentre lo sta servendo a pranzo. Chiama gli altri, la trascina nel mezzo del paese la moglie per impiccarla davanti a tutti, il Sopraintendente Hamilton si oppone ma viene picchiato a morte di fronte a tutti dal Obediah, il figlio di bartolomeo, che viene posseduto dai demoni su ordine di Bartolomeo.
A quel punto Phidelia viene impiccata dopo che tutti hanno pregato che il Signore della Vita ed il Signore della Casa la possano perdonare. Il suo corpo viene lasciato lì, il corpo di Hamilton viene appeso lì accanto con il cartello “eretico” appeso al collo.

Non lo so, FORSE in un gruppo di millennials che hanno TUTTI quella visione caricaturale della società italiana degli anni 50 (che e la cosa più simile alla cultura dei Cani che conosca) questa cosa potrebbe passare... ma io mi metterei a ridere al tavolo, è troppo grottesca. Non l'hai minimamente giustificata, non c'è ragione perchè tutti il paese si trasformi in questa roba di mostri alla Lovecraft.

Io mi raccomando sempre di far avere alla gente reazioni umane e comprensibili. Sai quale sarebbe per me la reazione umana e comprensibile? Il padre di Phidelia (perchè avrà un padre o una famiglia che la protegga questa povera crista, le donne mica le fanno nei baccelloni come creature aliene...) spara in testa a Bartolomeo appena sa cosa ha fatto al nipote o appena lo vede trattare così la figlia...

Non so, vedo SEMPRE questa cosa nelle città, ho l'impressione che molta gente non riesca più a concepire un mondo pre-1980 se non come un orgia continua di demoni arrapati che stuprano e massacrano ogni mercoledì sera. E se è così forse il problema va pure oltre all'incapacità di immaginarte un mondo di gioco coerente...

Il "segreto" per fare una città è semplicissimo. Mettiti TE al posto dei vari personaggi. Mettiti nei loro panni. Cosa faresti, nei tuoi momenti migliori e anche nei tuoi momenti peggiori.  Immagina cosa potresti fare in un momento di rabbia, frustrazione o gelosia. Ma sempre qualcosa che faresti TE. Una reazione di un essere umano. Non di un orco da D&D o di un demone o di una creatura aliena come un uomo nato prima del 1960.

Se non ne sei capace e continui a vederli come strani alieni malvagi... come speri di far funzionare un gioco basato sul salvarli?
"Big Model Watch" del Forum (Leggi il  Regolamento) - Vendo un sacco di gdr, fumetti, libri, e altro. L'elenco lo trovi qui

Pippo_Jedi

  • Membro
    • Mostra profilo
Re:SandTown - città per cani nella vigna.
« Risposta #3 il: 2018-10-21 13:03:55 »
Moreno: a meno di togliermi 20 anni non sono un millennial!  ::) ;D

Intanto ti ringrazio per la risposta, senza fare microquote: capisco il problema di "rappresentazione" dell'ambientazione di cui parli. La giocata è andata abbastanza bene ed ho qualche domanda sui conflitti perchè non ho molta esperienza sulla cosa e ho dei dubbi.
Ma prima su quello che mi scrivevi sulla città...

Da una parte mi verrebbe da dire che l'ambientazione in parte "non esiste" in quanto è il frutto di ciò che gm e giocatori mettono al tavolo: avendo chiarito che non abbiamo nessuna velleità storica se non quella di creare un mondo autoconsistente. L'ambientazione è strumentale ad affrontare le premesse.
Dall'altra parte metti in evidenza dei problemi che ovviamente potrebbero far deragliare il gioco quindi penso che come spesso accada la cosa utile (per me) sia una via di mezzo.
Sono riuscito a leggere le cose che avevi detto infatti un po' di fretta fra la pizza ed il sistemarsi per iniziare e ci ho riflettuto un attimo.
Mi sono reso conto che, in parte ovviamente, un po' di cose di come mi ero immaginato il paese e gli avvenimenti erano rimaste nella mia testa e non le avessi scritte... il che è per l'appunto ovvio perchè non è che potevo fare un papiro.

Ad esempio:
La moglie uccisa non ha un famiglia vicino, si sono sposati abbastanza giovani, 15 anni circa, e dopo poco sono venuti a stare in questo villaggio (probabilmente perchè pensavano che ci fossero posti da taglialegna o cose così, sono dettagli che creo al volo mentre gioco).
Il fatto che sia normale che il marito picchi la moglie non è "la verità", è quello che pensa Bartolomeo: in effetti che il marito possa picchiare la moglie se se lo merita è una cosa che è vera, il punto è che non è un fatto usuale. Io mi immagino che in una comunità sana, succeda e se il marito non è uno che la picchia selvaggiamente ma in rare occasioni picchia la moglie o, ancora di più, i figli, la cosa sia accettata.
Digressione su italia anni 50: nelle scuole c'era ancora il picchiare con le righe le mani di chi si comportava male e se i figli non ubbidivano al padre un paio di sganassoni non glieli toglieva nessuno... e il babbo faceva bene. Così come l'ammazzare la donna che tradiva era giusto ed anche illegale il delitto d'onore era punito in modo più leggero e valeva sostanzialmente solo per il marito.

Tornando alla città: io mi sono immaginato una casa in cui, alla fine, regna il terrore. La moglie non racconta a nessuno dell'essere picchiata, così come i bambini, è un "segreto di famiglia". Certo qualcuno forse ha un'idea ed infatti ho "aggiunto" dopo che avevi scritto che Bartolomeo ed Hamilton avessero un po' parlato della questione ma che Hamilton non avesse a quel punto l'idea che la situazione fosse così grave... la comunità quindi nel suo complesso non è malata, è una comunità povera dove la vita e dura e dato che la maggior parte della gente fa il cacciatore o lavoro solitari non è così unita come una comunità di contadini che coltiva i campi comuni.

Nel "educare le loro mogli e figli" c'è quindi la frattura dell'orgoglio e del resto: se normalmente un padre di famiglia avrebbe ragione a dare due sganassoni alla moglie che si dimostra, chessò, blasfema o insegna cose sbagliate ai figli o veramente sta tutto il giorno a non fare un cazzo... lui la mena pesantemente se ha la giornata storta e se lei non ha avuto modo di rammendargli una camicia perchè aveva da star dietro a mille cose. è Bartolomeo con con l'orgoglio sposta l'ago della bussola morale da "è un comportamento sbagliato che è a volte accettabile anche se non esattamente bello" a "non è bello ma è giusto"

poi...

Citazione
Cioè, Bartolomeo se ne VANTA ("ho ammazzato di botte mio figlio" e gli altri uomini in paese fanno "bravo! Buona idea"???:o

No, non se ne vanta, leggendo il tuo commento ho deciso di giocare (la cosa ancora non l'avevo decisa al 100%) Bartolomeo come un tipo calmo e che "si rincresce di dover picchiare la moglie, ma d'altra parte è lui il capofamiglia, è suo dovere" che è in effetti il motivo dell'eresia.
Per cui lui più che vantarsi parlando con gli amici spiega che secondo lui ad un certo punto è giusto riprendere duramente la moglie od il familiare che si allontana dalla retta via e che è loro responsabilità farlo, seppure sia una cosa dura, ma dura è la strada del signore della vita.
Allo stesso tempo non è che di default allora tutti gli danno ragione: alcuni in paese pensano che sia uno strano e col cavolo che gli danno ragione... ma fino a quel punto davvero tutti credono che la figlia sia morta per un incidente in casa e non sanno di quanto sia in realtà fuori di capa. (ho sistemato la loro casa come ultima prima dell'inizio della foresta in modo che sia nel villaggio ma leggermente distaccata dagli altri...).
Alcuni, 2 non mille, si convincono e da lì parte il culto corrotto e con l'aiuto dei demoni piano piano la cosa si diffonde sempre più. ma la città è fratturata, non è "dalla sua parte" e lo è in seguito al peccato e gli attacchi dei demoni... all'inizio ci potrebbe essere forse un sovraintendente che non si accorge della gravità di un problema e/o non riesce a far nulla a riguardo...

Sul discorso del finale di odio ed omicidio: nella mia testa avevo visto la cosa come i tre più figliolo più qualche "spalleggiatore senza nome" trascinare Phidelia in mezzo al paese per impiccarla e quando il sovraintendente si mette in mezzo lo fanno fuori selvaggiamente, con il ragazzo posseduto che gli spacca la testa con un sasso, loro che "si godono la scena" con fucili e pistole in mano ed il resto del paese orripilato... ma anche in preda al terrore: sono in diversi a vedere come giusta la cosa "anche se eccessiva" e quelli che la ritengono sbagliata ma non se la sentono a quel punto di intervenire perchè hanno davanti tre o quattro uomini armati pronti a fargli la pelle e quando "la città prega per Phidelia" lo fa con davanti la canna di una colt dragoon.
Della gente poi "casualmente" non c'era, tipo il figlio diciottenne di Hamilton che era via al paese accanto per delle cose, magari vendere legname che ne so...
e quando torna trova il casino e seppur sia un tempeamento focoso sa che se fa una mossa sbagliata rischia di prendersi una pallottola nella schiena, se gli va bene... dopo un due tre giorni arrivano i Cani...

Comunque, grazie al tuo commento, ho descritto fin dall'inizio, rivelando la città, un paese fortemente diviso e chiaramente sull'orlo di un casino, come i cani arrivano molta della gente che li vede abbassa gli occhi e velocemente va per la sua strada, nessuno "li accoglie"... se non la classica vecchina che in lacrime gli dice "meno male che sono arrivati i cani, salvateci da quelli: hanno perso il capo!" e gli racconta la sua versione delle cose...

Su alcune cose sono convinto che non sia andato fuori strada, ma su altre sicuramente il tuo commento mi ha aiuto ad aggiustare il tiro, quindi grazie  :)

---

Sui conflitti avvenuti.
Premessa: so benissimo di essere mooolto arruginito e di dover entrare nel meccanismo del GMemmare i conflitti per bene sia come "strategia" che su alcuni passaggi regolistici...

Nello stesso conflitto ci sono state due cose che hanno a che fare con ambito e fallout che non ci sono tornate, siccome era tardi e dovevamo andare via ed il dubbio era sopratutto sul fallout e quindi ci siamo detti di discuterne la prossima volta, quindi non è stato un problema, nel senso che lo si risolve senza particolari problemi...
I dubbi sono su ambito non fisico / fisico (credo sia un classico) e su gestione fallout.

Scena: i cani stanno andando a casa di Hamilton per discutere con la sua famiglia dopo aver parlato con Bartolomeo ed incontrano per strada proprio Jackson, il figlio di Hamilton, il sovraintendente ucciso che ho deciso essere il cugino del padre di uno dei personaggi, Susan.
Il tipo è esasperato e un po' una testa calda, un po' sennò si saebbe già fatto ammazzare, e chiede ai cani, in mezzo alla strada ed in mezzo agli sguardi della gente, di fare giustizia per suo padre e per Phidelia andando a prendere Bartolomeo ed il figlio e di impiccarli.
I cani vogliono farlo ragionare e calmare al che lui si sfava definitivamente: i cani non lo vogliono aiutare ora e subito e forza loro la mano, dice che andrà a farsi giustizia da solo e dico che si gira, sale a cavallo e se ne va lasciandoli lì. Ovviamente "col cazzo!" da parte dei giocatori e parte il conflitto.

La posta è "Non se ne va, lo portiamo a casa sua" che mi sembra ragionevole quindi ok.

Il mio tiro è piuttosto scarso, loro sono in tre, capisco che se non ho fortuna con i tratti (che sono pesanti d10) non riiuscirò a fare nemmeno un rilancio decente... invece di lasciare subito decido di vedere come va almeno un giro per mettere al fuoco u po' di fiction...
Quello che succede è che un cane lo prende per la spalla, lo gira dicendogli un qualcosa del tipo "dove credi di andare" (fisico)
lui accusa: si ferma e mentre diventa rosso in viso balbetta qualcosa di poco convincente del libro della vita su fare la cosa giusta invece che la più comoda.
Matrin, cane, gli cita le scritture sul quanto sia sbagliato farsi giustizia da soli, Jackson accusa ed abbassa le spalle cercando di ribattere, ma chiaramente non convince nemmeno sè stesso...
Susan, la bis/tris cugina, gli dice che stanno affrontando la cosa e che però gli serve il tempo di capire cosa è successo e quindi prima lui deve parlare con loro (non fisico)
Lui para: mentre loro parlano l'assassino di suo padre è libero di andare a trovare i suoi amici
Jackson vedendosi circondato e messo alle strette si scrolla di dosso la mano sulla spalla del primo cane e, veloce come un fulmine, estrae la pistola e gliela punta contro dicendo che è stufo di dover ascoltare le loro chiacchiere e che adesso se ne andrà mentre fa un passo indietro. E rilancio con un 16 perchè finalmente ho un tiro decente usando i tratti (l'unico, avevo 3d10 con un 1 sopra, sigh). L'ambito è fisico perchè c'è una minaccia concreta dell'uso di arma da fuoco, che conta molto più di mille parole, ma non è armi da fuoco perchè non c'è nessuno che stia effettivamente sparando, neanche per aria.
Tutti vedono perchè sanno che questo rilancio è l'unico buono che posso fare (ho già portato 3 tratti su quattro) con tre o quattro dadi di fallout.
Ho solo dadi con 1 e 2 ma un tratto d10 da poter usare.
il primo Cane, Elajah, lo apostrofa duramente dicendo che puntare la pistola contro di loro non servirà a nulla e passerà dalla parte del torto...
potrei vedere portando un tratto (forse) e accusando un sacco di fallout d4 ma dato che sono solo parole non ha senso... fosse stato che lo menava per disarmarlo, o che altro,avrei accusato il fallout felicemente in modo da poter dire come lo riempivano di botte... ma non è così quindi lascio e chiudiamo il conflitto dicendo che Jasckson sconsolato e fiaccato nell'animo rinfodera la pistola ed acconsente ad andare a casa sua per parlare delle cose...

Il suo fallout è tutto a breve termine, quindi lo ignoro perchè non mi voglio rompere i coglioni ed offro un 5 e 4 in conflitto a seguire per i cani, anche se sappiamo che al 90% non li useranno, ma non importa a nessun far evolvere la scheda di Jackson, quindi finisce lì.

Tutti tirano Fallout: Susan e Elajah con i loro d6 arrivano a conseguenze a breve termine e non fanno esperienza.
Matrin invece con 3d6 fa 6 6 5 ed arriva a 12, ferito. andiamo a rivedere su manuale e gli faccio tirare corpo, che ha solo 2d6 e non riesce a vedere il 12, quindi in realtà dovremmo escalare a fallout di ferita grave ed in realtà è in pericolo di vita.
Sono le due e mezzo di notte, siamo stanchi, ci guardiamo e diciamo "ma che cazz?" Che fra fallout e fiction ci possa essere un po' di "riconnessione" da fare per spiegare perchè c'è un fallout in un modo oppure no lo sappiamo ma questa cosa ci torna strana...
Un tipo agita la pistola, non c'è nessun tipo di "reazione" fisica da parte degli altri perchè tutti hanno incassato dicendo come stanno immobili presi alla sprovvista, alzano le mani e cose del genere dandogli modo di avvicinarsi al cavallo per andar via e cose così...
ed invece c'è un qualcuno che è ferito gravemente... uhm...

I dubbi:
il rilancio di "estrae la pistola rapidamente, vi minaccia facendo un passo indietro" l'ho considerato Fisico, non lotta perchè non mena nessuno, non parlare perchè le sue parole non sono la parte importante di ciò che sta facendo: è il suo puntare la pistola... non è armi da fuoco perchè nessuno sta combattendo con aemi da fuoco... Il giocatore ha detto, che potrebbe essere ragionevole, che sì, è vero che la pistola è importante, ma che effettivamente è comunque non fisico perchè stanno parlando e sono fermi, non c'è un azione in qualche modo in movimento o concitata che potrebbe giustificare a posteriori qualcuno che per qualche motivo si è fatto male più di quello che sembrava (es scappava ed accusa dicendo che è caduto un attimo, poi si rialza e continua conflitto, ma a bocce ferme scopre di avere un brutto taglio sulla testa e rischia di perdere conoscenza)

Ad occhio mi sembrerebbe questo l'errore, in qual caso non sarebbero stati 3d6, ma 3d4. e quindi il mio rilancio che aveva come scopo il dare far prendere un po' di fallout pesantino ai cani (ricordiamoci che è prima sessione voglio anche mostrare un po' il sistema anche se magari non sarebbe scelta ottimale) era in realtà pensato male... e ci starebbe.

L'altra opzione è sugli ambiti di rilanci e vedute: sono convinto, e guardando rapidamente stamattina il manuale non trovavo indicazioni diverse ma magari mi sbaglio, che il vedere possa essere su ambito diverso di quello del rilancio...
E può darsi che l'errore sia qui: se uno mostra una pistola ed è ambito fisico non può vedere "a parole" ma devi escalare a fisico e dire come il tuo accusare sia sul quel piano, il che "aiuta" a creare un fiction in linea con il fallout...
Però boh, io ricordavo che è il singolo personaggio ad escalare e rilanciare ed è il singolo personaggio a dire come vedere: infatti se uno rilancia con una citazione colta puoi escalare a lotta, portare dentro "do' dei ceffoni che manco bud spencer" e ritorcere il colpo dicendo "lo zittisco con un ceffone" o il contrario fermare la mano in volo che sta per darti un ceffone con una citazione colta pungente...

Che nella parte di gestione del fallout ci sia un po' di riconnessione da fare fra fallout uscito dai dati e fiction ci sta... però in questo caso avremmo un cane che è ferito gravemente e rischia di morire... wtf?
L'unica cosa "ragionevole" era riconnettere dicendo che il tipo abbassa la pistola e dice qualcosa del tipo "va bene, andiamo a casa a parlare" e mentre rimette a posto la pistola gli parte un colpo chiaramente accidentale... e il cane è a ferito... ma boh mi parebbe una cosa veramente poco sensata sia a livello di meccaniche che, sopratutto, a livello di fiction...

scusate il papiro ma ho chiaramente un po' di confusione su questo, che mi dite?

grazie della pazienza. :)
Pippo_Jedi aka Filippo Zolesi

Moreno Roncucci

  • Big Model Watch
  • Membro
  • *****
    • Mostra profilo
Re:SandTown - città per cani nella vigna.
« Risposta #4 il: 2018-10-21 16:40:22 »
Moreno: a meno di togliermi 20 anni non sono un millennial!  ::) ;D
Lo pensavo anch'io, poi ho visto definizioni di Millennial così "retrodatate" che ormai ci entro pure io...   :P

Citazione
Il mio tiro è piuttosto scarso, loro sono in tre, capisco che se non ho fortuna con i tratti (che sono pesanti d10) non riiuscirò a fare nemmeno un rilancio decente... invece di lasciare subito decido di vedere come va almeno un giro per mettere al fuoco u po' di fiction...
[...] 
E rilancio con un 16 perchè finalmente ho un tiro decente usando i tratti (l'unico, avevo 3d10 con un 1 sopra, sigh).

Mi pare che sei andato avanti un bel po' senza dadi adeguati... anche quel 16 non era abbastanza, te ne sei "approfittato" un po' che non conoscevano il gioco, bastava che si aiutassero a vicenda per ribattere il colpo, se non hai altri dadi alti per i rilanci successivi un solo tiro alto non basta.

Citazione
I dubbi:
il rilancio di "estrae la pistola rapidamente, vi minaccia facendo un passo indietro" l'ho considerato Fisico, non lotta perchè non mena nessuno, non parlare perchè le sue parole non sono la parte importante di ciò che sta facendo: è il suo puntare la pistola... non è armi da fuoco perchè nessuno sta combattendo con aemi da fuoco... Il giocatore ha detto, che potrebbe essere ragionevole, che sì, è vero che la pistola è importante, ma che effettivamente è comunque non fisico perchè stanno parlando e sono fermi, non c'è un azione in qualche modo in movimento o concitata che potrebbe giustificare a posteriori qualcuno che per qualche motivo si è fatto male più di quello che sembrava (es scappava ed accusa dicendo che è caduto un attimo, poi si rialza e continua conflitto, ma a bocce ferme scopre di avere un brutto taglio sulla testa e rischia di perdere conoscenza)

Ad occhio mi sembrerebbe questo l'errore, in qual caso non sarebbero stati 3d6, ma 3d4. e quindi il mio rilancio che aveva come scopo il dare far prendere un po' di fallout pesantino ai cani (ricordiamoci che è prima sessione voglio anche mostrare un po' il sistema anche se magari non sarebbe scelta ottimale) era in realtà pensato male... e ci starebbe.

L'errore, e grave, che hai fatto è un altro, ed è comunissimo. E gravissimo.
Comunissimo perché lo fanno davvero in tanti, nonostante il manuale sia molto chiaro e ribadisca questo punto due volte.
Gravissimo perché è un errore che davvero, distrugge il gioco, o almeno tutto il meccanismo di collegamento fra fiction e dadi, trasformando CnV in un boardgame senza fiction (e infatti avete visto che poi la fiction non aveva più senso) in cui si giocano dadi scollegati da qualunque evento.

L'errore è pensare che il fallout dipenda dall'ambito.

No. Sono cose totalmente indipendenti. Non è che "nell'ambito fisico hai fallout a d6". No. Puoi averlo a d4, a d6, persino a d8 con certi poteri.

NON ESISTE, nel gioco, collegamento fra ambito a fallout.

Pagina 53:  "La taglia dei Dadi Fallout che prendi dipende dalla natura del Colpo che hai Accusato: d4 se non è fisico, d6 se è fisico ma non procurato da un’arma, d8 se è un colpo d’arma ma non un proiettile e d10 se è un proiettile."

Immagina di essere in ambito "sparatoria", e faccio contro di te un rilancio tipo "ti ammazzo la mamma davanti agli occhi". Che tipo di colpo accuseresti?
Non fisico. Sono d4. Mica sparo a te.

La cosa viene ribadita a pagina 76, dove c'è anche in aggiunta l'elenco dei fallout delle cerimonie, che mostra come parlare a volte infligge d4, o d6, o anche d8 (tre in autorità)

Il fallout non dipende dall'ambito. Dipende da COSA AVVIENE DAVVERO IN FICTION.

La conseguenza è che...  LA FICTION IMPORTA. Cosa succede davvero CONTA. Un rilancio è diverso dall'altro non solo per i dadi, ma anche per quello che dici.

Cosa succederebbe se il fallout dipendesse dall'ambito? in questo caso... la fiction non conta. Non importa nulla se ti spari a Tom o a Julia, il fallout che prende Tom è lo stesso, sia se viene colpito sia se vede qualcuno venire colpito.  Quindi è irrilevante dire cosa succede, puoi giocare a CnV semplicemente spingendo dei dadi, contando il fallout, tipo i punti ferita di d&d. Capisci perchè questo ammazza il gioco?

Quindi, in quella situazione, con quel rilancio... il fatto che l'ambito fosse a fisico o no è irrilevante, il fallout di quel rilencio comunque non è fisico.

Poi, se vogliamo guardare per altri motivi che ambito era... c'è sempre una certa parte di "interpretazione in termini di cosa e importante" della scena...  se l'estrarre la pistola fosse stato qualcosa che veniva contrastato o comunque doveva essere fatto velocemente avrei detto ambito fisico, ma se semplicemente è MOSTRARE la pistola, stai COMUNICANDO (minacciando), per me è ambito "comunicazione".

Poi, un ultima cosa...
Citazione
il primo Cane, Elajah, lo apostrofa duramente dicendo che puntare la pistola contro di loro non servirà a nulla e passerà dalla parte del torto...
potrei vedere portando un tratto (forse) e accusando un sacco di fallout d4 ma dato che sono solo parole non ha senso... fosse stato che lo menava per disarmarlo, o che altro,avrei accusato il fallout felicemente in modo da poter dire come lo riempivano di botte... ma non è così quindi lascio e chiudiamo il conflitto

Quando un rilancio ti sembra non sia luogo a conseguenze di rilievo, è ignorabile. In questo caso potevi semplicemente dire che il rilancio non era valido perchè Jackson semplicemente lo ignorava. Quando sei in mezzo ad una situazione tesa, dire due frasi di circostanza non è un vero rilancio.


"Big Model Watch" del Forum (Leggi il  Regolamento) - Vendo un sacco di gdr, fumetti, libri, e altro. L'elenco lo trovi qui

Pippo_Jedi

  • Membro
    • Mostra profilo
Re:SandTown - città per cani nella vigna.
« Risposta #5 il: 2018-10-21 21:19:26 »
Eh, ma infatti non ci tornava!  ::)
Il mio amico, essendo il suo personaggio, l'ha notato immediatamente... io che avevo da gestire mille cose nuove non ci avevo fatto subito
caso infatti quando a fine conflitto mi ha fatto notare che la cosa non gli tornava mi son detto: uhm, in effetti qualche cosa che non torna
proprio bene bene c'è, ci sta che abbia sbagliato a capire / ricordami una cosa...
Avendo dato un'occhiata altrove non capivo dove era il problema... chiaro che così abbia decisamente senso.

ottimo! grazie  :)

Sul discorso dell'ambito non fisico / fisico mi ricordo diverse discussioni che mi sono sempre state un po' oscure (per l'appunto non ho mai avuto
occasione di giocarci per bene a CnV ) in effetti mettere la cosa in termini stai facendo qualcosa il cui intento primario è comunicare -> non fisico nel
senso di comunicare / intellettivo mi torna molto meglio...
a quel punto tutte le cose che non è menare, sparare o comunicare con qualcuno sono fisiche per esclusione. moooolto più comprensibile.

Grazie, poi magari a fine città faccio post per dire com'è andata nel complesso: per adesso non è andata male, siamo consapevoli sia la prima città
e tutti, me compreso ovviamente, abbiamo da capire un po' il gioco.

a presto!
Pippo_Jedi aka Filippo Zolesi

Tags: [CnV] [ditv]