Autore Topic: Vampiri, coerentemente gamista  (Letto 8691 volte)

Alessandro Piroddi (Hasimir)

  • Membro
  • Choosy Roleplayer
    • Mostra profilo
Vampiri, coerentemente gamista
« Risposta #30 il: 2009-07-07 15:35:09 »
Comunque il "gusto" del vampiri che giocavo io era proprio quello di battere i giocatori "avversari" ;)

Alla fine era come una partita a scacchi, dove però vedevi solo le mosse che RIUSCIVI a scoprire, e sapevi chi le faceva solo se RIUSCIVI a scoprirlo ... si giocava moltissimo su segreti e disinformazione.
Non è una questione di segretezza per la mèra sorpresa (che giustamente viene benissimo rimpiazzata da un regolamento coerente, a conflitti, etc) ma era parte IMPORTANTE ed integrante degli strumenti di gioco!
Il grave problema era che mentre il GM gioca con una persona, le altre stanno a girarsi i pollici.

Io ho visto che con una semplice base ci Conflict Rez e Kicker il gioco si avvia ALLA GRANDISSIMA anche senza segretezza.
Però bisognerebbe testare come va avanti sul medio termine ... se viene tipo una sfida a scacchi (avvincente ma tutta allo scoperto, più sull'abilità tattica che sulla capacità di manipolare ed ingannare).

Il punto però era proprio quello: giocando con i segreti la sfida era fra "manipolatori", era una gara di inganni e controspionaggio.
Come la si potrebbe recuperare?

Domon una volta suggerì di dar qualcosa di concreto e interessante da far fare ai Giocatori mentre il GM era via in privato...
« Ultima modifica: 2009-07-07 15:37:32 da Hasimir »
www.unPlayableGames.TK ...where game ideas come to die

Vampiri, coerentemente gamista
« Risposta #31 il: 2009-07-07 16:24:13 »
Per chi fosse interessato a proseguire il discorso sull'hack di agon per UT, ho aperto questo topic.

Citazione
[cite]Autore: Hasimir[/cite][p]Il punto però era proprio quello: giocando con i segreti la sfida era fra "manipolatori", era una gara di inganni e controspionaggio.
Come la si potrebbe recuperare?[/p]

Quello che pensavo io era questo:

i personaggi hanno determinate risorse, spendibili per guadagnare un vantaggio nella guerra politica, e questo lo sanno tutti. Ciò che nessuno sa (forse nemmeno il giocatore stesso del personaggio) è come queste risorse verranno spese e quando.

A pensarci bene è il principio dei conflitti a vedute e rilanci di CnV: tu sai sempre che dadi l'avversario potrebbe tirare, e anche i risultati dei dadi che ha già tirato. Puoi farti un'idea di cosa per l'avversario potrebbe essere più conveniente fare... Ma quando fai un rilancio, non sai mai di per certo cosa l'altro farà.

Estrapola questa cosa, tipica dei conflitti in CnV, e pensa di applicarla ad un gioco Step On Up... E' come una partita a scacchi, in cui ciascun giocatore può inventarsi come muovere i pezzi... Siamo già un po' più sulla buona strada, no? ;)

Ti faccio un esempio molto grezzo ed estremamente compato per aria, tanto per far capire ciò che intendo.

Giocatore A: "Ho bisogno che tu sia fuori combattimento nelle prossime 24 ore se voglio riuscire a conquistare il quartiere: il mio personaggio usa Influenze (politica): fa organizzare alla guardia di finanza una retata nel rifugio del personaggio di Giocatore B, di giorno, mentre riposi. Voglio proprio vedere cosa fai adesso.".
Giocatore B: "...uhm... pericoloso... Non posso permettertelo: uso Alleati (media): il mio personaggio ha una talpa nella guardia di finanza, un giornalista, che lo avverte delle operazioni in corso, permettendogli di allontanarsi qualche ora prima."

Come vedi è più o meno un rilancio/vedo alla CnV, ma in un'ottica Step On Up di impiego delle risorse del personaggio. Ho usato "Influenze" e "Alleati" solo perchè mi è venuto in mente così, per pura comodità, non perchè abbia già in mente di mantenere tutta questa fedeltà al vecchio WoD.


Così abbiamo recuperato il "non sai cosa l'altro farà", la "sorpresa" dovuta alle azioni segrete, che sono segrete di fatto, perchè non sai mai cosa l'altro farà in risposta.

Quello che ci manca è il "non sai CHI ha fatto qualcosa". Personalmente mi verrebbe da pensare ad una tecnica di questo tipo: se il GM dichiarasse gli eventi, e poi i giocatori potessero "appropriarsene" riconducendoli alle azioni del proprio personaggio in un secondo momento?
Rinominato "Ermenegildo" vox populi, in seguito al censimento dei Paoli.

Alessandro Piroddi (Hasimir)

  • Membro
  • Choosy Roleplayer
    • Mostra profilo
Vampiri, coerentemente gamista
« Risposta #32 il: 2009-07-07 16:48:43 »
Citazione
[cite]Autore: Paolo Davolio[/cite]Come vedi è più o meno un rilancio/vedo alla CnV, ma in un'ottica Step On Up di impiego delle risorse del personaggio.

Già ottenuto lo stesso effetto con una vecchia versione dello PsychoSys ... funziona bene.
In pratica si usano le proprie risorse, test e capacità narrandole come flashback di piani, mosse preventive, colpi di fortuna, normale output di una risorsa adeguata (info da spie, alleati, informatori, etc)

E ok.
Ma non produce la stessa SENSAZIONE per il giocatore ... esempio.

Io giocatore mi faccio un'idea di che combinano gli altri PG ... magari ho problemi nel campo del commercio di fiori e decido di farmi dare una mano da Mario, scoprirò solo dopo (forse solo a fine campagna?) che proprio Mario era la mano dietro al raket dei fiori :P

Se da un lato io POSSO ottenere nella fiction questo risultato usando un buon regolamento (conflitto, perdo, il mio PG si fida del tuo, amen) dall'altro io però perdo completamente la componente di INGANNO e di RAGGIRO ... come dire, l'elemento  "play the player".

Nel tempo ho deciso che i vantaggi di tale rinuncia sovrastano AMPIAMENTE la perdita di quell'elemento ... però ogni volta che l'argomento emerge non posso fare a meno di chiedermi se esista un modo per salvare capra e cavoli :P
www.unPlayableGames.TK ...where game ideas come to die

Vampiri, coerentemente gamista
« Risposta #33 il: 2009-07-07 17:05:21 »
Forse un po' arrogantemente, credo che un modo esista, solo che non sia ancora stato trovato o applicato ;)
Insomma, scherzi a parte, negli ultimi anni sono usciti giochi che come sistema e tecniche sfidano l'impossibile... I conflitti a rilancio e vedute in CnV, la struttura della serie di AiPS, la... tecnica per cambiare regole in Universalis!!! Se è stato possibile fare tutto questo, credo si possa anche andare ancora oltre... ^_^

Allora, focalizziamo: il nostro problema qual'è? Vogliamo che i GIOCATORI non sappiano chi ha fatto cosa, ma senza ricorrere a sessioni private col GM o bigliettini segreti.

...pensa Paolo, pensa...

Allora, riprendiamo un attimo il tuo esempio:

Il GM dichiara: "Alessandro, hai un problema nel commercio di fiori."
Alessandro: "...mmh, ok... Chiedo aiuto a Mario per riprendermi da questa crisi."
Mario: "...ok, ti aiuto..." [sotto i baffi, Mario pensa già di fregare Alessandro grazie a questo]
dopo un tempo x, Mario: "...Alessandro, scopri che a mettere in crisi la tua attività di commercio dei fiori sono stato io! GM, spendo un -inserire nome di una risorsa del personaggio spendibile a riguardo- e dichiaro che sono stato io a metterlo in crisi, facendo versare ai miei scagnozzi del diserbante, con la mia Influenza (criminalità)."

Nessuno sapeva chi fosse stato. Nemmeno chi era REALMENTE stato... Fino a che qualcuno non si è "appropriato" dell'evento... Capisci? Diventa un gioco di becero opportunismo e pugnalate nei fianchi spietate.

Resta da stabilire cosa ci si guadagni nel farlo e come questo si inserisca nelle ricompense del sistema, ma il concetto è questo.
Rinominato "Ermenegildo" vox populi, in seguito al censimento dei Paoli.

Arioch

  • Membro
  • Max Caracristi
    • Mostra profilo
    • Qi-long, risorse aggratis per gdr di ogni tipo
Vampiri, coerentemente gamista
« Risposta #34 il: 2009-07-07 21:39:27 »
Non vorrei sembrare monotono, ma HotB è basato moltissimo sull'idea di segretezza e sul raggirare i compagni di gioco (viene esplicitamente detto di tenere per sé ciò che è scritto sulla propria scheda), sia perchè, per via della meccanica tag/invoke degli aspetti, se un giocatore sa qualcosa su di te, lo può usare contro di te in gioco, guadagnando un vantaggio meccanico, sia perchè i giocatori possono bluffare e manipolare in segreto i propri lanci di dado per ottenere vantaggi.
Blood & Souls for Arioch

Vampiri, coerentemente gamista
« Risposta #35 il: 2009-07-08 09:04:57 »
Però forse non è ancora quello che diceva Hasimir: da quello che ho capito di HotB, non ci sono tecniche per permettere ai personaggi di organizzare segretamente delle cospirazioni insieme al GM... A meno che non preveda anche HotB le mini sessioni in privato col GM... Tutto va comunque dichiarato in pubblico.
Rinominato "Ermenegildo" vox populi, in seguito al censimento dei Paoli.

Tags: