Autore Topic: Cosa vogliono dire "chesting" e "workshopping"?  (Letto 9694 volte)

Mattia Bulgarelli

  • Facilitatore Globale
  • Membro
  • *****
  • Mattia Bulgarelli
    • Mostra profilo
Cosa vogliono dire "chesting" e "workshopping"?
« il: 2016-09-06 13:13:03 »
Riprendo da qui:
http://www.gentechegioca.it/smf/index.php/topic,10595.msg185597.html#msg185597

Citazione
Una qualunque storia del design si trova di fronte quindi ad una svolta: parlare delle gemme, sempre più rare, che mostrano le possibilità che un game design consapevole può dare [...] o parlare della degenerazione progressiva dell'ambiente e delle pessime abitudini parpuzie che si diffondono (chesting, prenarrazione, workshopping, etc.)?

Cosa vogliono dire "chesting" e "workshopping"?
Sono termini che non avevo mai sentito prima.
Co-creatore di Dilemma! - Ninja tra i pirati a INC 2010 - Padre del motto "Basta Chiedere™!"

Mauro

  • Membro
    • Mostra profilo
Re:Cosa vogliono dire "chesting" e "workshopping"?
« Risposta #1 il: 2016-09-06 13:50:26 »
Chesting: "l'escalare continuamente con poste sempre maggiori, usando in pratica le regole del gioco per agire di prepotenza sul piano sociale" (http://www.gentechegioca.it/smf/index.php/topic,3792.msg106639.html#msg106639).

Mattia Bulgarelli

  • Facilitatore Globale
  • Membro
  • *****
  • Mattia Bulgarelli
    • Mostra profilo
Re:Cosa vogliono dire "chesting" e "workshopping"?
« Risposta #2 il: 2016-09-06 16:36:13 »
...e in quel thread avevo pure risposto, ma a quanto pare non sentire un termine per quasi 6 anni è sufficiente perché io me ne dimentichi.  ::)
Co-creatore di Dilemma! - Ninja tra i pirati a INC 2010 - Padre del motto "Basta Chiedere™!"

Moreno Roncucci

  • Big Model Watch
  • Membro
  • *****
    • Mostra profilo
Re:Cosa vogliono dire "chesting" e "workshopping"?
« Risposta #3 il: 2016-09-06 20:22:08 »
Il thread che definisce "chesting"  è su story-games (una delle ultime volte in cui Ron ha postato in quel forum:
http://www.story-games.com/forums/discussion/1199/big-gencon-stakes-discussion

Onestamente il termine non mi piace, è molto specifico di uno specifico problema del conflitto "a poste" (e altri, come quello di Polaris) che è un caso particolare di problemi più diffusi tipo prenarrazione e confusione sulle autorità, e preferisco parlare di questi ultimi.

"Workshopping" invece deriva semplicemente deriva da qui (non è teoria, è un copia-incolla dal dizionario di inglese):
tr.v. work·shopped, work·shop·ping, work·shops :To create or revise (a drama or literary work) based on suggestions or criticism from a group of collaborators.

È quando invece di giocare dei personaggi o comunque giocare creando una storia al tavolo... ci si mette d'accordo prima (prima di giocare, prima di una scena, prima di un dialogo o di un conflitto, etc.) e si decide insieme "cosa faremo, cosa diremo, cosa succederà"
Era un problema soprattutto di primetime adventures con la gente che pensava che chiamando le scene doveva anche dire cosa sarebbe avvenuto in scena, ma adesso temo sia molto più diffuso, con giochi che sembrano scritti per essere giocati così (ed è penso la maniera di giocare più noiosa possibile. Come il railroading ma ti devi anche sorbire il dibattito prima)
"Big Model Watch" del Forum (Leggi il  Regolamento) - Vendo un sacco di gdr, fumetti, libri, e altro. L'elenco lo trovi qui

Simone Micucci

  • Facilitatore Globale
  • Membro
  • *****
  • Simone -Spiegel- Micucci
    • Mostra profilo
Re:Cosa vogliono dire "chesting" e "workshopping"?
« Risposta #4 il: 2016-09-06 20:35:43 »
Sai che il workshopping lo vedo succedere costantemente? Sopratutto con Cani nella Vigna, succede abbastanza spesso che i giocatori, vista la situazione, si mettano a parlare tra di loro su come procedere; ovviamente sono i loro personaggi che si stanno mettendo daccordo, ricavandosi un momento in tranquillità per parlare tra di loro, ma tutte le volte che l'ho visto succedere era sempre un momento in cui si cercava di uniformare le visioni dei vari personaggi.

Io personalmente sono dell'idea che ci sono giocatori (anche in numero significativo, ma non saprei dire quanto elevato) che non vogliono che i loro personaggi entrino in conflitto con i personaggi di altri giocatori.
Simone Micucci - GcG Global Fac - Fan Mail: 70 - Pacche sulla Spalla: 1. "Difficile avere nemici con Caldo+3"

Mauro

  • Membro
    • Mostra profilo
Re:Cosa vogliono dire "chesting" e "workshopping"?
« Risposta #5 il: 2016-09-06 20:37:39 »
Se sono i PG che parlano tra di loro cercando un accordo è ancora workshopping?

Niccolò

  • Membro
    • Mostra profilo
Re:Cosa vogliono dire "chesting" e "workshopping"?
« Risposta #6 il: 2016-09-07 00:52:43 »
i pg non parlano davverotra loro, sono i giocatori a farlo :)

ok, sembra una battuta, ma ragionaci: se i pg fossero in contrasto, invece di parlare all'infinito dovrebbero entrare in conflitto, no?

Mauro

  • Membro
    • Mostra profilo
Re:Cosa vogliono dire "chesting" e "workshopping"?
« Risposta #7 il: 2016-09-07 01:22:49 »
se i pg fossero in contrasto, invece di parlare all'infinito dovrebbero entrare in conflitto, no?
Se vanno avanti all'infinito sì, se non altro perché qualcuno proverà a mettere in pratica la sua idea e qualcun altro si opporrà, ma non ho chiaro se l'esempio di Simone si riferisse a quei casi. Ho avuto un caso di un gruppo che parlando tra PG in relativamente poco tempo ha concordato su una soluzione.

Moreno Roncucci

  • Big Model Watch
  • Membro
  • *****
    • Mostra profilo
Re:Cosa vogliono dire "chesting" e "workshopping"?
« Risposta #8 il: 2016-09-07 01:39:49 »
Lo vedi subito quando una scena è di dialogo in-character o workshopping: i giocatori parlano diversamente, si atteggiano diversamente, si vede quando sono "in ruolo" e quando invece si mettono a discutere fra giocatori su cosa dovranno fare tutti insieme come un centipede umano senza alcuna volontà propria...

Questo caso penso si possa definire un esempio di workshopping perchè il principio (e lo scopo: evitare di giocare) è lo stesso, ma quando si parla di workshopping si parla di solito invece di casi in cui il gruppo tutto insieme "decide la storia", e quindi almeno si rende conto che è dentro una storia. Nel caso di Cani nella Vigna potrebbero per esempio decidere "adesso Slim cercherà di convincermi per un bel po' di tempo, fino a quando gli citerò sua madre, e a quel punto si mette a piangere. Ci pensate che scena fica? Giochiamocela!" (in realtà non si giocano niente e la scena sarà stra-telefonata, ma l'importante tanto era evitare di giocare...)

Con i giocatori che si mettono d'accordo per non avere mai contrasti fra i personaggi, direi che proprio non hanno capito che gioco stanno giocando. Credono di giocare un gioco tattico alla D&D. Oppure, in casi che ho visto, hanno veri e propri traumi. Ho visto giocatori che in anni di D&D sottoposti a qualunque tipo di ricattino sociale da parte dei giocatori che minacciano sempre di "rompere il gruppo" se non fai quello che vogliono, o di angherie da parte dell'"amico del GM" che può tranquillamente derubare gli altri o pugnalarli alla schiena, associano automaticamente "contrasti fra personaggi" con la distruzione del gruppo sociale di gioco. Sono veri e propri traumi che provocano fobie, ed è un tipo molto osservabile di "brain damage" che persone non traumatizzate da anni di parpuzio non hanno.
"Big Model Watch" del Forum (Leggi il  Regolamento) - Vendo un sacco di gdr, fumetti, libri, e altro. L'elenco lo trovi qui

Moreno Roncucci

  • Big Model Watch
  • Membro
  • *****
    • Mostra profilo
Re:Cosa vogliono dire "chesting" e "workshopping"?
« Risposta #9 il: 2016-09-07 01:44:02 »
Un gdr dove ho visto avvenire un sacco di workshopping per esempio è Fiasco.
"Big Model Watch" del Forum (Leggi il  Regolamento) - Vendo un sacco di gdr, fumetti, libri, e altro. L'elenco lo trovi qui

Niccolò

  • Membro
    • Mostra profilo
Per amore di precisione non userei brain damage dove "trauma" va benissimo, ma ymmv

Moreno Roncucci

  • Big Model Watch
  • Membro
  • *****
    • Mostra profilo
Per amore di precisione non userei brain damage dove "trauma" va benissimo, ma ymmv

Dici che "Brain Damage" non è corretto? Non me ne intendo molto di medicina, lo uso solo per ragioni "affettive"....   8)

Però sì, "traumatizzati" probabilmente rende meglio l'idea. Però fa pensare (almeno a me) a un trauma specifico, un evento, non un danno spalmato nel corso di settimane e settimane di gioco...
"Big Model Watch" del Forum (Leggi il  Regolamento) - Vendo un sacco di gdr, fumetti, libri, e altro. L'elenco lo trovi qui

Niccolò

  • Membro
    • Mostra profilo
No beh, per me trauma é perfettamente afferibile a una serie di situazioni ripetute.

Cambia poco, se uno vuole puó offendersi con "trauma" ma era per mantenere brain damage nel suo signiicato storico circostanziato.

Zachiel

  • Membro
  • Marco Brotto
    • Mostra profilo
Re:Cosa vogliono dire "chesting" e "workshopping"?
« Risposta #13 il: 2016-09-08 21:44:58 »
Mi sento chiamato in causa. Io sono uno di quei giocatori che vorrebbe giocare a qualcosa dove un gruppo di persone amiche tra loro fanno cose insieme senza tradirsi, e anzi spalleggiandosi. Anzi, se si spalleggiano alle spese dei PNG mi piace ancora di più, perché mi dà quel senso di camarderie e di "mi spiace amico, non te la stai vedendo solo con me" che mi fa sentire protetto.

Dato che ce l'avevo da prima che un altro PG mi ammazzasse il personaggio di D&D, credo che derivi più (o almeno: che derivi anche da) una condizione sociale umana normale.
Nella vita vera, abbiamo problemi ad andare sempre d'accordo perché, salvo che ci si stia mettendo d'accordo per fare una cosa brutta a qualcuno, non ci si mette d'accordo prima per andare d'accordo (e poi, spesso, qualcuno vorrebbe andare d'accordo su cose che gli altri non accetterebbero mai).
Quindi, potrà non essere divertente ma può essere grandemente soddisfacente, anche se certe volte appena finito di decidere non vale neanche la pena di giocare la scena, e quindi potrà non funzionare in certi GdR, ma non la vedo una cosa così problematica a priori.

Pippo_Jedi

  • Membro
    • Mostra profilo
Re:Cosa vogliono dire "chesting" e "workshopping"?
« Risposta #14 il: 2016-09-08 23:32:35 »
Quindi, potrà non essere divertente ma può essere grandemente soddisfacente, anche se certe volte appena finito di decidere non vale neanche la pena di giocare la scena, e quindi potrà non funzionare in certi GdR, ma non la vedo una cosa così problematica a priori.

A priori... per cosa?
per un gioco da tavolo collaborativo... è così che si gioca, tutti assieme si discute come collaborare per ottenere la vittoria. va benissimo.

Un gioco di ruolo basato su, ad esempio, il principio di giocare per vedere cosa succede come apocalipse world non può essere giocato in quel modo. se lo giochi in quel modo non applichi le regole e stai giocando a qualcos'altro. Quindi per un gioco del genere è una cosa problematica a priori.

Di giochi che seguono quella regola in modo più o meno esplicito ce ne sono tanti... ma tanti tanti. :)

Pippo_Jedi aka Filippo Zolesi

Tags: