Autore Topic: [Trollbabe] AP - Prima avventura a scala 2  (Letto 1821 volte)

[Trollbabe] AP - Prima avventura a scala 2
« il: 2014-11-28 01:25:13 »
Vi sottopongo questo AP di una giocata che ho fatto questa settimana, non sono sicuro di aver fatto ogni cosa al meglio e in un paio di situazioni mi sono ritrovato con dei dubbi. Qualsiasi parere e consiglio è gradito ^^

L'avventura

DOVE: In quel pezzo di terra che collega UTGARTH e VALKOV. In quella pianura tra la catena montuosa ad ovest ed il bosco ad est sorge Beisshan: una città-stato piuttosto grande, in rapida espansione e circondata da mura. La città è prospera ed in mano ad una casta di burocrati e a alla corporazione mercantile. Essendo sul passaggio tra due continenti ed essendo vicina a due porti sui due diversi mari è uno snodo fondamentale dal punto di vista dei commerci. La campagna dinanzi alla città è  attraversata dall'immenso cantiere per lo scavo di un canale navigabile, che metterà in comunicazione i due oceani, collegando i porti a Nord  a Sud della città. Nelle campagne limitrofe vi sono dei piccoli villaggi/tribù di agricoltori e pastori indigeni. Uri, Vabuk qui vivono i primi abitatori di questa zona, ovvero i Vabuki.

CHI: Una comunità rurale appartenente all'antica etnia indigena di quei luoghi si oppone al dominio della grande città Beisshan. Costoro, i Vabuki vivono di agricoltura e venerano l'antica religione della madre terra. Secondo la loro religione le la loro mitologia a quella terra è la culla dell'umanità, da dove ogni popolo ha avuto origine pertanto è sacra ed inviolabile. A costoro si contrappongono la genti di città: le istituzioni di Beisshan e la moltitudine di operai accorsi da ogni angolo del mondo con la promessa di una buona paga. Le comunità di operai con le loro famiglie si sono stabilite in quartieri di baracche vicine ai cantieri.

COSA: La fratellanza della sacra terra. Si tratta di un gruppo di una dozzina di giovani dai 16 ai 25 anni che commette atti di sabotaggio contro il cantiere che sta facendo gli scavi. Dopo l'ultimo grave incidente che si presume abbiano causato loro, sono morti diversi operai ed ora le autorità hanno emesso un mandato di cattura per impiccagione.

LA POSTA
I ragazzi della fratellanza vivono o muoiono


GRUPPI CON NOME

La fratellanza della madre terra: obiettivo sabotare e ritardare all'infinito la costruzione del canale navigabile che attraversa terreni sacri secondo la cultura Vabuki. Riguardo alla posta vogliono nascondersi ed evitare la cattura.

Le guardie scelte di Nyro, diretto incaricato della sicurezza dei cantieri. Costoro devono assolutamente trovare e punire i responsabili dell'ultimo crollo per una esecuzione pubblica o sarà la loro testa a cadere

PERSONAGGI CON NOME

Munro: Capotribù dei Vabuki. E’ contrario però alla linea violenta della fratellanza anche se farà di tutto per difenderli. Oltretutto l'Arconte ha promesso delle contropartite economiche e dei benefici ai Vaduki ed ha ormai firmato con lui un trattato di concessione per il canale.

Atlax, L'uomo col cappuccio:
E' colui che ha piazzato strani dispositivi esplosivi e causato il crollo. In realtà si tratta di un avversario politico dell'attuale governo di Beisshan e vuole creare un clima di instabilità.

La giocata

1) Framing iniziale: E' una mattina soleggiata e tersa, arriva un vento carico di odore di mare, la TB raggiunge la cima di una collina dalla quale vede la spianata tra i due mari, campi coltivati, praterie ed in mezzo la più grande città che abbia mai visto con alte mura circolari. La pianura è tagliata da un porto all'altro da un terrapieno con impalcature, come una sorta di cicatrice. Sulla collina ci sono tre persone sedute attorno ad un fuocherello, uno sta giovane sta cuocendo in padella delle focaccine di mais per colazione, mentre un altro più riccamente vestito ed anziano sta fumando il narghilè. Si tratta di un mercante con i suoi due servitori/guardie del corpo.
Malik il mercante spiega ad Argha della ricca città centro del mondo, del cantiere per il canale che ha portato gente da svariate parti e del mondo, attratte da buona paga per un duro lavoro. Parla anche del popolo di agricoltori nativi, i Vabuki che sono contrari al canale.
Argha vuole unirsi a Malik per entrare in città con lui, facendosi prendere come scorta. Malik è piuttosto gentile anche se in imbarazzo e diffidente verso Argha e siccome ha i suoi contatti presso la porta di Beisshan declina l'offerta. Argha chiama il conflitto sociale per convincerlo. L'obiettivo era "Convincere Malik ad assumerla come scorta per entrare in città insieme". Lei si ritrova ostacolata perché i due servitori sfiorano le armi dicendo che sono anni che ormai percorrono questa strada ed entrano in città senza incidenti, dunque non vedono proprio perché dovrebbero fidarsi di lei, anzi il suo aspetto singolare e le sue maniere da straniera potrebbero causare più problemi che altro. Dunque fallisce e non ritira.

Dopo però la giocatrice dice di voler prendere il gruppo "I tre mercanti" come relazione "Compari" e l'azione che fa per prenderli è accettare il rifiuto senza incazzarsi e provare dopo di farseli amici mangiando insieme le focaccine di mais e chiaccherandoci insieme.

Domanda
In realtà mi pare tutto un po' fiacco, il conflitto in sé non è molto interessante, inoltre mi pare un po' strano che dopo aver perso il conflitto sociale (sul fatto di aggragarsi) li prenda come relazione. Ha senso? Forse i PNG erano troppo neutri rispetto alla TB? Ha narrato il suo fallimento in modo troppo soft?


2) La strada passa vicino a Vabuk che descrivo come un misero villaggio di umili case di legno, fango e paglia che scompare di fronte alla maestosità di Baisshan. Però nota che al centro del villaggio c'è un tempio che pare molto, molto, molto antico in pietra bianca. Come risalente ad un'altra era, che attira l'attenzione di Argha che dopo aver chiesto qualche informazione a Malik (Vabuk era la capitale del popolo Vabuki prima che la corporazione dei mercanti portasse Baisshan al massimo splendore, loro venerano la madre terra e ritengono che all'origine dei tempi tutta l'umanità abbia origine da questa sacra landa tra i due mari). Argha lascia lì i mercanti dicendo loro di aspettarla un attimo e si dirige verso il tempio, I paesani si rintanano nelle loro case al suo passaggio, mentre dal tempio esce un anziano dalla lunga barba (tipo guru indiano). Costui chiede se lei sia una mercenaria al soldo di Nyro? E dice che lo ripete per l'ennesima volta, non sanno nulla della fratellanza.... Argha lo rassicura e i due si parlano un po' quindi viene a conoscenza dei fatti recenti:
  • Un disastroso crollo causato da un' esplosione con diversi morti tra gli operai morti
  • Condanna a morte per i ragazzi della fratellanza da parte delle autorità
  • Operai in ribellione finché non sarà fatta giustizia
  • Apparizioni di spettri che infestano il sito del crollo
Argha chiama un conflitto sociale per convincere Shalla a rivelare dove si trovino i ragazzi, promette che aiuterà suo figlio a venir fuori da questa situazione.
Vince e Shalla parla di un pozzo in cui calarsi, a metà del pozzo c'è un piccolo passaggio che conduce ad una grotta naturale che solo pochissimi Vabuki conoscono e chiamano il ventre della madre.

Domanda
A questo punto chiudo la scena ma la giocatrice mi chiede di andare al pozzo, solo che non vuole portarci i mercanti quindi li saluta e loro dicono che si troveranno in città alla Locanda della Luna rosata.
In questo caso lei ha senso che li li mantenga come sue relazioni anche se si separano?



3) Prima della scena al pozzo metto io questa scena. Andando al pozzo la strada che conduce verso il porto sud (stai seguendo le indicazioni del vecchio Shalla) passa vicino al quartiere di baracche degli operai. Si tratta di quella che oggi verrebbe chiamata una favela. Un mucchio di catapecchie di legno nel mezzo di una spianata fangosa con una fogna a cielo aperto.
 Stanno allontanandosi dalle baracche ed andando incontro ad Argha e Tobias 7 armigeri, con armature leggere, scudi, elmi e buone armi. Una donna nera sta urlando loro contro insulti, al suo fianco un vecchio e tre bambini li stanno bersagliando con dei piccoli sassi che rimbalzano sulle loro armature. Nelle urla si capiscono "Se non li troverete voi li prenderanno gli spettri dei nostri cari!".
Il capo delle guardie risponde "Li troveremo e basta dire scemenze sui fantasmi, state approfittando della pazienza dell'arconte!"
Non appena il capo delle guardie vede Argha la ferma con un altolà ed inizia con un interrogatorio, sembra un po' paranoico ma ritiene che questi selvaggi dalla pelle nera siano già abbastanza superstiziosi e fissati con le storie di fantasmi per poter sopportare anche una sconosciuta cornuta dall'aspetto mostruoso. Argha non collabora, loro quindi vogliono arrestarla per portarla all'ufficio del comandante quindi inizia un conflitto combattimento. L'obiettivo di Argha è picchiarne il più possibile fino a farli fuggire.
Passo 3, perde ma rilancia 2 volte, prima i bambini aiuto inaspettato riprendono la sassaiola contro i soldati e secondo rilancio un incantesimo ricordato: Argha fa levare dal terreno una sorta di fumo/nebbia che assume sembianze di umane, tipo spettri. Argha è ferita ma i soldati scappano.
Argha prende la famiglia di Kanga (la donna vedova + 3 bambini e suocero) come sua relazione. Ovviamente però li lascia lì a casa loro perché sta andando al pozzo dove sono nascosti i ragazzi della fratellanza.

4) Arriva al pozzo e si cura con l'acqua e dei bendaggi. Benedice l'acqua per dargli poteri curativi e si guarisce la spalla ferita dalla picca. Poi fa calare nel pozzo Tobias  (il ragazzo che si porta dietro dalla prima avventura, suo seguace) "quando sei nel cunicolo dai due strattoni che poi scendo io". Solo che sente solo il rumore di una colluttazione. Quindi si cala e trova Tobias con la lama alla gola e si trova la punta di una freccia puntata contro il volto. Argha spiega di essere stata mandata dal vecchio Shalla (il sacerdote della madre terra), quindi viene condotta alla grottta centrale dove bivaccano i ribelli. Argha si fa raccontare come sono andate le cose, Alid il loro capo spiega che non sono stati loro a causare il crollo. Non hanno mai fatto sabotaggi dove lavoravano gli operai e poi hanno sempre spaccato macchinari o rubato attrezzature. Invece questa volta è capitato qualcosa di molto più tremendo. Insistendo Argha chiede se non hanno idea di chi possa essere stato ed il ragazzo rivela che una settimana prima del crollo, una persona incappucciata è apparsa loro in controluce durante la luna piena ed ha proposto di aggregarsi alla loro causa, dicendo di avere i mezzi per danneggiare seriamente il cantiere e l'arconte. Loro temendo di un tranello delle guardie sono scappati.
Alid dice sono disperati, non possono resistere ancora a lungo in questa grotta buia, senza cibo. Oltretutto è sicuro che le guardie prenderanno suo padre e gli altri vecchi del villaggio e li faranno parlare con la tortura.
Argha promette di aiutarli e si allontana intenzionata a recarsi di notte al punto del crollo per parlare con gli spiriti.

5) Argha, Tobias e la famiglia di Kanga si introducono di notte nel cantiere e si calano giù dal terrapieno raggiungendo la parete franata. Ci sono rottami, il nero fuliggine lasciato dall'esplosione. Lungo gli argini ci sono torce accese ogni 50m ed una guardia che fa la ronda ma in questo momento gli sta dando le spalle. Argha spegne la torcia più vicina a loro per nascondere al meglio il gruppo, quindi presso la parete franata inizia un rituale per richiamare lo spirito di Samo (marito di Kanga, figlio del vecchietto e padre dei bambini). Fa sputare per terra al padre e ai figli, impasta un fango che usa per disegnare un cerchio al centro del quale mette la pipa di Samo che ha fatto portare dalla moglie. Il rituale riesce e Samo compare. Momento di commozione alla ghost tra Samo e la sua famiglia, poi Argha lo interroga e conferma di aver visto un tizio incappucciato piazzare degli ordigni nel terreno. E' seguito un boato, fiamme dappertutto, la terra ha tremato squarciata. Non sa chi fosse quell'assassino che ha commesso un simile crimine, ma sono rimasti dei frammenti di quelle capsule che sono esplose. Argha prende un frammento di bomba e per guadagnare tempo utile per la fuga chiede a Samo di spaventare la guardia, lui acctta con piacere e loro tornano alle baracche.

6) Argha è nella catapecchia di Kanga e famiglia, e inizia un rituale che ha come obiettivo far emergere dal frammento di ordigno la scena dell'attentato per vedere chi è stato il colpevole. Mette questo frammento di vaso di metallo (come se fosse mezzo estintore come dimensioni) dentro ad un braciere ed inizia a danzarci attorno per far comparire su uno schermo di fumo la scena. Nella fase E&T le dico che quell'oggetto emana magia, magia umana e di tipo alchemico. Fallisce ed è ostacolata dal fatto la magia emessa da quell'oggetto interferisce con la sua assorbendo il fumo, poi quando rimane ferita le fiamme divampano ed ustionano le braccia di Argha, infine all'ultimo ritiro resta KO e narro questa conseguenza. C'è un'esplosione che ferisce tobias (l'aveva usato per un ritiro) e fa svenire te, quindi si apre una specie di piccolo buco nero nel punto in cui sarebbe dovuta comparire quella visione e venite risucchiati all'interno.

7) Argha riprende conoscenza in un ambiente molto caldo, bello, accogliente e lussuoso. Una stanza circolare con tappeti, camino, mobili di pregio e trofei di caccia (c'è un immenso orso impagliato). Seduto alla scrivania una persona sui quarantacinque, vestita in modo sobrio con degli occhialini tondu. Lui è Atlax, un potente avversario politico dell'arconte di Beisshan. Si vanta di aver creato tutti questi disordini per far naufragare il progetto del canale e portare al consiglio la sua ingiunzione per far dimettere il tiranno e farsi nominare quindi nuovo signore di Beisshan. Il suo piano sta andando a gonfie vele: i Vabuki perseguitati e spinti alla rivolta, gli operai sempre più nervosi e ribelli e la corporazione dei mercanti che vede ogni giorno sprecata una ingente quantità di denaro. Si chiede ora cosa debba fare di questa singolare creatura che ha provato a interferire con una rozza forma di magia su uno dei suoi ordigni alchemici.

SOSPENSIONE PER STANCHEZZA - finiremo venerdì la giocata
« Ultima modifica: 2014-11-28 01:43:13 da Saverio Porcari »

Moreno Roncucci

  • Big Model Watch
  • Membro
  • *****
    • Mostra profilo
Re:[Trollbabe] AP - Prima avventura a scala 2
« Risposta #1 il: 2014-11-29 03:03:28 »
Ciao! Ecco le risposte alle domande:

In realtà mi pare tutto un po' fiacco, il conflitto in sé non è molto interessante, inoltre mi pare un po' strano che dopo aver perso il conflitto sociale (sul fatto di aggragarsi) li prenda come relazione. Ha senso? Forse i PNG erano troppo neutri rispetto alla TB? Ha narrato il suo fallimento in modo troppo soft?

Il conflitto in sè va bene. Loro non la volevano con loro, lei vuole fargli cambiare intento (non "opinione", può benissimo minacciarli con le armi), però da come lo descrivi il fallimento è dovuto al fatto che non si fidano di lei, e allora come possono essere amici dopo?

Attenzione però che non è tua responsabilità "aggiustare" le cose al giocatore. State giocando insieme, dovete tenerci tutti e due alla credibilità della scena. Se lui non ci tiene, non è che ci puoi fare molto.

In questo caso specifico però c'è qualcosa che potevi fare, se la cosa non ti convinceva: gli dicevi "no".  Quei PNG avevano un  nome, quindi puoi negarli come relazioni.

Citazione
A questo punto chiudo la scena ma la giocatrice mi chiede di andare al pozzo, solo che non vuole portarci i mercanti quindi li saluta e loro dicono che si troveranno in città alla Locanda della Luna rosata.
In questo caso lei ha senso che li li mantenga come sue relazioni anche se si separano?

Sì  Non c'è scritto da nessuna parte nel manuale che debbano stare sempre insieme tipo party di D&D. Le relazioni possono andare in giro a farsi i cavoli loro e possono persino non  esserci in un avventura e rimangono relazioni.

Citazione
7) Argha riprende conoscenza in un ambiente molto caldo, bello, accogliente e lussuoso. Una stanza circolare con tappeti, camino, mobili di pregio e trofei di caccia (c'è un immenso orso impagliato). Seduto alla scrivania una persona sui quarantacinque, vestita in modo sobrio con degli occhialini tondu. Lui è Atlax, un potente avversario politico dell'arconte di Beisshan.

E questo da dove salta fuori? Era nella tua preparazione delll'avventura?

In generale, l'impressione che ho è che la posta sia una finta posta. Questa mi pare un avventura in scala 4, con in palio i destini della città se non della regione, e la sorte del gruppo di ragazzi è un mero pretesto formale per poterla giocare a scala 2....
"Big Model Watch" del Forum (Leggi il  Regolamento) - Vendo un sacco di gdr, fumetti, libri, e altro. L'elenco lo trovi qui

Re:[Trollbabe] AP - Prima avventura a scala 2
« Risposta #2 il: 2014-11-30 10:28:03 »
Citazione
E questo da dove salta fuori? Era nella tua preparazione delll'avventura?
In generale, l'impressione che ho è che la posta sia una finta posta. Questa mi pare un avventura in scala 4, con in palio i destini della città se non della regione, e la sorte del gruppo di ragazzi è un mero pretesto formale per poterla giocare a scala 2....

Sì, il tizio un questione è Atlax, l'uomo col cappuccio. Che vedi essere un PNG con nome nella preparazione dell'avventura.
La tua osservazione ci sta tutta, purtroppo come ho detto questa è la prima avventura a scala 2 che preparo e nel manuale non ci sono esempi di avventura per ogni scala. Anzi, colgo l'occasione per chiederti se ti va di farmi qualche esempio. Purtroppo ho la tendenza a creare storie di ampio respiro  :-\

La percezione che ho avuto è che alla TB (e alla giocatrice) stia a cuore il destino della posta, ovvero di questi ragazzi che sono rintanati in una grotta, con cibo che scarseggia e non sanno davvero dove sbatter la testa. Poi mi rendo conto adesso che metterci il complotto politico è stata una paraculata per scagionare i ragazzi. Probabilmente sarebbe stato più interessante metterla davanti ad una scelta morale, se aiutare degli idealisti / assassini o aiutare le famiglie delle vittime ad ottenere giustizia anche se lavorano per un'opera considerata empia.

L'imprinting hollywoodiano mi traviato :P
« Ultima modifica: 2014-11-30 10:50:59 da Saverio Porcari »

Moreno Roncucci

  • Big Model Watch
  • Membro
  • *****
    • Mostra profilo
Re:[Trollbabe] AP - Prima avventura a scala 2
« Risposta #3 il: 2014-11-30 15:08:51 »
La tua osservazione ci sta tutta, purtroppo come ho detto questa è la prima avventura a scala 2 che preparo e nel manuale non ci sono esempi di avventura per ogni scala. Anzi, colgo l'occasione per chiederti se ti va di farmi qualche esempio. Purtroppo ho la tendenza a creare storie di ampio respiro  :-\

Non so, non ricordo le avventure che ho giocato a scala 2 (ormai sono anni...) e in ogni caso non ritengo le mie così eclatanti da poter essere prese ad esempio....  personalmente una delle cose che mi piacciono di Trollbabe è proprio la possibilità di usare situazioni banalissime e straviste centinaia di volte (la famiglia minacciata, per un tipico esempio a scala 2) che diventano diverse proprio per l'arrivo della trollbabe...  gli esempi che potrei fare sono davvero banalissimi, la famiglia sfrattata per debiti, una versione fantasy dei Promessi Sposi oppure de Il Cane di Paglia, Quella casa nella Prateris minacciata dai Troll, un gruppetto di Troll in fuga da cacciatori, Ormbre Rosse con un gruppetto di viaggiatori in fuga, etc.

Il gruppo di fuorilegge va benissimo, se la posta è proprio quella, salvarli o no, sconfiggerli o no, se invece è uno spunto per porre la scelta "farai cadere il corrotto regime di questa nazione o no" non siamo più a scala due...
"Big Model Watch" del Forum (Leggi il  Regolamento) - Vendo un sacco di gdr, fumetti, libri, e altro. L'elenco lo trovi qui

Re:[Trollbabe] AP - Prima avventura a scala 2
« Risposta #4 il: 2014-12-02 13:09:38 »
Grazie Moreno!

Tags: