Autore Topic: Game Chef 2014 - Scacco Morto  (Letto 1340 volte)

Matteo Suppo

  • Amministratore
  • Membro
  • *****
  • Matteo Suppo (oppure no?)/ Fanmail permanente
    • Mostra profilo
Game Chef 2014 - Scacco Morto
« il: 2014-05-16 16:50:42 »
Ho partecipato al game chef e tutto quello che ho ottenuto è stato questo gioco:

http://www.scaccomorto.it/

Ho anche fatto un video per promuoverlo (che piccino, da solo mica studia):

https://www.youtube.com/watch?v=gKf_9wUG804
Volevo scrivere qualcosa di acido ma sono felice :(

Niccolò

  • Membro
    • Mostra profilo
Re:Game Chef 2014 - Scacco Morto
« Risposta #1 il: 2014-05-17 01:34:19 »
i miei sinceri complimenti per la composizione del manuale!

Nicola Urbinati

  • Membro
  • Nicola Urbinati
    • Mostra profilo
    • Dreamlord Press
Re:Game Chef 2014 - Scacco Morto
« Risposta #2 il: 2014-05-17 23:27:06 »
Il manuale è 'na figata...

Re:Game Chef 2014 - Scacco Morto
« Risposta #3 il: 2014-05-29 07:47:36 »
Sono stato tra i recensori del gioco per il game chef, quindi posto qui la mia recensione.

Presentazione

Scacco Morto si presenta come un sito semplice e pulito, che si apre direttamente sull'introduzione al gioco: La Morte (interpretata da un giocatore) rivivrà in gioco la vita di un essere umano appena deceduto, cercando di viverla al meglio. Sul suo percorso troverà eventi, decisioni da prendere, persone chiave, schierate dagli altri giocatori, che manipoleranno il mondo della neonata Morte.

Già dalla premessa il gioco offre un'interfaccia pulita e un'intrigante capovolgimento dello scenario tipico GM-giocatori, mettendo un singolo giocatore "contro" gli altri. Si gioca su una scacchiera (non preoccupatevi se non sapete giocare a scacchi - la scacchiera è semplicemente una plancia di gioco, non si gioca davvero a scacchi), e con un po' di fogli per gli appunti (opzionali - ma dopo aver letto come funziona il gioco, caldamente raccomandati).

Passo passo, in modo molto elegante, il sito istruisce il gruppo su come impostare il gioco: la Regina degli scacchi che rappresenterà la Morte (personaggio, non evento, in questo caso), e già qui ho notato un'importante accortezza da parte di Matteo, che si premura di stabilire una corretta e salutare distanza tra il PG Morte e il Giocatore stesso. Con l'aiuto del manuale, altri pezzi vengono schierati, usando figure diverse (Re, Torre, Cavallo, Alfiere - bishop, vescovo, in inglese...) che hanno un significato per la vita di Morte.

Non sempre riciclare pezzi di altri giochi, con un significato diverso, funziona bene. Il nostro cervello vede gli scacchi come scacchi, piuttosto che come soggetti di una storia immaginaria. Ma qui, perlomeno, Matteo ha fatto uno sforzo ben riuscito per unire il pezzo seppur in modo arbitrario a una descrizione calzante, come potete vedere nella lista:
- Torre: Una persona solida
- Alfiere: Una persona con un ideale
- Cavallo: Una persona che non segue le regole
- Re: Una persona potente

Le Mosse e lo svolgimento

Dopo aver chiarito anche come impostare gli Obiettivi dei vari personaggi secondari e di Morte, il sito spiega le mosse dei vari pezzi. In questa fase, il gioco diventa leggermente più complicato. Mentre in fase di preparazione la simbologia dei pezzi aiuta a memorizzare il loro ruolo nella storia, le mosse sono più arbitrarie - anche se comunque hanno il loro significato nella storia che si sta raccontando.

Il problema sta dunque tutto nel memorizzare correttamente le diverse opzioni in gioco. Non credo che durante la partita tutti abbiano un tablet sottomano, quindi in questa fase sarebbe davvero importante avere a disposizione delle guide stampate. Il gioco stesso, in effetti, pur presentato molto elegantemente nel sito, con esempi eccetera, potrebbe beneficiare di due schede, da stampare fronte e retro, per fare il setup del gioco e poi per lasciare un promemoria delle mosse e del loro significato.

In questo modo, potrebbe essere giocato facilmente offline (mentre credo che senza avere il manuale sottomano, le mosse siano facili da dimenticare o confondere).

Memorizzare i pezzi

L'altro possibile problema del gioco, è quello di memorizzare informazioni come: il ruolo esatto assegnato ad ogni pezzo, memorizzare gli obiettivi precisi, la loro posizione, e così via. Una possibile soluzione potrebbe essere quella di predisporre dei pezzi di carta su cui prendere appunti, da appiccicare ai pezzi degli scacchi, o qualcosa di simile.

Sarei curioso di sapere dall'autore, in effetti, se nelle partite che ha giocato ha trovato difficoltà a memorizzare (o far memorizzare agli altri) le liste delle mosse, e come si è trovato il gruppo nel tracciare personaggi, ruoli, relazioni con Morte, obiettivi...

Conclusione

Il gioco è ben presentato, il sito elegante e pulito: si tratta sicuramente di un ottimo lavoro dato il poco tempo a disposizione. Come detto, manca un po' di attenzione al gioco da condurre offline - schede per i giocatori, attenzione a come il gioco si svolge al tavolo e pietosa comprensione per i giocatori smemorati :-)

Piuttosto che difetti, queste sono a mio avviso semplicemente delle aree da espandere in fase di "presentazione" del gioco, a un livello superiore. Il cuore del gioco funziona ed è ben congegnato, gli elementi come lo scintillio e la falce inseriti in modo armonico...

Dopo diverse letture, sono sicuro che pur non introducendo elementi di novità che facciano gridare al miracolo, Scacco Morto è un bel gioco di narrazione, con una premessa efficace, e che sono certo possa riservare partite divertenti. Complimenti, Matteo!

Tags: