Autore Topic: [Marvel Heroic Roleplaying] I miei dubbi regolistici  (Letto 4447 volte)

Patrick

  • Membro
  • a.k.a. patmax17
    • Mostra profilo
    • Mio DeviantArt
Ho iniziato a giocare a MHRP col mio gruppo, e seppur la maggior parte dei dubbi li abbiamo risolti in qualche modo, mi restano alcune domande, spero che qualche buon'anima possa e voglia aiutarmi.

1) fuggire - se voglio far scappare un personaggio da una scena, posso farlo con un'azione? So che posso spendere 2d12, ma da regole mi pare che io possa anche dichiarare l'intento (Il supercattivo di turno scappa!), cosa succede se fallisco, accumulo i dadi, tiro...E se ho successo (contro chi?) riesco nell'intento. Giusto? Uso in qualche modo il dado effetto?
2) Tiri dei watcher characters contro la doom pool - Se con un Watcher character voglio fare un'azione che mi richiede di tirare contro la doom pool (ad esempio voglio bersagliare un qualche Trait, tipo un asset o una complication che non è "protetta" da un personaggio), cosa faccio? Tiro contro me stesso? Spendo un doom dice e riesco automaticamente (come nell'esempio di colosso che non vuole tirare per sfondare una porta)? Ho successo automatico se ho un dado abbastanza alto da poter battere il tratto (come quando un watcher character fa un'azione di supporto)?
3) Limite agli SFX - fintanto che li posso attivare non c'è limite al numero di SFX che posso usare contemporaneamente, vero? Non sono come i poteri che ne uso gratuitamente uno per power set e quelli aggiuntivi mi costano PP?
4) accumulare trauma - cosa succede se vengo messo fuori gioco (e quindi ottengo d6 trauma), non riesco a curarlo, e in una scena successiva vado nuovamente fuori combattimento (per lo stesso tipo di stress)? Il trauma si accumula come lo stress, suppongo? (nel manuale non lo spiega, dice cosa succede se un personaggio stressed out riceve altro stress)

Grazie in anticipo ^^
« Ultima modifica: 2013-09-20 15:25:47 da Patrick »
Patrick Marchiodi, il Valoroso ~ Bravo Organizzatore di CONTM ~ Prima gioca, poi parla. ~ "La cosa più bella di INC11 è stata giocare con persone conosciute da due ore e avere l'impressione di giocare con amici di una vita" - Dario Delfino

Patrick

  • Membro
  • a.k.a. patmax17
    • Mostra profilo
    • Mio DeviantArt
Re:[Marvel Heroic Roleplaying] I miei dubbi regolistici
« Risposta #1 il: 2013-09-21 15:22:47 »
aggiungo:
5) difendere un personaggio: cosa devo fare se io pg voglio difendere un altro pg? Uso la mia azione per creare un asset (eventualmente permanente)? Posso usare una mia reazione per proteggere un altro personaggio? tipo, sono cap e ciclope spara un raggio contro me e wasp. Posso descrivere come mi metto davanti a wasp con lo scudo per proteggerla?
Patrick Marchiodi, il Valoroso ~ Bravo Organizzatore di CONTM ~ Prima gioca, poi parla. ~ "La cosa più bella di INC11 è stata giocare con persone conosciute da due ore e avere l'impressione di giocare con amici di una vita" - Dario Delfino

Re:[Marvel Heroic Roleplaying] I miei dubbi regolistici
« Risposta #2 il: 2013-09-21 20:42:42 »
/sub

Darcadia

  • Membro
    • Mostra profilo
Re:[Marvel Heroic Roleplaying] I miei dubbi regolistici
« Risposta #3 il: 2013-09-21 22:01:00 »
Cerco di rispondere
1) se vuoi fuggire dichiaralo, se nessuno fa nulla per imperdirlo semplicemente fugge. Se glielo voglio impedire fanno una reaction. Se scatta l'inseguimento usa il dado di effetto del fuggitivo per creare una complicazione "in fuga". Ogni volta che gli eroi tentano di raggiungerlo semplicemente attaccano la complicazione fino a ridurla a sotto il d4. se la complicazione arriva oltre il d12 il criminale è fuggito.

2) questo è un equivoco comune. I watcher character non tirano mai contro il doom pool. il doom pool misura il livello di crisi della situazione e i criminali ne fanno parte. I watcher character semplicemente riescono in quello che ti serve se si tratta di circostanze in cui gli eroi non possono interferire. In alcuni casi se quello che fa il criminale crea una urgenza e devi misurare il tempo che ci mette ad arrivare al risultato (un conto alla rovescia insomma) puoi spendere un dado del doom pool per creare un timed event e assegnare il dado all'effetto che si verifica se gli eroi non intervengono. I dadi di effetto derivanti dai tiri del criminale andranno ad incrementare il dado del timed event. Un po' come per la fuga sopra. se il dado supera il d12 il criminale ce la fa e gli eroi non hanno fermato in tempo.

3) puoi usare liberamente gli sfx come vuoi fintanto che usi un power trait del power set in cui sono contenuti. Alcuni sfx possono avere costi o condizioni di uso particolare.

4) il trauma si accumula e rappresenta ferite gravi. tieni conto che un eroe che manda stressed out un avversario può decidere se infiliggere o meno il trauma. Il trauma che va oltre il d12 l'eroe muore.

5) difendere gli altri significa creargli un Asset. è corretto. Sì puoi descrivere come lo fai. ^^
Francesco D'Arcadia

Patrick

  • Membro
  • a.k.a. patmax17
    • Mostra profilo
    • Mio DeviantArt
Re:[Marvel Heroic Roleplaying] I miei dubbi regolistici
« Risposta #4 il: 2013-09-22 00:23:16 »
grazie mille <3

Le regole per la fuga e per il timed event da dove vengono? Insomma, se dovessi decidere una regola per fare quelle cose le farei così, ma non mi pare ci sia scritto nel manuale.

(also: per la fuga intendi un asset, non una complication, vero?)
Patrick Marchiodi, il Valoroso ~ Bravo Organizzatore di CONTM ~ Prima gioca, poi parla. ~ "La cosa più bella di INC11 è stata giocare con persone conosciute da due ore e avere l'impressione di giocare con amici di una vita" - Dario Delfino

Darcadia

  • Membro
    • Mostra profilo
Re:[Marvel Heroic Roleplaying] I miei dubbi regolistici
« Risposta #5 il: 2013-09-22 00:48:13 »
La timed event è una nuova regola sul manuale Evento Annihilation. é una complication degli eroi rispetto al criminale quella di rimanere indietro. Un Asset è qualcosa in vantaggio e dura solo per un tiro a meno di non spendere un plot point.

La fuga non è una regola formalizzata nel manuale, ma io la farei così

Aggiungo anche che non ci sono tiri per "percepire". Gli eroi dovrebbero trovare le cose che li trainano nel vivo dell'evento. Se guardi gli eventi vedrai che ci sono scene dove viene suggeirto come usare le specialty come agganci per le scene successive e non implicano tiri da parte degli eroi. Nel caso peggiore è richiesta la spesa di un plot point per creare una Risorsa (un contatto, una persona esperta, una mappa, etc etc).

Quelle volte che ci si nasconde da qualcuno si fa un conflitto dove piuttosto infliggere stress si infligge una complicazione tipo "Aggirato" o qualcosa di simile fino a farla diventare oltre d12 (o anche meno se si tratta di personaggi comparse o "mob")
« Ultima modifica: 2013-09-22 00:51:24 da Darcadia »
Francesco D'Arcadia

Patrick

  • Membro
  • a.k.a. patmax17
    • Mostra profilo
    • Mio DeviantArt
Re:[Marvel Heroic Roleplaying] I miei dubbi regolistici
« Risposta #6 il: 2013-09-22 18:02:32 »
Dicevo asset invece che condizione perchè la condizione è un effetto che si applica ad un solo personaggio, mentre la fuga sarebbe per tutti...
Patrick Marchiodi, il Valoroso ~ Bravo Organizzatore di CONTM ~ Prima gioca, poi parla. ~ "La cosa più bella di INC11 è stata giocare con persone conosciute da due ore e avere l'impressione di giocare con amici di una vita" - Dario Delfino

Darcadia

  • Membro
    • Mostra profilo
Re:[Marvel Heroic Roleplaying] I miei dubbi regolistici
« Risposta #7 il: 2013-09-22 21:27:28 »
Non può essere un asset perché un asset non cresce se lo "colpisci" con altri dadi di effetto.
Francesco D'Arcadia

Patrick

  • Membro
  • a.k.a. patmax17
    • Mostra profilo
    • Mio DeviantArt
Re:[Marvel Heroic Roleplaying] I miei dubbi regolistici
« Risposta #8 il: 2013-09-23 08:44:31 »
Ah, capito il motivo della scelta ^^

Però come si spiega che si applica la condizione a tutti i personaggi? A meno di usare "seminato" (o simile) come condizione e applicarlo singolarmente (quindi potenzialmente con più azioni) ad ogni personaggio...
Patrick Marchiodi, il Valoroso ~ Bravo Organizzatore di CONTM ~ Prima gioca, poi parla. ~ "La cosa più bella di INC11 è stata giocare con persone conosciute da due ore e avere l'impressione di giocare con amici di una vita" - Dario Delfino

Mattia Bulgarelli

  • Facilitatore Globale
  • Membro
  • *****
  • Mattia Bulgarelli
    • Mostra profilo
Re:[Marvel Heroic Roleplaying] I miei dubbi regolistici
« Risposta #9 il: 2013-09-23 15:37:36 »
Co-creatore di Dilemma! - Ninja tra i pirati a INC 2010 - Padre del motto "Basta Chiedere™!"

Darcadia

  • Membro
    • Mostra profilo
Re:[Marvel Heroic Roleplaying] I miei dubbi regolistici
« Risposta #10 il: 2013-09-24 11:27:14 »
E' vero che una complication spesso si applica ad un solo personaggio però ad esempio se la Cosa fa crollare delle impalcature di acciaio su degli avversari per bloccarli quello è un attacco a tutti i personaggi in quel contesto.
Penso che qui la complication si applica a tutti e misura la loro capacità come gruppo di stargli appresso. dopo il d12 lo hanno perso. tecnicamente sarebbe corretto darne una a ciascuno di loro quindi puoi andare anche per questa soluzione se gli eroi ad esempio sono degli individualisti e solitari.
Devo dire che a me non è capitato spesso, anzi quasi mai. Di solito il Criminale manovra agenti e personaggi minori fino al crescendo dello scontro finale ed evita di mettersi in una situazione di esposizione. Considera che un normale criminale (anche minaccia principale) senza un ambiente che lo favorisca (distinction ambientali che favoriscono il criminale e fanno scattare i limit degli eroi), personaggi di supporto (mob e criminali minori), e preparazione non ha molte possibilità di fare fronte a tutto un gruppo di eroi. Gruppo contro Gruppo la cosa è già più equilibrata ma tendono ad essere lunghi e li riservo per gli scontri importanti e di svolta. Quando hai il doom pool bello carico è un segnale che sei pronto ad un bello scontro di svolta.
Puoi semplificare creando una minaccia di gruppo, guarda l'esempio del tirannosauro nel manuale basic Evento Breakout, atto secondo. Con una minaccia di gruppo manovri un solo criminale ma può tranquillamente reggere il gruppo intero e sostenere un numero maggiore di mazzate. Essenzialmente ha le Affiliation con dadi multipli esattamente come le mob di criminali. Guarda Annihilus sull'evento Annihilation come ulteriore esempio.
« Ultima modifica: 2013-09-24 11:39:48 da Darcadia »
Francesco D'Arcadia

Patrick

  • Membro
  • a.k.a. patmax17
    • Mostra profilo
    • Mio DeviantArt
Re:[Marvel Heroic Roleplaying] I miei dubbi regolistici
« Risposta #11 il: 2013-09-24 11:59:29 »
Io sto appunto giocando Breakout, e lì i personaggi incontrano dei villains che li ingaggiano ma che principalmente vogliono scappare. Fin'ora c'è stato uno scontro tra tre eroi (Deadpool, Cloak, Dagger) contro tre villains (Nefaria, Tigershark, Armadillo), e nefaria ad un certo punto (ovvero grosso modo dopo aver usato gli altri due come scudi umani) se ne sarebbe volato via, ma appunto non sapevo come fare, da quì il dubbio. E siccome probabilmente mi servirà ancora fintanto che gli eroi saranno al raft, avere più chiare le regole mi farebbe comodo :)

Nell'esempio della Cosa continuo a pensare che se lo fa è un Area Attack, oppure spende Plot Points. Cioè, secondo me dire "eh, ma se crolla su tutti, applico l'effetto a tutti!" è una lamerata, contraddice le regole (sennò che senso avrebbero i poteri apposta per farlo?)
Patrick Marchiodi, il Valoroso ~ Bravo Organizzatore di CONTM ~ Prima gioca, poi parla. ~ "La cosa più bella di INC11 è stata giocare con persone conosciute da due ore e avere l'impressione di giocare con amici di una vita" - Dario Delfino

Darcadia

  • Membro
    • Mostra profilo
Re:[Marvel Heroic Roleplaying] I miei dubbi regolistici
« Risposta #12 il: 2013-09-24 18:17:17 »
Dare una complicazione come dado di effetto è perfettamente previsto e l'area attack se non vado errato aggiunge dadi di effetto al risultato del tiro, il plot point lo deve spendere solo per rendere la complicazione longeva per tutta la scena, altrimenti dura un solo turno. Non mi sembra contraddica le regole, ma vedi tu. potrei anche sbagliarmi a questo punto. Non ho capito quale sarebbe il potere apposta per farlo...
Tieni conto che non è solo una questione di meccaniche ma anche di circostanza in fiction. A seconda di quello che descrivi che fai e a seconda del contesto in cui lo fai ha o no senso.
Comunque in break out il conte Nefaria per fuggire si fa scudo dei suoi compagni, mi sembra lo accenni nella descrizione della scena. non dovrebbe quindi nemmeno presentartisi il problema.
Gli altri prigionieri se incrociano gli Eroi sono interessati ad una rivalsa. ad esempio carnage non fugge ma combatte attivamente.
Francesco D'Arcadia

Patrick

  • Membro
  • a.k.a. patmax17
    • Mostra profilo
    • Mio DeviantArt
Re:[Marvel Heroic Roleplaying] I miei dubbi regolistici
« Risposta #13 il: 2013-09-24 23:09:52 »
Allora

La complicazione si applica ad un personaggio. Il problema è che dici di fare una complicazione che si applica a tutti i personaggi. Secondo me l'unico modo di fare una cosa simile è applicare invece una condizione ad ogni personaggi, singolarmente, spendendo PP oppure usando SFX come Area Attack.

Per nefaria: ok, si fa scudo con i suoi "sgherri", ma meccanicamente come funziona? Non posso mica dire "Nefaria se ne volta via urlando 'Ciao ciao pezzenti!'", no? Dovrò usare qualche meccanica?

Carnage è già stato twoshottato da spiderman xD
Patrick Marchiodi, il Valoroso ~ Bravo Organizzatore di CONTM ~ Prima gioca, poi parla. ~ "La cosa più bella di INC11 è stata giocare con persone conosciute da due ore e avere l'impressione di giocare con amici di una vita" - Dario Delfino

Darcadia

  • Membro
    • Mostra profilo
Re:[Marvel Heroic Roleplaying] I miei dubbi regolistici
« Risposta #14 il: 2013-09-24 23:55:00 »
Non mi pare che esista il concetto di condizione in MHRP. Esistono solo Asset, Complications e Stress da che so io.
Per il resto non credo a questo punto di poterti aiutare. Prova a chiedere sui forum della margareth weis production.
Fammi sapere che ti rispondono che sono curioso.
Francesco D'Arcadia