Autore Topic: [Fantasmi Assassini] Gli errori dei principianti  (Letto 5442 volte)

Dario Delfino

  • Membro
  • Top 5: Shock, TBabe, M Bubblegum, Arena, Monhearts
    • Mostra profilo
    • Blog senza censura
[Fantasmi Assassini] Gli errori dei principianti
« il: 2012-07-28 03:47:18 »
Giocando a Fantasmi Assassini ho notato che chi non ci ha mai giocato prima tende a fare alcuni errori.


1. Il Fantasma cecchino, ovvero one shot one kill.
E' l'errore più comune, forse; sicuramente il più grave. Si tende a fare un fantasma particolarmente aggressivo (di solito nemmeno troppo pauroso) che nel giro di due scene immancabilmente fa fuori il protagonista. Ma lo scopo del gioco non è uccidere l'altro giocatore, piuttosto quello di fare paura.


2. Il veggente.
Anche questo capita praticamente sempre. Chi gioca l'MC tende a descrivere più cose di quelle che il paragrafo gli dice di esporre, arrivando sostanzialmente ad anticipare il contenuto del paragrafo (o dei paragrafi) seguenti. E' un errore tipico e capita di incappare in esso anche quando si sono giocate più di un paio di partite.


3. Non importa.
Un'altra cosa a cui prestare attenzione è di non omettere alcuna descrizione richiesta dal paragrafo. E invece è una cosa che capita spessissimo, specie nelle prime partite. Alcune volte si tratta di descrizioni "subdole" che è facile ignorare: un dettaglio minaccioso nella descrizione fantasma, la descrizione del passaggio da uno spazio all'altro, ecc.


4. E' successo di tutto.
Questo è un errore tipico di chi è inesperto di gdr nuovi e che, pur non essendo troppo grave, sarebbe meglio evitare. Si tende a pianificare una complicatissima storia che ha generato il fantasma, caratterizzando all'inverosimile i personaggi coinvolti e immaginando una quantità spropositata di dettagli inutili che, puntualmente, non si riuscirà ad inserire nella fiction. Bisogna fidarsi del gioco e pensare solo a quelle pochissime cose che sono scritte nel paragrafo di apertura, anche perché, come dicevo prima, sarà molto difficile riuscire a mostrare tutto quel retroscena...


5. Il paese dei balocchi o l'anticamera dell'inferno.
Tante volte capita che le descrizioni del sotterraneo siano poco verosimili...  è vero che non tutti i sotterranei sono uguali, è vero che se in quel luogo, ad esempio, è avvenuto un rituale particolare ve ne sarà traccia, ma è bene ricordare che è pur sempre un sotterraneo...


6. Fatti tuoi.
Questo è l' "errore" meno grave, diciamo più che altro che si tratta di un'ingenuità. Il gioco fa sì che l'altro giocatore debba descrivere qualcosa di sè, o meglio, del suo personaggio (la volta in cui è stato vicino alla morte, chi è il suo modello, ecc), e spesso anche i giocatori con più esperienza ignorano completamente questo "suggerimento", invece di costruirci sopra un po' di fiction. Riuscire a fare questa operazione darà un piccolo ma significativo incremento qualitativo alla storia.
« Ultima modifica: 2012-07-28 03:54:22 da Dario Delfino »
Dario Delfino

Daniele Di Rubbo

  • Membro
  • Daniele Di Rubbo
    • Mostra profilo
    • Geecko on the Wall
Re:[Fantasmi Assassini] Gli errori dei principianti
« Risposta #1 il: 2012-08-13 23:51:13 »
Che dire? Hai perfettamente ragione! Quelli che elenchi qua sotto sono tra gli errori più tipici, di cui mi ero accorto anche io.

In particolare:

6. Fatti tuoi.
Questo è l' "errore" meno grave, diciamo più che altro che si tratta di un'ingenuità. Il gioco fa sì che l'altro giocatore debba descrivere qualcosa di sè, o meglio, del suo personaggio (la volta in cui è stato vicino alla morte, chi è il suo modello, ecc), e spesso anche i giocatori con più esperienza ignorano completamente questo "suggerimento", invece di costruirci sopra un po' di fiction. Riuscire a fare questa operazione darà un piccolo ma significativo incremento qualitativo alla storia.

Ho giocato diverse partite a Fantasmi Assassini. In alcune, senza che nessuno glielo dicesse, l’altro giocatore rispondeva a quelle domande per esteso, in altre rispondeva a monosillabi o con parole-frasi. Neanche a dirlo: quando l’altro giocatore risponde alla domanda per esteso il gioco ne guadagna parecchio; quando invece risponde a monosillabi mi prende una tristezza infinita.

Giorgia

  • Membro
  • Giorgia Menozzi
    • Mostra profilo
    • Traduzione libera e gratuita di Dungeon World
Re:[Fantasmi Assassini] Gli errori dei principianti
« Risposta #2 il: 2012-11-07 21:38:38 »
Appena finita la prima partita di prova... poi vi racconto dei miei errori  :-[
Comunque bel gioco, molto d'atmosfera  :)
I requisiti per una discussione sono onestà intellettuale e una mente aperta, senza questi nessun confronto è possibile. Una traduzione libera per Dungeon World http://www.dungeonworld.it

Daniele Di Rubbo

  • Membro
  • Daniele Di Rubbo
    • Mostra profilo
    • Geecko on the Wall
Re:[Fantasmi Assassini] Gli errori dei principianti
« Risposta #3 il: 2012-11-07 21:58:20 »
Sì, ma non ti fare dei problemi. Voglio dire: qui nessuno nasce imparato, e alla fine giochiamo per divertirci. La prima volta abbiamo tutti cappellato un sacco di cose, eppure siamo ancora qua a giocare perché forse qualcosa – sbagliando – l’abbiamo imparata. Mi sembra tutto normale! ;-)

Giorgia

  • Membro
  • Giorgia Menozzi
    • Mostra profilo
    • Traduzione libera e gratuita di Dungeon World
Re:[Fantasmi Assassini] Gli errori dei principianti
« Risposta #4 il: 2012-11-08 00:08:22 »
Non avendo letto prima il mio manualetto (ero il MC) facevo un po' fatica a non spezzare l'atmosfera e qualche volta ho chiesto all'altro giocatore consigli su come interpretare le istruzioni.

Altro errore pensavo che il "discuti con l'altro giocatore" (o qualcosa di simile, il manualetto non è a portata di mano) fosse da considerarsi in-game per cui un paio di volte siamo entrati in uno stallo visto che io pensavo che la scena non dovesse contenere azioni.
I requisiti per una discussione sono onestà intellettuale e una mente aperta, senza questi nessun confronto è possibile. Una traduzione libera per Dungeon World http://www.dungeonworld.it

Daniele Di Rubbo

  • Membro
  • Daniele Di Rubbo
    • Mostra profilo
    • Geecko on the Wall
Re:[Fantasmi Assassini] Gli errori dei principianti
« Risposta #5 il: 2012-11-08 09:51:46 »
In realtà non sono errori: il gioco è fatto per essere letto mentre ci giochi. Le prime volte occorre un po’ di pazienza in più. Per il resto, se non ricordo male, non c’è nessuna distinzione tra “in game” e “out of game”; è tutto gioco. Per cui non farti dei problemi; la tensione si costruisce man mano che giocate, soprattutto giocando sulle descrizioni vivide.

Giorgia

  • Membro
  • Giorgia Menozzi
    • Mostra profilo
    • Traduzione libera e gratuita di Dungeon World
Re:[Fantasmi Assassini] Gli errori dei principianti
« Risposta #6 il: 2012-11-08 10:15:56 »
Mmm allora provo a spiegarmi meglio diciamo che gli errori sono stati:

- lag tra una scena e l'altra, mentre si cercava di capire le istruzioni

- quando leggevo il "discuti con l'altro giocatore" non l'avevo intesa come si decide insieme che succede ma come "il fantasma parla al personaggio" per cui mi è saltato fuori uno spettro logorroico

Magari per spiegarmi meglio apro un 3d in cui provo a ricostruire la giocata...
I requisiti per una discussione sono onestà intellettuale e una mente aperta, senza questi nessun confronto è possibile. Una traduzione libera per Dungeon World http://www.dungeonworld.it

Daniele Di Rubbo

  • Membro
  • Daniele Di Rubbo
    • Mostra profilo
    • Geecko on the Wall
Re:[Fantasmi Assassini] Gli errori dei principianti
« Risposta #7 il: 2012-11-08 10:19:09 »
Quella è la soluzione migliore! ;)

Giorgia

  • Membro
  • Giorgia Menozzi
    • Mostra profilo
    • Traduzione libera e gratuita di Dungeon World
Re:[Fantasmi Assassini] Gli errori dei principianti
« Risposta #8 il: 2012-11-08 10:25:11 »
Eh mi sa che ci provo stasera che devo avere il libricino davanti  :)
I requisiti per una discussione sono onestà intellettuale e una mente aperta, senza questi nessun confronto è possibile. Una traduzione libera per Dungeon World http://www.dungeonworld.it

Re:[Fantasmi Assassini] Gli errori dei principianti
« Risposta #9 il: 2013-04-14 23:13:12 »
Salve a tutti, ho giocato ieri per la prima volta a Fantasmi assassini e devo ammettere di aver trovato alcuni problemi, alcuni dei quali sono presenti in questa pagina.
In particolare questo:

1. Il Fantasma cecchino, ovvero one shot one kill.
E' l'errore più comune, forse; sicuramente il più grave. Si tende a fare un fantasma particolarmente aggressivo (di solito nemmeno troppo pauroso) che nel giro di due scene immancabilmente fa fuori il protagonista. Ma lo scopo del gioco non è uccidere l'altro giocatore, piuttosto quello di fare paura.
Premetto che non c'era assolutamente voglia di uccidere a tutti i costi "l'altro giocatore" ma è finita così il 100% delle volte, abbiamo fatto 4 partite (2 volte l'MC e 2 volte "l'altro giocatore" a testa) e complice forse un po' di sfortuna con le carte ma...è stata una carneficina. Il fantasma è sempre descritto come "un essere votato alla violenza" ed effettivamente spesso ha descrizioni letali, tipo il 9 del libretto dell'MC che dice chiaramente "Ogni fantasma qui ucciderà l'altro giocatore, se questi attrae la sua attenzione nel modo sbagliato (o in qualsiasi altro modo).". Non essendoci un sistema di "combattimento" con il fantasma molto spesso si gioca una sorta di "o la và o la spacca" quando lo si incontra: se va male con una spallata si è morti. A meno che di fare in modo che il giocatore non attiri la sua attenzione in nessun modo oppure mettendo stanze prive di fantasmi, ma allora a quel punto si snatura il senso del gioco.

6. Fatti tuoi.
Questo è l' "errore" meno grave, diciamo più che altro che si tratta di un'ingenuità. Il gioco fa sì che l'altro giocatore debba descrivere qualcosa di sè, o meglio, del suo personaggio (la volta in cui è stato vicino alla morte, chi è il suo modello, ecc), e spesso anche i giocatori con più esperienza ignorano completamente questo "suggerimento", invece di costruirci sopra un po' di fiction. Riuscire a fare questa operazione darà un piccolo ma significativo incremento qualitativo alla storia.
Anche qua premetto che non siamo mai riusciti ad arrivare all'uscita, ma fino a dove siamo arrivati (una volta sola massimo 3 carte per l'MC, tutte le altre volte morivamo prima) questi dettagli non erano mai compresi nel libretto dell'MC. Cioè davano proprio l'idea di essere "buttati lì" per coinvolgere un po' il giocatore ma...non è così che si fa. Cioè, se c'è una cosa su di tutte che mi ha fatto interessare ai gdr "indie" è proprio che spesso l'interpretazione del personaggio non era fine a se stessa (come in tutti i gdr classici tipo d&d) ma veniva premiata più era creativa. Tipo CnV dove se il giocatore si inventa un oggetto che realisticamente esiste in quella situazione lo può usare come dado in più. Qua invece, a meno che più avanti questi dettagli non vengano usati, non servono a niente. Il giocatore può anche stare lì 10 minuti a raccontarmi la vita del suo esploratore ma...se dopo che me li ha raccontati torniamo a parlare dei fantasmi e del sotterraneo minaccioso, a cosa è servito? Magari questi dettagli vengono ripresi poi nelle ultime "battute", non so perchè non ci sono mai arrivato, ma per adesso è un pezzo che mi ha lasciato perplesso.

Tutto sommato un gioco carino, ma un po'  troppo "chiuso" nelle possibilità. E le spallate le trovo veramente troppo estreme: già una è come avere un piede nella fossa, quella dopo è già letale...

Daniele Di Rubbo

  • Membro
  • Daniele Di Rubbo
    • Mostra profilo
    • Geecko on the Wall
Re:[Fantasmi Assassini] Gli errori dei principianti
« Risposta #10 il: 2013-04-14 23:23:22 »
Allora, dei due punti che citi, il punto (1) voleva dire ai potenziali MC di non fare fantasmi inevitabili. Il fatto che i fantasmi siano letali è il fulcro del gioco. Difficile sopravvivere se decidi di affrontarli direttamente: ti basta attirare la loro attenzione perché loro si comportino in maniera ostile e letale. Però questo non vuol dire che tu debba fare il fantasma-Rambo che è solo aggressivo, ma non pauroso.

Il punto (6) l’ho scoperto tardi anche io. In questo gioco quelle domande servono a fare affezionare un minimo il giocatore al personaggio, a dargli tridimensionalità (per quanto poca). In questo modo c'è più coinvolgimento dell’altro giocatore nei confronti del personaggio che sta creando giocando. Non c’è nulla nelle risposte che dai che ti dicano, come MC, di usarle. Sono lasciate un po’ lì, è vero, ma servono ad un altro scopo: avvicinare giocatore e personaggio.

Poi, come sono fatti i giochi indie dipende da gioco a gioco. In Escape from Tentacle City, in Durance non ti devi affezionare ai personaggi, non come fai in Cani nella Vigna, almeno. In The Quiet Year un personaggio non ce l’hai nemmeno. Capisco che in questo Fantasmi Assassini ti interessi di meno, ma non c’è nessun marchio di fabbrica in proposito che contraddistingua un gioco indie da un gioco tradizionale.

Da ultimo, Fantasmi Assassini è ben lungi da essere il gioco perfetto e definitivo. Fa semplicemente abbastanza bene quello che si propone di fare: raccontare storie di fantasmi assassini a cui le loro vittime non possono scappare facilmente. Non è nulla di sensazionale, ma è carino da giocare. Considera che è nato come idea di mini-gioco per l’Halloween 2011. Nessun progetto più ambizioso.
« Ultima modifica: 2013-04-14 23:25:09 da Daniele Di Rubbo »

Re:[Fantasmi Assassini] Gli errori dei principianti
« Risposta #11 il: 2013-04-14 23:46:22 »
Allora, dei due punti che citi, il punto (1) voleva dire ai potenziali MC di non fare fantasmi inevitabili. Il fatto che i fantasmi siano letali è il fulcro del gioco. Difficile sopravvivere se decidi di affrontarli direttamente: ti basta attirare la loro attenzione perché loro si comportino in maniera ostile e letale. Però questo non vuol dire che tu debba fare il fantasma-Rambo che è solo aggressivo, ma non pauroso.
Quello che ho notato io è che purtroppo, pauroso o no, il fantasma è sempre e comunque un "Rambo". Magari è a me che sfugge ancora qualcosa, e in questo spero che il nostro "play by forum" mi aiuti visto che tu hai molta più esperienza di me, ma quando ho giocato con il mio amico (entrambi nuovi del gioco) l'idea che ci siamo fatti era proprio quella: o non mettiamo fantasmi, oppure se li mettiamo il pericolo di morte è altissimo. Caspisco il suggerimento del tipo "non cercare di uccidere l'altro giocatore a tutti i costi", ma non è un mio errore da principiante se con un paio di spallate il gioco finisce subito. E' proprio Fantasmi assassini che è fatto così...forse si poteva ridurre l'intervallo di pescata che stabilisce una spallata, non saprei.

Il punto (6) l’ho scoperto tardi anche io. In questo gioco quelle domande servono a fare affezionare un minimo il giocatore al personaggio, a dargli tridimensionalità (per quanto poca). In questo modo c'è più coinvolgimento dell’altro giocatore nei confronti del personaggio che sta creando giocando. Non c’è nulla nelle risposte che dai che ti dicano, come MC, di usarle. Sono lasciate un po’ lì, è vero, ma servono ad un altro scopo: avvicinare giocatore e personaggio.

Poi, come sono fatti i giochi indie dipende da gioco a gioco. In Escape from Tentacle City, in Durance non ti devi affezionare ai personaggi, non come fai in Cani nella Vigna, almeno. In The Quiet Year un personaggio non ce l’hai nemmeno. Capisco che in questo Fantasmi Assassini ti interessi di meno, ma non c’è nessun marchio di fabbrica in proposito che contraddistingua un gioco indie da un gioco tradizionale.
Io però l'avevo pensata così: fai dire all'altro giocatore tutte quelle cose, poi se arriva alla fine prima di aprire la fatidica porta che lo rimette in strada in liberà gli si para davanti un ultimo fantasma proprio con le fattezze della persona che lui ha citato prima. Pensavo proprio fosse una cosa del genere, o comunque legare in qualche modo i suoi racconti al gioco. Non penso sarebbe una cosa difficile da fare, però forse è così visto che non è stata messa  :-\
Per quanto riguarda i personaggi non mi riferivo all'affetto che si possa provare per il proprio pg, ma proprio a un interesse "pratico" nel sfoggiare maggiore creatività. Al PLAY dove ho comprato questo gioco ho anche fatto la demo di Il mondo dell'apocalisse (fra l'altro con il miglior MC che abbia mai visto, Ezio mi pare si chiamasse); lì ogni giocatore aveva un valore di ST che legava un personaggio agli altri, in modo tale che i racconti del giocatore non fossero fini a se stessi. Non erano neanche direttamente per sè, però "servivano" al gioco.

Boh dai, vedrò procedendo con il pbf cosa viene fuori  :) intanto ti ringrazio delle risposte e di darmi questa possibilità  ;)

Daniele Di Rubbo

  • Membro
  • Daniele Di Rubbo
    • Mostra profilo
    • Geecko on the Wall
Re:[Fantasmi Assassini] Gli errori dei principianti
« Risposta #12 il: 2013-04-14 23:53:10 »
Sì, è come dici tu: il gioco “finisce subito”, ma pare che sia una cosa voluta da Vincent. È una caratteristica di design del gioco. Vuole riprendere quella fiction sui fantasmi assassini un cui la morte arriva improvvisa e cruenta e interrompe tutto. Non c’è speranza di uscirne vivi. Se ti riesce hai davvero avuto fortuna.

Apocalypse World è un gioco completamente diverso, in cui caratteristiche come le St sono molto importanti per il gioco. È normale che lì siano centrali, mentre qui ci siano domande diverse che però non sono centrali al gioco, ma servano per farlo funzionare meglio in uno dei suoi aspetti. Se poi vogliamo parlare di se sia meglio Apocalypse World o Fantasmi Assassini mi sa che entriamo nel campo della soggettività, tuttavia sappi che non molti metterebbero Fantasmi Assassini davanti ad Apocalypse World nella scala dei giochi di ruolo.

Moreno Roncucci

  • Big Model Watch
  • Membro
  • *****
    • Mostra profilo
Re:[Fantasmi Assassini] Gli errori dei principianti
« Risposta #13 il: 2013-04-15 02:39:45 »
Fantasmi assassini è stato creato per produrre emozioni, vivere "nel sogno" una breve scena tipica.  Le cose personali servono ad aumentare questa emozione. Non ci devi costruire niente, non ci devi creare cose che riguardino direttamente il personaggio, non devi metterlo di fronte a scelte morali: devi fargli paura. Punto. E se il giocatore usa il personaggio come un kleenex, se dice "È morto, chissenefrega" il gioco non funziona.
Hai presente il perchè "5000 morti in Cina" non ti dà l'emozione di un articolo su un pensionato che si chiamava così che viveva in via tal dei tali ed è morto nella maniera x? perchè il secondo è una persona, il primo è un numero. Dare ricordi al PG lo rende una persona.

Per quanto sia legato da alcuni principi, Il Mondo dell'apocalisse è un gioco totalmente diverso con scopi praticamente opposti: i personaggi cambiano, si evolvono, cambiano il mondo, e tutto viene costruito attorno a loro.  Il gioco si basa su scelte, quelle stesse scelte che non devono avvenire in Fantasmi assassini.
Le domandi qui hanno lo scopo opposto: non servono al giocatore, servono al MC, che deve costruirci sopra.

Non dare mai per scontato che anche la stessa regola dia risultati anche lontanamente simili in giochi diversi...

P.S.: riguardo alla mortalità, secondo l'autore un esploratore che giochi ECCEZIONALMENTE bene, ha circa una sola possibilità su 3 di salvarsi. Se non gioca bene, manco quelli. Che muoia praticamente sempre è normale. Sarebbe strano se si salvasse.
"Big Model Watch" del Forum (Leggi il  Regolamento) - Vendo un sacco di gdr, fumetti, libri, e altro. L'elenco lo trovi qui

Giulia Cursi

  • Facilitatore Globale
  • Membro
  • *****
  • Nenhiril
    • Mostra profilo
Re:[Fantasmi Assassini] Gli errori dei principianti
« Risposta #14 il: 2013-04-15 08:08:50 »
P.S.: riguardo alla mortalità, secondo l'autore un esploratore che giochi ECCEZIONALMENTE bene, ha circa una sola possibilità su 3 di salvarsi. Se non gioca bene, manco quelli. Che muoia praticamente sempre è normale. Sarebbe strano se si salvasse.

Verissimo, difatti devo ancora fare una giocata in cui l'esploratore si salva.

Io utilizzo quello che mi dice l'altro giocatore rispondendo alle domande per caratterizzare il fantasma, es. in una giocata con Paolo Cecchetto lui mi aveva detto che il suo personaggio aveva il ricordo di una persona cara che mori va in un incidente d'auto, io da lì ho deciso che il fantasma avesse l'aspetto di un uomo fatto di lamiere accartocciate. Non dimenticare mai la descrizione di odori, sensazioni tattili e co. descrivere solo quello che uno vede non basta a farti "sentire" in quel posto.
Account G+ - Account Facebook - Fanmail: 16 - Brava Utente™ - "Te lo fascilito io." cit.