Autore Topic: commenti a Temigispex  (Letto 5311 volte)

Hoghemaru

  • Membro
  • Fabio Notarfranco
    • Mostra profilo
    • Ethereal Well
Re:commenti a Temigispex
« Risposta #15 il: 2011-09-27 12:51:45 »
Citazione
Le scene sono gestite in questo modo: il primo che parla la apre. Quando i pg se ne vanno, la scena si chiude. Alcuni posso andarsene prima, altri dopo, quando vanno via tutti, la scena è chiusa. "Andarsene" può essere fatto anche dicendo, ad esempio, supponendo sia una festa in discoteca, che il tuo pg resta a ballare tutta la notte. In pratica "ti chiami fuori" dalla scena che stanno giocando gli altri. Quando la scena, dunque, raggiunge la sua NATURALE CONCLUSIONE, si procede con un'altra.
non è specificato nessun meccanismo di rotazione della narrazione, ne un criterio che stabilisca che effettivamente questa rotazione ci debba essere.

se parlo prima di tutti, apro la scena e stabilisco cosa accade.
al termine della scena se sono abbastanza veloce posso aprirne subito un'altra prima che lo facciano gli altri.

cosa me lo impedisce?
sono un Suino Mannaro - "ci sono solo due persone di cui mi fido: una sono io, l'altra non sei tu!"

Zachiel

  • Visitatore
Re:commenti a Temigispex
« Risposta #16 il: 2011-09-27 13:05:39 »
Citazione
Le scene sono gestite in questo modo: il primo che parla la apre. Quando i pg se ne vanno, la scena si chiude. Alcuni posso andarsene prima, altri dopo, quando vanno via tutti, la scena è chiusa. "Andarsene" può essere fatto anche dicendo, ad esempio, supponendo sia una festa in discoteca, che il tuo pg resta a ballare tutta la notte. In pratica "ti chiami fuori" dalla scena che stanno giocando gli altri. Quando la scena, dunque, raggiunge la sua NATURALE CONCLUSIONE, si procede con un'altra.
non è specificato nessun meccanismo di rotazione della narrazione, ne un criterio che stabilisca che effettivamente questa rotazione ci debba essere.

se parlo prima di tutti, apro la scena e stabilisco cosa accade.
al termine della scena se sono abbastanza veloce posso aprirne subito un'altra prima che lo facciano gli altri.

cosa me lo impedisce?

Non avevo notato il cambio della regola da com'era prima o da com'era stato proposto che fosse.
Va inserita una regola per impedire due scene di fila. Poi se si gioca in più di due o si decide che tutti devono fare un giro prima di ricominciare, oppure altro che non mi sovviene (compreso forse il "chi è più rapido ti frega")

Dario Delfino

  • Membro
  • Top 5: Shock, TBabe, M Bubblegum, Arena, Monhearts
    • Mostra profilo
    • Blog senza censura
Re:commenti a Temigispex
« Risposta #17 il: 2011-09-28 12:34:00 »
Da regolamento nulla ti impedisce di aprire tutte le scene, è vero.
Inserire una regola che dica di farlo a rotazione non sarebbe un problema, ma forse non è nemmeno necessaria. In quale gruppo riusciresti a fare una cosa simile? Non serve chissà quale grande contratto sociale per una cosa così, secondo me.
Dario Delfino

Hoghemaru

  • Membro
  • Fabio Notarfranco
    • Mostra profilo
    • Ethereal Well
Re:commenti a Temigispex
« Risposta #18 il: 2011-09-28 13:04:00 »
Da regolamento nulla ti impedisce di aprire tutte le scene, è vero.
Inserire una regola che dica di farlo a rotazione non sarebbe un problema, ma forse non è nemmeno necessaria. In quale gruppo riusciresti a fare una cosa simile? Non serve chissà quale grande contratto sociale per una cosa così, secondo me.
nei giochi esiste un principio fondamentale: non c'è niente che ti impedisce di farlo, allora lo farai.

le regole devono dirti cosa puoi fare, ma soprattutto cosa NON puoi fare: se un simile punto lo lasci scoperto allora farai sfociare le decisioni dal piano del gioco al piano sociale.

G1: finisce una scena, ne riapre subito un'altra
G2: "aspetta, ne voglio aprire una io!"
G1: "dovevi parlare prima"
G2: "ma anch'io ho diritto di fare le scene, facciamo a turno"
G1: "non mi piace, secondo me è più divertente così"
G2: "però così non è giusto!"
G1: "il gioco funziona così, vuoi impedirmi di giocare?"

un'interazione del genere non vi ricorda nulla?
sono un Suino Mannaro - "ci sono solo due persone di cui mi fido: una sono io, l'altra non sei tu!"

Dario Delfino

  • Membro
  • Top 5: Shock, TBabe, M Bubblegum, Arena, Monhearts
    • Mostra profilo
    • Blog senza censura
Re:commenti a Temigispex
« Risposta #19 il: 2011-09-29 13:08:25 »
DIFFICILMENTE trovi un gruppo che vuole giocare a questo gioco e si comporta come dici tu, Fabio.
In realtà accadrebbe questo:
G1 finisce una scena, ne riapre subito un'altra
G2: "Aspetta, ne voglio aprire una io!"
G1: "OK"

oppure
G1 finisce una scena, ne riapre subito un'altra
G2: "Aspetta, ne voglio aprire una io!"
G1: "Dovevi parlare prima"
G2: "Ma anch'io ho diritto di fare le scene, facciamo a turno"
G3 G4 G5: "Ha ragione"
G1: "OK"

oppure ancora

G1 finisce una scena, ne riapre subito un'altra
G2: "Aspetta, ne voglio aprire una io!"
G1: "Non mi interessa, ho parlato prima io e la scena la apro io"
G2: "Ah. Va be', lasciamo perdere, va. Però la prossima scena la apro io. (pausa) E poi facciamo a turno"
G3, G4, G5: "Ok"

PS Siamo un po' troppo OT: se vogliamo continuare la discussione andiamo sul thread iniziale.
Dario Delfino

Hoghemaru

  • Membro
  • Fabio Notarfranco
    • Mostra profilo
    • Ethereal Well
Re:commenti a Temigispex
« Risposta #20 il: 2011-09-29 13:22:07 »
la mia domanda è: come fai ad averne la certezza?

affidarsi al buon senso delle persone è un'utopia, per lo stesso motivo per cui esistono le norme del codice della strada: il buon senso dovrebbe impedirci di fare stupidaggini alla guida, ma allora perché gli incidenti accadono?

non puoi fare un sistema sperando che la gente trovi il modo giusto di giocarci, perché le dinamiche sociali sono un fenomeno complesso che derivano da troppi fattori (prepotenze, atteggiamenti passivo-aggressivi, etc...)

se fosse come dici tu non esisterebbero tutti i problemi generati dai giochi tradizionali, non credi?




EDIT
Citazione
G2: "Ma anch'io ho diritto di fare le scene, facciamo a turno"
G3 G4 G5: "Ha ragione"
"ha ragione" rispetto a cosa? qual è la parte del regolamento che sostiene il fatto che ha ragione?

Citazione
G1: "Non mi interessa, ho parlato prima io e la scena la apro io"[/size][/font]G2: "Ah. Va be', lasciamo perdere, va. Però la prossima scena la apro io. (pausa) E poi facciamo a turno"
G3, G4, G5: "Ok"
perché dovrebbe accettare un compromesso se non è stabilito dalle regole?
se io voglio vincere il diritto alla narrazione e sono più veloce degli altri perché devo penalizzarmi?
« Ultima modifica: 2011-09-29 19:22:20 da Hoghemaru »
sono un Suino Mannaro - "ci sono solo due persone di cui mi fido: una sono io, l'altra non sei tu!"

Mattia Bulgarelli

  • Facilitatore Globale
  • Membro
  • *
  • Mattia Bulgarelli
    • Mostra profilo
Re:commenti a Temigispex
« Risposta #21 il: 2011-10-04 15:34:22 »
Altra questione (e scusate la brusca virata dal topic): la faccenda del nome dell'orchidea è un dettaglio di poca importanza, ma chi ha il diritto di stabilirne il nome?


Dario perché l'ha detto per primo che il nome l'ha scelto il suo PG (post #5)?
Io perché ho proposto per primo il nome completo (#6)?
O Dario perché è "una cosa che riguarda il suo PG più che il mio" (#7)?
 
Inoltre, io l'ho detto "fuori gioco", in un certo senso... Ma è anche vero che se fossimo stati "al tavolo" la distinzione tra "detto in gioco" e "detto fuori gioco" sarebbe più blanda.

Co-creatore di Dilemma! - Ninja tra i pirati a INC 2010 - Padre del motto "Basta Chiedere™!"

Dario Delfino

  • Membro
  • Top 5: Shock, TBabe, M Bubblegum, Arena, Monhearts
    • Mostra profilo
    • Blog senza censura
Re:commenti a Temigispex
« Risposta #22 il: 2011-10-04 20:17:08 »
Mattia il tuo è un commento sul nostro pbf, quindi perfettamente in topic : )
credo che la risposta giusta sia la prima: io perchè l'ho detto per primo (poi ho integrato il nome coi tuoi suggerimenti).

Nel caso specifico si è trattato di un suggerimento accolto (il nome latino e l'orchidea) seguito da uno non accolto (il fatto  che zero in latino non esista, che è verissimo, ma se la ragazza si fossa chiamata Jessica avrei voluto chiamare la pianta col suo nome comunque ; ))

Credo che al tavolo il dialogo sarebbe stato pressochè identico : )
Dario Delfino

Tags: