Autore Topic: Un porto di Mare  (Letto 6129 volte)

Fealoro

  • Facilitatore
  • Membro
  • *
  • Andrea Mognon
    • Mostra profilo
Un porto di Mare
« il: 2011-07-21 10:42:37 »
L'aria è fetida. La piccola città portuale di Guanda (G5) non è rinomata per il cibo , le donne o gli svaghi. Non è rinomata affatto. Al suo porto attraccano alcuni pescatori che cercano rifugio nella sua baia naturale, ma l'entroterra non è mai così sicuro da spingere nuovi commerci.


Verso ovest, in lontananza, si staglia il solitario massiccio del Monte Eyre. Più a sud, ben più distante, nei giorni limpidi si vedono alcuni riflessi, ad indicare la presenza del palazzo dei ricordi viventi.


Nella bettola che puzza di pesce alcune stanche donne si aggirano tra i loschi avventori, cercando di racimolare qualche soldo. Mercanti dallo sguardo obliquo offrono mercanzia ancora più ricercata, proveniente, dicono loro, dalla Cittadella.


In un tavolo nell'ombra siedono due nerboruti energumeni e una sacerdotessa selvaggia e seminuda.

Suna

  • Visitatore
Re:Un porto di Mare
« Risposta #1 il: 2011-07-21 12:01:56 »
Ninsunu non è né selvaggia né seminuda. E' completamente nuda, salvo i gioielli che risplendono come stelle in mezzo all'opacità di questa bettola fuligginosa.
"Le cittadine di quest'area si somigliano tutte. La gente ha occhi spenti, come se avesse dimenticato la bellezza." Spiega la sacerdotessa ai suoi compagni, osservando con sguardo assente gli avventori. Alcuni sembrano scossi dal loro torpore nel gettare su di lei il loro sguardo. Nulla di strano nel vedere una donna nuda, nemmeno ora che questo famigerato nuovo impero cerca di dettare nuovi costumi al mondo. Tuttavia nessuna delle donne del posto ha una pelle così liscia o un corpo così vigoroso. Le prostitute sembrano mettere in mostra con rassegnazione le proprie forme che hanno perso -o non hanno mai avuto- la loro avvenenza.
Eppure anche la vista di Ninsunu non sembra sufficiente a distoglierli dal grigiore delle loro vite per molto.
"E pensare che anche su questo villaggio, un tempo, hanno brillato le stelle."

Mr. Mario

  • Archivista
  • Membro
  • *
  • Mario Bolzoni
    • Mostra profilo
Re:Un porto di Mare
« Risposta #2 il: 2011-07-22 05:36:12 »
Col dorso della mano, Khron si pulisce i baffi dalla pessima birra che ha ordinato.

"La bellezza non riempie la pancia, sacerdotessa. E non lo fanno nemmeno le stelle. Per molti, da dove verrà il loro prossimo pasto, o-" piegando la testa verso le prostitute "-il cliente che ti farà sopravvivere un'altra settimana, quello è tutti gli dei e la bellezza di cui hanno bisogno."
Sognatore incorreggibile. Segretario dell'Agenzia degli Incantesimi. Seguace di Taku. L'uomo che sussurrava ai mirtilli.

Suna

  • Visitatore
Re:Un porto di Mare
« Risposta #3 il: 2011-07-22 09:36:18 »
"Ma questo non è vivere," taglia corto Ninsunu, senza distogliere lo sguardo da quelle forme cenciose, "questo è a stento sopravvivere..."

Mr. Mario

  • Archivista
  • Membro
  • *
  • Mario Bolzoni
    • Mostra profilo
Re:Un porto di Mare
« Risposta #4 il: 2011-07-22 10:35:48 »
"Vero. Ma per vivere servono troppe cose, che spesso non si possono avere. Dopo un po' ci si accontenta."
Sognatore incorreggibile. Segretario dell'Agenzia degli Incantesimi. Seguace di Taku. L'uomo che sussurrava ai mirtilli.

Suna

  • Visitatore
Re:Un porto di Mare
« Risposta #5 il: 2011-07-26 09:46:16 »
"Basterebbe la dignità..."

Fealoro

  • Facilitatore
  • Membro
  • *
  • Andrea Mognon
    • Mostra profilo
Re:Un porto di Mare
« Risposta #6 il: 2011-07-27 08:10:00 »
Nel mezzo dei vostri discorsi si avvicina un uomo di colore. Un colosso d'ebano dai muscoli possenti e lucidi. Gli occhi e i denti sembrano brillare, tanto profonda l'oscurità della sua pelle, solo una corta tunica di lino gli copre il pube e un enorme orecchino d'oro gli penzola dall'orecchio destro.
Con voce profonda si rivolge a Ninsunu. "Sono Damisc, sei tu la sacerdotessa che viene dalle isole Evanescenti?"
Getta un medaglione sul tavolo e senza attendere la risposta aggiunge "Harvetz mi assoldato per farti da guida. Ha detto che avresti capito una volta visto questo medaglione"


Qui se volete potete aggiungere voi Lore, oppure lasciate a me andare avanti...

Ander

  • Membro
  • Andrea Ungaro
    • Mostra profilo
    • Anderopoli
Re:Un porto di Mare
« Risposta #7 il: 2011-07-27 08:29:28 »
Nota OT: ci sono anche io, mi ero solo dimenticato di attivare le notifiche  ;)
Contro balrog, draghi, miniufo, orchi e paccottiglia varia dal 1987 o giù di lì

Fealoro

  • Facilitatore
  • Membro
  • *
  • Andrea Mognon
    • Mostra profilo
Re:Un porto di Mare
« Risposta #8 il: 2011-07-27 08:33:17 »
Si, considero che ci sia anche Urgayle (ferito). Il colosso si rivolge a Ninsunu, però ovviamente Urgayle se vuole può intervenire

Suna

  • Visitatore
Re:Un porto di Mare
« Risposta #9 il: 2011-07-27 08:39:05 »
Per quanto mi riguarda vai pure avanti Mogno. Son curioso e non ho idee particolari per un tiro di Lore... :)

Fealoro

  • Facilitatore
  • Membro
  • *
  • Andrea Mognon
    • Mostra profilo
Re:Un porto di Mare
« Risposta #10 il: 2011-07-28 02:28:27 »
Ninsunu osserva il medaglione, che le conferma ciò che temeva. Il medaglione sembra una massa informe di metallo fuso, ma se lo si guarda più attentamente si nota come in realtà sia finemente cesellato fin nei minimi particolari, a riprodurre con spirali e volute il caos primordiale da cui gli dei dell'artista provengono. Tanta è la pazzia racchiusa in quel medaglione che a fissarlo intensamente persino la sacerdotessa si sente per un attimo rapita.


Nessuno lo nota, ma Urgayle, quasi senza rendersene conto, infila la mano in una delle sue sacche, dove si trova il medaglione che ha raccolto nella caverna sotterranea.


Harvetz, un vecchio e viscido nano deforme, Ninsunu lo ricorda bene. L'aveva incontrato ancora alle isole evanescenti, e si era mostrato interessata a lei e al suo culto. Era un sorta di vecchio saggio, proveniva dalle Montagne della Luna, dove la sua tribù deforme (generazioni di incroci tra consanguinei avevano storto le loro gambe, curvato la loro schiena, ridotto la loro statura ma anche reso in grado di vedere nel buio più pesto) dimorava in grotte. Se si tralasciava la lascivia del suo sguardo, il vecchio Harvetz si era dimostrato sinceramente interessato al culto degli Antichi Dei Stellari, e quel medaglione ora lascia supporre che alcuni dei timori che egli stesso le aveva confidato si siano realizzati.
« Ultima modifica: 2011-07-28 03:01:57 da Fealoro »

Mr. Mario

  • Archivista
  • Membro
  • *
  • Mario Bolzoni
    • Mostra profilo
Re:Un porto di Mare
« Risposta #11 il: 2011-07-28 06:29:10 »
"Basterebbe la dignità..."

Khron si rabbuia e tace, come se le parole di Ninsunu avessero risvegliato il retrogusto amaro di un rimpianto, e trangugia altra birra, forse più amara, per cancellarlo.

Nel mezzo dei vostri discorsi si avvicina un uomo di colore. Un colosso d'ebano dai muscoli possenti e lucidi. Gli occhi e i denti sembrano brillare, tanto profonda l'oscurità della sua pelle, solo una corta tunica di lino gli copre il pube e un enorme orecchino d'oro gli penzola dall'orecchio destro.
Con voce profonda si rivolge a Ninsunu. "Sono Damisc, sei tu la sacerdotessa che viene dalle isole Evanescenti?"
Getta un medaglione sul tavolo e senza attendere la risposta aggiunge "Harvetz mi assoldato per farti da guida. Ha detto che avresti capito una volta visto questo medaglione"

Khron squadra il nuovo venuto. Il suo apparente disinteresse cela un'acuta attenzione ai dettagli. Le parole spesso confondono, fare mentire il proprio corpo è molto più difficile. Quando Damisc estrae il medaglione, non ha la tensione che avrebbe se avesse estratto un pugnale, non respira come un uomo che sta per colpire. Meglio per lui, perché Khron aveva già pensato ad almeno tre modi per buttarlo a terra e disarmarlo. O peggio.

Nessuno lo nota, ma Urgayle, quasi senza rendersene conto, infila la mano in una delle sue sacche, dove si trova il medaglione che ha raccolto nella caverna sotterranea.

E se invece volessi notarlo?
Sognatore incorreggibile. Segretario dell'Agenzia degli Incantesimi. Seguace di Taku. L'uomo che sussurrava ai mirtilli.

Ander

  • Membro
  • Andrea Ungaro
    • Mostra profilo
    • Anderopoli
Re:Un porto di Mare
« Risposta #12 il: 2011-07-28 06:31:02 »
Non avrei dovuto dire io, eventualmente, cosa fa Urgayle? (non che mi dispiaccia la cosa, non ci avevo pensato al medaglione che avevo raccolto)
Contro balrog, draghi, miniufo, orchi e paccottiglia varia dal 1987 o giù di lì

Fealoro

  • Facilitatore
  • Membro
  • *
  • Andrea Mognon
    • Mostra profilo
Re:Un porto di Mare
« Risposta #13 il: 2011-07-28 06:36:22 »
@MrMario
Per una cosa del genere credo sia possibile solo se Ander da l'ok, altrimenti rientra nel potere del giocatore.
Se fosse importante, però, si può fare un competing conflict, anche se secondo me non è così necessario


@Ander
Sì, ho abusato del mio potere per suggerire la somiglianza tra il medaglione di Damisc e quello che hai trovato, però è solo una descrizione "cosmetica" non ha effetti particolari. Se non ti sta bene non ho problemi a tornare indietro


Questo vale per tutti, talvolta mi scappa di far fare qualcosa al vostro personaggio per velocizzare la descrizione. Se ritenete che qualcosa non vada bene ditemelo e correggo.

Suna

  • Visitatore
Re:Un porto di Mare
« Risposta #14 il: 2011-07-28 06:43:11 »
Lo sguardo di Ninsunu si rabbuia.
"E così è vero... stupidi nani..." Fa una lunga pausa. "E tu saresti la nostra guida. Strano che Harvetz non si sia presentato di persona. Gli è successo qualcosa?" La sacerdotessa squadra profondamente lo straniero, cercando di capire se la sua risposta sarà sincera o falsa.

E tiro Esploratore (dato che "also covers any interactions with exotic cultures"). Il mio lancio è un 11 Presumo che questo sia un competing conflict, quindi aspetto prima di gongolare. A meno che il nuovo arrivato non abbia nulla da nascondere e quindi non sta attivamente opponendo il mio tentativo di decifrarlo. In quel caso sono 3 degrees of success.

Tags: