Autore Topic: Spione PbF 1 - fase 2 - Crisi  (Letto 6630 volte)

Claudia Cangini

  • Facilitatore
  • Membro
  • *
    • Mostra profilo
Spione PbF 1 - fase 2 - Crisi
« il: 2009-01-05 13:59:07 »
Pesco 5 carte in tutto (1 per Gretchen, 2 per Thomas, 1 per Moreno, 1 per Claudia)

Consideratele disposte con inizio in alto e fine in basso:

------------------
K quadri

A cuori

Jolly

K picche

J picche
------------------

- Si comincia a muovere dal fondo, ossia il Jack, ossia Moreno (che gentilmente farà un follow up a questo post con indicazione della sua mossa e riportando lo schemino qui sopra aggiornato).
- Si muove sempre verso l'alto.
- Alla fine si leggeranno i risultati dall'alto in basso.

Per chi volesse rinfrescarsi i possibili contenuti delle narrazioni in fase di Crisi, pregasi andare a pag. 181
Per ripassare le regole per muovere la carte: pag. 175

E buona Crisi a tutti!

 :twisted:
« Ultima modifica: 1970-01-01 01:00:00 da Claudia Cangini »
I nitpicker danneggiano anche te. Digli di smettere.

Moreno Roncucci

  • Big Model Watch
  • Membro
  • *****
    • Mostra profilo
Spione PbF 1 - fase 2 - Crisi
« Risposta #1 il: 2009-01-05 17:59:40 »
Mmmm... povera Gretchen, nemmeno una "donna" in gioco...   :?

Se muovo, perdo la narrazione iniziale, e comunque potrei limitare solo in parte la narrazione di Marco (raddoppiata dal Jolly). Tutto sommato preferisco rimanere dove sono.

Dopo di me, Marco può riunire i suoi due Re, ma francamente non gli conviene: il suo secondo Re è già raddoppiato dal Jolly.

Se decide di non muoversi, i movimenti delle carte sono finiti e si passa alla lettura. Altrimenti ritocca a me. Marco, cosa decidi?
« Ultima modifica: 1970-01-01 01:00:00 da Moreno Roncucci »
"Big Model Watch" del Forum (Leggi il  Regolamento) - Vendo un sacco di gdr, fumetti, libri, e altro. L'elenco lo trovi qui

Claudia Cangini

  • Facilitatore
  • Membro
  • *
    • Mostra profilo
Spione PbF 1 - fase 2 - Crisi
« Risposta #2 il: 2009-01-05 18:05:16 »
Citazione
[cite] Moreno Roncucci:[/cite]
Se muovo, perdo la narrazione iniziale, e comunque potrei limitare solo in parte la narrazione di Marco (raddoppiata dal Jolly). Tutto sommato preferisco rimanere dove sono.


No, Moreno, occhio che si inizia a muovere le carte DAL FONDO ma, una volta che tutti le hanno mosse, si inizia la lettura DALL'INIZIO.
Quindi in questo momento saresti l'ultimo a parlare, mentre il primo sarebbe Marco. Non so se questo ti fa eventualmente riconsiderare la tua mossa...
« Ultima modifica: 1970-01-01 01:00:00 da Claudia Cangini »
I nitpicker danneggiano anche te. Digli di smettere.

Marco Costantini

  • Membro
  • Era una notte buia e tempestosa
    • Mostra profilo
Spione PbF 1 - fase 2 - Crisi
« Risposta #3 il: 2009-01-05 19:39:05 »
Aspetto che Moreno replichi per decidere se muovere o meno.
Moreno, resti della tua idea e lasci così o sposti qualcosa?
« Ultima modifica: 1970-01-01 01:00:00 da Marco Costantini »
Escalo a Fisico: ti abbraccio.

Moreno Roncucci

  • Big Model Watch
  • Membro
  • *****
    • Mostra profilo
Spione PbF 1 - fase 2 - Crisi
« Risposta #4 il: 2009-01-05 20:48:38 »
Citazione
[cite] Claudia Cangini:[/cite]
Citazione
[cite] Moreno Roncucci:[/cite]
Se muovo, perdo la narrazione iniziale, e comunque potrei limitare solo in parte la narrazione di Marco (raddoppiata dal Jolly). Tutto sommato preferisco rimanere dove sono.


No, Moreno, occhio che si inizia a muovere le carte DAL FONDO ma, una volta che tutti le hanno mosse, si inizia la lettura DALL'INIZIO.


E io che ho detto? :?

Ah, forse ho capito l'equivoco... per "narrazione iniziale" intendo la prima carta di una pila, che imposta cosa succede (con quelle sopra che possono solo aumentare o diminuire l'effetto). E' piuttosto grave che non l'hai afferrato, visto che è il termine esatto usato nel manuale a pagina 180: "la carta in cima ad ogni colonna è chiamata la carta iniziale"  :lol:

Citazione

Quindi in questo momento saresti l'ultimo a parlare, mentre il primo sarebbe Marco. Non so se questo ti fa eventualmente riconsiderare la tua mossa...


Non me la fa riconsiderare perché è esattamente la situazione che avevo spiegato...   8)
« Ultima modifica: 1970-01-01 01:00:00 da Moreno Roncucci »
"Big Model Watch" del Forum (Leggi il  Regolamento) - Vendo un sacco di gdr, fumetti, libri, e altro. L'elenco lo trovi qui

Marco Costantini

  • Membro
  • Era una notte buia e tempestosa
    • Mostra profilo
Spione PbF 1 - fase 2 - Crisi
« Risposta #5 il: 2009-01-05 21:30:55 »
Nemmeno io sposto nulla.
Prima di cominciare con la narrazione (visto che i movimenti di carte mi paiono conclusi) aspetto il via di Claudia.
« Ultima modifica: 1970-01-01 01:00:00 da Marco Costantini »
Escalo a Fisico: ti abbraccio.

Claudia Cangini

  • Facilitatore
  • Membro
  • *
    • Mostra profilo
Spione PbF 1 - fase 2 - Crisi
« Risposta #6 il: 2009-01-05 21:37:50 »
A quanto pare nessuno muove nulla :)

La narrazione inizia dal K di quadri di Marco, esattamente nell'ordine in cui sono uscite le carte. Seguo io, di nuovo Marco e Moreno. Infine una nota di colore da Francesca (povera Gretchen!  :cry: ) :

------------------
K quadri

A cuori

Jolly

K picche

J picche
------------------

Vai, facci sognare  :twisted:
« Ultima modifica: 1970-01-01 01:00:00 da Claudia Cangini »
I nitpicker danneggiano anche te. Digli di smettere.

Marco Costantini

  • Membro
  • Era una notte buia e tempestosa
    • Mostra profilo
Spione PbF 1 - fase 2 - Crisi
« Risposta #7 il: 2009-01-05 22:46:38 »
Una domanda: le azioni della fase di Crisi devono riguardare necessariamente il motivo stretto della Crisi?
Senza stare a tergiversare vado al nocciolo: l'idea è di cominciare la narrazione con Thomas che ha già le chiavi, ma con Christian che si è accorto (usando poi la carta per confoderlo/fuorviarlo).

Questo vorrebbe dire: la Crisi deve riguarda il fatto che Thomas riesca a meno a prelevare qui e ora le chiavi o verte invece sulla punto focale "Thomas vuole usare le chiavi del figlio/il figlio vuole impedirlo".

Io propenderei per la seconda, ma per non sbagliare chiedo preventivamente.
« Ultima modifica: 1970-01-01 01:00:00 da Marco Costantini »
Escalo a Fisico: ti abbraccio.

Moreno Roncucci

  • Big Model Watch
  • Membro
  • *****
    • Mostra profilo
Spione PbF 1 - fase 2 - Crisi
« Risposta #8 il: 2009-01-05 23:06:07 »
Le narrazioni dovrebbero riguardare il conflitto scatenante la crisi (o, meglio, uno dei due conflitti scatenanti la crisi. Ma se giochi un Personaggio Principale e hai una carta iniziale non hai scelta, devi narrare una sua azione). Questo "riguardare" può essere più o meno labile e vago, a seconda dei criteri estetici del gruppo, ma l'intenzione di narrare qualcosa che si riferisca in qualche maniera  a quello deve esserci.

Ma, molto importante, non confondere questa cosa con l'idea di un "conflitto a poste" in altri giochi narrativisti.

Esempio: in "Cani nella vigna" il conflitto avrebbe come posta in gioco "riuscirà Thomas" a rubare le chiavi senza farsi scoprire?", e tutti i rilanci e le parate dovrebbero portarlo più vicino (o più lontano, se dell'avversario) a questo obiettivo.

Spione non è così. Non c'è posta, c'è solo una situazione.

In Spione, tu potresti narrare, per esempio, che Thomas rinuncia a prendere le chiavi.  E un altro narra che a quel punto il figlio impreca fra se e sè, perché aveva abbandonato il giubbotto apposta per far rubare le chiavi al padre (notare come, in queste due narrazioni, è stato ridefinito completamente il conflitto iniziale. RIDEFINITO, non "risolto".  Non sei legato a "quello che si credeva all'inizio della fase di crisi". Puoi entrare in una fase di crisi perché un agente del KGB ti punta un mitra per spararti, e come prima narrazione spiegare che è tua moglie travestita che voleva farti uno scherzo...  sei MOLTO più libero nelle narrazioni, non sei legato a poste prefissate, non sei nemmeno legato ad un conflitto prefissato. Però la tua narrazione deve riguardare, in qualche maniera, "questa situazione qua", anche se poi la stravolgi)
« Ultima modifica: 1970-01-01 01:00:00 da Moreno Roncucci »
"Big Model Watch" del Forum (Leggi il  Regolamento) - Vendo un sacco di gdr, fumetti, libri, e altro. L'elenco lo trovi qui

Marco Costantini

  • Membro
  • Era una notte buia e tempestosa
    • Mostra profilo
Spione PbF 1 - fase 2 - Crisi
« Risposta #9 il: 2009-01-05 23:36:28 »
Perfetto. Allora procediamo :)

Dopo la cena Christian riaccompagna in macchina il padre a casa. I due si salutano freddamente nell'abitacolo. Poi Thomas scende, lanciando un'occhiata carica di tristezza e verso i figlio, seduto ancora al posto di guida. Sale i cinque gradini che lo portano al pianerottolo di casa sua e sta per infilare la chiave nella toppa quando sente lo sportello di una macchina sbattuto violentemente dietro di se.
Si gira e vede Christian venire adirato verso di lui a passi lunghi e veloci, fermandosi ai piedi delle scale.
"Cosa diavolo vuoi fare con le mie chiavi, papà?!" gli urla.
"Ti ho visto prenderle al ristorante! Sono restare a guardare solo per vedere quale livello di bassezza avresti raggiunto" continua disgustato.
Thomas cerca di restare impassibile e freddo fuori, arrivando anche ad abbozzare un sorriso, mentre dentro avvampa e ribolle.
"Oh, Chris, andiamo! Hai preso un gigantesco granchio. Volevo solo farti una sorpresa. Fra una settimana è il tuo compleanno e ho pensato di regalarti uno di quei nuovi modelli americani di lavatrici-asciugatrici. Ma mi occorrevano alcune misure di casa tua e avrei dovuto far entrare gli operai per installarla. Bhe, addio sorpresa" conclude con un sorriso impercettibile mentre un goccia di sudore gli scivola lungo la schiena.
« Ultima modifica: 1970-01-01 01:00:00 da Marco Costantini »
Escalo a Fisico: ti abbraccio.

Moreno Roncucci

  • Big Model Watch
  • Membro
  • *****
    • Mostra profilo
Spione PbF 1 - fase 2 - Crisi
« Risposta #10 il: 2009-01-05 23:53:57 »
Qui qualcuno non ha studiato...   :roll:  :twisted:

Capitolo "Crisi: Narrazione", per l'esattezza a pagina 181: "quando la carta iniziale appartiene ad una persona che dirige una Spia, questi descrive le azioni della spia e i loro effetti, e il contenuto della narrazione deve essere favorevole agli interessi della Spia"

Mentre tu hai narrato le azioni di Christian, sfavorevoli agli interessi della Spia...   :roll:

Non solo: avevi una singola carta. Con quella puoi (quotando dal manuale):

Regole per narrare una singola carta o la carta iniziale di una colonna:

* La narrazione può conseguire uno qualunque dei seguenti risultati.
- Confondere o fuorviare una persona
- Ritardare un inseguitore
- Convincere una persona, a proposito della sua azione prossima azione
- Ferire una persona
- Far saltare la copertura di una persona; localizzarla
- Acquisire informazioni plausibili da una persona o da un'altra fonte
- Danneggiare o disattivare un edificio, -- un veicolo, o un dispositivo
- Rivelare una possibile relazione o evento, come scoperto da un personaggio (per esempio, “il mio handler potrebbe essere una talpa”)


Come vedi, nulla di definitivo, certo o permanente (per quello, vi vogliono due carte).
Dunque, tu hai narrato che a Thomas sembra di essere riuscito a rubare le chiavi non visto, e questo, già da solo, "usa" la tua carta (può essere considerato diverse cose dall'elenco quotato sopra, puoi dire che hai confuso Christian per il momento, per esempio, ma di maniere di porla in termini di gioco ce ne sono tante)

Il resto, lascialo agli altri...  8)
« Ultima modifica: 1970-01-01 01:00:00 da Moreno Roncucci »
"Big Model Watch" del Forum (Leggi il  Regolamento) - Vendo un sacco di gdr, fumetti, libri, e altro. L'elenco lo trovi qui

Moreno Roncucci

  • Big Model Watch
  • Membro
  • *****
    • Mostra profilo
Spione PbF 1 - fase 2 - Crisi
« Risposta #11 il: 2009-01-05 23:55:52 »
Visto che la narrazione di Marco sarebbe troncata di brutto, direi di dargli la possibilità di ripetere la mossa.
« Ultima modifica: 1970-01-01 01:00:00 da Moreno Roncucci »
"Big Model Watch" del Forum (Leggi il  Regolamento) - Vendo un sacco di gdr, fumetti, libri, e altro. L'elenco lo trovi qui

Marco Costantini

  • Membro
  • Era una notte buia e tempestosa
    • Mostra profilo
Spione PbF 1 - fase 2 - Crisi
« Risposta #12 il: 2009-01-06 00:16:11 »
Ecco, proprio quello che volevo evitare con l'ultimo post in cui chiedevo lumi :(

Forse il problema nasce dal fatto di non aver chiaro il "tema" della Crisi.
Forse la risoluzione a poste, a cui sono abituato, mi ha fuorviato. Come dicevo nell'altro post, volevo avere chiaro se la Crisi verteva sull'azione di prendere le chiavi o sulle opposte intenzioni (in generale) fra Thomas e Christian riguardo le chiavi.

Forse, da come l'ha messa giù Moreno, posso aver intuito come funge il sistema. Provo a spiegarvi quel che ho capito e voi ditemi se ci sono andato vicino o lontano: la Crisi nasce da una situazione contingente e da quella il primo con la carta dovrebbe narrare. Poi chi viene dopo può far evolvere la situazione in ogni direzione plausibile.

Quindi, ad esempio, la tecnica del gap temporale presente in Dogs e che io ho utilizzato qui (il classico "due giorni dopo") non va un granché bene (?).

Per la questione di una narrazione favorevole alla spia e delle possibilità delle carte l'idea era quella di "confondere o fuorviare". In effetti però la narrazione non era propriamente favorevole (e in più "muovevo" Christian...non ricordavo assolutamente di non poterlo fare. Ahi Ahi Ahi), visto che la storia del "regalo di compleanno" era comunque il finale di una situazione non molto facile.

Cambio al volo la mia parte e provo con qualcosa di più semplice.
« Ultima modifica: 1970-01-01 01:00:00 da Marco Costantini »
Escalo a Fisico: ti abbraccio.

Marco Costantini

  • Membro
  • Era una notte buia e tempestosa
    • Mostra profilo
Spione PbF 1 - fase 2 - Crisi
« Risposta #13 il: 2009-01-06 00:33:29 »
Il conseguimento può essere visto come "ritardare un inseguitore" (o volendo anche Confondere o fuorviare).

Thomas vede allontanarsi Christian a passi veloci in direzione della toilette e non può fare a meno di sentirsi un vigliacco. Ad inizio serata ha infatti versato nel vino del figlio -senza troppa attenzione alla quantità prescritta- gocce di un potente lassativo. Pensa che questo gli darà il tempo necessario per infilarsi con relativa tranquillità le chiavi in tasca.
Stringe il mazzo tintinnante e lo infila nella tasca del suo trench.


Spero che stavolta vada. L'azione di Christian di andare in bagno era già nella manovra, quindi l'ho riportata senza "muoverlo". L'idea era, riprendendo Moreno, che a Thomas sembra di essere riuscito a rubare le chiavi non visto. Il come è ritardando il suo inseguitore, cioè il suo avversario in questa lotta contro il tempo per sfilare quel maledetto mazzo di chiavi, tramite il vecchio trucco del lassativo.

Edito aggiungendo una nota autoriale :)
Perchè ho usato il triviale trucco del lassativo? La scelta non è casuale.
L'idea è di far emergere la pochezza di questo uomo di mezz'età ormai arrivato allo stremo nella sua professione di spia. Lo scherzo del lassativo è davvero un gioco da ragazzi, nel senso che spesso sono ragazzini ad usarlo a chissà quale cena. Forse anche da qui possiamo vedere come questo Thomas forse non è poi così maturo come la sua età darebbe ad intendere: di certo il suo gesto non è una burla, ma forse è la sostanza del gesto in sé e per sé che lo identifica. D'altra parte quello che sta compiendo è un gesto piuttosto disperato e forse anche un po' sciocco (ancora: rubare un mazzo di chiavi è un comportamento da ragazzini, soprattutto se fatto in queste condizioni, e non da compassata spia dell'HVA -i cui componenti si dice siano almeno un po' più acculturati che nella stasi).

Così, giusto per spiegare e per parlare un po' delle scelte che indirizzano tematicamente la storia :)
Fossimo stati ad un tavolo l'avrei spiegato comunque, quindi non vedevo perchè tacere via forum :)
« Ultima modifica: 1970-01-01 01:00:00 da Marco Costantini »
Escalo a Fisico: ti abbraccio.

Moreno Roncucci

  • Big Model Watch
  • Membro
  • *****
    • Mostra profilo
Spione PbF 1 - fase 2 - Crisi
« Risposta #14 il: 2009-01-06 00:53:16 »
[edit: post scritto prima della precedente "mossa" di Marco, in risposta al suo penultimo post in cui faceva domande sulla Fase di Crisi e sul suo senso]

Su Spione non c'è la massa di analisi e teorizzazioni presente per Cani nella Vigna (che è stato sviscerato a lungo su The Forge in ogni suo aspetto), Spione è ancora recentissimo e di actual play ce ne sono relativamente pochi. Ma si è già visto che il senso delle due "fasi" è drammaticamente molto diverso rispetto ai "conflitti" a cui si è abituati in altri gdr.

In molti gdr narrativisti (CnV per esempio) hai narrazione relativamente "libera" fino al momento in cui un contrasto di interessi porta ad una biforcazione nel proseguo della storia. C'è una posta in palio, A otterrà quello che vuole o no? Il conflitto lo deciderà (e nel caso di CnV deciderà anche come e le conseguenze).  L'andamento è sempre lineare, il conflitto è "il momento in cui la storia potrebbe cambiare", se vuoi, "il momento dove accadono le cose importanti"

Spione non è così. In una fase di manovra posso narrare tutto quello che mi pare come già avvenuto. Non ho bisogno di nessun "conflitto" per fare, creare, disfare. La libertà che ho nella fase di manovra è assoluta. Asservita però ad uno scopo: il gioco si aspetta da me che non usi questa assoluta libertà per partire per la tangente raccontando quello che mi pare, ma che la utilizzi per  aumentare, progressivamente, la pressione, come una spirale del "freddo" sul Personaggio Principale.  Sono un narratore onnipotente, ma con uno scopo preciso. Ancor più preciso del "rendere la vita difficile". Devo "rendere la vita difficile" in un SENSO PRECISO E SPECIFICO.  Un senso che aumenta progressivamente il peso, la pressione, l'oppressione sul personaggio. Finché non si arriva ad una crisi. Una crisi segnalata da un conflitto.

Notare che qui il fatto di "essere in conflitto" non dà nessuno "status particolare di importanza" alla situazione. Il conflitto potrebbe terminare con la prima narrazione della prima carta. La Crisi va avanti lo stesso.  Il conflitto è servito solo a focalizzare la rottura qui, ora, e adesso.

Cos'è la fase di crisi? Momento in cui tutta quella tensione si rilascia. In cui la storia dà uno strattone, dopo essere stata trattenuta a spirale per tanto tempo. In cui si chiariscono le cose, si danno certezze, e si può ripartire a ricaricare di nuovo tensione in una situazione diversa.

Carica carica carica carica carica carica.... MOLLA MOLLA MOLLA...  carica carica carica carica carica...  MOLLA MOLLA MOLLA... carica carica carica carica carica...  MOLLA MOLLA MOLLA MOLLA...

E', in soldoni, il Reward Cycle di Spione. Non espresso in xp (che, essendo un bonus alla potenza, sono un reward solo per il gioco gamista), ma espresso in un ritmo ESTETICAMENTE PIACEVOLE al gioco.  Giocando questo gioco con certe obiettivi rinforza e soddisfa quegli stessi obiettivi, premiando il tipo di gioco che vuole promuovere.

Tutto questo, naturalmente, è già nel manuale. Pagina 145 e pagina 192. Graficamente è bene espresso da questo handout nel sito americano del gioco: http://spione.adept-press.com/files/playdiagram.pdf

E' per questo, per il suo essere una DIVERSA FASE NELLA STORIA, nell'atmosfera di gioco, nel tipo di azione, che i due personaggi principale vanno in flashpoint (crisi) insieme, sempre. Il flashpoint non è un evento individuale di un singolo personaggio.
« Ultima modifica: 1970-01-01 01:00:00 da Moreno Roncucci »
"Big Model Watch" del Forum (Leggi il  Regolamento) - Vendo un sacco di gdr, fumetti, libri, e altro. L'elenco lo trovi qui

Tags: