Autore Topic: [FATE] Legends of Anglerre  (Letto 2105 volte)

[FATE] Legends of Anglerre
« il: 2010-09-20 20:33:21 »
Sto leggiucchiando il PDF di questo giochino. Qualcuno che lo ha provato mi può dire com'è? :-)
Anche io ho un blog

TartaRosso

  • Membro
  • Simone Lombardo
    • Mostra profilo
    • DragonIsland
[FATE] Legends of Anglerre
« Risposta #1 il: 2010-09-21 09:18:35 »
Bè fra la raccolta di recensioni c'è anche una recensione di questo gioco (anche se di un ragazzo che non l'ha giocato) e un link ad una discussione in cui chiedo alcune differenze con SoTC. In pratica chiedo quanto è "tradizionale" il gioco.
Simone Lombardo

Ferruccio A.C.

  • Membro
  • gaming gone BOOM!
    • Mostra profilo
[FATE] Legends of Anglerre
« Risposta #2 il: 2010-09-21 11:13:20 »
beh da quel che so vonpaolus ci ha giocato... magari se vede il thread ci scrive qualcosa :)

vonpaulus

  • Visitatore
[FATE] Legends of Anglerre
« Risposta #3 il: 2010-09-21 18:53:01 »
si ci gioco. anche se non a tutto il gioco e ti spiego subito il perché.

Il gioco si sviluppa a più livelli. il primo livello è quello che potremo definire PG. In questo caso i giocatori giocano principalmente in prima persona ed il gioco è centrato sulle persone. Quindi i conflitti sono individuali etc.

Rispetto a LSDS di LSDS (e fate in generale)
I template sono molto tradizionali e fanno pensare ad un gioco a classi ma è solo un Game aid per chi non ha fantasia.

Nel mio gruppo solo uno di tre ha fatto un personaggio archetipale.

Ci sono 10 aspetti e ho l'impressione ma non la certezza che siano troppi (e quindi in un modo o nell'altro c'è sempre qualcosa che giustifica il punto fato).

Il sistema di combattimento a stress e conseguenze funziona benissimo. Altrettanto interessante il combattimento sociale.
La magia è gestita a poteri (simili ad una skill) ed a stunt per gli incantesimi più potenti. I maghi tendono quindi ad essere abbastanza orientati (due tre poteri).

IL sistema permette un gioco anche molto sociale e relazionale. Soprattutto al secondo livello.
Al secondo livello vengono introdotte, i costrutti e le organizzazioni. Ciascuno di questo viene descritto da una scheda che è la falsariga delle chede dei PG. Ovviamente abiulità e stunt saranno diverse.
Alcune delle abilità dei PG permettono di interagire in maniera efficae con queste associazioni o oggetti (a questo livvello diventano importanti abilità come contatti/rapporti etc oltre a quelle solite. Il PG può richidere l'intervento degli elementi esterni e la risoluzione è fatta in modo simile ad una task resolution di un PG.
Esiste anche un regolamento per il combattimento tra eserciti.
AL terzo livello che è quello epico si aprono una serie di nuove abilità e stunt per i giocatori che ormai sono quasi semidei.

Il gioco è molto ben fatto ed ha molti elementi innovativi ma permette a mio parere un eccessivo controllo della backstory da parte del GM.  I poteri del master sono tuttavia esercitabili in opzione e quindi il modo di giocare è una scelta del gruppo.

Noi ad esempio abbiamo deciso di procedere alla creazione di un setting condiviso, Io ho messo le razze e gli Dei (che sono esseri dei piani superiori in grado di elargire potere ma la cui forza è legata al nuimero dei fedeli (per una questione di risonanze) inoltre i poteri dei chierici sono legati allo studio e non al dio e quindi i chierici possono cambiare dio, Kuzma segue  la magia ed il background dei nemici (elfi neri navigatori), Julian armi, armature castelli etc.  

Non riesco a piegarti tutto. Magari semi fai una domanda più precisa . . . .

[FATE] Legends of Anglerre
« Risposta #4 il: 2010-09-21 19:09:53 »
Ok! :-) Mi interesserebbe sapere se il manuale propone un modo di giocare univoco o se fa come quello di LSdS, che ambiguamente strizza l'occhio sia ai giocatori tradizionali che a quelli più "innovativi".
Intanto grazie per l'attenzione. ^_^
Anche io ho un blog

Tags: