Autore Topic: Spione - PbF2 - Fase 11: Manovre  (Letto 8846 volte)

Glenda

  • Membro
  • Barbara Fini
    • Mostra profilo
Spione - PbF2 - Fase 11: Manovre
« Risposta #15 il: 2010-02-01 14:28:09 »
Ottimo!
"al di là del torto e la ragione, contano soltanto le persone"

Luca Veluttini

  • Facilitatore
  • Membro
  • *
    • Mostra profilo
Spione - PbF2 - Fase 11: Manovre
« Risposta #16 il: 2010-02-01 17:18:11 »
Tocca a te allora. ^_^

Glenda

  • Membro
  • Barbara Fini
    • Mostra profilo
Spione - PbF2 - Fase 11: Manovre
« Risposta #17 il: 2010-02-02 17:26:05 »
Domanda: posso concludere il dialogo con Aston in modo gwepposo e poi, nello stesso post, spostare l'azione in un altro momento?
"al di là del torto e la ragione, contano soltanto le persone"

Luca Veluttini

  • Facilitatore
  • Membro
  • *
    • Mostra profilo
Spione - PbF2 - Fase 11: Manovre
« Risposta #18 il: 2010-02-02 17:58:41 »
Non credo. Sono due manovre differenti.

Glenda

  • Membro
  • Barbara Fini
    • Mostra profilo
Spione - PbF2 - Fase 11: Manovre
« Risposta #19 il: 2010-02-02 21:41:05 »
Peccato, avevo una splendida idea per tirare un po’ dentro situazioni lasciate in sospeso…


Lo sapeva che prima o poi le cose sarebbero precipitate. E non aveva nemmeno fatto nulla per evitare che precipitassero. Aveva solo atteso, come aveva fatto sempre nella sua vita. Aveva guardato Aston riprendersi, aveva lavorato come se nulla fosse...aveva lasciato, come in ogni singolo momento della sua esistenza, che la vita gli scivolasse addosso. Forse, quel giorno davanti a Jesse che gli puntava una pistola contro, era stato il solo momento in cui aveva davvero agito.
E non era servito a ganchè.
Il suo ex migliore amico forse era morto, e lui non ne avrebbe mai saputo niente.
La donna di cui si era innamorato, pur nella lucida coscienza che lei lo stesse sfruttando e manovrando, era scomparsa.
L'unica persona che si era presa cura di lui gli annunciava che lo avrebbero ucciso e che non poteva fare nulla per proteggerlo.
Che doveva fare?
Dire sì, e ancora sì, e lasciare di nuovo che gli altri trascinassero la sua vita a largo, senza poter fare niente?
Finire dalla CIA al KGB, in quel gioco sporco e assurdo che detestava, e in cui si era infilato solo per senso di colpa?
Sarebbe andata di nuovo allo stesso modo: prima per Jesse, poi per Bianca, ora per Aston...
Si sarebbe fermata mai quella corrente? Fino a che punto era disposto a farsi trascinare dalla gente, anche se era gente che amava...?
L'affetto gli diceva che avrebbe dovuto accettare l'offerta di Aston, provare a mettersi al sicuro: sarebbe stato dalla stessa parte di Bianca, avrebbe potuto cercarla...cercare di scoprire che le era successo...e avrebbe lavorato accanto ad Aston, senza più dover nascondere niente, senza il rischio continuo di trovarsi su due diversi lati della barricata.
Sì, era una scelta sensata, conveniente, decisamente un'offerta che non si poteva rifiutare.
Ma lui…
"Mi dispiace" disse "Mi dispiace Aston, ma voglio uscire da tutto questo. Voglio uscire da questa storia...voglio
uscirne...che io ne esca respirando o meno..."
Guardò negli occhi il suo amico, gli rivolse un sorriso triste.
"Ti ringrazio di avermelo chiesto. Sei stata la sola persona che mi ha dimostrato di tenere a me e non lo dimenticherò" scosse la testa, distogliendo lo sguardo "Sai, la verità è che della CIA, del KGB, di questa città, della guerra...non me ne importa nulla. Non me ne è mai importato maledettamente nulla. Ho sempre pensato che al di là del torto o della ragione, e degli schieramenti, per me contano solo le persone. Conti tu, contava Jesse, contava Bianca. E adesso -
adesso - voglio contare un po' anche io. Perché non l'ho mai fatto, Aston: sono sempre stato uno stupido ragazzino debole che ha bisogno di farsi proteggere dagli altri..."
« Ultima modifica: 2010-02-02 21:43:01 da Glenda »
"al di là del torto e la ragione, contano soltanto le persone"

Fabio Succi Cimentini

  • Membro
  • l'ovino che non ti aspetti.
    • Mostra profilo
    • Orgoglio Nerd
Spione - PbF2 - Fase 11: Manovre
« Risposta #20 il: 2010-02-02 21:55:40 »
Forse ho capito cosa intendevi, Barbara, e forse è la stessa cosa che avevo in mente di approfondire.
Perciò chiedo, perchè non ricordo bene e la cancellazione l'ha reso inconsultabile: Harper non era uscito di scena, vero?
nel dungeon nessuno può sentirti belare  |  emo gamer, sense of wonder gamer, pucci-un-cazzo gamer, vive la varieté.

Luca Veluttini

  • Facilitatore
  • Membro
  • *
    • Mostra profilo
Spione - PbF2 - Fase 11: Manovre
« Risposta #21 il: 2010-02-03 11:24:17 »
Vai Fabio... e mandatelo in Crisi questo povero David... ^_^

Fabio Succi Cimentini

  • Membro
  • l'ovino che non ti aspetti.
    • Mostra profilo
    • Orgoglio Nerd
Spione - PbF2 - Fase 11: Manovre
« Risposta #22 il: 2010-02-03 11:46:59 »
Vabbè, dai, perchè mettere altre Spie quando si può calcare sulle cose irrisolte? Chiamiamolo GWEP :°D

Anston alza la testa. Assieme alle lacrime sono soprattutto le rughe a solcargli il viso. Per un momento David lo vede guardare di lato e sospirare, poi sente i denti che digrignano.
"Questo non aiuta a risolvere i miei dubbi. Non aiuta." Lo fissa negli occhi, e David può vederli quasi incattiviti. Sa che è doloroso e che comunque deve accettare di fare il torto all'amico, ma può arrivare a tal punto la disperazione? "Come posso sapere che non è un'altra parte che reciti?"
Qualche secondo di silenzio e sorpresa. "...come?"
"David." La voce dell'uomo più anziano è rotta, ma ha la pesantezza di un macigno sul giovane. "Come posso sapere che la nostra amicizia non è stata per anni la tua missione per la CIA? Che io non sono stato la pedina di giochi di potere tra te, il tuo socio yankee e il nazista? E che ora che tutto è esploso non stai solo abbandonando un campo pericoloso per andare a riprendere da un'altra parte?"
E' disperato, pensa David mentre cerca invano di articolare una frase.
"Dimmelo, David, DIMMELO! Una fottuta conferma, una prova, qualcosa, che io non... non... cazzo, potevo consegnarti l'intero KGB per quanto mi riguardava, e..."
Quasi balbetta, parla confusamente ad alternanza di singulti e mezze grida. E solo in quel momento l'americano si accorge che un tagliacarte è rimasto sul tavolo, e una mano convulsa di Anston lo sta afferrando.


Is it enough?
« Ultima modifica: 2010-02-03 16:06:57 da Tozzie »
nel dungeon nessuno può sentirti belare  |  emo gamer, sense of wonder gamer, pucci-un-cazzo gamer, vive la varieté.

Ezio

  • Membro
  • Ezio Melega
    • Mostra profilo
Spione - PbF2 - Fase 11: Manovre
« Risposta #23 il: 2010-02-03 12:35:02 »
Non ne sono convinto... dov'è il conflitto di interessi?
Non è così ben definito... siamo sul filo del rasoio.
Cosa vuole Anston e perché questo si contrappone agli interessi di David (o viceversa)? Non è ben chiaro.
Just because I give you advice it doesn't mean I know more than you, it just means I've done more stupid shit.

Luca Veluttini

  • Facilitatore
  • Membro
  • *
    • Mostra profilo
Spione - PbF2 - Fase 11: Manovre
« Risposta #24 il: 2010-02-03 12:37:29 »
Già. E' un inizio, ma non è LA Crisi...

Ci vuole ancora una spinta...

Fabio Succi Cimentini

  • Membro
  • l'ovino che non ti aspetti.
    • Mostra profilo
    • Orgoglio Nerd
Spione - PbF2 - Fase 11: Manovre
« Risposta #25 il: 2010-02-03 12:42:37 »
Uhm :° Ma dite che ci volevo più chiarezza o solo più acceleratore?
(Dai che ce la farò a imparare, dai che ce la farò..)
nel dungeon nessuno può sentirti belare  |  emo gamer, sense of wonder gamer, pucci-un-cazzo gamer, vive la varieté.

Ezio

  • Membro
  • Ezio Melega
    • Mostra profilo
Spione - PbF2 - Fase 11: Manovre
« Risposta #26 il: 2010-02-03 12:46:51 »
Entrambi ;-)

1) Prefiggiti uno scopo e raggiungilo con meno giri possibili.
2) Rendilo chiaro a tutti. Non aver paura di essere banale, non è un fattore. Non cercare l'originalità e il colpaccio a tutti i costi, ci pensa già il gioco (vale per tutti e per Spione in particolare) a darti questo. L'importante è rendere chiaro a tutti qual'è lo scopo che vuoi ottenere con la narrazione.
Just because I give you advice it doesn't mean I know more than you, it just means I've done more stupid shit.

Luca Veluttini

  • Facilitatore
  • Membro
  • *
    • Mostra profilo
Spione - PbF2 - Fase 11: Manovre
« Risposta #27 il: 2010-02-03 12:53:16 »
Per questo abbiamo sempre fatto copia-incolla delle opzioni delle manovre, per avere davanti cosa volessimo fare con la nostra narrazione.

Fabio Succi Cimentini

  • Membro
  • l'ovino che non ti aspetti.
    • Mostra profilo
    • Orgoglio Nerd
Spione - PbF2 - Fase 11: Manovre
« Risposta #28 il: 2010-02-03 13:05:07 »
Ma guarda, Ezio, in realtà ho voluto essere più banale possibile. Un Anston provato da ogni cosa, distrutto, supplica l'amico - ugualmente provato e distratto - e quello fa resistenza. Avevo pensato a riallacciare il filo delle spie inglesi ma la vocina mi diceva "Scusa, in Crisi l'hai fatto mettere in dubbio con le insinuazioni di Jesse e poi è rimasto in sospeso... tac!" Un uomo disperato perchè si sente abbandonato, lo spettro del dubbio, e ho pensato che scivolasse tutto verso il baratro dell'antagonismo. E così ho voluto fare.

Il mio scopo era escalare il confronto tra i due a una posizione veramente conflittuale tra i due, con David che vuole lasciarsi tutto alle spalle,  e un errore che ho fatto penso sia stato lasciare sfumatezza su quanto Anston sia convinto di quello che dice. Perchè è vero, non ero sicuro io stesso se risaltasse l'Anston in cerca di una certezza o quello che si sente usato e vuole sfogare tutto. E questo ha gettato tutto nell'ambiguo ;_; Questo immagino che a giocare dal vivo sarebbe stato gestito in modo molto più dinamico, è per questo che voglio davvero provarlo fuori dall'ambito Internet. Comunque, anche se non sono riuscito a portare alla Crisi, almeno penso di avere lasciato a Renato uno scalino chiaro per l'ultimo salto.
E Luca, hai ragionissimo sugli aiuti delle manovre, cose che spesso dimentico con leggerezza. Comunque era sempre: 3. Aggiungere ulteriori dialoghi e azioni in una scena esistente. Una persona può narrare le azioni, gli eventi, e i dialoghi di una scena. Questo può essere fatto da chiunque per qualunque scena attualmente attiva, ma se dichiari azioni o dialoghi per la spia di un altro quella persona ha l’autorità finale (ovverosia il potere di veto) su queste affermazioni.
« Ultima modifica: 2010-02-03 13:09:23 da Tozzie »
nel dungeon nessuno può sentirti belare  |  emo gamer, sense of wonder gamer, pucci-un-cazzo gamer, vive la varieté.

Ezio

  • Membro
  • Ezio Melega
    • Mostra profilo
Spione - PbF2 - Fase 11: Manovre
« Risposta #29 il: 2010-02-03 13:08:17 »
Citazione
[cite]Autore: Luca Veluttini[/cite]Per questo abbiamo sempre fatto copia-incolla delle opzioni delle manovre, per avere davanti cosa volessimo fare con la nostra narrazione.


Esatto.
Ma nella tua testa sii ancora più specifico: "Ok, la situazione è questa. Cosa sarebbe bello succedesse? Uno scontro tra Anston e David, con Anston che lo assale, sentendosi tradito dal suo rifiuto. Ok, come posso arrivare a questo punto nel modo più diretto? Come posso rendere chiaro a tutti, senza sforzo, che Anston sta sfogando il suo proprio Freddo sull'amico?"

La tua è un'OTTIMA idea, Tozzie. Metteva in relazione il Freddo di due Spie, distruggendo un'amicizia. Fighissimo. Però ti sei fermato un attimo prima di ottenere lo scopo che ti eri prefisso, rendendolo poco chiaro agli altri giocatori ;-)

EDIT:
Citazione
[cite]Autore: Tozzie[/cite]Ma guarda, Ezio, in realtà ho voluto essere più banale possibile. Un Anston provato da ogni cosa, distrutto, supplica l'amico - ugualmente provato e distratto - e quello fa resistenza. Avevo pensato a riallacciare il filo delle spie inglesi ma la vocina mi diceva "Scusa, in Crisi l'hai fatto mettere in dubbio con le insinuazioni di Jesse e poi è rimasto in sospeso... tac!" Un uomo disperato perchè si sente abbandonato, lo spettro del dubbio, e ho pensato che scivolasse tutto verso il baratro dell'antagonismo. E così ho voluto fare.


Si, esatto. Questa parte infatti andava benissimo ed era ben aggressiva.
« Ultima modifica: 2010-02-03 13:09:38 da Aetius »
Just because I give you advice it doesn't mean I know more than you, it just means I've done more stupid shit.

Tags: