Autore Topic: [Cani nella Vigna] Stregoni, Posseduti e Poteri demoniaci  (Letto 722 volte)

Daniele Di Rubbo

  • Membro
  • Daniele Di Rubbo
    • Mostra profilo
    • Geecko on the Wall
Durante l’ultima sessione del Ramo di Cruelty Field (abbiamo potuto giocare solo per pochissimo tempo), Fratello Phineas, un Cane, si era appostato fuori dalla bottega di Fratello August (membro del Culto Corrotto), mentre Fratello Cyrus (Stregone) va da lui per avvisarlo che i Cani gli sono ormai addosso. I due si armano di pistola e fucile, ed escono dalla bottega per andare a cercare Fratello Obediah (ultimo dei tre del Culto Corrotto).

Fratello Phineas li segue per scoprire dove stanno andando (non sa che stanno andando da Fratello Obediah; quella è una cosa che ho deciso io senza dirlo esplicitamente perché Fratello Phineas ha visto tutta la scena, ma non è riuscito a udirla).

A questo punto, chiamo un Conflitto e fisso l’ambito iniziale a Fisico. Michele, che gioca Fratello Phineas, me lo contesta; ma io non vedo come possa essere altrimenti: non stanno parlando (in quel caso sarebbe Non Fisico), non stanno combattendo (in quel caso sarebbe Lotta), non si stanno sparando (in quel caso sarebbe Armi da Fuoco); si stanno inseguendo, e per me è chiaramente Fisico.

1. Un conflitto del genere in che ambito doveva iniziare?


Ora, lasciamo perdere per un attimo i dettagli del Conflitto: Fratello Phineas lascia la Posta; si fa notare dai due e vuole parlare con loro, tentando di fregarli a parole e approcciadosi con tono scontroso. Neanche a dirlo, questi due hanno ormai mangiato la voglia e non hanno intenzione di sottostare all’autoritarismo del Cane: mettono mano alle armi da fuoco e cominciano a volare le pallottole.

Creo creato al volo i due PNG usando la lista di Proto-PNG che avevo generato come da manuale prima della prima sessione. Seguo al volo i passi elencati alla fine del manuale, nel capitolo IX (“Creare i PNG”, pp. 109 ss.).

Ovviamente, Fratello Cyrus è uno Stregone, come da preparazione della città.

2. Uno Stregone è automaticamente Posseduto?

Il manuale dice che uno Stregone può:

Citazione da: “Cani nella Vigna”, p. 115
Essere Posseduto a volontà (accedendo, in questo modo, a tutti i poteri a disposizione di una persona posseduta).

Io ho deciso che lo fosse e ho iniziato il Conflitto come se fosse Posseduto, dandogli pieno accesso ai Poteri demoniaci, ma questo significa che ogni Stregone è già automaticamente Posseduto, e che semplicemente lo manifesta se e quando vuole? Oppure ho sbagliato a considerarlo come automaticamente Posseduto e a dargli i Poteri fin dall’inizio del Conflitto?


Poi vado avanti. Creo anche Fratello August e lo creo come Posseduto, perché il manuale dice:

Citazione da: “Cani nella Vigna”, p. 113
Una persona Posseduta deve essere una di queste due cose:

a) consenziente, un eretico conscio di esserlo, cioè un credente in una Falsa Dottrina, anche se magari agisce da solo – oppure b) un peccatore coinvolto nel Falso Sacerdozio di uno Stregone. In questo caso lo Stregone dove celebrare un rituale per far avvenire la Possessione, ma la persona posseduta non deve obbligatoriamente essere d’accordo o informata della cosa.

Nel mio caso, Fratello August è consenzientissimo. Siccome gli ho dato una Relazione da 4 dadi con “Un demone” (cito testualmente quello che ho scritto sulla scheda: ho copiato dall’esempio fatto nel manuale), egli ha anche accesso a tutti e quattro i Poteri demoniaci.

3. Un Posseduto può non far parte di un Culto Corrotto? Se una persona eretica e consenziente è anche parte di un Culto Corrotto, è comunque necessario che lo Stregone esegua un rituale perché sia posseduto?

In questo caso il mio dubbio nasce dal fatto che Fratello August sia sia consenziente che un membro del Culto Corrotto dello Stregone. Oltretutto, non riesco a immaginarmi una situazione in cui un Posseduto non sia anche membro di un Culto Corrotto.

4. Quando do la Relazione con i Demoni a uno Stregone o a un Posseduto, devo sempre scrivere “Un Demone”?


Alla fine della sessione, Michele mi contesta l’uso dei Poteri demoniaci. In particolare, il manuale dice:

Citazione da: “Cani nella Vigna”, p. 114
  • ASTUZIA: applica la Relazione a ogni conflitto sociale.
  • FEROCIA: applica la Relazione a ogni conflitto fisico.

Nel primo e nel secondo Conflitto io ho tirato i dadi delle relative Relazioni coi Demoni sia per Fratello Cyrus sia per Fratello August, perché interpreto quel «fisico» e «sociale» in senso lato. Cioè, nel Conflitto non esiste un ambito «sociale», anche se esiste un ambito «Fisico» (con la maiuscola, però), per cui ho inteso implicitamente che la regola si riferisca al fatto se in fiction il conflitto appaia come di natura sociale o fisica.

5. Insomma, posso applicare i dadi della Relazione coi Demoni a un Conflitto iniziato in ambito Armi da Fuoco, se il Posseduto o lo Stregone ha il Potere di Ferocia?


Nel secondo Conflitto, invece, oltre al Potere di Ferocia ho applicato anche il Potere di Furia, che dice:

Citazione da: “Cani nella Vigna”, p. 114
FURIA: La persona posseduta infligge Fallout di una taglia di dado superiore al normale. I pugni danneggiano come armi (non da fuoco), le armi non da fuoco danneggiano come le pistole. Il massimo è sempre d10.

Alla fine della sessione, discutendo delle regole e di come le abbiamo applicate, Michele sosteneva che questo potere funzionasse così perché non puoi essere “furioso” con una pistola. Insomma, se prendi a pugni e sei in preda alla Furia, fai male come con le armi bianche, mentre se usi le armi bianche fai male come con le armi da fuoco perché sei “fisicamente infuriato”.

Secondo me questa è una falsa interpretazione; questo potere è meno fisico e più tematico di quel che sembri: fai male a causa della tua crudeltà e, certo, della benedizione dei Demoni (i quali, però, io, in quanto GM, devo trattare come se non esistessero). La regola non lo precisa esplicitamente nella seconda parte ma, secondo me, dalla prima parte, si capisce che anche il Fallout Non Fisico dovrebbe passare da d4 a d6, mentre quello da Armi da Fuoco semplicemente rimane a d10 perché è già il massimo ottenibile, e non perché un Posseduto o uno Stregone non possa con grande furia crivellare qualcuno di colpi di pistola.

5. Come funziona, secondo voi, il Potere demoniaco di Furia?

Patrick

  • Membro
  • a.k.a. patmax17
    • Mostra profilo
    • Mio DeviantArt
Re:[Cani nella Vigna] Stregoni, Posseduti e Poteri demoniaci
« Risposta #1 il: 2017-10-25 01:11:32 »
1. Fisico, il tuo ragionamento per me fila
2-3. Sulle altre lascio i dettagli tecnici a chi ha la memoria più fresca sulle regole, ma cosa significa essere posseduto? Io ricordo che ho sempre usato i poteri degli stregoni in base a quanti dadi avevano col demone. Inoltre non ho mai fatto eseguire a uno stregone una possessione durante la partita, segnavo se i vari png erano posseduti o meno (o lo decidevo al volo).
4. io ho fatto così, si. "un demone", o "i demoni" (ricorda che non hanno volto)
5. secondo me decisamente si
6. semplicemente, quando infliggi fallout prendi dadi di una taglia superiore

Vorrei fare due osservazioni: io ho usato le meccaniche in maniera molto più strettamente tecnica che in fiction, e comunque dipende dal livello di sovrannaturale. Noi giocavamo con pochissimo sovrannaturale, Furia non lo giustificavo tanto nel rilancio come parte dell'azione dello stregone, quanto come descrizione del fallout. Se uno stregone ti dice una cosa e dopo il conflitto svieni, non è detto che sia stato un sortilegio, magari è stata "sfiga" (similmente usavo i demoni quando creavo la città).
Per me l'importante è che i giocatori siano informati di cosa succede meccanicamente: "sto tirando 4 dadi di influenza demoniaca perchè applico la relazione con i demoni a questo conflitto sociale", oppure "se accusi questo rilancio prendi fallout in D6 anche se è non fisico"
Patrick Marchiodi, il Valoroso ~ Bravo Organizzatore di CONTM ~ Prima gioca, poi parla. ~ "La cosa più bella di INC11 è stata giocare con persone conosciute da due ore e avere l'impressione di giocare con amici di una vita" - Dario Delfino

Moreno Roncucci

  • Big Model Watch
  • Membro
  • *****
    • Mostra profilo
Re:[Cani nella Vigna] Stregoni, Posseduti e Poteri demoniaci
« Risposta #2 il: 2017-10-26 08:11:49 »
Durante l’ultima sessione del Ramo di Cruelty Field (abbiamo potuto giocare solo per pochissimo tempo), Fratello Phineas, un Cane, si era appostato fuori dalla bottega di Fratello August (membro del Culto Corrotto), mentre Fratello Cyrus (Stregone) va da lui per avvisarlo che i Cani gli sono ormai addosso. I due si armano di pistola e fucile, ed escono dalla bottega per andare a cercare Fratello Obediah (ultimo dei tre del Culto Corrotto).

Fratello Phineas li segue per scoprire dove stanno andando (non sa che stanno andando da Fratello Obediah; quella è una cosa che ho deciso io senza dirlo esplicitamente perché Fratello Phineas ha visto tutta la scena, ma non è riuscito a udirla).

A questo punto, chiamo un Conflitto e fisso l’ambito iniziale a Fisico. Michele, che gioca Fratello Phineas, me lo contesta; ma io non vedo come possa essere altrimenti: non stanno parlando (in quel caso sarebbe Non Fisico), non stanno combattendo (in quel caso sarebbe Lotta), non si stanno sparando (in quel caso sarebbe Armi da Fuoco); si stanno inseguendo, e per me è chiaramente Fisico.

In generale, i conflitti per capire, per accorgersi, per scoprire, sono fiacchi quasi quanto quelli per cambiare idea.  Questo è un motivo per non chiamare un conflitto qui.

In alcuni giochi, tipo Trollbabe o AiPS o Sorcerer, tutti i conflitti vanno chiamati, non esiste il "dì di si". In CnV invece c'è l'opzione per il GM di dare semplicemente il successo, perchè i conflitti sono lunghi, e cambiano talmente i personaggi  che ogni conflitto avvicina il momento in cui saranno invincibili. Vanno quindi centellinati unicamente per le cose importanti. Questa non mi sembra una cosa importante, quindi questo era un altro motivo per non chiamare un conflitto qui.

Il tuo compito come GM è sbattere la città in faccia ai giocatori, nulla deve essere "indagato", la gente deve andare di corsa dai Cani e urlargli in faccia tutto. Fare conflitti quando i cani cercano di scoprire qualcosa non solo è controproducente, è proprio contro lo spirito del gioco. Terzo motivo per non chiamare un conflitto qui.

Quindi, questo alla fine semplicemente non era un conflitto da chiamare.

Citazione
2. Uno Stregone è automaticamente Posseduto?

Il manuale dice che uno Stregone può:

Citazione da: “Cani nella Vigna”, p. 115
Essere Posseduto a volontà (accedendo, in questo modo, a tutti i poteri a disposizione di una persona posseduta).

Io ho deciso che lo fosse e ho iniziato il Conflitto come se fosse Posseduto, dandogli pieno accesso ai Poteri demoniaci, ma questo significa che ogni Stregone è già automaticamente Posseduto, e che semplicemente lo manifesta se e quando vuole? Oppure ho sbagliato a considerarlo come automaticamente Posseduto e a dargli i Poteri fin dall’inizio del Conflitto?

In termini di fiction, la possessione può essere una cosa molto horror... o vuol dire indossare un cappello nero.

In genere, nelle mie partite è indossare un cappello nero, o aggrottare la fronte.

In termini di gioco "a volontà" significa che quei dadi potrebbe averli sempre, ma non sempre li usa. Lo stregone non ha il sopracciglio aggrottato 24 ore su 24, e ogni tanto si leva il cappello. Se descrivi lo stregone sempre posseduto, quando fai un conflitto dove usa i poteri è noioso, ha la stessa faccia che ha tutti i giorni e tutte le ore...

Quando vuoi dargli quei dadi e quei poteri, semplicemente descrivi qualcosa e daglieli. La descrizione associata al fatto che si vede benissimo che hai preso dei dadi in più è escalation della situazione.

Non è un azione. Puoi farlo prima o durante il combattimento, come vuoi (i dadi relazione però li tiri subito)

Citazione
Poi vado avanti. Creo anche Fratello August e lo creo come Posseduto, perché il manuale dice:

Citazione da: “Cani nella Vigna”, p. 113
Una persona Posseduta deve essere una di queste due cose:

a) consenziente, un eretico conscio di esserlo, cioè un credente in una Falsa Dottrina, anche se magari agisce da solo – oppure b) un peccatore coinvolto nel Falso Sacerdozio di uno Stregone. In questo caso lo Stregone dove celebrare un rituale per far avvenire la Possessione, ma la persona posseduta non deve obbligatoriamente essere d’accordo o informata della cosa.

Nel mio caso, Fratello August è consenzientissimo. Siccome gli ho dato una Relazione da 4 dadi con “Un demone” (cito testualmente quello che ho scritto sulla scheda: ho copiato dall’esempio fatto nel manuale), egli ha anche accesso a tutti e quattro i Poteri demoniaci.

3. Un Posseduto può non far parte di un Culto Corrotto? Se una persona eretica e consenziente è anche parte di un Culto Corrotto, è comunque necessario che lo Stregone esegua un rituale perché sia posseduto?

No, il brano mi sembra chiaro. Dice "oppure", non dice "e inoltre". Se fa parte del culto corrotto non c'è bisogno di nessun rituale.

Se invece c'è bisogno del rituale, un rituale per esempio è offrirgli un whisky (notare che è peccato) e l'ubriacatura è la possessione.

Citazione
In questo caso il mio dubbio nasce dal fatto che Fratello August sia sia consenziente che un membro del Culto Corrotto dello Stregone.

Quindi che dubbio c'è? È la descrizione esatta del primo caso.

Citazione
Oltretutto, non riesco a immaginarmi una situazione in cui un Posseduto non sia anche membro di un Culto Corrotto.

Basta un whisky.

Citazione
4. Quando do la Relazione con i Demoni a uno Stregone o a un Posseduto, devo sempre scrivere “Un Demone”?

Io di solito scrivo "i demoni".

Quello che non puoi fare è dargli un nome, una personalità o fargli compiere azioni.

(notare che i villici in fiction posso dargli benissimo un nome, sei tu che non puoi)

Citazione
Alla fine della sessione, Michele mi contesta l’uso dei Poteri demoniaci. In particolare, il manuale dice:

Citazione da: “Cani nella Vigna”, p. 114
  • ASTUZIA: applica la Relazione a ogni conflitto sociale.
  • FEROCIA: applica la Relazione a ogni conflitto fisico.

Nel primo e nel secondo Conflitto io ho tirato i dadi delle relative Relazioni coi Demoni sia per Fratello Cyrus sia per Fratello August

Non dovevi. I gruppi vanno giocati come un unico png, quindi le relazioni si sommano una volta sola.

Dovevi usare un proto-png per il gruppo oppure usare la persona posseduta come un semplice bonus per lo stregone  (pagina 118)

Citazione
, perché interpreto quel «fisico» e «sociale» in senso lato. Cioè, nel Conflitto non esiste un ambito «sociale», anche se esiste un ambito «Fisico» (con la maiuscola, però), per cui ho inteso implicitamente che la regola si riferisca al fatto se in fiction il conflitto appaia come di natura sociale o fisica.

Molto più semplicemente, significa che lo stregone può aggiungere quei dadi ad ogni tipo di conflitto...  8)

Per un posseduto che non abbia tutti quei poteri sì, devi valutare la fiction.

Citazione
5. Insomma, posso applicare i dadi della Relazione coi Demoni a un Conflitto iniziato in ambito Armi da Fuoco, se il Posseduto o lo Stregone ha il Potere di Ferocia?

Sì.

Citazione
Nel secondo Conflitto, invece, oltre al Potere di Ferocia ho applicato anche il Potere di Furia, che dice:

Citazione da: “Cani nella Vigna”, p. 114
FURIA: La persona posseduta infligge Fallout di una taglia di dado superiore al normale. I pugni danneggiano come armi (non da fuoco), le armi non da fuoco danneggiano come le pistole. Il massimo è sempre d10.

Alla fine della sessione, discutendo delle regole e di come le abbiamo applicate, Michele sosteneva che questo potere funzionasse così perché non puoi essere “furioso” con una pistola. Insomma, se prendi a pugni e sei in preda alla Furia, fai male come con le armi bianche, mentre se usi le armi bianche fai male come con le armi da fuoco perché sei “fisicamente infuriato”.

Secondo me questa è una falsa interpretazione; questo potere è meno fisico e più tematico di quel che sembri: fai male a causa della tua crudeltà e, certo, della benedizione dei Demoni (i quali, però, io, in quanto GM, devo trattare come se non esistessero). La regola non lo precisa esplicitamente nella seconda parte ma, secondo me, dalla prima parte, si capisce che anche il Fallout Non Fisico dovrebbe passare da d4 a d6, mentre quello da Armi da Fuoco semplicemente rimane a d10 perché è già il massimo ottenibile, e non perché un Posseduto o uno Stregone non possa con grande furia crivellare qualcuno di colpi di pistola.

Sì. Michele mi sa che sta facendo sforzi tremendi (e totalmente inutili) per inventarsi giustificazioni "da physical engine" per le regole del gioco, ma non solo è inutile, è pure fuorviante. Furia come dici giustamente funziona anche con le parole. Lo stregone può uccidere con un conflitto verbale, in cui non alza nemmeno la voce. Basta una bugia.

Ricorda che quando il fallout è a 20, hai una scelta:
• Morire ora.
• Creare la tua scena finale, in cui il Personaggio morirà.

Il cane non cade a terra morto per il satanico potere dello stregone (a meno che non giochi ad altissimo sovrannaturale). Può morire in qualunque maniera nella scena successiva.

Citazione
5. Come funziona, secondo voi, il Potere demoniaco di Furia?

In fiction? Porta un cappello nero. Come tutti gli altri poteri.

Poi, in fiction, arrivano gli effetti del fallout più altoi, e basta giocare quello.

Il fatto che si chiami "furia" non dice nulla, non è un attacco berserk.
"Big Model Watch" del Forum (Leggi il  Regolamento) - Vendo un sacco di gdr, fumetti, libri, e altro. L'elenco lo trovi qui