Autore Topic: [Dungeon World e Microscope] Preparazione campagna di DW con Microscope  (Letto 1982 volte)

Tambo

  • Membro
  • Marco Tamburrino
    • Mostra profilo
Sono riuscito a riunire il mio originale gruppo di gioco (campagna pluriennale di GURPS ambientazione fantasy, millenni fa), che era interessato a Dungeon World! Ovviamente, essendo tutti digiuni del gioco, faccio io il GM e ci prepariamo per la prima sessione. Ho deciso di sfruttare i consigli presi dal web e di costruire un mondo fantasy con Microscope. Abbiamo fatto in un pomeriggio una giocata a Microscope e le schede dei PG. Dobbiamo ancora iniziare la prima sessione di Dungeon World, ma la sessione preliminare è stata molto interessante e tutto lascia presagire un’ottima campagna! Alcuni spunti e alcuni dubbi.

1) PALETTE, ELEMENTI DI NEGAZIONE

L’autore di DW suggerisce di giocare a Microscope senza cambiare le regole, ma io ho preferito fare questa piccola modifica inerente la palette. La palette è una delle fasi preliminari di Microscope dove si elencano elementi di proposizione, cioè che vorremmo che siano presenti (nonostante non sia scontato che lo siano), e elementi di negazione, che non vorremmo che siano presenti nella storia (nonostante sia naturale che ci siano, come gli elfi in un mondo fantasy). Siccome non vorrei precludermi alcun elemento nella campagna di DW, ho proposto (e i giocatori hanno accettato) di vietare di inserire elementi di negazione. La giocata di Microscope non ne ha risentito. Avreste fatto diversamente?

2) GIOCARE A MICROSCOPE PENSANDO A DW... OPPURE NO?

Quando fai la partita di Microscope, non pensare a cosa giocherai poi in campagna. E’ il principio base che ci siamo posti. Un giocatore aveva proposto di evitare per quanto possibile di fare scene, perché quello che ci importava era creare periodi ed ere, non ricreare eventi specifici. Ne abbiamo parlato e abbiamo deciso di non seguire il suggerimento; a posteriori si è rivelata una scelta giusta! Le scene sono importanti quanto ere e periodi, anche ai fini della campagna di DW, perché contribuiscono alla costruzione del setting. Una scena collocata 3000 anni prima di quella che sarebbe stata l’era di ambientazione della campagna di DW, risulterà essere una storia leggendaria per i PG.

3) UN PERIODO INTERESSANTE...

Alla fine della sessione di Microscope, abbiamo dovuto scegliere l’era e il periodo di ambientazione della campagna. Abbiamo scelto un’era tarda (la quinta su 6), un po’ perché ho spinto io su questa scelta. Questo perché scegliendo un era tarda, tutte le ere precedenti costituiscono storia e leggenda, quindi sono interessanti nella campagna. Le ere successive a quella scelta, invece, sono meno interessanti.

4) COSTRUZIONE DEI PERSONAGGI

La costruzione dei PG è stata più ‘guidata’ rispetto al solito. Ad esempio, un elemento fondamentale della storia del mondo era l’Abisso, un mega-dungeon che si trova ad essere ad un certo punto della storia un posto densamente popolato dai popoli liberi, con la superficie della terra infestata da demoni di un altro mondo a parte alcune roccaforti: era normale che il druido scegliesse come habitat le profondità delle caverne. Allo stesso modo, un altro elemento fondamentale era la quint’essenza, una sorta di pietra generatrice di mana: è venuto naturale al mago, alla domanda “da dove viene la tua magia?”, rispondere “dalla pietra di quint’essenza incastonata nel mio grimorio”. A me è piaciuto, soprattutto visto che è la prima sessione di un PbtA per tutti: non è che non sia bello contribuire alla creazione del mondo immaginato rispondendo alle domande del GM senza avere alcun vincolo, ma può essere per alcuni faticoso e spiazzante, soprattutto alla prima esperienza.
 
5) LA PRIMA SESSIONE DI DUNGEON WORLD

Non abbiamo iniziato a giocare, abbiamo fatto solo le schede. La mia idea però è quella di non seguire il manuale per quanto riguarda la preparazione della prima sessione. Non ho bisogno da master di avere ‘spunti’ sui quali costruire i fronti della campagna da una sessione introduttiva di gioco; gli spunti per i fronti li ho già grazie a Microscope. Per questo motivo penso che preparerò la campagna come se fosse già la seconda sessione di Dungeon World. Che ne dite?

Simone Micucci

  • Facilitatore Globale
  • Membro
  • *****
  • Simone -Spiegel- Micucci
    • Mostra profilo
Non entro troppo nel dettaglio ora (è tardi e sono un pelo a pezzi).


Non ho mai usato Microscope per creare un setting per DW. Magari avrei seguito la procedura di gioco normale (tipo tenendo le negazioni), ma non mi sorprende che non vi abbia rovinato l'esperienza!

Sulla questione in se: alcuni elementi di setting in DW emergono giocando.
Alcuni emergono dalla creazione dei PG e dalla prima sessione (quanto è diffusa la magia? ci sono gli elfi? come sono? Quante città ci sono? Ci sono imperi e guerre? è un mondo pacifico? Come si manifestano gli dei? Attraverso chi? A che prezzo? Ecc ecc).
Altri emergono diretamente dai tiri di Percepire la Realtà, di Rivelare Conoscenze ecc ecc.

QUello che va a fare la giocata di Microscope è creare già alcuni elementi di setting, che faranno da fonte di ispirazione per scelte estetiche future dei giocatori (GM incluso).
L'unico "problema" che posso immaginare: bisogna fare un pò attenzione a non contraddirle, ma non è una cosa particolarmente difficile. Conoscendo Microscope e come funzionano le Ere e i Periodi si tratta di archi di tempo talmente grandi ad non iperdefinire niente, ma che danno soltanto delle sfumature  a grandi linee del setting.

Sul non fare la prima sessione: non ne vedo ragione.
Hanno creato i PG?
Li hanno presentati?
Hanno fatto i legami?
Inventa una situazione carica di fascino e pericolo (e casini e ricompense) che sia attinente a quel mondo che avete creato.
Gioca liberamente per quella sessione. Alla fine di quella fai i fronti. ^_^ Perché devi fare del lavoro prima chiudendoti eventali porte?

Simone Micucci - GcG Global Fac - Fan Mail: 70 - Pacche sulla Spalla: 1. "Difficile avere nemici con Caldo+3"

Io da niubbo ti faccio una domanda.
Ma con la preparazione di Microscope (che non conosco, mi baso su quello che hai scritto), hai sufficienti elementi della situazione attuale* per dire di poter saltare la prima sessione e procedere con i fronti di avventura?

Perché altrimenti se salti la prima sessione finisce che tutto si basa su quanto proposto prima e quindi non c'è più spazio per la costruzione del mondo "attuale" e quindi il gioca per vedere cosa succede si limita a vedere le azioni dei pg e dei png.

* per attuale intendo dettagli di un range temporale che va da pochi giorni a qualche mese di tempo di gioco.
-- Giuseppe Merigo -- Archer -- Fathan dei Dur

Simone Micucci

  • Facilitatore Globale
  • Membro
  • *****
  • Simone -Spiegel- Micucci
    • Mostra profilo
Perché altrimenti se salti la prima sessione finisce che tutto si basa su quanto proposto prima e quindi non c'è più spazio per la costruzione del mondo "attuale" e quindi il gioca per vedere cosa succede si limita a vedere le azioni dei pg e dei png.

Questo.
Più in genere: Microscope ti da un background per il mondo, magari un'idea di cosa sono le divinità, di grandi (e piccoli) eventi avvenuti durante il corso della storia e nelle epoche passate. Ma in teoria non ti da gli eventi del presente (per come lo state facendo voi).
I tuoi fronti falli emergere dalle cose che vengono effettivamente in gioco alla prima sessione (che ovviamente saranno influenzate dai PG e dalle vostre scelte fatte in Microscope).

Più nel dettaglio loro che gruppo sono?
Sono un gruppo di avventurieri predoni di tesori?
Sono un gruppo affiliato al paladino di combatte il male?
Quanto sono legati agli eventi già definiti in microscope? Quello che hai fatto con Microscope è solo un background di colore o gli hai dato talmente tanta importanza che i PG sono già ingaggiati negli eventi epici e lontani creati con Microscope?
Simone Micucci - GcG Global Fac - Fan Mail: 70 - Pacche sulla Spalla: 1. "Difficile avere nemici con Caldo+3"

Simone Micucci

  • Facilitatore Globale
  • Membro
  • *****
  • Simone -Spiegel- Micucci
    • Mostra profilo
PS: sono un pò curioso. Cos'avete tirato fuori? XD
Simone Micucci - GcG Global Fac - Fan Mail: 70 - Pacche sulla Spalla: 1. "Difficile avere nemici con Caldo+3"

Daniele Di Rubbo

  • Membro
  • Daniele Di Rubbo
    • Mostra profilo
    • Geecko on the Wall
In realtà sono d’accordo con quanto già detto da Simone e Giuseppe.

Mi limito solo a darti alcuni pareri specifici.

1) Secondo me, evitare elementi di negazione nella palette non distrugge il gioco. Dipende da quanto volete andare oltre. Io come elemento di negazione potrei mettere “niente elfi”. Insomma, se metti anche elementi di negazioni hai più possibilità di cambiare il mondo rispetto a un fantasy standard.

5) Avrei fatto comunque la prima sessione. Le ragioni sono quelle espresse da Simone e Giuseppe.

Lorenzo Gatti

  • Membro
    • Mostra profilo
1) Come già osservato, gli elementi vietati di Microscope sono un ottimo strumento per dare a un mondo fantasy un po' di "spina dorsale"; nel caso specifico di DW è un bene perchè si parte da una base tematica più sensata e più stimolante della semplice accozzaglia di stereotipi proposta dalle regole di DW.
2) L'unica possibile interferenza che vedo è vincolare il "presente" di DW con un futuro già determinato (ad esempio: una campagna ambientata in una guerra, e si sa già chi la vince). La soluzione, ovviamente, è ambientare la campagna di DW in un promettente spazio vuoto, evitando ere e periodi scomodi. Per esempio, se c'è una guerra interessante la campagna di DW può riguardare vari strascichi avventurosi dopo la cosiddetta vittoria.
3) Il criterio principale è trovare la collocazione adatta per una campagna con certi temi, e dipende da mille dettagli. Potrebbe essere un periodo molto precoce; diventare antichi personaggi storici e leggendari, ricordati e travisati per secoli o millenni, potrebbe essere un ottimo obiettivo per personaggi di DW.
4) Io sono estremamente favorevole a preparare abbastanza da avere una guida per rispondere alle domande in modo da ridurre le incoerenze e le incomprensioni, ma senza dubbio si può esagerare comprimendo troppo lo spazio dell'improvvisazione.
5) Potresti avere in mente dei fronti che ti sembrano naturali, ma aspetta di vedere cosa esce dalla prima sessione per adottarli definitivamente: potrebbero prendere una forma un po' diversa, o potrebbero dover lasciare il posto a qualcosa di prioritario e inaspettato. 

Tambo

  • Membro
  • Marco Tamburrino
    • Mostra profilo
PS: sono un pò curioso. Cos'avete tirato fuori? XD

Inizio a rispondere da qui!

Tanto tempo fa (qualche migliaio di anni), quando esistevano regni e imperi di cui si è persa la memoria, si formò la misteriosa setta degli Harazid. Mossi da desiderio di conoscenza, gli Harazid studiarono le connessioni tra i vari piani dell'esistenza e scoprirono il modo di richiamare da un altro piano dell'esistenza una creatura. Questo piano alternativo sarà in seguito chiamato Piano del Caos, e le creature da li richiamate saranno chiamate Demoni. Gli Harazid evocarono il primo demone (in seguito chiamato Il Primo); all'apparenza piccolo e innocuo, Il Primo aveva il potere di richiamare demoni ben più potenti e grandi di lui con apparente semplicità. Gli Harazid lo scoprirono e tentarono di fermarlo, uccidendo le sue successive evocazioni. Ma Il Primo fuggì. Gli Harazid, accecati dalla brama di potere e conoscenza, evocarono un esercito di Demoni con lo scopo di fermare i Primi (gli evocati dal Primo): si ebbe così la prima guerra demoniaca, tra i Primi e gli Harazidani. Gobert l'Accolito intuì il pericolo imminente e abbandono gli Harazid e fondò insieme ad un antico Gran Maestro una misteriosa gilda che aveva lo scopo di studiare un modo di richiamare al loro piano di esistenza tutte le creature evocate.

I Demoni formarono regni nel Mondo, ma erano ancora deboli, anche per via delle loro lotte interne. Il periodo successivo alla prima guerra demoniaca fu un periodo di esplorazioni e scoperte più che di guerre. Fu scoperta in particolare una enorme 'ferita' aperta del Mondo, che fu chiamata l'Abisso. Intrepidi uomini iniziarono ad esplorare questo enorme continente sotterraneo, in cerca di tesori e fama. Ratar, antico studioso, organizzò molte di queste spedizioni e racchiuse tutte le conoscenze e i risultati delle esplorazioni in enormi libri, conservati in una biblioteca costruita sotto un monastero. Poco si sa di quello che è scritto nei libri, anche se si dice che furono scoperte misteriose creature, dette Abitanti dell'Abisso. Dolar, fratello di Ratar, più propenso all'azione e capo delle spedizioni nell'Abisso, scoprì in esso un giacimento di pietre molto particolari, denominate in seguito pietre della Quint'Essenza. Dolar e Ratar, dopo aver preso alcune pietre della Quint'Essenza, decisero di chiudere l'Abisso. Non è chiaro come Dolar riuscì a chiudere materialmente questo enorme crepaccio, ma si pensa che utilizzò l'enorme potere delle pietre. Si chiude così l'era dei Cento Anni dell'Abisso.

Nel periodo successivo alla chiusura Ratar si dedicò allo studio delle pietre. Il loro potere era immenso, e si pensa che l'età assolutamente innaturale di Ratar (si dice che lo studioso visse per centinaia di anni) sia dovuta a questo potere. Purtroppo Ratar non era in grado di controllare questo potere, e per errore lanciò un maleficio sul Mondo, cancellando la conoscenza della lingua Comune. Improvvisamente le genti del mondo non si capirono più; i popoli smisero di comunicare tra loro e il mondo cadde in una crisi profondissima. Grazie alla Gilda degli Ambasciatori Universali, dopo molto tempo i popoli tornarono in contatto. Il maleficio fu ad un certo punto rotto e il Comune fu ritrovato, ma il ricordo del nefasto periodo del Grande Oblio durato centinaia di anni riecheggia ancora oggi.

Capitò che, a causa del Grande Oblio, i popoli si erano organizzati in regni distinti, in funzione delle differenze razziali e geografiche. La riscoperta del Comune non portò automaticamente ad una pacificazione dei vari regni, che nutrivano diffidenza l'un l'altro. Al contrario i Demoni, memori della prima guerra demoniaca, si mostravano in questo periodo uniti. Le forze demoniache presero forza ed attaccarono i popoli liberi, decise a conquistare il mondo. Cominciò quella che oggi è chiamata Grande Guerra di Superficie. I regni degli Uomini, degli Elfi e dei Nani vennero spazzati via dalla potenza dell'alleanza demoniaca. Grazie alla Quint'Essenza, alcune città furono protette da scudi magici, che non permettevano il passaggio dei demoni; ma, a parte le Città Protette, la superficie venne completamente conquistata dai Demoni.

Quando la guerra stava volgendo al termine e la sconfitta era ormai certa, un'alleanza di popoli riuscì a riaprire l'Abisso; cominciò così il Grande Esodo. Tutti i popoli liberi rimasti in vita furono cacciati dai demoni nell'Abisso. Qui la civiltà ebbe modo prima di sopravvivere, poi di riiniziare a prosperare. Fu costruita la prima città, a cui ne sarebbero seguite altre. I contatti con la superficie sono inesistenti, ma un ordine monastico femminile (le milenarie), si prende il compito di preservare le conoscenze della superfice, che comprendono anche la conoscenza degli artefatti del mondo che sono stati nascosti ai Demoni. Leggende di ere precedenti narravano che i primi esploratori dell'Abisso vi trovarono degli Abitanti; ciò che però abita le profondità della terra si scopre essere misterioso, pericoloso e mostruoso. Dopo un lungo periodo di silenzio, i popoli dell'Abisso (ora organizzati in un Impero), tornano in contatto con i popoli di superficie (organizzati nella lega delle libere città di superficie. I Demoni dominano ancora il mondo, ma la lega delle libere città è composta da uomini temprati da anni di lotta, e l'Impero dell'Abisso ha avuto modo di prosperare e di studiare ancora più a fondo la Quint'Essenza. L'avventura dei nosti eroi è ambientata qui.

Come spoiler dell'era successiva, posso dirvi che la Lega delle Libere Città di Superfice e l'Impero dell'Abisso si uniranno in alleanza contro i Demoni e che, grazie al potere ormai pienamente conosciuto della Quint'Essenza, i primi ne usciranno vincitori. I Demoni saranno ricacciati nel loro piano d'esistenza e verrà creato il Primo Impero di Superficie e d'Abisso.
« Ultima modifica: 2015-03-18 11:57:11 da Tambo »

Tambo

  • Membro
  • Marco Tamburrino
    • Mostra profilo
5) In realtà non abbiamo ancora giocato e non ho ancora fatto i fronti, quindi fortunatamente sono pronto per fare comunque la prima sessione. Abbiamo fatto i personaggi, abbiamo fatto i legami, i giocatori hanno risposto a domande interessanti. Manca solo giocare!

Simone Micucci

  • Facilitatore Globale
  • Membro
  • *****
  • Simone -Spiegel- Micucci
    • Mostra profilo
Figo!
Ti va di perdere un pò di tempo e darmi qualche dettaglio di Microscope?
Com'era la paletta di roba obbligatoria? (quella vietata è stata tolta, ok)

Che ere avete creato? Che ere c'erano?
Che epoche c'erano all'interno delle ere?
Scene mi pare non ne abbiate messe.

Ci sono stati più giocatori ad avere fatto da Lente (Focus), oppure avete fatto solo un giro? Qual era il tema scelto dalla Lente? C'è stata un'eredità (Legacy)? Qual era?

Microscope è un gioco che adoro! Sono curioso! ^_^
Simone Micucci - GcG Global Fac - Fan Mail: 70 - Pacche sulla Spalla: 1. "Difficile avere nemici con Caldo+3"

Tambo

  • Membro
  • Marco Tamburrino
    • Mostra profilo
Figo!
Ti va di perdere un pò di tempo e darmi qualche dettaglio di Microscope?
Com'era la paletta di roba obbligatoria? (quella vietata è stata tolta, ok)

Che ere avete creato? Che ere c'erano?
Che epoche c'erano all'interno delle ere?
Scene mi pare non ne abbiate messe.

Ci sono stati più giocatori ad avere fatto da Lente (Focus), oppure avete fatto solo un giro? Qual era il tema scelto dalla Lente? C'è stata un'eredità (Legacy)? Qual era?

Microscope è un gioco che adoro! Sono curioso! ^_^

Hai ragione, ho fatto solo una descrizione del mondo immaginato, non della giocata!

I sei paragrafi corrispondono alle sei ere: entrata dei demoni nel mondo, cento anni dell'Abisso, era del Grande Oblio, Grande Guerra di Superficie, civiltà dell'Abisso, alleanza dei popoli per sconfiggere i demoni.

Abbiamo fatto una lente a testa, più un ultimo giro senza lente (qui ce lo siamo un po' cambiato il gioco  ;)). Le lenti sono state: evocazione, esplorazione, quint'essenza, abisso (almeno così mi pare, perché non le ho scritte).

Abbiamo anche fatto diverse scene. Durante la lente 'evocazione', abbiamo giocato la scena in cui il primo demone viene evocato e scappa e la scena in cui l'adepto Goberto abbandona gli Harazid (che è stata una linea narrativa non approfondita). Durante la lente esplorazione abbiamo giocato una scena in quinta era (civiltà dell'Abisso) nella quale degli esploratori scoprono che le profondità sono abitate da mostri mostruosamente mostruosi (da cose cattive non meglio specificate), durante la lente quint'essenza abbiamo giocato la scena in cui Ratar lo studioso compie l'errore di lanciare il maleficio. Mi sembra di aver giocato anche una scena con Ratar e Dolar (seconda era), ma non ho i foglietti con me e non ricordo.

Le eredità non le abbiamo giocate. Mi sembra per errore mio di spiegatore del gioco.

Simone Micucci

  • Facilitatore Globale
  • Membro
  • *****
  • Simone -Spiegel- Micucci
    • Mostra profilo
Va tranquillo sulle eredità, non sono una cosa che se manca fa incriccare il gioco! ^_^
Diciamo che lo hai personalizzato un tantinello, ma non sono modifiche terrificanti. ^^

Il risultato comunque sembra figo.

PS: che pareri hanno avuto gli altri su Microscope?

Io ci giocai una continuity supereroistica e mi piacque un bel pò
Simone Micucci - GcG Global Fac - Fan Mail: 70 - Pacche sulla Spalla: 1. "Difficile avere nemici con Caldo+3"