Autore Topic: [Evolution Pulse] Elysium 17B52 – 7ª sessione  (Letto 980 volte)

Daniele Di Rubbo

  • Membro
  • Daniele Di Rubbo
    • Mostra profilo
    • Geecko on the Wall
[Evolution Pulse] Elysium 17B52 – 7ª sessione
« il: 2015-03-04 15:39:56 »
Questo è l’actual play della mia settima essione di “Evolution Pulse: Elysium 17B52”.

Di séguito potete leggere gli actual play delle sessioni precedenti:
Qui potete leggere la procedura di creazione che ho seguìto per gli scenari:
Infine, qui potete trovare la bacheca multimediale della campagna.

Inizio della sessione

La sesta sessione si era conclusa con Heinrik e Barnard che braccavano l’Hekath MkBeta Domine, dopo un rocambolesco inseguimento tra le macerie del Server. Nel frattempo, Thorsten stava cercando un modo per obliterare il monolito nero e la sua nefasta influenza Hekath.

Tutti riportano i propri punti fato al valore di recupero. Decido di riprendere da Thorsten, siccome l’ultima scena non era stata incentrata su di lui e, prima di entrare in un conflitto fisico con gli altri due PG, volevo vedere lui all’opera.


1ª scena: Thorsten demolisce il monolito nero

Ridescrivo la scena e chiedo a Simone cosa vuole fare. Simone dice che vorrebbe trovare il modo di abbattere il monolito, sparandogli o spezzandolo in qualche modo. Gli dico che fare una cosa del genere avrà una difficoltà di +6; gli dico che sembra molto complicato, ma che può sempre trovare il modo di creare dei vantaggi da sfruttare per l’abbattimento.

Prima, però, si occupa della bambina, appena salvata dagli Hekath, e cerca anche altri superstiti. Trova un uomo che chiama aiuto, rimasto sepolto sotto le macerie. Sposta le macerie (non deve tirare perché poco interessante il fallimento) e gli chiede di andare all’infermeria allestita da Kathrina vicino alla Grande Mela e di portare la ragazzina con sé.

Poi, Simone mi prende alla lettera e comincia a studiare la zona e il monolito con delle scansioni. I fallimenti non aiutano, ma io decido di dargli un successo a un costo. Tanto per iniziare, identifica un alto edificio che incombe sul monolito: è disabitato e può facilmente essergli fatto cadere addosso, ma le scansioni di Nirvana portano alla sua attenzione il fatto che il monolito abbia una struttura altamente instabile. Se lo distruggerà, questo genererà una reazione a catena pari all’esplosione di una grossa bomba.

Thorsten si mette in contatto con Xavier e con gli altri LostH che stanno cercando di resistere agli Hekath e gli dice di allontanarsi, per quanto possibile, dalla zona. Appena la zona sembra sicura, Thorsten causa il crollo dell’edificio sul monolito. Tira per superare un ostacolo e abbiamo un pareggio. Gli propongo un successo a un costo minore, e il costo minore è che mi prenderò un’invocazione gratis sulla sua conseguenza Gamba maciullata. L’esplosione è molto rapida e la sua gamba ferita gli permette di mettersi in moto solo molto lentamente; alla fine trova rifugio dietro un muro mezzo crollato e l’esplosione lo prende di striscio, facendogli capire che la sua gamba gli darà ancora problemi.


2ª scena: Conflitto fisico col Domine

Taglio sulla scena in cui Heinrik e Barnard fronteggiano il Domine. Chiedo loro cosa vogliano fare: Heinrik ha pochi dubbi, lo vuole uccidere. Barnard si interroga per eventuali soluzioni alternative, ma poi guarda la risposta che aveva dato a una delle sue sette domande:

Citazione
Descrivi gli Hekath, come li vedi e cosa sono per te:

Il nulla da fermare.

e decide che non c’è molto da fare: va eliminato. Gli ricordo che i PG non sono scolpiti nella pietra e che, se vuole, può cambiare parere: non è vincolato a rispettare quello che aveva risposto originarmanete alle sette domande. Lui mi risponde che gli sta bene così.

Entriamo quindi in un conflitto fisico. Questo conflitto durerà abbastanza: c’era un solo Hekath, ma ho fatto di tutto per farlo agire strategicamente, per fargli creare e sfruttare vantaggi. Durante il conflitto, Thorsten si è messo in cerca degli altri due compagni e si è recato sulla scena per partecipare anche lui al conflitto.

Alla fine il Domine è stato annientato. L’idea di farlo fuggire non era contemplabile, poiché aveva già perso una competizione per scappare e non volevo entrare in un circolo vizioso.


3ª scena: Intermezzo

I tre PG sono assieme e tirano il fiato. Barnard cancella la propria conseguenza lieve Braccio guasto e Thorsten cancella la sua conseguenza lieve Gamba ferita (il recupero dalle conseguenze, in Evolution Pulse, segue regole leggermente diversa rispeto a Fate Base).

Poi si chiedono cosa fare: Barnard contatta Xavier e scopre che Uriel, lo Hyonos, ora è al campo base e sta prestando soccorso ai feriti e continua a combattere contro gli Hekath che compaiono. Sfuma l’idea di rientrare tutti alla Grande Mela: Heinrik avrebbe dei problemi seri a incontrare Uriel. Cominciano a pensare se sia il caso che rientrino solo Barnard e Thorsten, ma Xavier li avvisa che attualmente c’è un blocco abitativo del Server che è sotto pesante attacco e non risponde più alle chiamate: si tratta del blocco in cui risiede Kira, la sorella di Heinrik.

Heinrik è preoccupatissimo e vuole recarsi immediatamente lì a controllare. Barnard vorrebbe prima prendersi cura della grave ferita di Thorsten. Mi chiede se con un tiro può cercare di togliere la conseguenza. Gli dico che non funziona così, ma che se vuole può tirare per creare un vantaggio per renderla meno peggiore; Daniele sarebbe per questa idea, ma Simone dice che perderebbero del tempo prezioso, mentre lui non vorrebbe lasciare Heinrik da solo a perlustrare una zona così pericolosa, tanto più che sua sorella Kira potrebbe essere in pericolo. Gli faccio notare che potrebbe essere una tentazione basata sulle decisioni; ci pensiamo un attimo e alla fine decidiamo di sì: è una tentazione sull’aspetto Pistolero istintivo dal cuore tenero. Anziché prendersi il tempo per farsi steccare la gamba o farsela ricostruire almeno in parte, Thorsten vuole sùbito lanciarsi nel pericolo, pur di aiutare qualche LostH.


3ª scena: Scontro con MkGamma 27 “Recuperatore”

Imposto la scena: c’è un corridoio buio con le luci rotte; le uniche luci sono esplosioni, fuoco e scintille. Lungo il corridoio, ci sono segni di colpi d’arma da fuoco, bruciatue, esplosioni, crack di anti-realtà e parti di Hekath e di LostH: è tutto imbrattato di sangue. Una scena molto alla Alien.

A un certo punto, si sente un urlo provenire dal fondo del corridoio; Heinrik riconosce la voce di Kira, sua sorella. I PG si lanciano a controllare e scoprono MkGamma 27 “Recuperatore” che sta schiacciando la testa di un LostH del Server contro un muro di metallo, vicino a una porta bloccata che dà su una stanza. Dentro quella stanza, in un angolo, c’è Kira acquattata che urla di orrore.

Dico ai giocatori che Recuperatore si gira verso di loro e ruggisce. Il suo obiettivo è divellere la porta, prendere Kira e portarla via con sé. Gli chiedo se gli sta bene e loro, prevedibilmente, mi dicono di no. Per cui cominciamo a impostare il conflitto fisico, mentre io disegno una semplice mappa con delle zone.

Cerco di giocare Recuperatore in maniera intelligente e strategica. Heinrik usa il suo talento Troppo veloce per occhi umani e piomba addosso all’Hekath. Questo non impedisce a Recuperatore di tirare per creare un vantaggio e di far crollare il soffitto tra lui e Barnard e Thorstein con un margine di +6 (hanno avuto molta sfiga nel tiro di difesa). Aggiorno la mappa: piazzo un aspetto Passaggio bloccato e mi annoto che fornisce un’opposizione passiva di +6; poi aggiungo un’area in più, siccome adesso il soffitto crollato divide il corridoio in due aree.

Da una parte Recuperatore e Heinrik se le suonano di santa ragione, dall’altra Barnard e Thorsten tentano invano di abbattere il Passaggio bloccato, tirando per superare un ostacolo. Al secondo tentativo di Barnard, gli offro un successo a un costo maggiore: può fare un buco nelle macerie, ma per farlo dovrà mettersi in pericolo e segnare la casella di stress da 4 a causa delle abrasioni. Lui accetta e descriviamo Barnard che con uno sforzo tremendo fa un buco tra le macerie, permettendo a Thorsten di sparare su Recuperatore.


Fine della sessione

Finiamo lo scambio e poi terminiamo la sessione. Infatti è ormai tardi e tanto vale finire questo conflitto la prossima volta.

Considerazioni conclusive

Prima della scorsa sessione (la sesta), avevo provveduto a stampare le pp. 98 e 100 dal PDF del manuale di Evolution Pulse. Infatti, mi ero accorto che avere un solo manuale e dover continuare a fare avanti e indietro rallentava di molto i ritmi di gioco. In questo modo sono stato molto più veloce e ho anche potuto segnare lo stress e le conseguenze direttamente sul foglio stampato.

Si conferma la mia impressione che, nonostante la familiarità che stiamo man mano acquisendo col sistema, in Fate sia facile che in conflitti scappino di mano e finiscano per andare molto per le lunghe, più di quanto io sia attualmente abituato con i giochi che ho giocato negli ultimi anni. Questa è la parte che probabilmente mi piace di meno di Fate, però devo dire che è anche l’unica parte che mi piace poco di Fate.

Come ultima considerazion, devo dire che, all’inizione di questo scenario, mi ero detto che avrei cercato di evitare che finisse a tarallucci e vino, come quello precedente. Be’, che dire: ho avuto diversi conflitti e le poste in gioco erano anche interessanti. Mi pare che sul ritmo si possa migliorare ma, a rivedere la sessione a mente fredda, mentirei se dicessi che non avevano senso e che si potevano evitare.

Sto cercando di aspettare di capire come si evolverà il conflitto con Recuperatore, prima di decidere se terminare lo scenario (con un traguardo significativo) sùbito dopo, oppure se continuare fino a risolvere anche la situazione con Uriel.