Autore Topic: [Prosopopée]Actual Play, prima partita  (Letto 1229 volte)

Casca

  • Membro
  • Luca Casassa
    • Mostra profilo
[Prosopopée]Actual Play, prima partita
« il: 2015-01-28 18:45:47 »
Ciao a tutti!

Finalmente sono riuscito, dopo averlo tradotto, a giocare la mia prima partita a Prosopopée.

Prosopopée è un gioco francese di Frédéric Sintes, autore abbastanza prolifico di chiara ispirazione "forgita".

Di questo gioco vi avevo già parlato in un thread precedente.

La partita è durata 1 ora abbondante più quasi 30 minuti di spiegazioni. Eravamo in 4; io, Davide, Diego e Alberto.

Io interpretavo la Tonalità (un ruolo vagamente simile a quello di un GM), gli altri giocatori interpretavo i Medium (ruolo simili a quello dei PG).

Il Paradigma scelto(il tema della partita) fu "La Musica Sospesa".

Davide era colui che può cambiare gli elementi;
Diego era colui che è più forte delle radici;
Alberto era colui che porta il fuoco.

Io, in quanto Tonalità, ho imbastito la prima scena, basandomi sul Paradigma: un piccolo villaggio di montagna, in autunno, al cui centro si trova una torre a forma di ancia. Tutto sembra avvolto in un silenzio di morte.

Da quel momento ogni giocatore ha preso, a turno libero, la parola cercando quali fossero i Problemi che affligevano questo villaggio, ricamando sulle narrazioni degli altri.

Ogni volta che qualcuno (Medium o Tonalità) trovava che un elemento della narrazione di un altro giocatore fosse un buono spunto per un Problema, prendeva un dado Problema e lo piazzava sul Cerchio dei Colori, chiarendo di che problema si trattasse, dandone un valore e collegandolo ad un Colore specifico. (Se vi sembra arabo guardate qui http://www.gentechegioca.it/smf/index.php/topic,10083.msg182291.html#msg182291 ).

Nel frattempo ogni volta che un giocatore (Medium o Tonalità) riteneva particolarmente divertente, interessante o piacevole la narrazione di un altro giocatore gli donava un dado Offerta. Questi sarebbero serviti per risolvere i Problemi.

La narrazione era sciolta e il fatto di abbellire le descrizioni altrui rendeva più coerente e più poetico il mondo immaginario e i suoi abitanti.

Questo è un gioco di pazienza e ascolto, usare le parole giuste e avere una buona sintonia può fare la differenze.

E' però anche un gioco incredibilmente solido e fluido; non ci sono stati momenti morti e il gusto di esplorare il mondo immaginario era sempre vivo. Così come la qualità delle narrazioni, benchè uno di noi non avesse mai giocato ad un GdR, altri due avessero giocato solo una volta a le 1001 notte e infino io ero alla mia prima esperienza con questo gioco.

Alla fine tutto, meccaniche e fiction si sono incastrati più che bene, influenzandosi a vicenda.

La fine della partita avvenne quando colui che può cambiare gli elementi riuscì a sbloccare il vento, mentre gli altri erano riusciti a inumidire la torre a forma di ancia, cosicchè un'armonia celestiale riportò la vita nella vallata.

Devo dire che sono rimasto piacevolmente stupito. Non voglio sbilanciarmi perchè è la mia prima partita, ma raramente ho avuto un'impressione così positiva già al primo tentativo, gli altri giocatori concordavano con me su questo. Per correttezza devo ammettere che forse il mio giudizio è viziato dall'aver tradotto io stesso il gioco.  :P

Detto ciò, ve lo consigli vivamente.

Lo potete trovare in lingua originale qui: http://www.limbicsystemsjdr.com/boutique/prosopopee/

Oppure contattatemi e vi donerò la mia traduzione amatoriale in cambio di un grazie virtuale  ;)
alcune volte un'invasione di zombie è necessaria

Simone Micucci

  • Facilitatore Globale
  • Membro
  • *****
  • Simone -Spiegel- Micucci
    • Mostra profilo
Re:[Prosopopée]Actual Play, prima partita
« Risposta #1 il: 2015-01-29 12:47:56 »
Non conosco il francese, purtroppo!

Il gioco sembra figo!!
Simone Micucci - GcG Global Fac - Fan Mail: 70 - Pacche sulla Spalla: 1. "Difficile avere nemici con Caldo+3"

Casca

  • Membro
  • Luca Casassa
    • Mostra profilo
Re:[Prosopopée]Actual Play, prima partita
« Risposta #2 il: 2015-01-29 15:35:55 »
Si, devo dire che mi ha piacevolmente stupito.

Non ho i mezzi per poterlo affermare con certezza, nè l'esperienza per poterlo confermare, ma è sicuramente uno dei giochi moderni più efficaci a cui abbia mai giocato. (Altrimenti non mi sarei preso la briga di tradurlo  :))
alcune volte un'invasione di zombie è necessaria

Tags: