Autore Topic: Fiasco  (Letto 1444 volte)

Lorenzo_l

  • Membro
    • Mostra profilo
Fiasco
« il: 2015-01-04 16:37:07 »
nel frattempo...
Mi hanno regalato Fiasco.
Ho letto il libretto del regolamento/meccaniche... E spero che i miei amici non si rifiutino di giocare ad un gioco cosi' narrativo e pieno di dialoghi.
A livello di meccaniche una cosa non capisco, che senso ha alla fine del primo atto tirare i dadi davanti a se per aggiudicarsi il diritto di contribuire ad aggiungere complicazioni? Non e' più carino farlo in maniera cooperativa come durante la fase di Allestimento??

Consigli, suggerimenti per la prima sessione?
« Ultima modifica: 2015-01-04 18:32:51 da Lorenzo_l »

Daniele Di Rubbo

  • Membro
  • Daniele Di Rubbo
    • Mostra profilo
    • Geecko on the Wall
Re:Fiasco
« Risposta #1 il: 2015-01-04 20:44:28 »
Allora, questa è più che altro una domanda di design del gioco, per la quale non ho una vera e propria risposta e, anzi, mi sono messo a ragionarci adesso per la prima volta per tentare di risponderti. Ecco come la vedo.

Una volta Raffaele Manzo, parlando dei giochi di Jason Morningstar, rispose in maniera molto interessante a una mia affermazione, con la quale dicevo che mi sembrava che i suoi giochi mettessero in moto una specie di “bilancia karmica” sui personaggi: mi disse che Jason stesso gli aveva risposto a un’osservazione simile paragonando quel meccanismo a quello presente nei film di Kurt Vonnegut.

Premesso che di Kurt Vonnegut ho letto solo Mattatoio n. 5 e non ho visto nessun film, cosa avrà voluto dire Jason con quella risposta? Secondo me, quello che voleva dire Jason, in Fiasco, si declina in questo modo: nella fase centrale del gioco si verifica la Crisi, che è appunto la fase della quale parli tu. Si tratta della fase centrale del gioco, sia come numero di scene sia tematicamente, perché da questo momento in poi, se le cose stavano andando a rotoli, tutto dovrebbe precipitare in maniera ancora più inesorabile. I giocatori raccolgono i loro dadi e li sommano algebricamente: prima i bianchi con i bianchi e poi il totale parziale più alto dei due si sottrae a quello dell’altro colore.

Ma perché si procede così? Durante il primo atto, i dadi (di qualunque colore essi siano) lasciano la mano giocatore del personaggio che ha ottenuto quei risultati per essere consegnati nelle mani di altri giocatori. Può succedere che qualcuno si ritrovi ad avere parecchi dadi bianchi o parecchi dadi neri e quindi, potenzialmente, nel secondo atto potrebbe voler giocare per ottenere sempre più dadi dello stesso colore, cercando in questo modo di avere risultati alti di uno qualsiasi dei due colori, durante il sipario. Tuttavia, in questa fase centrale Jason ha piazzato un primo momento di incertezza legato ai dadi: i giocatori li tirano e chi fa i totali definitivi più alti nei due colori ha il diritto di decidere quali saranno i due elementi della Crisi.

Perché mai Jason avrà fatto questa scelta? Secondo me vuole dirci “Lanciami pure addosso tanti dadi bianchi o neri, compagno giocatore; sappi solo che in questo modo mi stai dando il potere potenziale di decidere gli elementi della Crisi”. In definitiva, è semplicemente un meccanismo molto elegante di generazione casuale di elementi della storia, che si basa su chi ha avuto più dadi dei due colori nel primo atto e che nel secondo atto potrà potenzialmente lavorare per ottenere altri dadi di quel colore, per ottenere un sipario per lui più desiderabile.

Due note finali:
  • Nella mia esperienza, non ha senso giocare a Fiasco così “strategicamente”, cercando un dato finale per il proprio personaggio: i dadi sono troppo casuali e vi tradiranno inesorabilmente. Inoltre, giocando così, rischierete di fare brutte scelte in fiction (a vostro personale giudizio), solo per ottenere un vantaggio “meccanico” per il vostro personaggio. A mio avviso, non è questo lo spirito di Fiasco: giocate invece con lo spirito dello sceneggiatore e fate scelte che porteranno a situazioni che vi piacerebbe vedere in un film di umorismo nero.
  • Gioca il gioco per come è scritto. La tua domanda è legittima e ha senso cercare di capire il gioco, ma ti sconsiglio fortemente di cambiare questa regola: potresti cambiare gli equilibri nascosti del gioco in modi potenzialmente disfunzionali e non facili da prevedere.
« Ultima modifica: 2015-01-05 10:03:54 da Daniele Di Rubbo »

Re:Fiasco
« Risposta #2 il: 2015-01-05 02:07:27 »
Ascolta ciò che dice Daniele Di Rubbo. Egli parla con lingua diritta, e le sue parole sono sagge.
Una delle teste di Janus

Lorenzo_l

  • Membro
    • Mostra profilo
Re:Fiasco
« Risposta #3 il: 2015-01-05 12:08:52 »
Ahug!! Io ascoltare te Ariele Agostini! ;)

Grazie Daniele per la tua analisi. Ora che mi ci fai pensare Jason, nel manuale, menziona quei giocatori che giocando cercano di mettere in crisi le meccaniche del gioco. Seguendo il tuo ragionamento questa meccanica alla fine del Primo Atto potrebbe servire appunto per scoraggiare un gioco troppo strategico. 
Daltro canto le regole sono abbastanza elastiche, lo stesso autore dice in seguito che ci si possono donare dadi l'un l'altro e, anche nella fase di Crisi, chi ha una buona idea può intervenire nella scelta, anche se i dadi non lo consentirebbero.   

Ok, grazie, farrmo come da regolamento... cercando di giocarci bene! ;)
« Ultima modifica: 2015-01-05 12:13:14 da Lorenzo_l »

Daniele Di Rubbo

  • Membro
  • Daniele Di Rubbo
    • Mostra profilo
    • Geecko on the Wall
Re:Fiasco
« Risposta #4 il: 2015-01-05 15:40:36 »
Prego! ;)

Tags: