Autore Topic: [Montsegur 1244] Narrazione e scene  (Letto 3708 volte)

Mauro

  • Membro
    • Mostra profilo
[Montsegur 1244] Narrazione e scene
« il: 2010-05-19 09:41:38 »
Nel giocare Montsegur 1244, ho sempre visto il prendere la narrazione come la possibilità di aggiungere qualcosa a una scena o di continuarla; giocando con Frederik, invece, questa possibilità è stata usata per fare nuove scene, collegate o scollegate che fossero, anche cambiando personaggi (il principale originale alla fine nemmeno c'era più), eventi, luogo e momento.
Un simile uso da un lato può essere interessante, dall'altro toglie l'aspetto "Hai poche scene, vai al punto e di' quello che vuoi dire in fretta", perché in pratica raddoppia le scene (quattro normali più quattro da presa di narrazione).
Commenti? Voi come l'avete giocato?

Aggiunta: Riporto, col permesso di Frederik, la sua risposta:

The feature of Montsegur 1244 with "just a few scenes, so focus" was more accidential game design from my part: my main priority was to keep the entire session short enough for a single game session and to make sure the overall story arc moves through the framing story at a proper pace. I have no trouble with people using scene cards to set entirely new scenes - but my experience is that the scenes are usually connected anyway, even if they are in an entirely different location and with entirely different characters.

My last scene with Phillipa and Pierre Roger was an exception to this. The timing of this scene was important for me but it could also have worked as a regular fourth act scene if we were not pressed for time (and less strong).

What the scene card mechanic essentially gives is the flexibility of people with ideas to legally buy into the scene flow at the right time, while at the same time keep a steady pace and prevent one person to take over the story entirely.


Traduco: «La caratteristica "solo poche scene, quindi focalizzati" di Montsegur 1244 da parte mia è stata più che altro un design accidentale: la mia priorità principale era di rendere il gioco breve abbastanza per una singola sessione e di assicurarmi che l'arco narrativo complessivo si muovesse attraverso la storia in divenire a un passo adeguato. Non ho problemi col fatto che si usino le carte scena per impostare scene completamente nuove, ma la mia esperienza è che le scene sono solitamente comunque collegate, anche se in un posto completamente diverso e con personaggi completamente diversi.

La mia ultima scena con Philipa e Pierre Roger [a memoria, lui si scusava con lei per averla accusata di varie cose, spiegandone i motivi; non ricordo da quale scena si fosse partiti. NdM] è stata un'eccezione. Il tempismo di quella scena era importante per me, ma avrebbe potuto funzionare anche come una normale scena del quarto atto, non non fossimo stati pressati per finire (e meno forte [non ho chiara questa parentesi. NdM])

Ciò che la meccanica delle carte scena essenzialmente dà è la flessibilità per le persone con idee di investire regolarmente nel flusso di una scena al momento giusto, nel contempo tenendo un passo costante e prevenendo che una persona si imponga completamente sulla storia».

Conferma che si possono fare scene totalmente slegate, seppur la sua esperienza sia diversa.
Interessante che la questione "Hai poche scene, vai al punto" sia un effetto accidentale.
« Ultima modifica: 2010-05-20 14:05:29 da Mauro »

Luca Veluttini

  • Archivista
  • Membro
  • *
    • Mostra profilo
[Montsegur 1244] Narrazione e scene
« Risposta #1 il: 2010-05-19 09:45:07 »
Che cosa ha fatto in soldoni? Mi fai l'esempio pratico di quello che ha fatto con voi? (te lo chiedo perché scritto così non ho capito...^^)

Mauro

  • Membro
    • Mostra profilo
[Montsegur 1244] Narrazione e scene
« Risposta #2 il: 2010-05-19 11:16:52 »
Al momento non riesco a ricordare i casi specifici (anche perché mi è difficile ricordare se due scene slegate sono state fatte tramite presa di narrazione); faccio degli esempi che non necessariamente rispondono a quanto accaduto:

• aggiunta di elementi/continuazione della scena (questo è capitato così): Arsende (principale) che parla con Bertrand (principale) della sua paura che i nipoti siano condannati; a scena quasi finita, Tozzie prende la narrazione e aggiunge Bertrand che, fuori da dove Arsende e Bertrand stanno parlando, sta dicendo ad Amiel che è giunto il momento che lui combatta.

• scene legate (questa sono quasi certo che non sia andata così; nello specifico, la seconda scena credo non ci sia stata): Philipa che, accusata dal padre di aver tradito Pierre-Roger, dice che lui frequenta Arsende; presa di narrazione, Raimond che chiede spiegazioni a Pierre-Roger.

• scene slegate (queste sono due scene giocate, ma di certo la seconda non è stata fatta prendendo la narrazione nella prima): Arsende e Pierre-Roger fuori da Montsegur, lei che gli chiede come pensa che finirà e lui che la ignora e a fronte della ripetizione delle domande le dice di fuggire, se ha paura; presa di narrazione, Esclarmonde che parla con Bertrand dei suoi dubbi.

Non legato a una presa di narrazione, ma concettualmente analogo: in una scena, Pierre-Roger affronta Philipa, perché crede che il figlio (nato) non sia suo; poi Pierre-Roger va da Bernard, che crede essere il padre, e lo affronta sulla stessa questione. Di fatto, sono due scene.

Marco Costantini

  • Membro
  • Era una notte buia e tempestosa
    • Mostra profilo
[Montsegur 1244] Narrazione e scene
« Risposta #3 il: 2010-05-19 12:46:22 »
Ad INC Claudia mi aveva fatto notare la stessa cosa.
Tra l'altro mi ricordo che a Play il Vellu aveva sconsigliato di giocare in questo modo.
A Play era successo questo:
nella scena principale il bimbo (non ricordo il nome) viene gettato dalle mura della fortezza. A quel punto io avrei preso la narrazione per inserire una scena in cui si vedeva che il bimbo non era morto -anche se in fin di vita- e che veniva raccolto dagli assedianti. Alchè mi pare proprio che Luca mi avesse dette che non era possibile farlo.
Luca, ti ricordi?
Escalo a Fisico: ti abbraccio.

Ezio

  • Membro
  • Ezio Melega
    • Mostra profilo
[Montsegur 1244] Narrazione e scene
« Risposta #4 il: 2010-05-19 12:48:31 »
Mauro, fammi vedere la copertina del gioco che stai leggendo?
Ah, ecco, come sospettavo... è AiPS :-P

Se guardi bene la scena di Montsegur 1244 non è definita dalle unità aristoteliche di tempo, spazio e azione.
All'inizio di ogni scena si definisce il suo scopo, quello a cui quella scena serve, e lo si gioca, aggressivamente, fino a quando chi possiede l'autorità non percepisce che l'argomento sia esaurito.
All'interno di questo si possono fare flasback, flash-forward, inserire nuovi personaggi, spostarsi in un altro luogo "contemporaneamente" e così via.

Nell'esempio che fai tu di scene slegate, per esempio, l'argomento poteva benissimo essere "Vediamo un po' i dubbi delle due sorelle" oppure, l'altra, "Pierre-roger vuole sapere la verità sul figlio".

Ricordate però che aggiungere "codini", scenette e altri orpelli alla scena rischia sempre di renderla meno forte, più "sbrodolata".
« Ultima modifica: 2010-05-19 12:49:23 da Aetius »
Just because I give you advice it doesn't mean I know more than you, it just means I've done more stupid shit.

Emanuele Borio

  • Membro
  • Chiamatemi Meme
    • Mostra profilo
[Montsegur 1244] Narrazione e scene
« Risposta #5 il: 2010-05-19 13:20:13 »
Concordo con Ezio e in effetti anche quello che ha l'autorità sulla scena può cambiare luogo, partecipanti, ecc...
E non è stato raro quando si giocava vedere una scena come:

Arsende con Pierre-Roger lo fanno amorevolmente ecc...

Giocatore di Phillipa spende Carta Scena.

Phillipa entra piangendo nella stanza del padre dicendo "Padre, Pierre-Roger mi tradisce!" CUT.
Ciao, sono Meme! - Fanmail 64 - DN=2 - Ingegnere delle Scienze Agrarie, Contadino, Nerd di Professione.

Mauro

  • Membro
    • Mostra profilo
[Montsegur 1244] Narrazione e scene
« Risposta #6 il: 2010-05-19 13:41:39 »
Citazione
[cite]Autore: Aetius[/cite]Se guardi bene la scena di Montsegur 1244 non è definita dalle unità aristoteliche di tempo, spazio e azione

Infatti se noti non ho detto "Sul manuale dice che", ho semplicemente riportato una mia impressione e cosa è poi uscito a INC.

Citazione
[cite]Autore: Aetius[/cite]Nell'esempio che fai tu di scene slegate, per esempio, l'argomento poteva benissimo essere "Vediamo un po' i dubbi delle due sorelle" oppure, l'altra, "Pierre-roger vuole sapere la verità sul figlio"

Allora pensa a due scene slegate anche sull'argomento; il punto è che io avevo interpretato la cosa in modo diverso, mentre a INC si è manifestata la possibilità di fare scene slegate, da cui mi è venuta la curiosità dietro questa discussione.

Citazione
[cite]Autore: Meme ò_ò[/cite][p]Arsende con Pierre-Roger lo fanno amorevolmente ecc...[/p][p]Giocatore di Phillipa spende Carta Scena.[/p][p]Phillipa entra piangendo nella stanza del padre dicendo "Padre, Pierre-Roger mi tradisce!"[/p]

E da lì parte la scena con Philipa che parla col padre, poi quella di Arsende che parla con Bertrand (e, sebbene sia inventato in quanto a scene, non è inventato in quanto a numero: tre-quattro scene legate da prese di narrazione a memoria sono capitate).
Il punto è: «Phillipa entra piangendo nella stanza del padre dicendo "Padre, Pierre-Roger mi tradisce!"» è un'aggiunta, più che una scena giocata, mentre quello di cui parlo io è proprio di giocare scene su scene, magari slegate.

Luca Veluttini

  • Archivista
  • Membro
  • *
    • Mostra profilo
[Montsegur 1244] Narrazione e scene
« Risposta #7 il: 2010-05-19 13:48:12 »
Citazione
[cite]Autore: Marco Costantini[/cite]nella scena principale il bimbo (non ricordo il nome) viene gettato dalle mura della fortezza. A quel punto io avrei preso la narrazione per inserire una scena in cui si vedeva che il bimbo non era morto -anche se in fin di vita- e che veniva raccolto dagli assedianti. Alchè mi pare proprio che Luca mi avesse dette che non era possibile farlo.
Luca, ti ricordi?


Citazione
[cite]Autore: Aetius[/cite]Ricordate però che aggiungere "codini", scenette e altri orpelli alla scena rischia sempre di renderla meno forte, più "sbrodolata".


Ti dissi che lo sconsigliavo perché vista la scena, appunto, la allungavi per me inutilmente, calando la tensione che invece avevi raggiunto. Quella cosa poteva tranquillamente essere una cosa successa e che poi avresti potuto inserire dopo come domanda a chi aveva buttato giù il bambino, dicendo appunto come era stato trovato, ecc.

Ezio

  • Membro
  • Ezio Melega
    • Mostra profilo
[Montsegur 1244] Narrazione e scene
« Risposta #8 il: 2010-05-19 14:16:19 »
Mauro, tutti gli esempi che fai possono essere corretti o meno.
Se c'è il filo rosso dell'argomento che accomuna tutte le "situazioni" è tutto normale e non mi stupisce. Al massimo sono scene troppo lunghe e sbrodolate, ma confermi che Frederik gioca come gioco io. Senza l'argomento esplicitato, però, si fa fatica a dire.

Contro-esempio, in Actual Play.

Atto 3°, ultima scena: "Finalizziamo il tradimento di Pierre-Roger"

La scena è stata nettamente divisa in due parti. Nella prima Garnier, lo sgherro del malvagerrimo Pierre assassina nel suo letto Raimond, mentre Corba e Faye lo guardano impotenti. Dialogo e minacce tra Garnier e Corba, Faye è sconvolta (Garnier e Pierre avevano già ucciso Amiel nell'Atto 1...).
Stacco.
Davanti alle mura, qualche tempo dopo. Garnier porta notizia dell'assassinio al suo comandante, che lo ringrazia e apre le porte della fortezza. I Templari, preparati, irrompo; Montsegur cade.
Cut.

Vedi? Due momenti diversi, con personaggi diversi, con azioni diverse e luoghi diverse, apparentemente poco collegati, ma entrambi volti allo scopo che si è detto che la scena debba avere.
« Ultima modifica: 2010-05-19 14:16:59 da Aetius »
Just because I give you advice it doesn't mean I know more than you, it just means I've done more stupid shit.

Mauro

  • Membro
    • Mostra profilo
[Montsegur 1244] Narrazione e scene
« Risposta #9 il: 2010-05-19 14:43:53 »
Citazione
[cite]Autore: Aetius[/cite]Se c'è il filo rosso dell'argomento che accomuna tutte le "situazioni" è tutto normale e non mi stupisce

È questo il punto: se non ricordo male (gli ho scritto per avere conferme), Frederik ha detto che la scena può anche essere totalmente slegata; poi magari sono io che ho preso la cosa troppo letteralmente, ma se è totalmente slegata non ha nemmeno il filo rosso dell'argomento. Da cui, mi è venuta la curiosità di sapere come altri giocavano la cosa.

Luca Veluttini

  • Archivista
  • Membro
  • *
    • Mostra profilo
[Montsegur 1244] Narrazione e scene
« Risposta #10 il: 2010-05-19 16:12:37 »
Citazione
[cite]Autore: Mauro[/cite]Da cui, mi è venuta la curiosità di sapere come altri giocavano la cosa.


Io ed Ezio (lascio a lui smentire o meno la mia affermazione) poniamo al centro lo scopo della scena, che cosa si prefigge di far vedere. Non ho mai visto scene slegate giocate prendendo il diritto di narrazione. ^^

Semplicemente, per me, rischia di distrarre troppo dal fulcro della scena, nonostante ne possa venire fuori qualcosa di bello. Preferisco, giocando a Montsegur, vedere delle scene centrate sul loro scopo, anche cambiando il diritto di narrazione.

[Montsegur 1244] Narrazione e scene
« Risposta #11 il: 2010-05-19 16:24:37 »
In quanto testimone oculare della partita INC di cui si sta parlando, vi porto il mio contributo.

Fare scene con stacchi su luoghi e momenti diversi è una cosa santificata nel manuale e che ho visto fare a Frederik stesso: basti pensare alla scena dell'assassinio inquadrata da lui in cui ha presentato Phillipa sulle mura con la madre e Pierre e Bernard che tornano e si presentano a Raimond.

Poi dico la verità: non ho MAI visto calare tante carte quante nella partita di INC °___°

In linea di massima le ho trovate tutte cose che ci stavano, bang in più per i personaggi e cose così. Non mi ricordo di essermi annoiata nel vedere queste aggiunte.

Verso la fine, quando è stato chiaro che non c'era tempo di finire una partita con calma e tutti i crismi, ho avuto l'impressione che fossero usate anche per "tirare le ultime fila" della storia dei personaggi (visto che avevamo già deciso che saremmo passati direttamente all'Epilogo).
Io per esempio lo ho effettivamente fatto a questo scopo quando mi sono agganciata alla scena di Raimond che convocava tutta la famiglia al suo capezzale e ho inserito lo scambio tra Phillipa e Corba appena fuori della porta dove lui non le sentiva.
I nitpicker danneggiano anche te. Digli di smettere.

Fabio Succi Cimentini

  • Membro
  • l'ovino che non ti aspetti.
    • Mostra profilo
    • Orgoglio Nerd
[Montsegur 1244] Narrazione e scene
« Risposta #12 il: 2010-05-19 17:15:20 »
Citazione
[cite]Autore: Claudia Cangini[/cite][p][/p][p]Poi dico la verità: non ho MAI visto calare tante carte quante nella partita di INC °___°[/p]


Davvero? :O Io a vedere la meccanica delle carte vedevo abbastanza naturale che uno finisse prima o poi per mettere la sua in gioco, quindi questo che dici mi cambia un po' la prospettiva; o c'è di solito più abitudine a "disturbare meno le scelte altrui" o qualcosa di simile ?
nel dungeon nessuno può sentirti belare  |  emo gamer, sense of wonder gamer, pucci-un-cazzo gamer, vive la varieté.

Ezio

  • Membro
  • Ezio Melega
    • Mostra profilo
[Montsegur 1244] Narrazione e scene
« Risposta #13 il: 2010-05-19 17:19:53 »
Citazione
[cite]Autore: Tozzie[/cite]Davvero? :O Io a vedere la meccanica delle carte vedevo abbastanza naturale che uno finisse prima o poi per mettere la sua in gioco, quindi questo che dici mi cambia un po' la prospettiva; o c'è di solito più abitudine a "disturbare meno le scelte altrui" o qualcosa di simile ?


Per esperienza ti dico che cambia da partita a partita, sia per le Carte Storia che per le Carte Scena usate per prendere la narrazione.
Ho visto partite finire con 6 Carte Storia in tavola, altre con 0, l'ultima che ho fatto con 3...

Empiricamente ti dico che non c'è alcuna relazione tra il numero di carte giocate e la qualità della partita.
Just because I give you advice it doesn't mean I know more than you, it just means I've done more stupid shit.

[Montsegur 1244] Narrazione e scene
« Risposta #14 il: 2010-05-19 17:24:05 »
Parlo per le partite che ho visto: in genere volano 1-4 carte in tutta la giocata (o anche nessuna del tutto!).

Personalmente non credo ci sia un numero "giusto" di carte giocate. Se il gruppo si diverte va tutto bene (e faccio notare che se uno si stufa di un giocatore che si dilunga troppo può sempre giocare una carta per tagliare la scena!).
Aggiungo che a me la nostra partita è piaciuta e non mi ha infastidito il numero di carte, mi ha solo sorpresa.
I nitpicker danneggiano anche te. Digli di smettere.

Tags: